Nasce in laboratorio la rosa blu, creata grazie ai batteri

Pubblicato giovedì, 11 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

NELLA simbologia contemporanea, la rosa blu rappresenta l’irraggiungibile, il sogno ancora impossibile da realizzare. Sì, perché, nonostante gli sforzi di giardinieri, botanici e ricercatori, non esiste in natura e neppure è mai stata creata in laboratorio. Almeno finora. Quelle che si vedono dai fiorai o ai mercatini sono ottenute spruzzando su rose bianche coloranti artificiali. Questo fino a ieri, perché oggi l'impresa sembra essersi realizzata: grazie alle moderne biotecnologie, l'elegante fiore può finalmente essere ammirato. I ricercatori hanno trovato un modo per iniettare gli enzimi che producono i particolari pigmenti dai batteri nei petali di una rosa bianca, colorando il fiore di blu. La ricerca, condotta da una equipe di studiosi cinesi, è stata pubblicata su ACS Synthetic Biology.


In passato, i biotecnologi avevano creato una rosa blu 'artificiale' attraverso una combinazione di ingegneria genetica e coltivazione selettiva che risultava, però, più tendente al malva. Al contrario, Yihua Chen dell'accademia cinese di Scienze e Yan Zhang dell’università di Tianjin hanno voluto ideare un processo semplice che potesse produrre una rosa blu.


A tale scopo, hanno scelto due enzimi batterici che insieme possono convertire la L-glutammina, un costituente comune dei petali di rosa, in indigoidina, un pigmento blu. Il team ha progettato un ceppo di Agrobacterium tumefaciens contenente i due geni produttori del pigmento e usato spesso nelle biotecnologie vegetali. Quando i ricercatori hanno iniettato i batteri ingegnerizzati in un petalo di rosa bianca, i batteri hanno trasferito i geni che producono il pigmento nel genoma della rosa e la colorazione blu si è prontamente diffusa dal punto di iniezione. Sebbene il suo colore sia di breve durata e chiazzato, il team l’ha presentata nello studio come la prima vera rosa blu al mondo. Il prossimo passo sarà quello di “progettare” rose che producano autonomamente i due enzimi, senza bisogno di infiltrazioni esterne.


"È soprattutto dagli anni '50 – spiega a Repubblica Franca Bessi, biologa e membro della Società Botanica Italiana - che si cerca di realizzare con l’ibridazione una rosa blu, ottenendo solo rose color liliacino e tra queste si ricorda Blue Moon (HT, 1964), un ibrido rinomato per la sua bellezza. Le rose blu artificiali sono molto richieste dal mercato e, se create avrebbero un impatto commerciale interessante. In questo caso, si avrebbero fiori dal corredo cromosomico modificato che, oltre alle questioni etiche correlate, potrebbero determinare rischi di inquinamento genetico". "Il colore – continua l’esperta - è poi strettamente legato al profumo, rose rosso-vinaccia hanno un odore dolce intenso, mentre quelle giallo-arancio più agrumato. Ma l'odore di una rosa blu non si conosce a priori, perché non esiste in natura".


I tentativi di creare fiori dai colori particolari, andando oltre i rigidi precetti estetici di Madre natura, sono in continua evoluzione. Nel 2017, i ricercatori giapponesi hanno fatto sbocciare il primo crisantemo blu, grazie all'aggiunta di due geni. Intervenire sul Dna, modificandolo secondo il gusto estetico umano, è la nuova sfida della floricoltura moderna.

Tag: #Ambiente

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ La Repubblica.it

Le luci dei lampeggianti illuminano a giorno il centro di Castelvetrano. Alle 4 di una notte fredda e ventosa, dieci pattuglie dei carabinieri sfrecciano lungo viale Roma. Mephisto e mitra spianati. Sfrecciano verso l’ultima residenza nota del fantasma ...

