El Chapo condannato a New York, il boss messicano verso l'ergastolo

Pubblicato martedì, 12 febbraio 2019 ‐ La Repubblica.it

NEW YORK - Il 'Signore della droga' messicano El Chapo Guzman è stato condannato al termine del processo che si è svolto a Manhattan e ora rischia l'ergastolo in un carcere di massima sicurezza statunitense. Il verdetto è stato raggiunto dopo sei giorni di camera di consiglio e dopo due mesi e mezzo di processo con oltre 200 ore di deposizioni da parte di 56 testimoni, 14 dei quali avevano lavorato per il Chapo. Il Chapo è stato ritenuto colpevoli di tutti i capi di imputazione che gli erano contestati: la pena sarà resa nota soltanto a giugno e l'uomo la aspetterà in cella.


Il destino del più enigmatico, feroce e leggendario boss del cartello della droga latino-americano è stato deciso da un gruppo di giurati  popolari, sette uomini e cinque donne: anonimi e parzialmente 'sequestrati' durante tutta la durata del processo, hanno ascoltato testimonianze di torture e omicidi sanguinari, episodi di corruzione a tutti i livelli del governo messicano, avventure con "narco-amanti", fughe rocambolesche in tunnel sotterranei, fucili mitragliatori AK-47 placcati d'oro e pistole con le iniziali tempestate di diamanti.


"Il processo ha aperto al pubblico americano uno spiraglio sul funzionamento dei cartelli della droga", ha detto alla Cnn Mike Vigil, ex capo delle operazioni internazionali della Dea, l'agenzia americana anti-stupefacenti. El Chapo nel 2017 è stato estradato negli Stati Uniti per rispondere alle accuse di traffico di cocaina, eroina e altre droghe come leader del cartello di Sinaloa. I suoi legali sostengono che è innocente e che è stato incastrato da un altro potente trafficante, Ismael El Mayo Zambada

rep Approfondimento Amore, affari, violenza: gli sms del Chapo al processo dalla nostra inviata ANNA LOMBARDI

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

MONTECARLO - Impresa di Fabio Fognini al Masters 1000 di Montecarlo. Il 31enne di Arma di Taggia si è qualificato per la finale battendo in due set Rafael Nadal, numero due del mondo e vincitore 11 volte sulla terra rossa del...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Suicidio Lazio. All'Olimpico la squadra di Inzaghi, in 10 dal 34' per l'espulsione di Milinkovic, si fa battere dal Chievo già retrocesso e reduce da 4 ko di fila: così i biancocelesti dicono addio alle residue speranze di...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

EMPOLI – Spal virtualmente salva, Empoli nel baratro. E’ questa la sentenza che viene dal Castellani dopo lo scontro diretto tra i toscani e i ferraresi. L’Empoli ci ha provato, giocando bene e andando anche in vantaggio con...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

BOLOGNA - Colpo grosso di Mihajlovic, la sesta vittoria in dodici partite dall’arrivo a Bologna vale mezza stagione. Non solo il sonante 3-0 alla Sampdoria, che vede allontanarsi l’Europa forse irrimediabilmente, ma anche risultati...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

Un braccio teso nel saluto romano, alzato senza pudori o ritrosie nel corso di un'iniziativa pubblica. Così la candidata sindaco di Vibo Valentia, Maria Limardo, ha ritenuto giusto e opportuno omaggiare Caio Giulio Cesare Mussolini, pronipote del noto...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

Il coniglietto pasquale è un'antica tradizione che simboleggia la rinascita della natura e dona ai bambini uova di cioccolato. È legata alla caccia alle uova colorate e, sebbene poco diffusa in Italia, è nota ai più piccoli che conoscono il coniglio...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

La Juventus donne si conferma campione d'Italia. Secondo scudetto di fila e della storia per le bianconere, che tagliano il traguardo all'ultima giornata. In attesa di vedere cosa faranno nel pomeriggio i colleghi maschi (contro la Fiorentina, match...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

Le forze che fanno capo al governo di Tripoli del premier Fayez al-Serraj hanno lanciato una controffensiva ai danni dell'autoproclamato esercito nazionale libico del generale Khalifa Haftar a sud della capitale, dove i combattimenti hanno raddoppiato...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

PARIGI - Tornano le proteste dei gilet gialli a Parigi dove oggi sono state indette quattro manifestazioni, solo due delle quali autorizzate. Per il nuovo sabato di mobilitazione del movimento di protesta, il 23esimo, il ministero dell'Interno francese...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

PARMA - C'era un chiodino sul prato del Tardini: ha fatto forare il Milan, che ha sbandato sulla strada della Champions. Gattuso era riuscito a raddrizzare una partita difficile e insipida, indovinando il cambio di modulo, dal 4-3-3 al...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

Non ci sarà alcun corteo il 29 aprile a Milano per commemorare Sergio Ramelli, lo studente neofascista ucciso nel 1975, ma solo una cerimonia 'statica'. Questa la decisione del prefetto di Milano, Renato Saccone, che, come precisato, è stata presa...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

È sicuramente uno dei politici più attivi sui social, Carlo Calenda. Come dimenticare la foto in costume con il cigno sul lago ghiacciato? La sua esuberanza però spesso gli procura proteste, prese di distanza, invettive. È successo anche oggi con una ...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

È come un fiume carsico, il conflitto di interessi. Riemerge nel dibattito pubblico ciclicamente. E diventa spesso terreno di scontro tra 5Stelle e Lega. Con il Movimento che agita l'argomento spaventando le truppe berlusconiane. Il primo a lanciare la...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

Tre uomini, italiani di 53, 60 e 50 anni, tutti residenti in Versilia, sono stati arrestati dai carabinieri di Viareggio perché ritenuti responsabili di aver compiuto atti sessuali con delle minori di 14 anni. Il Gip...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ La Repubblica.it

Si definiscono "le sorelle della Valley" e la loro missione è aiutare le persone che soffrono. Non tramite la preghiera, bensì attraverso la Cannabis e i derivati del Cannabinolo (CBD). Olii, capsule, tinture, ma anche sapone e altro: i loro prodotti,...