In Italia si sperimentano più farmaci. A tutto vantaggio di medici e pazienti 

Pubblicato giovedì, 08 novembre 2018 ‐ La Stampa


Una buona notizia per la nostra sanità, presa tra l’incudine delle ristrettezze di bilancio e il martello dei costi dell’innovazione. Dal 2013 al 2015 gli ospedali pubblici italiani hanno aperto le porte a 6332 sperimentazioni di nuovi medicinali, tra le quali 1.923 no profit. Un trend in crescita se si calcola che nel triennio 2000-2002 l’Aifa ne aveva autorizzate 1.722, poco più di un terzo di quelle for profit rilevate nei tre anni presi in esame dallo studio condotto da Fiaso, la Federazione di Asl e ospedali, presentato a Roma nel corso della Convention del management sanitario, promossa dalla stessa Federazione dal 7 al 9 novembre. 
 
Dati confortanti non solo per aziende sanitarie, industria del farmaco e ricercatori, ma anche per i pazienti, perché la lenta risalita italiana verso posizioni di leadership nella sperimentazione, ricoperte fino ai primi anni ’90, significa maggiore conoscenza da parte dei medici delle nuove armi terapeutiche e più rapida immissione in commercio dei prodotti innovativi. Che promettono di migliorare le cure soprattutto nell’area oncologica, nella quale è stato impegnato il 16,5% dei ricercatori interessati complessivamente dalle sperimentazioni cliniche. Al secondo posto l’area della pediatria, con il 9,6%, seguita dall’ematologia con l’8,4%, dall’area neurologica (7,9%) e da quella cardiologica (5,6%). 
 
Lo studio realizzato da Fiaso in collaborazione con Farmindustria e l’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Università Cattolica di Roma, Altems, rileva che la rinascita della ricerca c’è anche se l’Italia può e deve ancora recuperare terreno in Europa, dato che le sperimentazioni cliniche di farmaci autorizzate dall’Aifa nel 2017 rappresentano il 18% di quelle che hanno avuto il via libera nell’area Ue.  
«La medicina è la scienza del probabile, per questo è importante che si continui a ricercare confrontandosi con gli altri e verificando di volta in volta i risultati acquisiti -, commenta Mario Clerico, presidente del Cipomo, il Collegio dei Primari oncologi ospedalieri - Una struttura che fa ricerca diffonde più conoscenza, non solo sull’uso ottimale dei nuovi farmaci, ma anche rispetto alle possibili varianti di una malattia e questo è tanto più importante in un settore come l’oncologia, dove l’individuazione delle variabili è essenziale al fine della messa a punto di terapie sempre più mirate ed efficaci». 
 
Nel triennio 2013-15 l’indagine Fiaso conta inoltre 507 studi su dispositivi medici, 2.865 altre sperimentazioni e 3.596 studi osservazionali, quelli che studiano le cause delle malattie ricercando la relazione tra i fattori di esposizione e le malattie stesse. In totale 13.300 studi, con una media di oltre 100 per ciascuna azienda ospedaliera, universitaria ed Irccs delle 42 prese in esame. 
Importanti anche i numeri sulla ricaduta economica delle sperimentazioni, che per ciascuna azienda sanitaria hanno generato nel triennio 4 milioni di finanziamenti privati e 5,5 milioni di finanziamenti pubblici nell’ambito del campione osservato, a smentire il luogo comune che in sanità vuole la ricerca interamente in mano al profit. 
«Dati che testimoniano la buone performance organizzative delle nostre aziende sanitarie e la sensibilità del management sulla necessità di implementare la ricerca, nonostante persistano ancora difficoltà legate a procedure burocratiche farraginose e a tempi non sempre brevi di risposta da parte dei Comitati etici», commenta il presidente Fiaso, Francesco Ripa di Meana.  
 
«La ricerca è il cuore pulsante del’ industria farmaceutica - afferma il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi- e lo dimostrano i 700 milioni investiti nel 2017 in studi clinici. E tre imprese su quattro prevedono un aumento degli investimenti in ricerca nei prossimi 3 anni». Un dato importante anche sulla tenuta dei conti sanitari, perché come ricorda Farmindustria un euro investito in studi clinici ne fa risparmiare due al Ssn perché a carico dell’industria ci sono tutti i costi del paziente inserito nello studio. 
 
