Morta Diana Serra Cary, era l'ultima baby star del cinema nuto di Hollywood

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

Addio all'ultima baby star del cinema muto di Hollywood: Diana Serra Cary, pseudonimo di Peggy-Jean Montgomery, nota anche come Baby Peggy, è morta ieri nella sua casa di Gustine, in California, all'età di 101 anni. Nel suo periodo d'oro, tra il 1921 e il 1924, fu famosa quanto le star adulte e le altre due principali attrici bambine dell'epoca, Jackie Coogan (1914-1984) e Baby Marie Osborne (1911-2010).

Condividi  

Protagonista di successo di decine di film hollywoodiani negli anni Venti, la bambina prodigio debuttò sullo schermo a soli 19 mesi e a 3 anni era già comparsa in 150 film, rivelando, precocissima, notevoli doti comiche. Benchè avesse guadagnato milioni di dollari in poco tempo, Baby Peggy vide la sua fortuna dilapidata dai genitori e soffrì di gravi crisi depressive da adulta, con la carriera folgorante che si era interrotta di fatto in età poco più che infantile. Riuscì a costruirsi una carriera come pubblicista, biografa e storica di Hollywood con il nome di Diana Serra Cary.



Nata a San Diego il 29 ottobre 1918, poco più che neonata Peggy-Jean Montgomery era già a Hollywood, dove suo padre, cavallerizzo, lavorava come controfigura di Tom Mix. La piccola Peggy si trovò davanti alla cinepresa per la prima volta appunto a 19 mesi e divenne rapidamente una popolare diva dello schermo. Come Baby Peggy apparve in dozzine di commediole prodotte dall'indipendente Century, dapprima a supporto della star canina dello studio, Brownie, e poi come stella della serie a lei intitolata.


Nelle sue comiche Peggy faceva la parodia dei lungometraggi contemporanei più popolari o proponeva fiabe tradizionali, lavorando con stelle come Alf Goulding e Blanche Payson. Era anche tra i soggetti preferiti di Screen Snapshots ed altre serie hollywoodiane girate dietro le quinte.


Passando ai lungometraggi nel 1923, Peggy continuò ad affascinare il pubblico fino alla fine degli anni Venti, poi subì il fato inevitabile di un'artista bambina: divenne adulta. Continuò comunque a mantenere rapporti con il mondo dello spettacolo, esibendosi a teatro e facendo occasionali apparizioni in ruoli da adolescente nei film sonori.


Baby Peggy si sposò a 20 anni con l'attore Gordon Ayres e il matrimonio finì in divorzio dieci anni dopo, nel 1948. Nel 1954 l'ex baby star si risposò con l'artista Robert 'Bob' Cary e per perseguire con più tranquillità la sua vocazione di scrittrice, distanziandosi dal passato, da quel momento cominciò a presentarsi con il nome di Diana Serra Cary.


Ebbe inizio così una nuova fase nella vita di Peggy, che seppe reinventarsi come autrice di libri di successo sul cinema di Hollywood, sulla storia del Messico e del West. Con il nome di Diana Serra Cary ha pubblicato anche l'autobiografia Whatever Happened to Baby Peggy? e un libro su un altro argomento che conosceva bene: il fenomeno delle star bambine.

Tag: #Spettacoli #Cinema

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Un trapianto record, che sta permettendo piano piano a Francesco, 18 anni, di tornare alla vita. Dopo che ha trascorso due mesi attaccato a un respiratore e ha rischiato di morire a causa del Covid-19. Succede al Policlinico di Milano, dove Francesco...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Da ieri è sotto scorta, la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina. Lo è perché bersagliata da una valanga di insulti, soprattutto a sfondo sessuale, come accade spesso in Italia. Non solo nella politica. Cronaca Scuola:...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Sono passati 46 anni dalla strage di Piazza della Loggia a Brescia. "Riprendere il cammino dopo la sofferenza, il dolore, il lutto è sempre faticoso - scrive oggi il Capo dello Stato, Sergio Mattarella nel suo messaggio in ricordo delle ...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Con la benedizione del clan Piromalli, un cartello di 57 imprenditori per quasi dieci anni si è spartito tutti i lavori pubblici realizzati a Gioia Tauro e nelle zone limitrofe. E non si tratta solo di imprese calabresi. Che il board sedesse a Roma, in...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

La partita sulle elezioni regionali è ancora aperta. Il governo ha rimandato il voto a settembre, ma cinque Regioni - Veneto, Liguria, Marche, Campania e Puglia - di diverso colore politico non ci stanno. E si sono appellate al Quirinale per chiedere di ...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

"Noi sindaci siamo stufi di finire in mezzo alle guerre politiche della maggioranza e alle manie di protagonismo delle Regioni. I Comuni rischiano il default, rischiano di non dare più l'assistenza domiciliare ad anziani e disabili, di non potere più...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Jack Dorsey, Ceo di Twitter, non si piega alle pressioni del presidente americano Donald Trump che ha accusato - non certo per la prima volta - i grandi dell'hi-tech di fare tutto quanto in loro potere per censurare le elezioni...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Vasco Rossi si è fermato, come tutti, a causa del coronavirus ma non si fermerà. Nessuno stop, se non temporaneo, per il suo Non Stop Live Festival appunto. Il cantautore di Zocca tornerà dal vivo nelle stesse città e nello stesso mese -...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Partiti della maggioranza in calo, exploit per Fratelli d'Italia che raggiunge un nuovo record. Sono i risultati della Supermedia Agi/Youtrend di questa settimana, che vede un'ulteriore riavvicinamento tra i primi 4 partiti: meno di 12 punti separano il...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

NEW YORK (Stati Uniti) - Slitta al 2021 la cerimonia per l'ingresso di Kobe Bryant (postumo) e di altri campioni nella Hall of Fame Nba a causa della pandemia. La Naismith Basketball Hall of Fame avrebbe dovuto dare il benvenuto...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Per la prima volta, un dirigente dell'Inter manda un messaggio pubblico al Barcellona, che da mesi corteggia Lautaro Martinez. "Puntiamo su Lautaro, è un asset importante per il nostro club - ha detto il direttore sportivo nerazzurro Piero Ausilio in...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Ballarò ieri sera si trasformata in un campo di battaglia per una maxi rissa fra una quarantina di persone, sia palermitani che stranieri. Per quasi tre ore dalle 20 alle 23 la piazzetta di Ballarò e le stradine attorno si sono trasformate in un ring...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Dopo la paura arriva una buona notizia dal Bologna. II secondo tampone cui è stato sottoposto uno degli uomini dello staff del tecnico Sinisa Mihajlovic è risultato negativo. E questo all'indomani del sospetto caso di positività che era emerso dagli...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

«Siete voi gli eroi», hanno detto i medici ad Arduino e Gigi. I due fratelli di 67 e 70 anni di Alice Castello, nel Vercellese, legati da una vita intera trascorsa insieme nella contrada Massarotta, dove abitano con parte degli altri otto fratelli -...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Sul petrolio si consolida l'asse Arabia Saudita-Russia. Proprio il Cremlino dà notizia che il presidente russo Vladimir Putin e il principe ereditario dell'Arabia Saudita Mohammed bin Salman, in...