Lo Stromboli generò lo tsunami visto dal Petrarca: fu uno dei tre avvenuti nel Medioevo

Pubblicato martedì, 12 febbraio 2019 ‐ La Repubblica.it

UN'ONDA così alta da raggiungere la Campania prese le mosse da Stromboli scossa dal profondo. Era il 1343 e lo tsunami fu uno dei tre che sconvolsero le nostre coste nel Medioevo, nonché quello descritto da Francesco Petrarca che in una lettera inviata da Napoli lo definì "una strana tempesta". La scoperta dei ricercatori coordinati dall'Università di Pisa, pubblicata su Scientific Reports, ci riporta al periodo fra il 1343 e il 1456, quando lo tsunami visto dal poeta arrivò così violento da fare crollare il fianco nord-occidentale del vulcano delle Eolie. I risultati della ricerca
"L'identificazione di Stromboli come la sorgente dei maremoti avvenuti in quel periodo" - spiega Antonella Bertagnini, vulcanologa dell'Ingv di Pisa e co-autrice dello studio - "è stata possibile grazie a un lavoro interdisciplinare che ha messo in campo competenze vulcanologiche e archeologiche. Era noto che l'isola fosse capace di produrre tsunami di piccola scala (analoghi a quello osservato il 30 dicembre 2002)" - prosegue l'esperta - "questo lavoro porta però alla luce, per la prima volta, la capacità del vulcano di produrre, anche in tempi relativamente recenti, tsunami di scala nettamente superiore e potenzialmente in grado di raggiungere aree costiere anche molto distanti". La distruzione dei porti
Il principale dei tre eventi studiati, avvenuto nel 1343, sarebbe la causa della distruzione dei porti di Napoli e di Amalfi, di cui fu testimone oculare d'eccezione il Petrarca. Lo scrittore si trovava in missione come ambasciatore inviato nella città partenopea da Papa Clemente VI e raccontò l'accaduto in un'epistola a Giovanni Colonna, descrivendo il maremoto come una misteriosa quanto violenta tempesta marina avvenuta il 25 novembre di quell'anno e che aveva causato l'affondamento di numerose navi nel porto di Napoli.Francesco Petrarca Condividi   Così scriveva Francesco Petrarca
Il testo è riportato dal sito historiaregni.it. "Non si può pingere con pennello, né scrivere con parole quella, ch'io vidi jeri, la qual vince ogni stile, cosa unica ed inaudita in tutte l'età del mondo (...) questa di Napoli sarà materia de versi miei, benché non si può dire di Napoli, ma universale per tutto il mare Tirreno e per l'Adriatico; a me pare chiamarla Napolitana, poiché contra mia voglia mi ha ritrovato in Napoli (...) non posso scriverla a pieno, persuadetevi questo, che la più orribile cosa non fu vista mai (...) mi risvegliò un romore ed un terremoto, non solo aperse le finestre e spense il lume ch'io soglio tenere la notte, ma commosse dai fondamenti la camera, dove io stava: essendo dunque in cambio del sonno assalito dal timore della morte vicina, uscii nel Chiostro del Monastero, ov'io abito, e mentre tra le tenebre l'uno cercava l'altro, e non si potea vedere, se non per benefizio di qualche lampo, cominciammo a confortare l'un l'altro (...). Sarebbe troppo lunga Istoria, s'io volessi contare l'orrore di quella notte infernale; e benché la verità sia molto maggiore di quello che si potesse dire, io dubito che le parole mie pareranno vane: che gruppi d'acqua? che venti? che tuoni? che orribile bombire del Cielo? che orrendo terremoto ? che strepito spaventevole di mare? e che voci di tutto un sì gran popolo ? parea che per arte magica fosse raddoppiato lo spazio della notte, ma al fine pur venne l'aurora". Il rischio tsunami
"Incrociando metodologie, tecniche e competenze diverse", spiega ancora Bertagnini, "lo studio ha permesso anche di rivelare come nella prima metà del 1300 l'isola di Stromboli fosse abitata e rivestisse un ruolo importante come snodo del traffico navale dei crociati provenienti dalle coste italiane, spagnole e greche. A seguito dei crolli responsabili della generazione delle onde di tsunami e di una contemporanea e particolarmente intensa attività eruttiva del vulcano, l'isola fu abbandonata a partire dalla metà del 1300 e fino alla fine del 1600, quando iniziò il suo ripopolamento. La scoperta conferma, quindi, il pericolo da tsunami generato da Stromboli nel Tirreno Meridionale, sebbene una sua precisa quantificazione richieda ulteriori studi mirati al riconoscimento e alla caratterizzazione di questo fenomeno su un periodo temporale più esteso". La ricerca pubblicata ha una valenza essenzialmente scientifica, priva al momento di immediate implicazioni in merito agli aspetti di protezione civile.


