In Italia si sperimentano più farmaci. A tutto vantaggio di medici e pazienti 

Pubblicato giovedì, 08 novembre 2018 ‐ La Stampa


Una buona notizia per la nostra sanità, presa tra l’incudine delle ristrettezze di bilancio e il martello dei costi dell’innovazione. Dal 2013 al 2015 gli ospedali pubblici italiani hanno aperto le porte a 6332 sperimentazioni di nuovi medicinali, tra le quali 1.923 no profit. Un trend in crescita se si calcola che nel triennio 2000-2002 l’Aifa ne aveva autorizzate 1.722, poco più di un terzo di quelle for profit rilevate nei tre anni presi in esame dallo studio condotto da Fiaso, la Federazione di Asl e ospedali, presentato a Roma nel corso della Convention del management sanitario, promossa dalla stessa Federazione dal 7 al 9 novembre. 
 
Dati confortanti non solo per aziende sanitarie, industria del farmaco e ricercatori, ma anche per i pazienti, perché la lenta risalita italiana verso posizioni di leadership nella sperimentazione, ricoperte fino ai primi anni ’90, significa maggiore conoscenza da parte dei medici delle nuove armi terapeutiche e più rapida immissione in commercio dei prodotti innovativi. Che promettono di migliorare le cure soprattutto nell’area oncologica, nella quale è stato impegnato il 16,5% dei ricercatori interessati complessivamente dalle sperimentazioni cliniche. Al secondo posto l’area della pediatria, con il 9,6%, seguita dall’ematologia con l’8,4%, dall’area neurologica (7,9%) e da quella cardiologica (5,6%). 
 
Lo studio realizzato da Fiaso in collaborazione con Farmindustria e l’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Università Cattolica di Roma, Altems, rileva che la rinascita della ricerca c’è anche se l’Italia può e deve ancora recuperare terreno in Europa, dato che le sperimentazioni cliniche di farmaci autorizzate dall’Aifa nel 2017 rappresentano il 18% di quelle che hanno avuto il via libera nell’area Ue.  
«La medicina è la scienza del probabile, per questo è importante che si continui a ricercare confrontandosi con gli altri e verificando di volta in volta i risultati acquisiti -, commenta Mario Clerico, presidente del Cipomo, il Collegio dei Primari oncologi ospedalieri - Una struttura che fa ricerca diffonde più conoscenza, non solo sull’uso ottimale dei nuovi farmaci, ma anche rispetto alle possibili varianti di una malattia e questo è tanto più importante in un settore come l’oncologia, dove l’individuazione delle variabili è essenziale al fine della messa a punto di terapie sempre più mirate ed efficaci». 
 
Nel triennio 2013-15 l’indagine Fiaso conta inoltre 507 studi su dispositivi medici, 2.865 altre sperimentazioni e 3.596 studi osservazionali, quelli che studiano le cause delle malattie ricercando la relazione tra i fattori di esposizione e le malattie stesse. In totale 13.300 studi, con una media di oltre 100 per ciascuna azienda ospedaliera, universitaria ed Irccs delle 42 prese in esame. 
Importanti anche i numeri sulla ricaduta economica delle sperimentazioni, che per ciascuna azienda sanitaria hanno generato nel triennio 4 milioni di finanziamenti privati e 5,5 milioni di finanziamenti pubblici nell’ambito del campione osservato, a smentire il luogo comune che in sanità vuole la ricerca interamente in mano al profit. 
«Dati che testimoniano la buone performance organizzative delle nostre aziende sanitarie e la sensibilità del management sulla necessità di implementare la ricerca, nonostante persistano ancora difficoltà legate a procedure burocratiche farraginose e a tempi non sempre brevi di risposta da parte dei Comitati etici», commenta il presidente Fiaso, Francesco Ripa di Meana.  
 
«La ricerca è il cuore pulsante del’ industria farmaceutica - afferma il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi- e lo dimostrano i 700 milioni investiti nel 2017 in studi clinici. E tre imprese su quattro prevedono un aumento degli investimenti in ricerca nei prossimi 3 anni». Un dato importante anche sulla tenuta dei conti sanitari, perché come ricorda Farmindustria un euro investito in studi clinici ne fa risparmiare due al Ssn perché a carico dell’industria ci sono tutti i costi del paziente inserito nello studio. 
 
