“I benefici del reddito di cittadinanza finiranno per due terzi al Sud”  

Pubblicato giovedì, 08 novembre 2018 ‐ La Stampa


Per i due terzi i benefici del reddito di cittadinanza finiranno al Sud. Nonostante questo, però, l’intervento del governo gialloverde sui redditi sotto la soglia di povertà rischia di trasformarsi in un flop. Non solo, ma i fondi a disposizione, pur ingenti, non sono assolutamente sufficienti ad assicurare a tutti i 780 euro al mese promessi. Al posto degli 8 miliardi stanziati con la legge di Bilancio ne servirebbero infatti 15.
 

 
In attesa che questa misura venga dettagliata, la Svimez - che ha presentato il suo rapporto annuale - ha effettuato una stima sull’impatto del Reddito di cittadinanza oltre che del complesso della manovra per il 2019. Risultato? Considerando una spesa di 8 miliardi, al netto di 1 miliardo destinato alla riqualificazione dei centri per l’impiego, la misura – spiega il rapporto - consentirebbe di ampliare significativamente la platea dei destinatari rispetto all’attuale Reddito di inclusione ma non di assicurare il raggiungimento della soglia dei 780 euro indicata dal governo, in quanto, secondo i calcoli dell’Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno, per arrivare a questa soglia bisognerebbe stanziare il doppio dei fondi, 15 miliardi di euro. Con le risorse attuali, infatti, sarebbe possibile erogare solamente un sussidio compreso tra i 255 euro per una famiglia con un solo componente e i 712 per una con 5 o più componenti.  
 
Il gap dei servizi per l’impiego 
L’efficacia di un sussidio monetario in zone quali le periferie urbane, le aree interne del Sud come del Nord in cui sono estremamente deboli le strutture pubbliche che offrono servizi al cittadino – rileva poi la Svimez - dipenderà dal collegamento tra il beneficio economico e la partecipazione a programmi di attivazione e di accettazione di offerte di lavoro. E ciò, nel Mezzogiorno soprattutto, rischia di non potersi realizzare per le attuali, scarse potenzialità dei centri per l’impiego. Senza dimenticare che solo la effettiva disponibilità di posti di lavoro nelle aree meridionali può consentire di non trasformare questa misura in assistenziale. 
 
Più in generale, grazie al significativo incremento delle di prestazioni sociali e consumi collettivi, sostenute dal pensionamento anticipato (Quota 100) e dall’avvio del Reddito di cittadinanza, è comunque il Mezzogiorno che guadagna di più dalle misure espansive inserite nella manovra assorbendo ben il 40% delle maggiori spese previste nel 2019-20. Col risultato che il Pil del Mezzogiorno aumenterebbe dello 0,3% nel 2019 rispetto all’1% previsto e di poco più dello 0,4% nel 2020 rispetto al +0,9% ipotizzato rimanendo di fatto stabile, contro il +02% e +0,24% del Centro-Nord che invece continuerebbe a declinare rispetto al 2017-2018.  
 
La Svimez ha valutato anche l’effetto dell’ampliamento dello spread: ipotizzando una innalzamento nel 2019 e 2020 sui livelli attuali (300 punti) nel Mezzogiorno si avrebbe una minore crescita nel 2019 di circa lo 0,33% e dell’ 0,35% nel 2020. Nel Centro-Nord, invece, l’effetto sarebbe più morbido: -0,22% nel 2019 e dello 0,25% nel 2020.  










Tag: #Economia

Altri articoli pubblicati da La Stampa

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

Quattordici persone sono state arrestate in Kenya in una maxioperazione nell’ambito del rapimento della cooperante italiana Silvia Romano. Lo riferisce il media kenyano Daily Nation. Fonti di polizia di Malindi hanno detto che 14 persone sono...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

In una delle slide che saranno presentate oggi pomeriggio compare un motto, “conoscere per deliberare”, che ci è particolarmente caro, perché sintetizza l’intera storia e i valori che ispirano l’azione della...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

Se n’è andato stanotte, ad appena 62 anni, anche Igor Korobov, il capo del Gru, i servizi segreti militari russi. Korobov aveva guidato il Gru dal gennaio 2016, quando sostituì  Igor Sergun, morto anche a lui a neanche...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

Per la prima volta la Commissione europea scrive nero su bianco che ci sono le condizioni per aprire una procedura contro uno Stato membro a causa del suo debito. Non era mai successo, ma c’è sempre una prima volta. A fare da cavia su...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

«Aiutami Ronald. Per favore aiutami». Questo l’ultimo grido disperato di Silvia Costanza Romano, la 23enne milanese, rapita da un commando armato a Chakama, villaggio rurale del Kenya a 60 chilometri da Malindi, area turistica...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

È un corteo mesto. Gruppi di persone che sbucano dalle via laterali di via Cavour, a San Giorgio su Legnano. Ragazzi, facce segnate di lavoratori più grandi, madri di famiglie con il velo, hanno tutti la stessa espressione attonita. Si...

Servizi segreti: Vecchione nominato al Dis, Carta all’Aise  Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Si è conclusa la riunione del Comitato Interministeriale di Sicurezza della Repubblica (Cisr) nel corso della quale sono stati nominati il nuovo direttore del Dis (Dipartimento delle informazioni per la sicurezza della Repubblica), il Generale ...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Anche con le scarpe firmate Dolce & Gabbana si può scivolare. E farsi male, molto. Ma online puoi sempre dire che è stato un hacker a farti cadere. Così come ha fatto Stefano Gabbana: questa scusa non è servita per...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

«Il contributo generoso di decine di donne e uomini del mondo dello spettacolo, della cultura, della moda, dello sport, dell’università, dell’informazione e della politica seguitissimi sui canali social, ha fatto sì...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Sarebbe causata da un «errore tecnico» involontario l’esposizione di email e nomi notificata da Amazon ad alcuni suoi utenti via mail. Gli stessi clienti hanno condiviso sui social network gli screenshot degli avvisi, nei quali si...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Le ossa trovate a Villa Giorgina, sede della Nunziatura Apostolica, risalirebbero a oltre 100 anni fa. Questo quanto è emerso dai primi accertamenti che sembrano dunque allontanare l’ipotesi iniziale di un collegamento tra i reperti e le ...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Una passeggiata con il sole di settembre tra le calli di Venezia non ha prezzo. Ma se al posto di una camminata si sceglie di uscire con il monopattino, anche se si hanno appena quattro anni, il costo della gita rischia di essere particolarmente...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

La scoperta di nuove forme di vita marine mai viste nel Mediterraneo ha portato il numero di specie aliene (o alloctone, come vengono definite in termini scientifici) registrate fino ad oggi vicino alla cifra di 800. Una su quattro di queste specie,...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Una passeggiata con il sole di settembre tra le calli di Venezia non ha prezzo. Ma se al posto di una camminata si sceglie di uscire con il monopattino, anche se si hanno appena quattro anni, il costo della gita rischia di essere particolarmente...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Piazza Affari apre la giornata in positivo (+1,37%) in attesa della risposta dell’Unione europea sulla manovra. A trainare il listino sono i titoli bancari. L’esito della risposta di Bruxelles appare pressoché scontato: dopo la...