Poste, Del Fante: “Non chiuderemo uffici nei paesi minori. Il futuro è la consegna dei pacchi” 

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ La Stampa


 
Poste Italiane «non chiuderà uffici postali nei paesi minori», ed in particolare nei centri con meno di 5mila abitanti: l’amministratore delegato, Matteo Del Fante, lo ribadisce in audizione alla Camera sottolineando l’intenzione dell’azienda di evitare «un accanimento su territori», aree svantaggiate del Paese dove il servizio non è economicamente giustificato da una adeguata domanda di mercato, dove Poste non effettua consegne quotidianamente e dove «altre realtà, private ma anche pubbliche, stanno chiudendo».  
 
«Noi abbiamo quasi 13mila sportelli che servono 34 milioni italiani. Un milione e mezzo di clienti vengono serviti fisicamente ogni giorno - ha sottolineato-. Il portalettere avrà un ruolo cruciale, il piano prevede una focalizzazione sulla consegna anche dei pacchi fino a 5 chilogrammi. Vogliamo diventare la rete di distribuzione capillare e più affidabile del paese. Nel piano presentato a febbraio c’è 1 miliardo di investimenti per i mezzi di consegna e per le apparecchiature di smistamento».  
 
4.500 postini in più per consegne pomeriggio
 
Nell’ambito degli oltre 10 mila «ingressi a pieno organico» previsti dal piano industriale 2018-2022 dell’A.d. Matteo Del Fante, Poste metterà in campo circa 4.500 dipendenti «per il recapito dei pacchi nel pomeriggio», un servizio che il postino tradizionale abituato agli orari della mattina «non fa volentieri» ma una opportunità di lavoro che riscuote l’interesse di «molti giovani, anche laureati», spiega Del Fante in audizione alla Camera. 
Altri 5mila e 500 rafforzeranno in particolare i servizi finanziari e assicurativi, «lavoreranno negli uffici postali: per allagare il numero di prodotti e i servizi di consulenza abbiamo bisogno di più persone» In generale il piano di nuovi ingressi strutturali di personale si articolerà circa in 4.600 assunzioni, 3.800 stabilizzazioni da contratto a tempo determinato a indeterminato, 1.800 trasformazioni da part time a full time.  
 
510 miliardi di risparmi degli italiani
 
Al 30 giugno Poste ha in gestione 510 miliardi di euro di risparmi degli italiani. Di questi, il 63% fa capo al risparmio postale: libretti postali per 105 miliardi e buoni postali fruttiferi per 216 miliardi. È «un canale di finanziamento del debito del Paese», sottolinea Del Fante, ricordando: «sono soldi che giriamo a Cdp». Ed anche della raccolta del risparmio gestito, tra fondi e riserve tecniche e per quanto previsto sui conti correnti, Poste «investe altri 140 miliardi di euro in titoli di Stato»; «Siamo strutturalmente acquirenti di titoli di Stato - dice Del Fante - perché riteniamo che il compito di una azienda come Poste sia quello di investire nei titoli del nostro paese». 
 










Tag: #Economia

Altri articoli pubblicati da La Stampa

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Diversi fondi appoggiano la proposta di un’azionista di Facebook di rimuovere Mark Zuckerberg dalla presidenza del consiglio di amministrazione del social media. Lo riporta il Wall Street Journal. Il fondo pensione di New York, così come ...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Il limite di 100mila euro da sanare attraverso la “dichiarazione integrativa speciale” va inteso «per singola imposta e per periodo d’imposta, e comunque non oltre il 30% di quanto già dichiarato». Lo prevede...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Il primo ad accendersi uno spinello acquistato liberamente, alla mezzanotte in punto di martedì, è stato un abitante di Terranova, la provincia più ad est del Canada. Poi, via via, hanno aperto i negozi in tutte e 13 le province...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Le autostrade laziali e abruzzesi A24 e A25 sono caratterizzate dalla presenza di 153 ponti e viadotti: di questi ultimi, sono 13 gli «osservati speciali» per il degrado del calcestruzzo e del ferro, sulla sicurezza dei quali è...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Amadou Jawo, un 22enne del Gambia che da due anni viveva in Italia, si è tolto la vita, impiccandosi al cornicione della casa a Castellaneta Marina dove viveva con altri connazionali. Per l’associazione Babele, che ha lanciato una...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Tre ergastoli per il delitto di Helene Pastor, la miliardaria monegasca di origini italiane assassinata il 6 maggio del 2014 a Nizza in un agguato con un fucile a canne mozze. Colpevole l’ex genero della donna, ex console di Polonia nel...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Nessuna infermità mentale è stata riconosciuta e dunque merita 30 anni di carcere Giuseppe Pellicanò, il pubblicitario che nel giugno di due anni fa fece esplodere per gelosia una palazzina milanese, ammazzando la sua ex compagna ...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Malore preoccupante ma senza gravi conseguenze lunedì scorso per Nichi Vendola. Il sessantenne ex governatore pugliese, leader di Sinistra ecologia e libertà, è stato colpito da un forte malessere mentre si trovava a Roma,...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

«Adesso vi spiego della famosa cena». Uno scatenato Carlo Calenda, nella sua visita torinese dove ha incontrato il Pd locale, gli operai dell’Embraco ed essersi confrontato pubblicamente con Sergio Chiamparino alla presentazione...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

La commissione Ue è pronta a esprimersi sulla manovra del bilancio italiano: lo sostiene il commissario al Bilancio Ue, Guenther Oettinger, allo Spiegel online. Una lettera del commissario Pierre Moscovici dovrebbe arrivare a Roma...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Un dipendente pubblico che va in pensione con “quota 100” potrebbe perdere fino a 500 euro al mese. Lo ha detto il presidente dell’Inps Tito Boeri durante un’audizione alla Commissione Lavoro alla Camera. «Un lavoratore...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

«Sarebbe assurda una marcia indietro su questa decisione dopo che sia l’Autorità garante della concorrenza sia l’Anac ha ritenuto plausibile e fondata la decisione di escludere Autostrade». Sono le parole di Gianluca...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Investimento mortale in stazione a Novi Ligure alle 14,45 di oggi. Per cause in via d’accertamento, un uomo è stato travolto sul binario 1 dal treno regionale 2517, proveniente da Torino e diretto a Genova.    Si sta...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Un ordigno è esploso nell’istituto politecnico di Kerch, in Crimea, uccidendo almeno dieci persone. I feriti sono decine, tra 50 e 70 a seconda delle fonti. Si teme che tra le vittime vi siano molti ragazzi e adolescenti che studiavano...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Quattro mesi di carcere per Wanda Nara, regina dei social network con 4 milioni di follower, nonché moglie e manager dell’attaccante dell’Inter Mauro Icardi. La 31enne – che con le foto della sua cabina armadio ieri ha...