L’Africa chiede le scuse di Matteo Salvini 

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ La Stampa


L’Africa pretende le scuse di Matteo Salvini. Le parole del vicepremier sono motivo di «costernazione» per l’Unione africana (Ua), che non ha gradito l’accostamento dei richiedenti asilo agli schiavi, fatto dal leader della Lega al vertice di Vienna della scorsa settimana nello scontro con il ministro del Lussemburgo.
 
 
L’Ua, di cui fanno parte tutti i 55 Stati africani, chiede conto al leader leghista. «Negli interessi di un impegno costruttivo nel dibattito sulla migrazione tra i due continenti, l’Unione africana chiede al vice primo ministro italiano di ritrattare la sua dichiarazione dispregiativa sui migranti africani», chiede l’Unione. 
 
Salvini è ormai al centro di un continuo acceso confronto con i partner europei in tema di immigrazione. È però la prima volta che la questione esce dalle logiche di un dibattito politico tutto a dodici stelle per diventare motivo di dibattito tra Unione europea e Unione africana, che pure hanno deciso di lavorare assieme per trovare una soluzione al fenomeno. 
 
Qualche parola di troppo
 
Tutto nasce cinque giorni fa, a Vienna. La presidenza di turno del Consiglio dell’Ue ha ospitato una conferenza sull’immigrazione, a cui ha partecipato anche Salvini, che a un certo punto del suo intervento ha finito col dire che in Italia «non abbiamo l’esigenza di avere nuovi schiavi». Parole non gradite dal ministro degli Esteri lussemburghesi («e che cavolo!», ha detto secondo la versione edulcorata che riportiamo), ancora meno al di là del Mediterraneo. Salvini si ritrova ora al centro di un incidente diplomatico di dimensioni sempre più inaspettate. 
 
L’Africa a Salvini: Italia deve molto a suoi emigrati
 
Tutti gli Stati africani chiedono al vicepremier di rimediare e ricordano al diretto interessato un po’ di storia del Belpaese. Viene ricordata la «diaspora» degli italiani, di quando, tra il 1861 e il 1976, più di 26 milioni di persone sono emigrate, tutte alla ricerca di una vita migliore, come oggi tanti africani (e, va detto, ancora qualche italiano). Praticamente un italiano su quattro ha chiesto ospitalità e accoglienza a un altro Paese, in Europa e in America. «Ed è documentato che l’Italia ne ha tratto beneficio attraverso le rimesse e il commercio», fa notare l’Unione africana. Vista la sua storia, l’Italia è esortata a «emulare» Stati dell’Ue come la Spagna, che, si fa notare sempre al ministro italiano, «ha esteso il sostegno e la protezione ai migranti in difficoltà». Messaggio più chiaro non si può. 
 
Crisi Ua-Salvini un problema per l’Ue
 
La Commissione europea ha lavorato molto alla «dimensione esterna» del fenomeno migratorio, vale a dire l’insieme delle misure per le persone in movimento verso il territorio europeo ma non ancora con un piede sulla frontiere comunitaria. Un’attività, che ha visto l’italiana Federica Mogherini spendersi in prima persona, che ha nel summit Ue-Ua di Abidja del novembre un momento importante. Le due Unioni hanno deciso di creare una task force per i flussi su suolo africano, che potrà operare, di concerto con l’Onu, anche in Libia. Ecco il motivo per cui da Addis Abeba, capitale dell’Unione africana, si ricorda che è nell’interesse dell’Italia, in quanto stato dell’Ue, chiedere scusa. «L’attuale crisi migratoria in Europa offre un’opportunità per l’Africa e l’Europa di impegnarsi in un dialogo» tra le due sponde del Mediterraneo, ricorda l’Ua. Dialogo che Salvini ha interrotto, preferendo la via dello scontro. 
 










Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da La Stampa

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Diversi fondi appoggiano la proposta di un’azionista di Facebook di rimuovere Mark Zuckerberg dalla presidenza del consiglio di amministrazione del social media. Lo riporta il Wall Street Journal. Il fondo pensione di New York, così come ...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Il limite di 100mila euro da sanare attraverso la “dichiarazione integrativa speciale” va inteso «per singola imposta e per periodo d’imposta, e comunque non oltre il 30% di quanto già dichiarato». Lo prevede...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Il primo ad accendersi uno spinello acquistato liberamente, alla mezzanotte in punto di martedì, è stato un abitante di Terranova, la provincia più ad est del Canada. Poi, via via, hanno aperto i negozi in tutte e 13 le province...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Le autostrade laziali e abruzzesi A24 e A25 sono caratterizzate dalla presenza di 153 ponti e viadotti: di questi ultimi, sono 13 gli «osservati speciali» per il degrado del calcestruzzo e del ferro, sulla sicurezza dei quali è...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Amadou Jawo, un 22enne del Gambia che da due anni viveva in Italia, si è tolto la vita, impiccandosi al cornicione della casa a Castellaneta Marina dove viveva con altri connazionali. Per l’associazione Babele, che ha lanciato una...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Tre ergastoli per il delitto di Helene Pastor, la miliardaria monegasca di origini italiane assassinata il 6 maggio del 2014 a Nizza in un agguato con un fucile a canne mozze. Colpevole l’ex genero della donna, ex console di Polonia nel...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Nessuna infermità mentale è stata riconosciuta e dunque merita 30 anni di carcere Giuseppe Pellicanò, il pubblicitario che nel giugno di due anni fa fece esplodere per gelosia una palazzina milanese, ammazzando la sua ex compagna ...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Malore preoccupante ma senza gravi conseguenze lunedì scorso per Nichi Vendola. Il sessantenne ex governatore pugliese, leader di Sinistra ecologia e libertà, è stato colpito da un forte malessere mentre si trovava a Roma,...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

«Adesso vi spiego della famosa cena». Uno scatenato Carlo Calenda, nella sua visita torinese dove ha incontrato il Pd locale, gli operai dell’Embraco ed essersi confrontato pubblicamente con Sergio Chiamparino alla presentazione...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

La commissione Ue è pronta a esprimersi sulla manovra del bilancio italiano: lo sostiene il commissario al Bilancio Ue, Guenther Oettinger, allo Spiegel online. Una lettera del commissario Pierre Moscovici dovrebbe arrivare a Roma...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Un dipendente pubblico che va in pensione con “quota 100” potrebbe perdere fino a 500 euro al mese. Lo ha detto il presidente dell’Inps Tito Boeri durante un’audizione alla Commissione Lavoro alla Camera. «Un lavoratore...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

«Sarebbe assurda una marcia indietro su questa decisione dopo che sia l’Autorità garante della concorrenza sia l’Anac ha ritenuto plausibile e fondata la decisione di escludere Autostrade». Sono le parole di Gianluca...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Investimento mortale in stazione a Novi Ligure alle 14,45 di oggi. Per cause in via d’accertamento, un uomo è stato travolto sul binario 1 dal treno regionale 2517, proveniente da Torino e diretto a Genova.    Si sta...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Un ordigno è esploso nell’istituto politecnico di Kerch, in Crimea, uccidendo almeno dieci persone. I feriti sono decine, tra 50 e 70 a seconda delle fonti. Si teme che tra le vittime vi siano molti ragazzi e adolescenti che studiavano...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Stampa

Quattro mesi di carcere per Wanda Nara, regina dei social network con 4 milioni di follower, nonché moglie e manager dell’attaccante dell’Inter Mauro Icardi. La 31enne – che con le foto della sua cabina armadio ieri ha...