"Verdini mi diceva chi accusare". Le nuove rivelazioni dell’avvocato Amara sui depistaggi Eni

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ La Repubblica.it

"Denis Verdini mi scrive le dichiarazioni che avrei dovuto rendere nel processo a suo carico a Messina per finanziamenti illeciti". Sono le prime dichiarazioni che trapelano dai nuovi verbali di Pietro Amara, l'avvocato al centro di una ragnatela di potere che ha avvolto tutta Italia. Nello scorso dicembre Amara - già arrestato nel 2018, patteggiando una pena a tre anni - ha fatto altre rivelazioni davanti ai pm di Milano, da cui giovedì è scaturita una serie di perquisizioni. Al centro i depistaggi nei processi relativi all'Eni e in particolare a Claudio Descalzi, attuale numero uno del colosso petrolifero. Ma il legale delle trame ha parlato anche di interventi illeciti per pilotare inchieste, processi e incarichi statali.


Amara ha consegnato ai magistrati un "appunto manoscritto in originale redatto" da Verdini, circostanza citata nei provvedimenti di perquisizione. E ha spiegato: "Nell'attività di depistaggio è stata strumentalizzata anche l'attività parlamentare". Secondo l'avvocato, "molto di recente, attraverso Denis Verdini, gli è stato nuovamente proposto di scaricare la responsabilità del finto complotto su Massimo Mantovani (ex capo dell'ufficio legale di Eni) e Antonio Vella (ex numero due della società)". Amara ha affermato che Verdini gli avrebbe ribadito "che qualora avessi parlato della vicenda Eni avrei dovuto sostanzialmente dire che Vella e Mantovani volevano salvare Descalzi ed erano i reali ispiratori della manovre". L'operazione prevedeva pure un intervento in Parlamento: "Ho incaricato un senatore di Ala, Lucio Barani, presidente del gruppo di Ala, a depositare un'interrogazione parlamentare diretta a costituire una commissione di inchiesta per far luce sul complotto ai danni dei vertici Eni. Ribadisco che l'interrogazione parlamentare era funzionale a far istituire una commissione di inchiesta che si occupasse delle vicende di Milano e di Siracusa".


La portata di questo depistaggio secondo la procura milanese era altissima. E mirava al controllo dell'Eni. Secondo i pm, gli indagati erano "tutti interessati a vario titolo a proteggere Descalzi  dalle indagini per corruzione internazionale". Amara sostiene che "Claudio Granata, capo del personale del gruppo, in accordo con Descalzi era stato l'ispiratore della richiesta" a Vincenzo Armanna, ex manager della società, "di ritrattare le dichiarazioni nel procedimento sul caso Nigeria e di avvalersi nel processo della facoltà di non rispondere in cambio della promessa di riassunzione in Eni e di guadagni che Eni gli avrebbe veicolato". Nei documenti la procura fornisce una ricostruzione della trama, indicando numerosi personaggi coinvolti. Lo stesso Amara "ha ricevuto denaro al fine di serbare il silenzio sul coinvolgimento di Granata nelle iniziative giudiziarie". E gli sarebbero stati promessi "compensi professionali non inferiori ai 150.000 euro all'anno". Scrivono i pm: "Sono emersi elementi gravi e concreti che consentono di ritenere che un gruppo di persone unite tra loro da stretti legami personali e/o di affari, tra cui dirigenti e avvocati interni ed esterni della società Eni abbia dato vita ad una associazione a delinquere per intralciare l'attività giudiziaria, depistare e delegittimare, attraverso false denunce e la costruzione ad hoc di un complotto sorretto da missive anonime e documenti falsi" le inchieste milanesi. Procedimenti "che vedono coinvolta, fra gli altri, l'Eni, Descalzi e l'ex ad Scaroni, con il particolare intento di far risultare falsamente che quanto emerso fosse il frutto di una macchinazione ai loro danni".


Immediata la replica dell'azienda: "Eni, in merito ai provvedimenti emessi giovedì dalla Procura di Milano, desidera confermare la propria stima nei confronti degli attuali dirigenti interessati". La società ribadisce "la fermissima convinzione di essere parte lesa". E "tiene a evidenziare con grande sconcerto che le accuse alla base dei provvedimenti sono state formulate dai signori Piero Amara e Giuseppe Calafiore, soggetti pluripregiudicati e Vincenzo Armanna indagato sia nel procedimento relativo alla Nigeria, sia in quello relativo al cosiddetto depistaggio". Nella sua nota Eni ricorda "come, a luglio dello scorso anno, nell'ambito del procedimento Nigeria, sia stato  depositato dal difensore di uno degli imputati un documento della Polizia giudiziaria di Torino in cui Armanna, in una conversazione con Amara, al fine di volere estromettere alcuni manager di Eni dalla gestione delle attività nigeriane, rispetto alle quali nutriva interessi economici personali, prometteva di adoperarsi per causare l'emissione di avvisi di garanzia a loro carico da parte della Procura di Milano". E conclude: "Eni è certa che gli accertamenti della magistratura inquirente, nella cui attività la società ripone assoluta ed incondizionata fiducia, consentiranno di chiarire ulteriormente l'estraneità della società e degli attuali manager interessati dal provvedimento alle ipotesi investigative"

Tag: #Cronaca

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato venerdì, 21 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

Il 22 e 23 febbraio l'Anpi torna nelle piazze di tutta Italia per le sue giornate nazionali del tesseramento (qui l'elenco completo degli eventi in programma). Dopo il gravissimo episodio di sangue avvenuto ad Hanau e gli innumerevoli atti vandalici...