Lo studio "Geoarchaeological Evidence of Middle-Age Tsunamis at Stromboli and Consequences for the Tsunami Hazard in the Southern Tyrrhenian Sea" è stato condotto in collaborazione con Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Università di Modena-Reggio Emilia e Urbino, Istituto di studi del Mediterraneo antico del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), City University of New York, American Numismatic Society, Associazione Preistoria Attuale.

Tag: #Scienze

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

Il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti ha sollecitato una relazione e un'ispezione sul caso suscitato da alcuni post su Facebook di un professore di un istituto alberghiero di Venezia. "Insegnare è un lavoro bellissimo, una missione da vivere tutti...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

MONTECARLO - Impresa di Fabio Fognini al Masters 1000 di Montecarlo. Il 31enne di Arma di Taggia si è qualificato per la finale battendo in due set Rafael Nadal, numero due del mondo e vincitore 11 volte sulla terra rossa del...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Suicidio Lazio. All'Olimpico la squadra di Inzaghi, in 10 dal 34' per l'espulsione di Milinkovic, si fa battere dal Chievo già retrocesso e reduce da 4 ko di fila: così i biancocelesti dicono addio alle residue speranze di...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

EMPOLI – Spal virtualmente salva, Empoli nel baratro. E’ questa la sentenza che viene dal Castellani dopo lo scontro diretto tra i toscani e i ferraresi. L’Empoli ci ha provato, giocando bene e andando anche in vantaggio con...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

BOLOGNA - Colpo grosso di Mihajlovic, la sesta vittoria in dodici partite dall’arrivo a Bologna vale mezza stagione. Non solo il sonante 3-0 alla Sampdoria, che vede allontanarsi l’Europa forse irrimediabilmente, ma anche risultati...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

Un braccio teso nel saluto romano, alzato senza pudori o ritrosie nel corso di un'iniziativa pubblica. Così la candidata sindaco di Vibo Valentia, Maria Limardo, ha ritenuto giusto e opportuno omaggiare Caio Giulio Cesare Mussolini, pronipote del noto...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

Il coniglietto pasquale è un'antica tradizione che simboleggia la rinascita della natura e dona ai bambini uova di cioccolato. È legata alla caccia alle uova colorate e, sebbene poco diffusa in Italia, è nota ai più piccoli che conoscono il coniglio...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

La Juventus donne si conferma campione d'Italia. Secondo scudetto di fila e della storia per le bianconere, che tagliano il traguardo all'ultima giornata. In attesa di vedere cosa faranno nel pomeriggio i colleghi maschi (contro la Fiorentina, match...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

Le forze che fanno capo al governo di Tripoli del premier Fayez al-Serraj hanno lanciato una controffensiva ai danni dell'autoproclamato esercito nazionale libico del generale Khalifa Haftar a sud della capitale, dove i combattimenti hanno raddoppiato...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

PARIGI - Tornano le proteste dei gilet gialli a Parigi dove oggi sono state indette quattro manifestazioni, solo due delle quali autorizzate. Per il nuovo sabato di mobilitazione del movimento di protesta, il 23esimo, il ministero dell'Interno francese...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

PARMA - C'era un chiodino sul prato del Tardini: ha fatto forare il Milan, che ha sbandato sulla strada della Champions. Gattuso era riuscito a raddrizzare una partita difficile e insipida, indovinando il cambio di modulo, dal 4-3-3 al...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

Non ci sarà alcun corteo il 29 aprile a Milano per commemorare Sergio Ramelli, lo studente neofascista ucciso nel 1975, ma solo una cerimonia 'statica'. Questa la decisione del prefetto di Milano, Renato Saccone, che, come precisato, è stata presa...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

È sicuramente uno dei politici più attivi sui social, Carlo Calenda. Come dimenticare la foto in costume con il cigno sul lago ghiacciato? La sua esuberanza però spesso gli procura proteste, prese di distanza, invettive. È successo anche oggi con una ...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

È come un fiume carsico, il conflitto di interessi. Riemerge nel dibattito pubblico ciclicamente. E diventa spesso terreno di scontro tra 5Stelle e Lega. Con il Movimento che agita l'argomento spaventando le truppe berlusconiane. Il primo a lanciare la...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

Tre uomini, italiani di 53, 60 e 50 anni, tutti residenti in Versilia, sono stati arrestati dai carabinieri di Viareggio perché ritenuti responsabili di aver compiuto atti sessuali con delle minori di 14 anni. Il Gip...