In Italia si sperimentano più farmaci. A tutto vantaggio di medici e pazienti 

Pubblicato giovedì, 08 novembre 2018 ‐ La Stampa


Una buona notizia per la nostra sanità, presa tra l’incudine delle ristrettezze di bilancio e il martello dei costi dell’innovazione. Dal 2013 al 2015 gli ospedali pubblici italiani hanno aperto le porte a 6332 sperimentazioni di nuovi medicinali, tra le quali 1.923 no profit. Un trend in crescita se si calcola che nel triennio 2000-2002 l’Aifa ne aveva autorizzate 1.722, poco più di un terzo di quelle for profit rilevate nei tre anni presi in esame dallo studio condotto da Fiaso, la Federazione di Asl e ospedali, presentato a Roma nel corso della Convention del management sanitario, promossa dalla stessa Federazione dal 7 al 9 novembre. 
 
Dati confortanti non solo per aziende sanitarie, industria del farmaco e ricercatori, ma anche per i pazienti, perché la lenta risalita italiana verso posizioni di leadership nella sperimentazione, ricoperte fino ai primi anni ’90, significa maggiore conoscenza da parte dei medici delle nuove armi terapeutiche e più rapida immissione in commercio dei prodotti innovativi. Che promettono di migliorare le cure soprattutto nell’area oncologica, nella quale è stato impegnato il 16,5% dei ricercatori interessati complessivamente dalle sperimentazioni cliniche. Al secondo posto l’area della pediatria, con il 9,6%, seguita dall’ematologia con l’8,4%, dall’area neurologica (7,9%) e da quella cardiologica (5,6%). 
 
Lo studio realizzato da Fiaso in collaborazione con Farmindustria e l’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Università Cattolica di Roma, Altems, rileva che la rinascita della ricerca c’è anche se l’Italia può e deve ancora recuperare terreno in Europa, dato che le sperimentazioni cliniche di farmaci autorizzate dall’Aifa nel 2017 rappresentano il 18% di quelle che hanno avuto il via libera nell’area Ue.  
«La medicina è la scienza del probabile, per questo è importante che si continui a ricercare confrontandosi con gli altri e verificando di volta in volta i risultati acquisiti -, commenta Mario Clerico, presidente del Cipomo, il Collegio dei Primari oncologi ospedalieri - Una struttura che fa ricerca diffonde più conoscenza, non solo sull’uso ottimale dei nuovi farmaci, ma anche rispetto alle possibili varianti di una malattia e questo è tanto più importante in un settore come l’oncologia, dove l’individuazione delle variabili è essenziale al fine della messa a punto di terapie sempre più mirate ed efficaci». 
 
Nel triennio 2013-15 l’indagine Fiaso conta inoltre 507 studi su dispositivi medici, 2.865 altre sperimentazioni e 3.596 studi osservazionali, quelli che studiano le cause delle malattie ricercando la relazione tra i fattori di esposizione e le malattie stesse. In totale 13.300 studi, con una media di oltre 100 per ciascuna azienda ospedaliera, universitaria ed Irccs delle 42 prese in esame. 
Importanti anche i numeri sulla ricaduta economica delle sperimentazioni, che per ciascuna azienda sanitaria hanno generato nel triennio 4 milioni di finanziamenti privati e 5,5 milioni di finanziamenti pubblici nell’ambito del campione osservato, a smentire il luogo comune che in sanità vuole la ricerca interamente in mano al profit. 
«Dati che testimoniano la buone performance organizzative delle nostre aziende sanitarie e la sensibilità del management sulla necessità di implementare la ricerca, nonostante persistano ancora difficoltà legate a procedure burocratiche farraginose e a tempi non sempre brevi di risposta da parte dei Comitati etici», commenta il presidente Fiaso, Francesco Ripa di Meana.  
 
«La ricerca è il cuore pulsante del’ industria farmaceutica - afferma il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi- e lo dimostrano i 700 milioni investiti nel 2017 in studi clinici. E tre imprese su quattro prevedono un aumento degli investimenti in ricerca nei prossimi 3 anni». Un dato importante anche sulla tenuta dei conti sanitari, perché come ricorda Farmindustria un euro investito in studi clinici ne fa risparmiare due al Ssn perché a carico dell’industria ci sono tutti i costi del paziente inserito nello studio. 
 
