Un anno dopo la morte di Dolores O'Riordan il nuovo album dei Cranberries

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

Era il 15 gennaio 2018 quando arrivava la notizia della morte di Dolores O'Riordan. La cantante irlandese era stata trovata senza vita in una stanza d'albergo a Londra. Ci vollero mesi per rivelare i motivi del decesso: annegamento accidentale a causa di abuso di alcol.

Martedì prossimo, a un anno esatto dalla scomparsa, arriverà il primo brano inedito della sua band, i Cranberries, con la voce della cantante, che aveva già registrato le sue parti per un nuovo album, il settimo di inediti di una carriera lunga 25 anni. Il brano, All over now (è tutto finito), anticipa In the end, l'album postumo, che sancirà ufficialmente la fine della band.


A message from The Cranberries: https://t.co/Wya0RFbil6 pic.twitter.com/ypTyOcc55j— The Cranberries (@The_Cranberries) 11 gennaio 2019
Sono stati gli stessi componenti del gruppo di Limerick, Fergal Lawler e i fratelli Noel e Mike Hogan, ad annunciarlo sul sito ufficiale: "Dopo la morte improvvisa e devastante di Dolores abbiamo messo in pausa i nostri progetti. Con il passare del tempo abbiamo iniziato a pensare a quale fosse il modo migliore per onorare la nostra amica e collega. È stato un processo molto doloroso. Ci siamo ricordati quanto fosse entusiasta all'idea di realizzare questo disco e di portare queste canzoni in tour. E ci siamo resi conto che la cosa che aveva più senso fare era completare l'album che avevamo iniziato con lei. Abbiamo sentito che è quello che avrebbe voluto. Ci siamo consultati con la sua famiglia ed era d'accordo".


Non tutto è andato liscio, racconta la band, che per l'occasione è tornata a lavorare con il produttore Stephen Street, come per l'album d'esordio, già collaboratore degli Smiths e dei Blur: "I primi e gli ultimi giorni sono stati i più difficili. Abbiamo capito che se non mettevamo da parte le emozioni non avremmo reso giustizia al suo lavoro. Sapere che non avremmo mai suonato dal vivo queste canzoni ha reso il tutto ancora più difficile. C'era qualcosa di definitivo che aleggiava sapendo che quella era l'ultima volta che ci trovavamo in uno studio insieme a lavorare a un album dei Cranberries. L'ultimo brano al quale abbiamo lavorato si intitola In the end (alla fine), e allora è diventato tutto chiaro. È finita: questa è la fine". Condividi   I Cranberries erano nati nel 1990 e raggiunsero il grande successo con canzoni come Zombie, Linger, Salvation e Promises. Dopo una pausa iniziata nel 2003 tornarono con un nuovo album nel 2012, Roses, e un tour mondiale. La band avrebbe dovuto esibirsi in Italia per cinque date nel giugno del 2017 ma i concerti furono annullati per problemi di salute della cantante, alla quale dopo una lunga battaglia con l'anoressia era stato diagnosticato una sindrome bipolare. Al momento della morte aveva 46 anni.


L'album In the end è dedicato alla sua memoria e utilizza come foto di copertina l'immagine di quattro bambini con strumenti musicali giocattolo. "Sarà sempre con noi grazie alla sua musica", sono le parole dei suoi ex compagni di avventura.

Tag: #Spettacoli #Musica

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

ROMA - La Ducati è il primo team della MotoGP a inaugurare le presentazioni della stagione 2019. Lo ha fatto oggi pomeriggio a Neuchatel, in Svizzera, dove la Rossa ha svelato la sua nuova livrea, presenti i piloti, il 'vecchio' Andrea...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

Non siamo alla rivoluzione, e mai potrebbe esserlo, oltre certi ragionevoli limiti, ma un'aria di rinnovamento è indiscutibile e lo ha sottolineato lo stesso Claudio Baglioni quando alla fine dell'ascolto per la stampa delle 24 canzoni...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

"Esiste in effetti da settimane una camera a Sanremo prenotata da Rai a mio nome per i giorni del festival. Ma quella camera nelle prossime ore verrà evidentemente assegnata a qualcun altro, perché la mia presenza a Sanremo, prevista e voluta da Rai1...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

Due serate evento su Canale 5, il 23 e il 30 gennaio per festeggiare i 55 anni di carriera, 55 passi nel sole, ma il vero show è vederlo raccontare l'incontro col ministro dell'Interno Matteo Salvini al Viminale insieme alla...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

Dopo un silenzio durato quasi vent'anni torna a farsi vivo con un'intervista a "Ticinoonline/20 minuti" l'ex brigatista Alvaro Lojacono, 63 anni, uno dei condannati per il caso Moro, il cui nome è tornato in auge dopo l'arresto di Cesare Battisti....

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Carlo Calenda lancia il Manifesto per la costituzione di una lista unica delle forze politiche e civiche europeiste alle elezioni europee. Lo fa con tweet in cui annuncia: "Bene ci siamo. Su siamoeuropei.it trovate il Manifesto...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

Il Fantabosco è uno spazio magico che solo i bambini conoscono bene. È frequentato da una variegata compagnia che comprende una coppia di orchi, una fata, una strega dispettosa, un folletto amico, un lupo sempre affamato. Inoltre c'è...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

 "Oggi è un bel giorno per Genova perché firmiamo il contratto unico per la demolizione e la ricostruzione del ponte. Demolitori e costruttori lo firmano insieme ma mantengono ciascuno le proprie responsabilità". Lo ha detto il sindaco di Genova e...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

LONDRA - "Higuain? Non so nulla del mercato perché voglio concentrarmi sul campo". Maurizio Sarri fa catenaccio e non si sbottona sul possibile arrivo del Pipita a Londra."MI FIDO DELLA SOCIETA"' - "Voglio...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

"E' finito un incubo. Giustizia è stata fatta". Queste le prime parole di Niccolò Bettarini dopo la sentenza del giudice di Milano Guido Salvini che ha condannato tutti e 4 i responsabili dell'aggressione avvenuta lo scorso primo luglio fuori dalla...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

La guardia di finanza di Torino contesta all'ingegner Carlo De Benedetti di avere omesso, nella dichiarazione dei redditi, investimenti detenuti in territori off shore per quasi 120 milioni di euro. Lo si apprende dall'Ansa. La vicenda riguarda, in...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

MILANO - Ci sarà stata una distensione sui titoli di Stato, con lo spread che in questi giorni veleggia ai livelli di settembre, ma a preoccupare è sempre più l'evoluzione dell'economia reale. Lo certifica anche l'ultimo bollettino...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

ROMA-  Da un decennio è il papà di Scottecs, ma nella vita reale padre lo è diventato solo dal 10 gennaio. Per questo il fumettista e youtuber Simone Albrighi, in arte Sio, ha deciso di...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Sarà la Roma di Eusebio Di Francesco a riaprire le danze della Serie A dopo la lunga sosta. Il tecnico giallorosso non si fida del Torino, avversario ostico, che sa dare il meglio fuori casa dove in questa stagione è ancora...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

Crolla un mito: l'inglesissima Lotus nascerà in Cina. La marca che ha dominato per anni la F1 (79 Gran Premi e sette titoli mondiali vinti), quella che è stata l'"arma totale" di Jim Clark (e una più spuntata per Ayrton Senna), che vinse la 500 Miglia ...