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ La Repubblica.it

Togliere dal commercio i farmaci che non servono perché sono vecchi o “doppioni” di altri medicinali in commercio, abbattere i prezzi e accrescere l’utilizzo di generici e biosimilari. La commissione del ministero della salute sulla governance...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Repubblica.it

Le dicevano: ma vieni via. E lei niente. Le dicevano: ma non hai paura a restare lassù da sola. E lei niente, non se ne è mai voluta andare. Fino alla fine. Si chiamava Teresa Pini e aveva 85 anni. Era l'ultima abitante di Braia, frazione di...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Repubblica.it

Dopo la manifestazione della Lega a piazza del Popolo e la prova di forza riuscita di Matteo Salvini, il Movimento prova a riprendersi le piazze delle città italiane  puntando su una delle parole d'ordine che ne hanno fatto la fortuna politica, quella...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Repubblica.it

Una mail con oggetto “Alunni di etnia rom senza Isee” e con l’intento di capire come procedere con la questione della refezione scolastica di due scuole primarie ha alzato un polverone. Il caso è scoppiato dal XII municipio, Monteverde, dal cui...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Repubblica.it

Un finale da thriller. Le candidature per il Congresso si chiudono mercoledì 12 dicembre alle 18 e l'area renziana non ha ancora scelto chi appoggiare. Dopo il ritiro di Marco Minniti, disturbato anche dalle voci di una scissione da parte dell'ex...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Repubblica.it

LIVERPOOL - "Il gruppo sta bene, siamo pronti per questa partita. Abbiamo un piccolo vantaggio che va sfruttato con intelligenza, coraggio e soprattutto personalità". Carlo Ancelotti presenta così la sfida del suo Napoli in casa del...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Repubblica.it

SEGUIRE sempre le indicazioni del medico ed evitare il fai-da-te. Può sembrare superfluo ricordarlo ma spesso molti pazienti non seguono le indicazioni giuste. Così negli Stati Uniti, una donna di 69 anni di Seattle, è morta dopo essere stata...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Repubblica.it

"Siamo stufi: le canzoni di Rino Gaetano non vengano più utilizzate dalla politica". Anna Gaetano e suo figlio Alessandro, sorella e nipote del cantautore, protestano contro la manifestazione della Lega che sabato scorso in piazza del Popolo a Roma ha...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Repubblica.it

Il presidente della seconda sezione della Corte d'Assise, Alfredo Montalto, fa sedere Medhanie Tesfamarian Behre, l'uomo processato col nome di Medhanie Yedhego Mered, uno dei più pericolosi trafficanti di uomini al mondo. "Non è lui mio marito",...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Repubblica.it

PARIGI - Emmanuel Macron rompe finalmente il silenzio. Dopo quasi due settimane, il leader francese risponderà stasera al movimento dei gilet gialli. L'ultimo tentativo di compromesso che aveva lanciato, il 27 novembre, era stato vano. In...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Repubblica.it

ROMA. Una circolare del ministro Bussetti per sensibilizzare i professori e diminuire i compiti per le vacanze. L'annuncio è di poco fa.  "Vorrei sensibilizzare il corpo docente e le scuole ad un momento di riposo degli studenti e...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Repubblica.it

Un poliziotto in codice giallo e un altro che ha riportato ferite lievi; feriti anche alcuni giovani calciatori della primavera della Juventus che erano nell'altra auto. È il bilancio dell'incidente avvenuto a Torino in corso Potenza, all'angolo ...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Repubblica.it

LONDRA - Dopo la torta, ecco la ciliegina: Francesco Molinari è stato premiato oggi a Londra per la prima volta come giocatore dell'anno dell'Hilton European Tour. Per il 36enne golfista torinese si conclude così un 2018 semplicemente ...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ La Repubblica.it

"Il Consiglio di disciplina dell'Ordine della Lombardia ha archiviato l'istruttoria su Rocco Casalino" in merito al suo messaggio audio nel quale parlava dei tecnici del Mef. Lo ha annunciato il presidente dell'Ordine nazionale dei giornalisti, Carlo...