“I benefici del reddito di cittadinanza finiranno per due terzi al Sud” 

Pubblicato giovedì, 08 novembre 2018 ‐ La Stampa


Per i due terzi i benefici del reddito di cittadinanza finiranno al Sud. Nonostante questo, però, l’intervento del governo gialloverde sui redditi sotto la soglia di povertà rischia di trasformarsi in un flop. Non solo, ma i fondi a disposizione, pur ingenti, non sono assolutamente sufficienti ad assicurare a tutti i 780 euro al mese promessi. Al posto degli 8 miliardi stanziati con la legge di Bilancio ne servirebbero infatti 15.
 

 
In attesa che questa misura venga dettagliata, la Svimez - che ha presentato il suo rapporto annuale - ha effettuato una stima sull’impatto del Reddito di cittadinanza oltre che del complesso della manovra per il 2019. Risultato? Considerando una spesa di 8 miliardi, al netto di 1 miliardo destinato alla riqualificazione dei centri per l’impiego, la misura – spiega il rapporto - consentirebbe di ampliare significativamente la platea dei destinatari rispetto all’attuale Reddito di inclusione ma non di assicurare il raggiungimento della soglia dei 780 euro indicata dal governo, in quanto, secondo i calcoli dell’Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno, per arrivare a questa soglia bisognerebbe stanziare il doppio dei fondi, 15 miliardi di euro. Con le risorse attuali, infatti, sarebbe possibile erogare solamente un sussidio compreso tra i 255 euro per una famiglia con un solo componente e i 712 per una con 5 o più componenti.  
 
Il gap dei servizi per l’impiego
 
L’efficacia di un sussidio monetario in zone quali le periferie urbane, le aree interne del Sud come del Nord in cui sono estremamente deboli le strutture pubbliche che offrono servizi al cittadino – rileva poi la Svimez - dipenderà dal collegamento tra il beneficio economico e la partecipazione a programmi di attivazione e di accettazione di offerte di lavoro. E ciò, nel Mezzogiorno soprattutto, rischia di non potersi realizzare per le attuali, scarse potenzialità dei centri per l’impiego. Senza dimenticare che solo la effettiva disponibilità di posti di lavoro nelle aree meridionali può consentire di non trasformare questa misura in assistenziale. 
 
Più in generale, grazie al significativo incremento delle di prestazioni sociali e consumi collettivi, sostenute dal pensionamento anticipato (Quota 100) e dall’avvio del Reddito di cittadinanza, è comunque il Mezzogiorno che guadagna di più dalle misure espansive inserite nella manovra assorbendo ben il 40% delle maggiori spese previste nel 2019-20. Col risultato che il Pil del Mezzogiorno aumenterebbe dello 0,3% nel 2019 rispetto all’1% previsto e di poco più dello 0,4% nel 2020 rispetto al +0,9% ipotizzato rimanendo di fatto stabile, contro il +02% e +0,24% del Centro-Nord che invece continuerebbe a declinare rispetto al 2017-2018.  
 
La Svimez ha valutato anche l’effetto dell’ampliamento dello spread: ipotizzando una innalzamento nel 2019 e 2020 sui livelli attuali (300 punti) nel Mezzogiorno si avrebbe una minore crescita nel 2019 di circa lo 0,33% e dell’ 0,35% nel 2020. Nel Centro-Nord, invece, l’effetto sarebbe più morbido: -0,22% nel 2019 e dello 0,25% nel 2020.  










Tag: #Economia

Altri articoli pubblicati da La Stampa

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Un marocchino ha visto un uomo con un crocifisso al collo e ha tentato di sgozzarlo insultandolo per essere «italiano e cattolico». Secondo la ricostruzione è accaduto sabato scorso, alla vigilia di Pasqua, davanti alla stazione ...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Ha invitato la ex compagna e la loro figlioletta di 5 anni alla classica gita di Pasquetta fuori porta, con la scusa di andare a vedere i cavalli in un maneggio. Ma una volta arrivati sulle colline di Pesaro, in strada San Nicola, ha aggredito la...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

«O tutti o nessuno, in democrazia funziona così. Non ci sono Comuni di serie A e Comuni di serie B». Salvini chiude alla norma Salva-Roma che il M5s vuole nel decreto Crescita. «Non c’entra nulla - prosegue Salvini - il ...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

«Sono il fotografo che ha scattato quella foto. Potrebbe per cortesia aggiungere i crediti, o rimuovere lo scatto? Grazie». A Samuel Chan, fotografo freelance basato ad Hong Kong e influencer con 23 mila follower su Instagram, il post di...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Proseguono le indagini nello Sri Lanka per individuare i responsabili della strage di Pasqua, costata la vita a 310 persone. Oggi sono stati arrestati altri 10 sospetti. Sono così 40 il numero delle persone fermate in relazione agli attentati...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Sudaticcia e caotica capitale politica, economica e culturale della Polinesia Francese, Tahiti è l’isola mitica in cui sbarcarono Boungainville, Cook e gli ammutinati del Bounty, dove Gauguin immortalò i colori e la selvaggia...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

«Siamo qui per smentire le false notizie che sono state date sul mio conto. Uno dei problemi maggiori del nostro paese è quello della disinformazione e delle fake news». A parlare, in un video postato su Facebook, seduto accanto...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Il gruppo repubblicano Nuova Ira ha ammesso le proprie responsabilità nell’uccisione della giornalista nord irlandese Lyra McKee durante gli scontri a Londonderry e lo ha fatto con una dichiarazione al «The Irish News». La...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

«Assumo saltuariamente sostanza stupefacente e vivo con i miei genitori. Dopo aver incontrato un amico in corso Emilia, sono rimasta da sola in strada. Volevo chiamare un taxi ma avevo la batteria del cellulare scarica. Ho incontrato un...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Il leader nordcoreano Kim Jong-Un visiterà la Russia e incontrerà il presidente Vladimir Putin. Lo conferma l’agenzia di Stato Kcna. Kim si recherà presto in visita nella federazione russa - si afferma in una nota - su...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Arriva a circa 100mila, il numero complessivo dei migranti posizionati lungo tutta la costa libica, che sarebbero pronti ad imbarcarsi per l’Italia appena dovessero ricevere il segnale di farlo. Se l’offensiva lanciata dal generale Haftar ...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Una Pasqua di sangue in Sri Lanka per gli otto attentati compiuti in simultanea alle 8.45 di mattina, sei nella capitale Colombo e altri due a Negombo e Batticaloa. A essere colpiti sono state cinque chiese e tre resort di lusso frequentati anche da...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Alla sette di sera di ieri lo spettro della crisi di governo si materializza all’improvviso. I gialloverdi si erano seduti a tavola a Pasqua – Luigi Di Maio in Sardegna a fare il sub, Matteo Salvini in montagna con i peluche e...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Taranto, Genova, Frosinone e Roma sono le quattro province italiane dove la crisi morde di più. Dove sono in corso o proseguono grandi processi di ristrutturazione o dove si aprono nuovi fronti di crisi. Dove l’economia resta insomma nel ...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ La Stampa

Espulso due volte dall’Italia: prima dalla questura di Cuneo e poi da quella di Torino. Arrestato due volte in meno di un mese per aggressione a pubblico ufficiale. Lo scorso 29 marzo aveva cercato di scappare dalla questura di Torino prendendo ...