Chi ha inventato il reddito di cittadinanza? 

Pubblicato venerdì, 14 settembre 2018 ‐ La Stampa


Il presidente francese Emmanuel Macron ha proposto una nuova versione di reddito universale per i cittadini francesi
. In Italia è ancora in discussione la proposta di un reddito di cittadinanza che vada a sostituire il reddito di inclusione. 
 
Quando si parla delle origini dell’idea di reddito di cittadinanza viene spesso citato il filosofo inglese Thomas More (Tommaso Moro) come primo ad averlo proposto. In realtà, nel suo libro Utopia il personaggio di nome Raphael dice a un certo punto che siccome “non c’è pena abbastanza orribile per impedire di rubare a chi non ha altro mezzo di sussistenza” anziché punire i ladri “bisognerebbe provvedere affinché abbiano i mezzi per guadagnarsi da vivere, in modo che nessuno sia portato alla necessità estrema di rubare”. 
 
La proposta è dunque di aiutare a guadagnare chi è senza soldi, non di sostenerlo economicamente. More esprime un’idea più vicina a quella del lavoro garantito
, di cui si sta tornando a discutere negli Stati Uniti, piuttosto che quella di un reddito garantito per tutti, anche senza che una persona lavori. 
 
La storia del reddito di cittadinanza è stata ricostruita nel libro Il reddito minimo universale, scritto dal filosofo politico Philippe Van Parijs e dal docente di Scienze politiche Yannik Vanderborght. 
 
Il primo esperimento di uno strumento di aiuto economico generalizzato risalirebbe al 1795 e sarebbe stato realizzato a Spennhamland, nell’Inghilterra meridionale, dove i magistrati obbligarono le parrocchie “a versare un sussidio che integri i salari dei lavoratori poveri, in modo da raggiungere una soglia che tenga conto della composizione della famiglia e che sia indicizzata sul prezzo del grano”.  
 
Per gli economisti e i sociologi quello di Spennhamland era in realtà un sistema di reddito minimo: una integrazione che consenta di raggiungere la cifra considerata quella minima per poter sopravvivere.  
 
Il reddito di cittadinanza in senso stretto è invece una misura di tipo ancora più generale: una cifra che lo Stato versa a tutti i propri cittadini, indipendentemente dal fatto che lavorino o guadagnino. In questo senso, anche quello di cui si sta discutendo in Italia e in Francia va qualificato come salario minimo e non come reddito di cittadinanza.  
 
La prima proposta di un vero e proprio reddito di cittadinanza venne avanzata dal filosofo illuminista britannico Thomas Paine, vissuto nel 1700, il quale propose che a tutte le persone che avessero compiuto 21 anni fosse assegnata una somma di 15 sterline.  
 
Le politiche di sostegno al reddito sono considerate di sinistra, ma la prima proposta di applicazione su larga scala per uno Stato moderno fu del presidente repubblicano degli Stati Uniti Richard Nixon, che la portò avanti tra il 1969 e il 1970, senza riuscire ad ottenere la sua approvazione da Camera e Senato. 
 
Oggi nel mondo sono in corso poche sperimentazioni di un reddito di cittadinanza. La più famosa, quella avviata in Finlandia nel 2016 su un numero limitato di persone, è stata interrotta dopo due anni. In Kenia è in corso un altro esperimento per il quale è stata programmata una durata di 12 anni. Non esistono dati univoci sui risultati che si possono ottenere con queste misure economiche. Anche le analisi dedicate all’esperimento di Spennhamland, considerato fallimentare, sono state riviste. L’argomento è oggetto di dibattito scientifico, come dimostra l’articolo pubblicato dalla rivista Nature a maggio

 










Tag: #Italia #Politica

Altri articoli pubblicati da La Stampa

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

In una delle slide che saranno presentate oggi pomeriggio compare un motto, “conoscere per deliberare”, che ci è particolarmente caro, perché sintetizza l’intera storia e i valori che ispirano l’azione della...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

Se n’è andato stanotte, ad appena 62 anni, anche Igor Korobov, il capo del Gru, i servizi segreti militari russi. Korobov aveva guidato il Gru dal gennaio 2016, quando sostituì  Igor Sergun, morto anche a lui a neanche...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

Per la prima volta la Commissione europea scrive nero su bianco che ci sono le condizioni per aprire una procedura contro uno Stato membro a causa del suo debito. Non era mai successo, ma c’è sempre una prima volta. A fare da cavia su...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

«Aiutami Ronald. Per favore aiutami». Questo l’ultimo grido disperato di Silvia Costanza Romano, la 23enne milanese, rapita da un commando armato a Chakama, villaggio rurale del Kenya a 60 chilometri da Malindi, area turistica...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ La Stampa

È un corteo mesto. Gruppi di persone che sbucano dalle via laterali di via Cavour, a San Giorgio su Legnano. Ragazzi, facce segnate di lavoratori più grandi, madri di famiglie con il velo, hanno tutti la stessa espressione attonita. Si...

Servizi segreti: Vecchione nominato al Dis, Carta all’Aise  Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Si è conclusa la riunione del Comitato Interministeriale di Sicurezza della Repubblica (Cisr) nel corso della quale sono stati nominati il nuovo direttore del Dis (Dipartimento delle informazioni per la sicurezza della Repubblica), il Generale ...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Anche con le scarpe firmate Dolce & Gabbana si può scivolare. E farsi male, molto. Ma online puoi sempre dire che è stato un hacker a farti cadere. Così come ha fatto Stefano Gabbana: questa scusa non è servita per...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

«Il contributo generoso di decine di donne e uomini del mondo dello spettacolo, della cultura, della moda, dello sport, dell’università, dell’informazione e della politica seguitissimi sui canali social, ha fatto sì...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Sarebbe causata da un «errore tecnico» involontario l’esposizione di email e nomi notificata da Amazon ad alcuni suoi utenti via mail. Gli stessi clienti hanno condiviso sui social network gli screenshot degli avvisi, nei quali si...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Le ossa trovate a Villa Giorgina, sede della Nunziatura Apostolica, risalirebbero a oltre 100 anni fa. Questo quanto è emerso dai primi accertamenti che sembrano dunque allontanare l’ipotesi iniziale di un collegamento tra i reperti e le ...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Una passeggiata con il sole di settembre tra le calli di Venezia non ha prezzo. Ma se al posto di una camminata si sceglie di uscire con il monopattino, anche se si hanno appena quattro anni, il costo della gita rischia di essere particolarmente...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

La scoperta di nuove forme di vita marine mai viste nel Mediterraneo ha portato il numero di specie aliene (o alloctone, come vengono definite in termini scientifici) registrate fino ad oggi vicino alla cifra di 800. Una su quattro di queste specie,...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Una passeggiata con il sole di settembre tra le calli di Venezia non ha prezzo. Ma se al posto di una camminata si sceglie di uscire con il monopattino, anche se si hanno appena quattro anni, il costo della gita rischia di essere particolarmente...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Piazza Affari apre la giornata in positivo (+1,37%) in attesa della risposta dell’Unione europea sulla manovra. A trainare il listino sono i titoli bancari. L’esito della risposta di Bruxelles appare pressoché scontato: dopo la...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ La Stampa

Si avvia a conclusione l’indagine della procura di Nizza sulla strage del 14 luglio 2016 quando il camion di un terrorista islamico aveva travolto e ucciso 86 persone, provocando 450 feriti, sulla promenade des Anglais, al termine dello...