 










Tag: #Italia #Cronache

Altri articoli pubblicati da La Stampa

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Detto molto semplice, piove sempre sul bagnato. Chi è già ricco lo diventa sempre di più. E tutti gli altri? Va sempre peggio. Il rapporto Oxfam “Public good or private wealth”, “Bene pubblico o ricchezza...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Partenza alle 5. Puntuali. In pullman, destinazione il Sigep , la fiera internazionale del gelato di Rimini. In viaggio con la cinquantina di dipendenti della Pernigotti che hanno deciso di manifestare alla rassegna alimentare dove anche...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

I soccorritori non potranno raggiungere Julen prima di domani. Lo ha spiegato in conferenza stampa Angel Garcia, il coordinatore del gruppo di ricerca che da una settimana scava senza sosta per cerca di salvare il bimbo andaluso di 2 anni precipitato ...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

La discesa in campo in Sardegna dei big nazionali come Di Maio e Toninelli non è servita al Movimento Cinquestelle a riconquistare il seggio di Cagliari alla Camera. Che passa dalla maggioranza del governo gialloverde all’opposizione di...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

L’economia cinese frena ancora nel quarto trimestre 2018 con una crescita del Pil attesa a 6,4% (rispetto al 6,5% del trimestre precedente), in linea con le attese. Nell’intero 2018, secondo i dati dell’Ufficio nazionale di...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Da un po’ di tempo, la Luna è diventata un po’ smaniosa di protagonismo. Quasi come se volesse apparire ancora più importante, in un anno aperto dalla storica impresa della sonda cinese Chang’e 4, che per la prima...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

In balia del mare per ore e solo in nottata soccorsi da un cargo inviato dalla Libia, dove torneranno. Si è rischiata ieri una nuova strage in quel Mediterraneo che continua ad essere un cimitero dei migranti. In 100 - tra cui venti donne e...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Ogni volta è Luigi Di Maio a caricarsi la responsabilità della svolta, determinando una maturazione del M5S da movimento di piazza, partorito da un Vaffa, a partito di governo. Così è stato con l’euro, così...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Stelle cadenti. Roger Federer, 37 anni, e Lindsey Vonn, 34, il Genio e la Divina, una religione per gli appassionati di tennis e sci. Tristi, battuti e «vecchietti». Una lenta passeggiata sul viale del tramonto per due icone che hanno...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Trovarsela ogni giorno davanti a scuola ad accompagnare i rispettivi figli le era diventato insopportabile. Gorlago è un piccolo centro della bergamasca. Fa appena cinquemila abitanti. Tutti conoscono tutti. Tanti sapevano della storia di...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

L’ospite più sgradito, quello che nessuno avrebbe voluto invitare a Davos, è Sua Infausta Maestà l’Incertezza. Chi trasforma gli umori in grafico sostiene che in questo secolo non è mai stata così...

Pubblicato domenica, 20 gennaio 2019 ‐ La Stampa

«Sembrerà strano: amo la politica ma preferisco farla fuori dalle istituzioni. Non mi candiderò quindi alle Europee. Sto vedendo che si può incidere anche dal di fuori». Così Alessandro Di Battista spiega a...

Pubblicato domenica, 20 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Una morte ancora da chiarire da un lato, la polemica politica che continua dall’altro. Non c’è pace a Empoli, dove tre giorni fa Arafet Arfaoui, un 31enne di origine tunisina, è morto durante un fermo di polizia con mani e...

Pubblicato domenica, 20 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Benjamin Netanyahu è arrivato in Ciad, per la prima visita di un primo ministro israeliano nel Paese da quando le relazioni diplomatiche sono state interrotte nel 1972. Netanyahu annuncerà il ristabilimento delle piene relazioni nel...

Pubblicato domenica, 20 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Il Taj Mahal non è l'unico tesoro di Agra. Appena oltre il fiume Yamuna, ce ne sono altri due, altrettanto maestosi e significati, appena tornati a splendere e ad accogliere i turisti di tutto il mondo. Si tratta del Mehtab Bagh, conosciuto...