La figlia di Totò Riina: “Tolgo il mio nome dall’insegna del ristorante a Parigi” 

Pubblicato sabato, 12 gennaio 2019 ‐ La Stampa


Presa in contropiede dalla visibilità sui media e dalle polemiche sul suo cognome, Riina, in bella mostra sul suo ristorante parigino Corleone, la figlia dell’ex boss della mafia Totò Riina ha annunciato al quotidiano francese Le Parisien che toglierà il nome della famiglia dall’insegna del locale.
Finora in silenzio, Lucia Riina, 38 anni, spiega al quotidiano francese di uscire allo scoperto «soltanto per mettere a punto alcune cose e spegnere la polemica». «Non ho cercato di provocare né di offendere nessuno - spiega - volevo soltanto valorizzare la mia identità di artista-pittrice. E anche mettere in risalto la cucina siciliana. Affinché non ci sia nessun malinteso, vi annuncio che ho deciso di ritirare il mio nome dall’insegna del ristorante e dalle pubblicità, anche se mi dispiace che la mia identità di pittrice e di donna venga negata».
LEGGI ANCHE Parigi, nel ristorante della figlia del boss tra quadri e menù firmati Riina (Leonardo Martinelli)

Lucia Riina conferma di essersi trasferita a Parigi raccogliendo l’invito di Pascal Fratellini (ultimo discendente della famiglia di un celebre trio di artisti di circo originari di Firenze, ndr) a lavorare nel ristorante e ad esporvi le opere. «Siamo a Parigi da 3 mesi e il ristorante è aperto dal 5 novembre», aggiunge. «Siamo dei dipendenti - aggiunge - io ricevo i clienti, mio marito si occupa del bar e impara il mestiere. Le mura non mi appartengono, non c’è nessun riciclaggio di denaro, come ho letto da qualche parte. Tutto è trasparente, Pascal ha fatto un mutuo con la banca e ci ha messo a disposizione un appartamento nel quartiere, dove viviamo con mia figlia di 2 anni. È un’opportunità per cambiare vita e vendere i miei quadri, anche se rimpiango il mio paese».
«Penso che tutti abbiano il diritto di esprimersi e vivere la propria vita - aggiunge Lucia Riina -. Ho vissuto a Corleone da quando avevo 12 anni, epoca in cui mio padre fu arrestato. Ho avuto una vita normale. Oggi sono pittrice e madre di una bambina. Mio padre ha la sua storia, io la mia». Aggiunge di avere soltanto «pochi ricordi» di quando era bambina e di non «avere voglia» di parlarne: «Io sono stata al liceo, ho preso la maturità e ho studiato da commercialista. Non voglio essere associata all’immagine di mio padre, a tutto quello che è mafia. Voglio uscire da questa trappola. La mia vita è trasparente, non ho nulla da nascondere. Oggi sono a Parigi, lavoro in un ristorante e sono un’artista. Voglio essere conosciuta per quello che sono senza dover cambiare nome, scegliere uno pseudonimo. Ho cominciato con questo nome e con questo nome continuerò».











Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da La Stampa

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Detto molto semplice, piove sempre sul bagnato. Chi è già ricco lo diventa sempre di più. E tutti gli altri? Va sempre peggio. Il rapporto Oxfam “Public good or private wealth”, “Bene pubblico o ricchezza...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Detto molto semplice, piove sempre sul bagnato. Chi è già ricco lo diventa sempre di più. E tutti gli altri? Va sempre peggio. Il rapporto Oxfam “Public good or private wealth”, “Bene pubblico o ricchezza...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Una neonata di tre giorni è morta la scorsa notte all’ospedale San Bortolo di Vicenza dopo essere stata gettata a terra in casa dalla madre, forse per una crisi depressiva post partum. L’episodio è avvenuto la scorsa notte a ...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Partenza alle 5. Puntuali. In pullman, destinazione il Sigep , la fiera internazionale del gelato di Rimini. In viaggio con la cinquantina di dipendenti della Pernigotti che hanno deciso di manifestare alla rassegna alimentare dove anche...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

I soccorritori non potranno raggiungere Julen prima di domani. Lo ha spiegato in conferenza stampa Angel Garcia, il coordinatore del gruppo di ricerca che da una settimana scava senza sosta per cerca di salvare il bimbo andaluso di 2 anni precipitato ...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

La discesa in campo in Sardegna dei big nazionali come Di Maio e Toninelli non è servita al Movimento Cinquestelle a riconquistare il seggio di Cagliari alla Camera. Che passa dalla maggioranza del governo gialloverde all’opposizione di...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

L’economia cinese frena ancora nel quarto trimestre 2018 con una crescita del Pil attesa a 6,4% (rispetto al 6,5% del trimestre precedente), in linea con le attese. Nell’intero 2018, secondo i dati dell’Ufficio nazionale di...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Da un po’ di tempo, la Luna è diventata un po’ smaniosa di protagonismo. Quasi come se volesse apparire ancora più importante, in un anno aperto dalla storica impresa della sonda cinese Chang’e 4, che per la prima...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

In balia del mare per ore e solo in nottata soccorsi da un cargo inviato dalla Libia, dove torneranno. Si è rischiata ieri una nuova strage in quel Mediterraneo che continua ad essere un cimitero dei migranti. In 100 - tra cui venti donne e...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Ogni volta è Luigi Di Maio a caricarsi la responsabilità della svolta, determinando una maturazione del M5S da movimento di piazza, partorito da un Vaffa, a partito di governo. Così è stato con l’euro, così...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Stelle cadenti. Roger Federer, 37 anni, e Lindsey Vonn, 34, il Genio e la Divina, una religione per gli appassionati di tennis e sci. Tristi, battuti e «vecchietti». Una lenta passeggiata sul viale del tramonto per due icone che hanno...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Trovarsela ogni giorno davanti a scuola ad accompagnare i rispettivi figli le era diventato insopportabile. Gorlago è un piccolo centro della bergamasca. Fa appena cinquemila abitanti. Tutti conoscono tutti. Tanti sapevano della storia di...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

L’ospite più sgradito, quello che nessuno avrebbe voluto invitare a Davos, è Sua Infausta Maestà l’Incertezza. Chi trasforma gli umori in grafico sostiene che in questo secolo non è mai stata così...

Pubblicato domenica, 20 gennaio 2019 ‐ La Stampa

«Sembrerà strano: amo la politica ma preferisco farla fuori dalle istituzioni. Non mi candiderò quindi alle Europee. Sto vedendo che si può incidere anche dal di fuori». Così Alessandro Di Battista spiega a...

Pubblicato domenica, 20 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Una morte ancora da chiarire da un lato, la polemica politica che continua dall’altro. Non c’è pace a Empoli, dove tre giorni fa Arafet Arfaoui, un 31enne di origine tunisina, è morto durante un fermo di polizia con mani e...