Europa League, Betis-Milan 1-1: Suso tiene vive le speranze rossonere

Pubblicato giovedì, 08 novembre 2018 ‐ La Repubblica.it

SIVIGLIA - Con un grande secondo tempo, il Milan raddrizza una gara nata male contro il Betis e porta via da Siviglia un punto preziosissimo in chiave qualificazione ai 16' di Europa League. E' stato un Milan dai due volti, già visto in Europa: eccessivamente timoroso nella prima frazione, grintoso e aggressivo nella ripresa, in cui è riuscito a rimediare con Suso alla rete iniziale segnata da Lo Celso. Il passaggio del turno andrà ancora conquistato ma, intanto, la situazione è decisamente più rosea rispetto a quanto paventato durante l'intervallo.

Milan Milan, Biglia operato in Finlandia: stop di quattro mesi
GATTUSO RIPROPONE IL 3-5-2 - Senza Higuain, Calabria, Caldara, Biglia e Bonaventura, Gattuso ha deciso, come già avvenuto contro il Genoa, di schierarsi per la seconda volta in stagione con il 3-5-2 con Rodriguez terzo centrale di difesa, Borini e Laxalt sugli esterni, Calhanoglu intermedio e Suso a sostegno di Cutrone in attacco. Oltre a Donnarumma, lasciato in panchina per lasciar spazio al portiere di coppa Reina, ha poi dato un turno di riposo a Romagnoli a cui ha preferito Musacchio. Sul fronte opposto Setien ha cambiato tre uomini, uno per reparto, rispetto alla gara di San Siro. In difesa ha scelto Feddal al posto di Sidnei, in mediana ha schierato a destra Tello invece di Barragan infine in attacco ha piazzato il duo Joaquin-Lo Celso a sostegno di Sanabria, lasciando in panchina Sergio Leon.

BETIS SUBITO A SEGNO CON LO CELSO - Il Betis è partito gestendo palla e al primo affondo ha colpito (12') con un'azione pallanotistica: la manovra è passata da destra a sinistra con Joaquin che ha finito per lanciare in area sulla sinistra l'accorrente Junior Firpo, bravo a rimettere in mezzo di prima per Lo Celso che con un sinistro al volo ha anticipato Rodriguez e freddato Reina. Il Milan ha accusato il colpo, è rimasto impigliato nella fitta ragnatela degli avversari e ha rischiato di subire il raddoppio in un'azione fotocopia al 27': bene gli è andata che Sanabria, stavolta, non abbia inquadrato lo specchio della porta. Solo dopo la mezz'ora i rossoneri hanno messo la faccia fuori dal guscio ma, dopo non aver sfruttato con Suso una favorevole punizione dal limite, hanno prodotto un solo tiro in porta, con Calhanoglu che ha spedito un diagonale non irresistibile dalle parti di Pau Lopez.

SUSO PAREGGIA I CONTI - Per smuovere le acque, Gattuso ha ordinato il 3-4-3 nella ripresa, alzando Calhanoglu sulla linea degli attaccanti e la gara è girata. Soprattutto perché è cambiato l'atteggiamento dei rossoneri, finalmente aggressivi sui portatori di palla avversari. Il Milan ha alzato il baricentro e, dopo aver mandato un'avvisaglia a Lopez con il classico tiro a giro a limite di Suso, ha pareggiato (62'): il gol lo ha realizzato lo stesso fantasista iberico con una velenosa punizione tagliata in mezzo dal vertice sinistro dell'area sul quale si è avventato Bakayoko: il francese non ha toccato il pallone ma è riuscito nell'intento di ingannare Lopez che si è gettato in ritardo e non ha potuto far altro che guardare il pallone infilarsi alla sua destra.L'infortunio occorso a Musacchio Condividi   PAURA PER MUSACCHIO - Il Milan ha insistito, è stato bravo a non calare d'intensità ma non è riuscito a rendersi ulteriormente pericoloso. Il Betis ha faticato a rialzarsi ma, paradossalmente, ha avuto un aiuto dagli avversari, spaventatisi dopo uno scontro a centrocampo tra Kessié e Musacchio che ha visto l'argentino avere la peggio, costretto a uscire in barella per un colpo di frusta al collo. Il Milan ha un po' mollato e per poco non è stato punito: bene è andata che Junior Firpo, presentatosi in area sulla sinistra davanti a Reina, non abbia inquadrato lo specchio della porta con un pallonetto e che Tello, entrato dalla parte opposta abbia scaricato un diagonale addosso al portiere rossonero. Il Milan tira un sospiro di sollievo e porta così a casa un punto pesantissimo anche se la qualificazione, comunque, passerà attraverso lo scontro diretto ad Atene con l'Olympiacos del prossimo 13 dicembre.

