Un anno senza Nadia Toffa, l'omaggio delle amiche Iene

Pubblicato mercoledì, 12 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

Coraggio e passione. Nadia Toffa le metteva nel lavoro e nella vita, colpiva al cuore. Il 13 agosto di un anno fa moriva la iena per cui l’Italia aveva fatto il tifo, la ragazza che sorrideva sempre, a tutti “perché non voglio che le persone siano tristi”. Aveva 40 anni. Ha combattuto contro il tumore, è stata di ispirazione per tanti malati, non ha mollato mai: tutto raccontato, documentato. E il 13 agosto in prima serata su Italia 1 andrà in onda lo speciale Le iene per Nadia dalla prime apparizioni in tv al servizio sull’Ilva di Taranto all’inchiesta sulla Terra dei fuochi, alla dedica di Lorenzo Jovanotti durante il concerto.

Morta Nadia Toffa, la sua lotta al cancro in 10 frasi in riproduzione.... Condividi  

Nel 2013 si occupa per la prima volta dell’Ilva, un impegno importante che ha portato Nadia a ricevere la cittadinanza onoraria di Taranto, dopo la proposta partita dai cittadini con appelli e messaggi social. Era diventata una bandiera, aveva parlato con le famiglie e i bambini, ascoltato le storie di chi si era trovato a combattere contro il cancro. Nel 2017 Nadia era stata la madrina della campagna “Ie jesche pacce pe te”, realizzata dal gruppo Amici del Mini Bar del quartiere Tamburi di Taranto; aveva sostenuto la raccolta fondi - tramite la vendita delle magliette con quello slogan - per il reparto di pediatria dell'Ospedale Santissima Annunziata di Taranto. Il 25 settembre 2019, grazie a una petizione firmata da più di 90mila persone, quel reparto era stato intitolato a lei.


Morta Nadia Toffa, i messaggi dei famosi per la donna e giornalista coraggiosa in riproduzione.... Condividi  

Dopo la sua morte, la trasmissione riprese con cento iene riunite (tra gli altri Afef, Claudio Bisio Enrico Brignano, Alessandro Cattelan, Geppi Cucciari, Luciana Littizzetto, Enrico Lucci, Luca e Paolo, Simona Ventura, Fabio Volo) solo per lei, lo scricchiolo innamorato del giornalismo d’inchiesta, che non si fermava davanti a nessuno. Aveva realizzato il suo sogno quando cominciò a lavorare al programma. Convinse Davide Parenti, papà delle Iene, a farle un provino. Lei lavorava già in una televisione privata. Lui, perplesso, le spiegò che il mestiere si impara sul campo: e Nadia mollò il lavoro sicuro e si presentò in redazione, tutti i giorni: “La prima a arrivare, l’ultima ad andare via” racconta Parenti, che spiega come il lavoro per Nadia fosse la vita. Una passione assoluta. “Era innamorata del suo mestiere, non si fermava mai. Non passa giorno senza pensare a lei, è sempre con noi”.

'100 Iene' per ricordare Nadia Toffa: ''Non è importante quanto vivi ma come vivi'' in riproduzione.... Condividi  

Poi divenne conduttrice, “energia pura” come l’hanno definita, entusiasta della vita. Con una vena di follia contagiosa per cui si faceva voler bene: “Credo che se Nadia ci vedesse riderebbe” dice Parenti “perché in questo speciale che le abbiamo dedicato  parleranno tutte le persone che hanno lavorato con lei, quelle che normalmente stanno dietro le telecamere e non è facilissimo stare davanti… Questa cosa ci costa moltissimo la facciamo solo per lei”. C’è la commozione, inevitabile, ma ci sono tante risate in un amarcord che ricostruisce la personalità della piccola grande “guerriera”. Quando si ammalò fu criticata perché definì il cancro “un dono". “Ma per lei” spiega Parenti “era un modo per rivendicare la forza d'animo con cui reagire, da guerrieri. Nadia non voleva spaventarci, e voleva lanciare sempre un messaggio positivo, infondere forza”. Un atteggiamento che ha contraddistinto la sua lotta, sempre col sorriso.

