La figlia di Totò Riina: “Tolgo il mio nome dall’insegna del ristorante a Parigi” 

Pubblicato sabato, 12 gennaio 2019 ‐ La Stampa


Presa in contropiede dalla visibilità sui media e dalle polemiche sul suo cognome, Riina, in bella mostra sul suo ristorante parigino Corleone, la figlia dell’ex boss della mafia Totò Riina ha annunciato al quotidiano francese Le Parisien che toglierà il nome della famiglia dall’insegna del locale.
Finora in silenzio, Lucia Riina, 38 anni, spiega al quotidiano francese di uscire allo scoperto «soltanto per mettere a punto alcune cose e spegnere la polemica». «Non ho cercato di provocare né di offendere nessuno - spiega - volevo soltanto valorizzare la mia identità di artista-pittrice. E anche mettere in risalto la cucina siciliana. Affinché non ci sia nessun malinteso, vi annuncio che ho deciso di ritirare il mio nome dall’insegna del ristorante e dalle pubblicità, anche se mi dispiace che la mia identità di pittrice e di donna venga negata».
LEGGI ANCHE Parigi, nel ristorante della figlia del boss tra quadri e menù firmati Riina (Leonardo Martinelli)

Lucia Riina conferma di essersi trasferita a Parigi raccogliendo l’invito di Pascal Fratellini (ultimo discendente della famiglia di un celebre trio di artisti di circo originari di Firenze, ndr) a lavorare nel ristorante e ad esporvi le opere. «Siamo a Parigi da 3 mesi e il ristorante è aperto dal 5 novembre», aggiunge. «Siamo dei dipendenti - aggiunge - io ricevo i clienti, mio marito si occupa del bar e impara il mestiere. Le mura non mi appartengono, non c’è nessun riciclaggio di denaro, come ho letto da qualche parte. Tutto è trasparente, Pascal ha fatto un mutuo con la banca e ci ha messo a disposizione un appartamento nel quartiere, dove viviamo con mia figlia di 2 anni. È un’opportunità per cambiare vita e vendere i miei quadri, anche se rimpiango il mio paese».
«Penso che tutti abbiano il diritto di esprimersi e vivere la propria vita - aggiunge Lucia Riina -. Ho vissuto a Corleone da quando avevo 12 anni, epoca in cui mio padre fu arrestato. Ho avuto una vita normale. Oggi sono pittrice e madre di una bambina. Mio padre ha la sua storia, io la mia». Aggiunge di avere soltanto «pochi ricordi» di quando era bambina e di non «avere voglia» di parlarne: «Io sono stata al liceo, ho preso la maturità e ho studiato da commercialista. Non voglio essere associata all’immagine di mio padre, a tutto quello che è mafia. Voglio uscire da questa trappola. La mia vita è trasparente, non ho nulla da nascondere. Oggi sono a Parigi, lavoro in un ristorante e sono un’artista. Voglio essere conosciuta per quello che sono senza dover cambiare nome, scegliere uno pseudonimo. Ho cominciato con questo nome e con questo nome continuerò».











Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da La Stampa

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ La Stampa

Le forze fedeli al premier Fayez al-Serraj hanno messo a segno la prima significativa vittoria da quando è cominciato l’assedio di Tripoli. Nella notte sono entrate nella città di Gharyan, ottanta chilometri a Sud della capitale,...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ La Stampa

Algoritmi e blockchain cambiano l’economia e le transazioni finanziare e adesso anche il sindacato. Che diventa smart, più semplice insomma, davvero moderno. A spingersi verso questa nuova frontiera sono i metalmeccanici della Cisl,...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ La Stampa

In Ue una donna deve lavorare 59 giorni in più per ottenere il salario guadagnato da un uomo. In Italia una donna deve lavorare 159 giorni in più di un uomo  se si considerano i redditi annui medi, quelli con almeno le prime...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ La Stampa

Ennesimo blitz della Polizia nella notte tra Castelvetrano, Mazara del Vallo e i paesi della Valle del Belice, per la ricerca del mafioso latitante Matteo Messina Denaro. In totale 130 i poliziotti impegnati nella maxi operazione in Sicilia ancora in ...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ La Stampa

«Oltre duecento riunioni, tavoli tecnici, mesi di lavoro e poi, al vertice decisivo per dare il via al decreto sulle Autonomie, il Movimento 5 stelle fa ostruzionismo». I leghisti sono furiosi e a sentir nominare gli alleati del Movimento ...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ La Stampa

È stato ucciso perché si era espresso a favore dell’accoglienza dei profughi in Germania, in difesa dei valori umani del cristianesimo e contro ogni forma di odio razzista e di estremismo politico. Stephan Ernst,...

Pubblicato mercoledì, 26 giugno 2019 ‐ La Stampa

Reccopolis è una città perduta. Si trova sottoterra, non lontano da Zorita de los Canes, a Castiglia-La Mancia, in Spagna. E il suo passato glorioso di città visigota sta emergendo solo ora: gli archeologi sono riusciti a mappare ...

Pubblicato mercoledì, 26 giugno 2019 ‐ La Stampa

L’Inail annuncia che nell’anno scorso sono arrivate complessivamente 645 mila denunce di infortunio (-0,3%), mentre gli incidenti riconosciuti per causa di lavoro sono stati poco più di 409 mila, di cui circa il 19% fuori...

Pubblicato mercoledì, 26 giugno 2019 ‐ La Stampa

Sciopero nazionale il prossimo 24 luglio in tutti i settori del trasporto pubblico locale, ferroviario, merci e logistica, marittimo e porti, autostrade, taxi, autonoleggio e il 26 luglio in tutto il trasporto aereo. Lo hanno deliberato gli esecutivi ...

Pubblicato mercoledì, 26 giugno 2019 ‐ La Stampa

La pressione delle imposte è salita negli ultimi tre mesi e diventa più attuale il tema della riduzione del carico fiscale nel nostro Paese. Tra le diverse proposte anche la CGIA dice la sua: «Ancorchè parziali, i dati...

Pubblicato mercoledì, 26 giugno 2019 ‐ La Stampa

«Adesso basta, arriviamo». C’è il sole a picco su Lampedusa quando nel primissimo pomeriggio di un mercoledì carico di tensione la comandante della Sea Watch 3 Carola Rackete annuncia di aver puntato il timone verso la ...

Pubblicato mercoledì, 26 giugno 2019 ‐ La Stampa

Finisce sotto sequestro il “capitale” illecito di Luca Lucci, leader della Curva sud del Milan, pregiudicato e conoscente del Ministro degli Interni, Matteo Salvini con il quale si fece infelicemente fotografare all’Arena Civica il...

Pubblicato mercoledì, 26 giugno 2019 ‐ La Stampa

Le università europee oltre l’Erasmus. Nasce la nuova alleanza degli atenei a dodici stelle, per il rilancio in grande stile dell’insegnamento di alto rango attraverso una maggiore cooperazione. Se il noto programma per la...

Pubblicato mercoledì, 26 giugno 2019 ‐ La Stampa

La pressione fiscale nei primi tre mesi del 2019 è risultata del 38,0%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. È il dato più alto dal 2015. Lo rileva l’Istat, precisando ...

Pubblicato mercoledì, 26 giugno 2019 ‐ La Stampa

Sono sempre di meno gli artigiani e i commercianti iscritti all’Inps: i dati relativi al 2018 mostrano infatti un andamento in calo, più marcato per gli artigiani e meno accentuato per i commercianti. Mentre sul lavoro domestico sono...