Poste, Del Fante: “Non chiuderemo uffici nei paesi minori. Il futuro è la consegna dei pacchi” 

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ La Stampa


 
Poste Italiane «non chiuderà uffici postali nei paesi minori», ed in particolare nei centri con meno di 5mila abitanti: l’amministratore delegato, Matteo Del Fante, lo ribadisce in audizione alla Camera sottolineando l’intenzione dell’azienda di evitare «un accanimento su territori», aree svantaggiate del Paese dove il servizio non è economicamente giustificato da una adeguata domanda di mercato, dove Poste non effettua consegne quotidianamente e dove «altre realtà, private ma anche pubbliche, stanno chiudendo».  
 
«Noi abbiamo quasi 13mila sportelli che servono 34 milioni italiani. Un milione e mezzo di clienti vengono serviti fisicamente ogni giorno - ha sottolineato-. Il portalettere avrà un ruolo cruciale, il piano prevede una focalizzazione sulla consegna anche dei pacchi fino a 5 chilogrammi. Vogliamo diventare la rete di distribuzione capillare e più affidabile del paese. Nel piano presentato a febbraio c’è 1 miliardo di investimenti per i mezzi di consegna e per le apparecchiature di smistamento».  
 
4.500 postini in più per consegne pomeriggio
 
Nell’ambito degli oltre 10 mila «ingressi a pieno organico» previsti dal piano industriale 2018-2022 dell’A.d. Matteo Del Fante, Poste metterà in campo circa 4.500 dipendenti «per il recapito dei pacchi nel pomeriggio», un servizio che il postino tradizionale abituato agli orari della mattina «non fa volentieri» ma una opportunità di lavoro che riscuote l’interesse di «molti giovani, anche laureati», spiega Del Fante in audizione alla Camera. 
Altri 5mila e 500 rafforzeranno in particolare i servizi finanziari e assicurativi, «lavoreranno negli uffici postali: per allagare il numero di prodotti e i servizi di consulenza abbiamo bisogno di più persone» In generale il piano di nuovi ingressi strutturali di personale si articolerà circa in 4.600 assunzioni, 3.800 stabilizzazioni da contratto a tempo determinato a indeterminato, 1.800 trasformazioni da part time a full time.  
 
510 miliardi di risparmi degli italiani
 
Al 30 giugno Poste ha in gestione 510 miliardi di euro di risparmi degli italiani. Di questi, il 63% fa capo al risparmio postale: libretti postali per 105 miliardi e buoni postali fruttiferi per 216 miliardi. È «un canale di finanziamento del debito del Paese», sottolinea Del Fante, ricordando: «sono soldi che giriamo a Cdp». Ed anche della raccolta del risparmio gestito, tra fondi e riserve tecniche e per quanto previsto sui conti correnti, Poste «investe altri 140 miliardi di euro in titoli di Stato»; «Siamo strutturalmente acquirenti di titoli di Stato - dice Del Fante - perché riteniamo che il compito di una azienda come Poste sia quello di investire nei titoli del nostro paese». 
 










Tag: #Economia

Altri articoli pubblicati da La Stampa

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Stampa

Il presidente francese, Emmanuel Macron, nel corso del discorso alla nazione in risposta al movimento di contestazione dei gilet gialli, ha annunciato un aumento del salario minimo mensile di 100 euro a partire dal 2019, precisando che non...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Stampa

Due italiani su tre pensano che l’appartenenza all’UE sia positiva per l’Italia, in forte aumento rispetto a un anno fa, secondo l’ultimo Eurobarometro. Si tratta di un aumento di 15 punti percentuali dal dicembre 2017 (49%)....

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Stampa

Un tribunale cinese ha vietato la vendita di alcuni modelli di iPhone nel paese, accogliendo la richiesta di Qualcomm nell’ambito di una controversia legale con Apple. L’azienda statunitense che produce chip lo ha comunicato in una nota....

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Stampa

Una tragedia, sulle cui cause sono in pieno corso gli aggiornamenti. È accaduta a Saluzzo, dove oggi, intorno alle 16,30, (lunedì 10 dicembre), un padre - Luigi Cadorin, 72 anni, - ha ucciso il figlio disabile, Luca, di 42....

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Stampa

Una nuova frontiera: di quelle che spingono la Medicina in territori inesplorati, e sono foriere di nuove scoperte. Non a caso, come è la regola in questi casi, il risultato è stato ottenuto grazie agli sforzi di un consorzio...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Stampa

Chiesto il giudizio immediato per Luca Alfredo Lanzalone, il legale genovese incaricato dalla sindaca di Roma, Virginia Raggi, della presidenza di Acea su suggerimento di altri esponenti dei 5 Stelle. Insieme a lui andranno a processo con rito...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Stampa

«Nei prossimi giorni manderò una circolare per sensibilizzare il corpo docente e le scuole affinché vengano diminuiti i compiti per le vacanze di Natale». Lo ha annunciato il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti,...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Stampa

Sette persone, compresa una donna incinta, sono rimaste ferite in un agguato ieri sera alla fermata dell’autobus di fronte all’insediamento di Ofra, in Cisgiordania. Il terrorista ha sparato da un auto in corsa. L’attacco ha...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Stampa

Sono tre parole. Scritte su un foglio strappato a un quaderno. Hanno accanto disegni e fiori. «Mi dispiace che sei morta». È la lettera che hanno scritto alla loro mamma, morta schiacciata nella strage della discoteca «La...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Stampa

Se dall’analisi costi benefici sulla Tav non dovessero arrivare risposte chiara una strada potrebbe essere quella del referendum. Lo ha detto il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini. «Aspettiamo il rapporto costi e...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Stampa

Sono state sradicate nella notte, in pieno centro di Roma. Venti pietre d’inciampo, installate nel 2012 e realizzate dall’artista tedesco Gunter Demnig in ricordo degli ebrei deportati dai nazifascisti ed uccisi ad Auschwitz, sono state...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Stampa

Per mesi le hanno dato la caccia. Sono stati impiegati centinaia di uomini, utilizzati droni e moderne tecnologie. Persino un costoso profumo che avrebbe dovuto attirarla. Un sforzo incredibile per catturare una tigre ritenuta colpevole di aver...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Stampa

Un maxi-intervento del 118, causato dall’uso di uno spray al peperoncino, si è reso necessario, a Pavia, all’interno di una scuola superiore. Lo ha reso noto l’Areu, l’Azienda regionale emergenza-urgenza. Le ambulanze...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Stampa

La parola Brexit ha un’origine precisa e una singola persona che può dire di averla coniata. L’Oxford English Dictionary. Brexit è parola composta dall’aggettivo british e dal sostantivo exit, cioè...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Stampa

L’oggetto della mail attira subito l’attenzione: «Alunni di etnia rom senza Isee». Il messaggio fa il giro degli uffici del Comune di Roma e alla fine porta a galla una storia che imbarazza il Campidoglio. La lista degli...