 










Tag: #Italia #Cronache

Altri articoli pubblicati da La Stampa

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

Quattordici persone sono state arrestate in Kenya in una maxioperazione nell’ambito del rapimento della cooperante italiana Silvia Romano. Lo riferisce il media kenyano Daily Nation. Fonti di polizia di Malindi hanno detto che 14 persone sono...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

In una delle slide che saranno presentate oggi pomeriggio compare un motto, “conoscere per deliberare”, che ci è particolarmente caro, perché sintetizza l’intera storia e i valori che ispirano l’azione della...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

Se n’è andato stanotte, ad appena 62 anni, anche Igor Korobov, il capo del Gru, i servizi segreti militari russi. Korobov aveva guidato il Gru dal gennaio 2016, quando sostituì  Igor Sergun, morto anche a lui a neanche...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

Per la prima volta la Commissione europea scrive nero su bianco che ci sono le condizioni per aprire una procedura contro uno Stato membro a causa del suo debito. Non era mai successo, ma c’è sempre una prima volta. A fare da cavia su...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

«Aiutami Ronald. Per favore aiutami». Questo l’ultimo grido disperato di Silvia Costanza Romano, la 23enne milanese, rapita da un commando armato a Chakama, villaggio rurale del Kenya a 60 chilometri da Malindi, area turistica...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

È un corteo mesto. Gruppi di persone che sbucano dalle via laterali di via Cavour, a San Giorgio su Legnano. Ragazzi, facce segnate di lavoratori più grandi, madri di famiglie con il velo, hanno tutti la stessa espressione attonita. Si...

Servizi segreti: Vecchione nominato al Dis, Carta all’Aise  Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Si è conclusa la riunione del Comitato Interministeriale di Sicurezza della Repubblica (Cisr) nel corso della quale sono stati nominati il nuovo direttore del Dis (Dipartimento delle informazioni per la sicurezza della Repubblica), il Generale ...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Anche con le scarpe firmate Dolce & Gabbana si può scivolare. E farsi male, molto. Ma online puoi sempre dire che è stato un hacker a farti cadere. Così come ha fatto Stefano Gabbana: questa scusa non è servita per...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

«Il contributo generoso di decine di donne e uomini del mondo dello spettacolo, della cultura, della moda, dello sport, dell’università, dell’informazione e della politica seguitissimi sui canali social, ha fatto sì...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Sarebbe causata da un «errore tecnico» involontario l’esposizione di email e nomi notificata da Amazon ad alcuni suoi utenti via mail. Gli stessi clienti hanno condiviso sui social network gli screenshot degli avvisi, nei quali si...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Le ossa trovate a Villa Giorgina, sede della Nunziatura Apostolica, risalirebbero a oltre 100 anni fa. Questo quanto è emerso dai primi accertamenti che sembrano dunque allontanare l’ipotesi iniziale di un collegamento tra i reperti e le ...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Una passeggiata con il sole di settembre tra le calli di Venezia non ha prezzo. Ma se al posto di una camminata si sceglie di uscire con il monopattino, anche se si hanno appena quattro anni, il costo della gita rischia di essere particolarmente...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

La scoperta di nuove forme di vita marine mai viste nel Mediterraneo ha portato il numero di specie aliene (o alloctone, come vengono definite in termini scientifici) registrate fino ad oggi vicino alla cifra di 800. Una su quattro di queste specie,...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Una passeggiata con il sole di settembre tra le calli di Venezia non ha prezzo. Ma se al posto di una camminata si sceglie di uscire con il monopattino, anche se si hanno appena quattro anni, il costo della gita rischia di essere particolarmente...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Piazza Affari apre la giornata in positivo (+1,37%) in attesa della risposta dell’Unione europea sulla manovra. A trainare il listino sono i titoli bancari. L’esito della risposta di Bruxelles appare pressoché scontato: dopo la...