Rugby, Sei Nazioni: l'Italia di Smith vuole evitare l'ennesimo cucchiaio

Pubblicato venerdì, 31 gennaio 2020 ‐ La Repubblica.it

 "Vogliamo essere l'Italia più bella di sempre". Una frase senza tempo, per il rugby azzurro. Riecheggia puntualmente ad ogni cambio di allenatore, è successo anche con l'arrivo di François Petrus "Franco" Smith, nuovo ct dell'Italia. L'ex giocatore e allenatore di Treviso - che ha trascorso un anno e mezzo nello staff degli Springboks e vinto due Currie Cup da tecnico - era arrivato per occuparsi solo dell'attacco della Nazionale, ma l'addio anticipato di Conor O'Shea ha cambiato i piani: un ritocchino al contratto, ed eccolo nei panni di nuovo ct. Ha promesso un ritorno alle origini del nostro gioco: mischia ordinata, rolling maul dalle rimesse laterali. Difesa aggressiva, che non significa catenaccio. Anzi. "Teniamo pure palla, ma proviamo solo le cose che possiamo permetterci". Concreti. Rognosi. C'è fiducia, ma era accaduto anche con Johnstone, Kirwan, Berbizier, Brunel, Mallett: all'inizio tutti entusiasti, poi in meno di 2 anni arriva la depressione. Perché questa volta dovrebbe essere diverso? Allenamenti massacranti per un'Italia 'italiana'
"Mai faticato così tanto". Parola di alcuni tra gli azzurri più esperti, al termine del primo allenamento con 'Franco'. Il ct è stato chiaro e tira dritto: chi non ce la fa, si accomodi pure. Vanno lette in questo senso anche le convocazioni per il match di domani con i campioni in carica del Galles (ore 15.15, Dazn): la promozione di un giovane esordiente che viene dal campionato di Eccellenza (Niccolò Cannone) e sarà titolare dal primo minuto, Lazzaroni e Licata pronti a subentrare dalla panchina. E' l'Italia più "italiana" di sempre, con 5 atleti (su 15) di formazione straniera nel XV iniziale: 10 anni fa, erano 9. Un ritorno alla mischia. E qualche sorpresa
"Abbiamo delle novità in serbo, ma preferiamo tenere la bocca chiusa per non offrire vantaggi ai nostri avversari", se la ride Smith. Ha sorpreso la scelta di schierare nel ruolo di primo centro Canna, doppia apertura con Allan. Il mediano di mischia Braley lo aveva subito convinto, così come il ritorno di Sarto. Davanti, fiducia a ragazzi emergenti come Zilocchi (e Fischetti in panchina). La terza linea anglofona (Steyn, Negri, Polledri) era abbastanza scontata. La fascia di capitano a Bigi - un tallonatore - è un segnale di quanto sopra: la mischia ritorna la leva azzurra per sollevare il Torneo più antico del mondo. O almeno, provarci. Lo 'spareggio' con la Scozia, poi l'addio a Sergio
L'Italia non vince da 22 partite consecutive, l'ultimo successo fu a Edimburgo nel 2015. All'Olimpico, poi: non si fa festa da 7 anni, un Italia-Irlanda 22-15 che celebrò l'addio del "Barone" Lo Cicero. Il calendario quest'anno prevede 3 trasferte (Cardiff, Parigi, Dublino) e due incontri a Roma: con la Scozia il 22 febbraio sarà probabilmente la sfida decisiva per evitare il Cucchiaio di Legno; il 14 marzo invece arriva l'Inghilterra, ed è probabile scenda in campo Sergio Parisse per la sua ultima partita in azzurro. Il capitano - recordman assoluto di presenze nel torneo: 67 - non ci sarà nella prima parte del Sei Nazioni, ma ha espresso il desiderio di chiudere come merita la sua avventura in Nazionale. Voleva già farlo in ottobre ai mondiali giapponesi, il tifone Hagibis gli rovinò il programma. "Sarà un onore, averlo con noi". ha anticipato Smith, che quasi 20 anni fa giocò con lui a Treviso. "Però Sergio sa che gli darò una maglia solo se potrà dare un contributo concreto in campo". 'Franco' fa sul serio. E l'Italia?

