È morto José Mojica Marins, il più horror tra i registi brasiliani

Pubblicato giovedì, 20 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

Il regista, attore e showman brasiliano José Mojica Marins, creatore dell'iconico personaggio horror, che interpetava anche fuori dal set, Coffin Joe, che si era guadagnato il soprannome di "regista dell'orrore più pazzo del mondo" per il suo abbigliamento stravagante (e unghie spropositate), è morto ieri in un ospedale di San Paolo, Brasile, dove era ricoverato dal 28 gennaio scorso per una broncopolmonite, all'età di 83 anni. L'annuncio della scomparsa è stato dato dalla figlia, l'attrice Liz Marins.


La sua grande passione sono stati i film horror dalle atmosfere gotiche, con immagini forti e scioccanti, pellicole visionare e crudeli, sadiche e brutali: tutto questo hanno fatto di Marins il primo regista sudamericano dell'orrore. Il suo personaggio più famoso si chiama Zé do Caixão (in italiano suona come 'Giuseppe dalla cassa da morto', mentre al cinema è conosciuto con il nome internazionale di Coffin Joe) che debuttò nel 1964 nel film A mezzanotte possiederò la tua anima.


L'idea originaria di Marins era quella di dirigere la pellicola senza recitarvi ma decise di interpretare il ruolo del malvagio becchino in seguito all'abbandono dell'attore protagonista. Interpretato dallo stesso regista, da allora Zé-Marins, protagonista di altri sequel, si è vestito sempre di nero con un cilindro, mantello e unghie lunghissime, che si è tagliato solo nel 1998.


L'anti-eroe creato da Marins fu censurato e osteggiato in Brasile ma divenne ben presto un personaggio di culto in patria e fuori dal paese latinoamericano con le visioni underground. L'enorme successo spinse Marins a continuare su quella strada e a sviluppare ulteriormente il suo personaggio, che apparve in una decina di film.


Girò nel 1967 il seguito del primo film di grande successo, intitolato Esta Noite encarnarei no Teu Cadàver, in cui Zé do Caixão ritornava più cattivo e ossessionato dalla ricerca della madre perfetta per la sua discendenza. Altri film dagli anni Settanta vedono protagonista Zé-Marins in trame incredibilmente strane, dove l'horror si mescola sempre più spesso con l'erotismo.


Nel 2008 Marins ha terminato la trilogia ufficiale di Zé con Incarnazione del Demonio, sadica, blasfema, visionaria conclusione di una delle più allucinanti saghe cinematografiche di sempre.


 

Tag: #Spettacoli #Cinema

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Virginia Raggi è pienamente in corsa per la ricandidatura a Roma. Nonostante le obiezioni di una parte del Movimento (a partire dalla consigliera regionale del Lazio, Roberta Lombardi) sulla deroga alla regola del...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Cambiare il Csm e le sue regole di vita interne non è semplice, soprattutto se lo si fa con una legge ordinaria, senza modificare la Costituzione. Bisogna partire da qui per valutare il lavoro che il Guardasigilli...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Se davvero Fabrizio Salini lascerà la carica di amministratore delegato della Rai per trasferirsi a Netflix, il governo dovrà individuare un traghettatore che guidi la televisione di Stato per il prossimo anno,...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

MILANO - Quella arrivata con la proposta di Recovery Fund è "una svolta storica per la Commissione Ue", dice Paolo Gentiloni, ospite di Radio Anch'io su RadioRai. Non era mai successo che la Commissione...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

MILANO - Anche la casa automobilistica giapponese Nissan si trova a fare i conti con gli effetti della crisi del Covid: ha annunciato che intende ridurre del 20% le sue capacità di produzione mondiali entro il marzo del 2023 a 5,4...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

«Caro Michele, non ho mai perso una tua Amaca. Si contano le pochissime volte che ho dissentito da te, ma veniamo al sodo. Come nel film di Forman, Jack Nicholson dice al Grande capo: che ci facciamo noi qui, Grande capo? Ecco, che ci fai ancora...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Ultimo giorno in cui l'alta pressione delle Azzorre proverà a mantenere un tempo stabile con clima gradevole su gran parte del Paese. Da domani un vortice freddo di origine russa provocherà una fase di maltempo, caratterizzata non solo da frequenti...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

MILANO - La Corte dei Conti chiede di metter mano alla riforma fiscale quanto prima, per dar seguito alle iniziative del decreto Rilancio. Intanto le categorie più direttamente coinvolte dalla crisi del coronavirus e dai successivi...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

I musei statali devono restituire i quadri alle chiese. "Credo che il momento sia giunto: i musei statali compiano un atto di coraggio e restituiscano dipinti alle chiese per i quali furono originariamente creati". Lo chiede Eike Schmidt, direttore degli ...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Un trapianto record, che sta permettendo piano piano a Francesco, 18 anni, di tornare alla vita. Dopo che ha trascorso due mesi attaccato a un respiratore e ha rischiato di morire a causa del Covid-19. Succede al Policlinico di Milano, dove Francesco...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Da ieri è sotto scorta, la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina. Lo è perché bersagliata da una valanga di insulti, soprattutto a sfondo sessuale, come accade spesso in Italia. Non solo nella politica. Cronaca Scuola:...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Sono passati 46 anni dalla strage di Piazza della Loggia a Brescia. "Riprendere il cammino dopo la sofferenza, il dolore, il lutto è sempre faticoso - scrive oggi il Capo dello Stato, Sergio Mattarella nel suo messaggio in ricordo delle ...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Con la benedizione del clan Piromalli, un cartello di 57 imprenditori per quasi dieci anni si è spartito tutti i lavori pubblici realizzati a Gioia Tauro e nelle zone limitrofe. E non si tratta solo di imprese calabresi. Che il board sedesse a Roma, in...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

La partita sulle elezioni regionali è ancora aperta. Il governo ha rimandato il voto a settembre, ma cinque Regioni - Veneto, Liguria, Marche, Campania e Puglia - di diverso colore politico non ci stanno. E si sono appellate al Quirinale per chiedere di ...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

"Noi sindaci siamo stufi di finire in mezzo alle guerre politiche della maggioranza e alle manie di protagonismo delle Regioni. I Comuni rischiano il default, rischiano di non dare più l'assistenza domiciliare ad anziani e disabili, di non potere più...