BETIS SIVIGLIA-MILAN 1-1 (1-0)
Betis (3-4-2-1): Pau Lopez, Mandi, Bartra, Feddal, Tello, William Carvalho, Canales, Junior Firpo; Lo Celso, Joaquin (23'st Guardado); Sanabria (29'st Loren Moron). (1 Robles, 12 Sidnei, 19 Barragan, 8 Inui, 7 Sergio Leon). All.: Setien.
Milan (3-5-2): Reina, Musacchio (38'st Romagnoli), Zapata, Rodriguez, Borini, Kessie, Bakayoko, Calhanoglu (44'st Bertolacci), Laxalt (31'st Abate), Suso, Cutrone. (99 G.Donnarumma, 4 Mauri, 18 Montolivo, 88 Halilovic). All.: Gattuso.
Arbitro: Pawson (Inghilterra).
Reti: nel pt 12′ Lo Celso; nel st 17′ Suso.
Angoli: 3 a 2 per il Milan.
Recupero: 1′ e 6′.
Ammoniti: Feddal, Lo Celso, Rodriguez, Musacchio, Bakayoko, Bertolacci per gioco falloso.
Spettatori: 45.647.

Tag: #Sport #Calcio #Coppe

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

Romina ha riprogettato la sua esistenza a quasi cinquant'anni. Ha giurato a sé stessa che non avrebbe più lavorato a una scrivania, dopo 12 anni passati in un call center. "L'evento improvviso che mi ha sconvolto la vita e mi ha fatto cambiare strada - ...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

AUSCHWITZ - “Mio nonno Gino Bartali era schietto, burbero, diretto. Nonna diceva che era un brontolone, che sembrava a una pentola di fagioli in perenne ebollizione. Eppure dalla sua bocca non è mai uscita una parola su quelle...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Non ci siamo. Le diseguaglianze, cioé la concentrazione della ricchezza tra pochi e il dilagare della povertà tra i molti, non solo crescono, ma stanno diventano strutturali. Non si va avanti ma si indietreggia e a rendere la...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

MILANO - Ce ne sono in giro poco più di 520 milioni, ma visto il peso specifico insuperabile valgono oltre 260 miliardi di euro. Non cresceranno più. Dal 27 gennaio prossimo, le banche centrali di 17 dei diciannove paesi dell'Eurozona...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

LONDRA - Se ci sarà la Brexit, in che modo 3 milioni e mezzo di cittadini degli altri paesi dell'Unione europea residenti in Gran Bretagna, fra cui 700 mila italiani, potranno ottenere il permesso di restarci mantenendo tutti i diritti? Il ministero...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

Tragedia questa mattina poco dopo le 8.30. Un operaio di 30 anni che lavora per una ditta esterna, è rimasto vittima di un incidente mortale sul lavoro ad Ansaldo Energia, davanti all'ingresso nuovo lungo la strada 30 Giugno. Secondo la prima...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

I problemi usciti come esempio della seconda prova alla Maturità, dove per la prima volta matematica e fisica sono proposte insieme, sono copiati da un vecchio manuale russo, tradotto in inglese nel 1981, ad uso dei corsi avanzati di Fisica...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

PECHINO - I numeri sono brutti, come da attese. Nell’ultimo trimestre del 2018 l’economia cinese è cresciuta del 6,4%, il passo più lento dal 2009, epoca di grande crisi globale. Per l’intero anno va in archivio un più 6,6%, non si viaggiava a...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

Sono cresciuto in una terra dove vedere baciare le mani di un uomo era cosa comune, nessuno si stupiva, è antica sintassi mafiosa. Vedevo i boss soprattutto durante le festività — prima che cadessero in latitanza o avessero, in clima di faida, paura...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

 Israele ha alzato il livello del suo impegno militare contro l’Iran in Siria con un annuncio che non aveva mai fatto. Mentre nei mesi scorsi gli attacchi contro installazioni e convogli iraniani in Siria (sono stati centinaia) erano condotti in...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

Con oltre la metà delle sezioni scrutinate, 179 su 305, il candidato del centrosinistra, il giornalista Andrea Frailis, è in vantaggio sugli altri tre sfidanti per il seggio della Camera nel collegio uninominale di Cagliari, con il...

Pubblicato domenica, 20 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

La Tav costa 20 miliardi, la montagna da scavare è piena amianto, la vogliono realizzare per intascare le tangenti. Di ritorno dal Sudamerica Alessandro Di Battista va in tv a giustificare il no grillino alla nuova linea ferroviaria tra ...

Pubblicato domenica, 20 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Mick Schumacher continua a dimostrare di essere un predestinato. Oggi il giovane pilota tedesco, figlio del campionissimo della Formula Uno Michael, da ieri nella Ferrari Driver Academy, ha battuto nella "Race of Champions",...

Pubblicato domenica, 20 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Colpaccio della Happy Casa Brindisi nella prima giornata del girone di ritorno della serie A di basket. Al PalaPentassuglia gli uomini di Vitucci impongono una dura lezione alla capolista Milano, sconfitta 101-92. Ne approfitta...

Pubblicato domenica, 20 gennaio 2019 ‐ La Repubblica.it

NAPOLI - Con qualche brivido nel finale il Napoli supera 2-1 la Lazio al San Paolo e torna momentaneamente a -6 dalla Juventus, impegnato lunedì sera contro il Chievo. Decisivi per la squadra di Ancelotti Callejon (primo gol in...