Nadia Toffa, la madre a Bari: "Ci ha insegnato a non fare mai i bravi" in riproduzione.... Condividi  

Una forza che colpì anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che nel giorno più triste, si unì al dolore di parenti e amici "colpito dalla prematura scomparsa" ricordando su Twitter "la vivacità e simpatia del suo impegno di giornalista e il coraggio con cui ha affrontato la malattia". Le amiche Iene le dedicarono un post commosso: "Qualcuno potrebbe pensare che hai perso, ma chi ha vissuto come te, non perde mai. Hai combattuto a testa alta col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all'ultimo, fino a oggi. D'altronde nella vita hai lottato sempre. Hai lottato anche quando sei arrivata da noi, e forse é per questo che ci hai conquistati da subito. È stato un colpo di fulmine con te, Toffa".

"Bella", la dedica di Jovanotti a Nadia Toffa sulla spiaggia di Policoro in riproduzione.... Condividi  

Nadia Toffa si era sentita male nel dicembre 2017 in un albergo di Trieste. Le sue condizioni erano apparse subito molto serie, fu trasferita al San Raffaele a Milano. Dopo due mesi di cure, a febbraio 2018 era tornata in video: "Ho avuto un cancro", spiegò al pubblico. Poi aveva raccontato la lotta contro il tumore in un libro, Fiorire d'inverno. In un post su Instagram, aveva definito "quello che tutti considerano una sfiga, il cancro", "un dono, un'occasione, una opportunità". Parole che le avevano attirato feroci critiche sui social e non solo. Ma al di là delle polemiche, era diventata il simbolo di chi combatteva la malattia, a testa alta. "Non vinciamo sempre", aveva scritto in una lettera a Repubblica, "non siamo sempre i più forti, i più sani, i più intelligenti, e quando succede di inciampare, di farci male, ricordiamo di essere così fragili che tutto si può scompaginare all'improvviso, con la facilità con cui si soffiano via le briciole dalla tavola".

Taranto, blackout allo stadio: i tifosi 'accendono' la curva nel nome di Nadia Toffa in riproduzione.... Condividi  
Le Iene per Nadia è un omaggio con contenuti inediti, ricordi, interviste; ripercorre momenti della vita lavorativa di Toffa: dal primo servizio da inviata alla prima conduzione, le inchieste più importanti, quelle che suscitarono più clamore, fino alle ultime apparizioni in tv. E tante curiosità: lo scherzo a Teo Mammucari in cui Nadia avrebbe dovuto farlo innamorare (2013), i racconti divertenti sul suo modo di parlare con chiunque mantenendo la distanza di un centimetro, la puntata condotta insieme a Fedez e J-Ax; l’intervista al primo amore cinematografico Terence Hill (2018) che le regalò una ciotola autografata per mangiare i fagioli. Fino al primo ottobre del 2019 quando il programma tornò in onda dopo la sua scomparsa con le cento iene a renderle omaggio. “Abbiamo pensato a lungo come ripartire senza Nadia, con un po' di fortuna abbiamo fatto una prima puntata molto bella” dice Max Ferrigno, che insieme a Davide Parenti organizzò la reunion, “non credo possa venire ugualmente bella se la riprovassimo altre mille volte”.

Tag: #Spettacoli #Tv-radio

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020 ‐ La Repubblica.it

BENEVENTO - Non c'è partita al Vigorito, perché l'Inter fa l'Inter e il Benevento non può regge la forza d'urto. Viene facile parafrasare De Gregori: non è da questi particolari che si giudica una neo promossa. Ben altre le gare che...

Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020 ‐ La Repubblica.it

Un'immagine del presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ritagliata per essere sostituita ad Aldo Moro nella storica foto del rapimento da parte delle Brigate rosse. I manifesti - che non sono stati firmati da alcun gruppo - sono apparsi in...

Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020 ‐ La Repubblica.it

Appena due giorni fa Ivano Iai - legale sardo della famiglia del dimissionario monsignor Giovanni Angelo Becciu - aveva presentato due denunce per calunnia, diffamazione aggravata e divieto di rilevazioni di segreti d'ufficio e di inchiesta. Al centro,...

Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020 ‐ La Repubblica.it

Per aver violato il divieto di coprirsi il volto durante una manifestazione politica in base alla legge 152/1975, la cosiddetta legge Reale dal nome del suo promotore Oronzo Reale, approvata nell'emergenza degli "anni di piombo", la consigliera comunale...

Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020 ‐ La Repubblica.it

E' morto Quino, il disegnatore argentino padre di Mafalda. Joaquín Lavado, questo il suo vero nome, aveva 88 anni. Creò la figura della bambina pestifera nel 1963 e portò avanti la creazione delle strisce per dieci anni fino al 1973 quando abbandonò ...

Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020 ‐ La Repubblica.it

I nuovi casi di coronavirus in Italia oggi sono 1.851, ma i tamponi sono molti più di ieri:  105.564 rispetto ai 90.185. Il totale dei casi di positività sale così a 314.861. In calo i decessi, 19 oggi (ieri 24), per un totale di 35.894. È quanto...

Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020 ‐ La Repubblica.it

Non tutti gli anticorpi sono uguali. Alcuni sono più muscolosi di altri, e questo con un nemico come il coronavirus può fare la differenza. Per questo oggi uno dei fronti della ricerca si occupa di identificare gli anticorpi più forzuti nel sangue...

Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020 ‐ La Repubblica.it

NAPOLI - Nessun giocatore e nessun componente dello staff del Napoli è positivo al Covid. Lo ha reso noto il club con un tweet pubblicato sul proprio profilo ufficiale: "sono tutti negativi i tamponi effettuati ieri al gruppo squadra. I ...

Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020 ‐ La Repubblica.it

Il pericolo Cina al centro degli incontri di Mike Pompeo con Giuseppe Conte e Luigi Di Maio. "Nella mia discussione con il premier Conte gli ho chiesto di fare attenzione alla privacy dei suoi cittadini", ha detto il segretario di Stato Usa Mike Pompeo...

Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020 ‐ La Repubblica.it

Non è ancora la parola fine, ma questa volta potremmo esserci davvero vicini. Nel processo bis per la morte di Marco Vannini la Corte d'Assise d'Appello ha condannato a 14 anni Antonio Ciontoli per omicidio volontario con dolo eventuale ...

Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - "Difficile andare avanti in sicurezza". L'associazione nazionale dei presidi scrive alla ministra Lucia Azzolina: "E' estremamente difficoltosa la gestione delle misure necessarie a garantire la prosecuzione delle attività...

Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020 ‐ La Repubblica.it

Antonio De Marco, lo studente di 21 anni reo confesso dell'omicidio di Daniele De Santis e della sua fidanzata Eleonora Manta, si trova in isolamento sotto vigilanza continuativa nel supercarcere di...

Il sottosegretario alla salute Zampa: "Il campionato di serie A va sospeso". Poi chiarisce: "Decideranno Figc e club" Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - "I protocolli che abbiamo sottoscritto parlano chiaro, il campionato di Serie A deve essere sospeso". Sandra Zampa, sottosegretario alla Salute, non usa mezzi termini dopo la positività dei 14 tesserati del Genoa e in attesa...

Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020 ‐ La Repubblica.it

NEGLI anni 90 la crescita del mercato dei personal computer e l'avvento di Internet furono accompagnati da un caso editoriale di straordinario successo: i manuali "for Dummies" che promettevano di spiegare a chiunque le nuove...

Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020 ‐ La Repubblica.it

E' allarme fra i parlamentari grillini dopo che due senatori del M5s sono risultati positivi al Covid. Uno dei due senatori contagiati ha partecipato all'assemblea congiunta dei gruppi giovedì 24 settembre. L'altro invece era in...