Tag: #Sport #Rugby

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Maurizio Sarri, quello con l'Atalanta è un test complicato: è una di quelle gare che possono decidere le sorti dello scudetto? "Questa è una fase importante della stagione, l'Atalanta deve essere considerata una realtà: sta facendo benissimo e ha...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Coppi, Bartali, la borraccia e il Galibier. Era il 6 luglio 1952, il Tour, la tappa Bourg d’Oisans-Sestriere. L’immagine apparve per la prima volta sul numero 28 della rivista "Calcio e Ciclismo illustrato". Coppi passa la borraccia a Bartali o...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Max Verstappen firma il giro più veloce nelle prove libere 2 del Gran Premio di Stiria. Nella sessione pomeridiana del Red Bull Ring di Spielberg l'olandese della Red Bull ferma il cronometro sull'1'03"660 con soli 43 millesimi di vantaggio sulla...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Sale per il terzo giorno di fila la curva epidemica in Italia. I nuovi casi sono 276, contro i 229 di ieri e i 193 di mercoledì. Metà dei casi odierni è in Lombardia, dove il numero cresce da 119 a 135 nuovi positivi. Il totale delle persone colpite...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

LONDRA – La generosità di Wimbledon. Malgrado quest’anno la manifestazione tennistica più famosa al mondo non si disputerà a causa del coronavirus, l’All England Lawn Tennis Club ha deciso che un terzo del montepremi (12,6...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Il parterre del meeting di Rimini rappresenta in genere lo specchio degli orientamenti politici di Comunione e Liberazione e di quella fetta del mondo cattolico legato a Cl. E quest'anno - per l'edizione in programma dal 18 al 23 agosto, a 40 anni dalla...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Una ragazzina di 15 anni che chiede alla mamma: "Chi è mio padre?". E la rivelazione: "Il principe Alberto Di Monaco". Comincia così la nuova saga dei presunti figli illegittimi di famiglie reali. Questa volta a scriverla è una donna brasiliana...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Prima ha votato insieme ai 'liberal'per bloccare una legge sull'aborto in Louisiana, poi per proteggere i giovani immigrati che vivono ai margini della legalità negli Stati Uniti (i cosiddetti 'Dreamers'), infine si è unito ai giudici democratici per...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Nel mezzo della pandemia di coronavirus, la Chiesa cattolica americana ha fatto una campagna di pressione sulle autorità federali per modificare i requisiti che consentivano di accedere al piano del governo di sostegno alle imprese e poter avere così i ...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Il Consiglio di Stato turco ha annullato il decreto del 24 novembre 1934 dell'allora presidente Mustafa Kemal Ataturk che trasformava Santa Sofia in un museo. La storica decisione apre la strada alla riconversione in moschea del monumento simbolo di...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Un matrimonio a Cittadella, provincia di Padova, si trasforma in nuovo focolaio coronavirus. A pochi giorni dalla celebrazione e dalla festa organizzata dalla coppia congolese, il padre della sposa ha avvertito i sintomi propri del covid 19 e una volta...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Le quattro formazioni italiane che saranno impegnate nella prossima Eurocup attendevano con ansia il sorteggio odierno e l'urna, almeno per la Reyer Venezia, non è stata dolcissima. Il sorteggio di Barcellona regala all'Umana un...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Il primo bilancio degli operatori turistici della Sardegna segna un -95% del fatturato rispetto allo scorso anno: per le imprese turistiche a peggiorare la situazione di crisi causata dalla pandemia ci sono la difficoltà di accesso alla Sardegna, la...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Nonostante risulti come l'attore più pagato al mondo, con un guadagno di 96 milioni di dollari solo tra giugno 2019 e giugno 2020 (lo dice la lista di People With Money), Robert De Niro dice di essere sull'orlo della...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

LONDRA - Boris Johnson vuole mettere a dieta i britannici. Chi lo avrebbe mai detto? Proprio lui, il premier britannico, che ha sempre difeso la libertà popolare di abbuffarsi e bere bevande gassate e zuccherate, e che anzi, quando era...