 










Tag: #Italia #Cronache

Altri articoli pubblicati da La Stampa

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Un marocchino ha visto un uomo con un crocifisso al collo e ha tentato di sgozzarlo insultandolo per essere «italiano e cattolico». Secondo la ricostruzione è accaduto sabato scorso, alla vigilia di Pasqua, davanti alla stazione ...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Ha invitato la ex compagna e la loro figlioletta di 5 anni alla classica gita di Pasquetta fuori porta, con la scusa di andare a vedere i cavalli in un maneggio. Ma una volta arrivati sulle colline di Pesaro, in strada San Nicola, ha aggredito la...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

«O tutti o nessuno, in democrazia funziona così. Non ci sono Comuni di serie A e Comuni di serie B». Salvini chiude alla norma Salva-Roma che il M5s vuole nel decreto Crescita. «Non c’entra nulla - prosegue Salvini - il ...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

«Sono il fotografo che ha scattato quella foto. Potrebbe per cortesia aggiungere i crediti, o rimuovere lo scatto? Grazie». A Samuel Chan, fotografo freelance basato ad Hong Kong e influencer con 23 mila follower su Instagram, il post di...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Proseguono le indagini nello Sri Lanka per individuare i responsabili della strage di Pasqua, costata la vita a 310 persone. Oggi sono stati arrestati altri 10 sospetti. Sono così 40 il numero delle persone fermate in relazione agli attentati...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Sudaticcia e caotica capitale politica, economica e culturale della Polinesia Francese, Tahiti è l’isola mitica in cui sbarcarono Boungainville, Cook e gli ammutinati del Bounty, dove Gauguin immortalò i colori e la selvaggia...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

«Siamo qui per smentire le false notizie che sono state date sul mio conto. Uno dei problemi maggiori del nostro paese è quello della disinformazione e delle fake news». A parlare, in un video postato su Facebook, seduto accanto...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Il gruppo repubblicano Nuova Ira ha ammesso le proprie responsabilità nell’uccisione della giornalista nord irlandese Lyra McKee durante gli scontri a Londonderry e lo ha fatto con una dichiarazione al «The Irish News». La...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

«Assumo saltuariamente sostanza stupefacente e vivo con i miei genitori. Dopo aver incontrato un amico in corso Emilia, sono rimasta da sola in strada. Volevo chiamare un taxi ma avevo la batteria del cellulare scarica. Ho incontrato un...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Il leader nordcoreano Kim Jong-Un visiterà la Russia e incontrerà il presidente Vladimir Putin. Lo conferma l’agenzia di Stato Kcna. Kim si recherà presto in visita nella federazione russa - si afferma in una nota - su...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Arriva a circa 100mila, il numero complessivo dei migranti posizionati lungo tutta la costa libica, che sarebbero pronti ad imbarcarsi per l’Italia appena dovessero ricevere il segnale di farlo. Se l’offensiva lanciata dal generale Haftar ...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Una Pasqua di sangue in Sri Lanka per gli otto attentati compiuti in simultanea alle 8.45 di mattina, sei nella capitale Colombo e altri due a Negombo e Batticaloa. A essere colpiti sono state cinque chiese e tre resort di lusso frequentati anche da...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Alla sette di sera di ieri lo spettro della crisi di governo si materializza all’improvviso. I gialloverdi si erano seduti a tavola a Pasqua – Luigi Di Maio in Sardegna a fare il sub, Matteo Salvini in montagna con i peluche e...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Taranto, Genova, Frosinone e Roma sono le quattro province italiane dove la crisi morde di più. Dove sono in corso o proseguono grandi processi di ristrutturazione o dove si aprono nuovi fronti di crisi. Dove l’economia resta insomma nel ...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Espulso due volte dall’Italia: prima dalla questura di Cuneo e poi da quella di Torino. Arrestato due volte in meno di un mese per aggressione a pubblico ufficiale. Lo scorso 29 marzo aveva cercato di scappare dalla questura di Torino prendendo ...