Pubblicato venerdì, 21 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

MILANO - Quota 100 resterà in vigore per il triennio di sperimentazione come previsto e soltanto dopo si potrà pensare a qualche correttivo, come ad esempio la correzione verso quota 101. Lo ha chiarito la ministra della Pubblica...

Pubblicato venerdì, 21 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

MILANO - Dicembre in chiaroscuro per l'industria italiana. Secondo i dati diffusi oggi dall'Istat gli ordinativi sono risultati in crescita dell'1,4% su base mensile a fronte però di una flessione del fatturato, in rallentamento del 3%...

Pubblicato venerdì, 21 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

RAVENNA - Ignoti vandali la scorsa notte hanno imbrattato il monumento che ricorda la strage del 1944 del Ponte degli Allocchi in centro a Ravenna con il simbolo delle SS. Sulla lapide commemorativa delle 12 persone, perlopiù legate ad...

Pubblicato venerdì, 21 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

RIO DE JANEIRO (Brasile) - Due azzurri sono approdati nei quarti di finale del "Rio Open", torneo Atp World Tour 500 dotato di un montepremi di 1.759.905 dollari in corso sui campi in terra rossa di Rio de Janeiro, in Brasile. Lorenzo...

Pubblicato venerdì, 21 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

PECHINO – Ora non è più solo Cina. L'emergenza coronavirus si sta allargando ad altri Paesi asiatici, dove emergono focolai di contagio preoccupanti. Il caso più eclatante è quello della Corea del Sud, che fino a due giorni fa...

Pubblicato venerdì, 21 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

NEW YORK (Stati Uniti) - Riprende la regular season Nba dopo la pausa All Star Game e regala subito spettacolo e un confronto ricco di canestri e punti: Atlanta Hawks e Miami Heat, infatti, se le danno di santa ragione e, alla fine,...

Pubblicato venerdì, 21 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

Un ultimatum al governo Conte. È quella che arriva da Matteo Renzi su Facebook dopo lo show da Bruno Vespa a Porta a Porta di mercoledì sera e il "piano shock" per l'Italia presentato ieri in conferenza stampa. Il leader di Italia Viva scrive...

Pubblicato venerdì, 21 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

Sono 141 - tra medici e paramedici - i dipendenti dell'ospedale G.B. Grassi di Ostia denunciati all'autorità giudiziaria dai finanzieri del Comando provinciale di Roma per aver permesso ad amici e parenti di eseguire accertamenti diagnostici...

Pubblicato venerdì, 21 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

Sono 1.830.000 italiani gli italiani che hanno annullato i viaggi che avevano in programma nei prossimi tre mesi, anche se la destinazione non era la Cina per timore del coronavirus.  E' quanto risulta dall'indagine realizzata per Facile.it con...

Pubblicato venerdì, 21 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

Dopo 140 il Perù ritrova il prezioso manoscritto del XIX secolo contenente le memorie di antichi governanti Inca. Ne dà notizia il Canal N della tv peruviana mostrando il documento scomparso durante l'occupazione cilena di Lima nella Guerra del...

Pubblicato venerdì, 21 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

Un potente antibiotico in grado di debellare anche i batteri più resistenti è stato scoperto dagli scienziati dell'Mit (Massachusetts Institute of Technology) per la prima volta utilizzando l'intelligenza artificiale. In base ai test di laboratorio,...

Pubblicato venerdì, 21 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

Carta, bancomat o assegno, per le spese detraibili è scattata l'ora degli strumenti tracciabili. Unica eccezione le spese sanitarie, in tutti i casi in cui ci si rivolge a strutture pubbliche e si paga il ticket. Contanti ammessi anche per le spese in...

Pubblicato venerdì, 21 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

L'Antitrust bacchetta il Parlamento e, sulla fine del mercato tutelato, si esprime senza mezzi termini: la scadenza del primo gennaio 2022 è "inderogabile". Per quella data tutti i clienti di luce e gas dovranno passare al mercato libero. Un altro...

Pubblicato venerdì, 21 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

I passeggeri che avevano prenotato voli intercontinentali sono, loro malgrado, i più danneggiati dalla sospensione dei voli di Air Italy. Non c’è dubbio sul fatto che una email diretta a tutti i passeggeri con un volo prenotato avrebbe almeno...