Diciottenno ucciso da 5 coetanei per un debito di droga e buttato nel lago, 5 fermi

Pubblicato giovedì, 11 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

ORISTANO - I suoi assassini l'hanno ucciso per poche centinaia di euro e poi l'hanno buttato nelle acque del lago Omodeo, nell'Oristanese: Manuel Careddu probabilmente e' morto la stessa sera dell'11 settembre scorso, quando del diciottenne di Macomer si erano perse le tracce nella stazione ferroviaria di Abbasanta (Oristano). Cosa sia successo dopo che il ragazzo è sceso dal pullman col quale era arrivato, lo ha raccontato in parte questa mattina il procuratore della repubblica di Oristano, Ezio Domenico Basso, in una conferenza stampa che ha confermato il fermo di quattro giovani avvenuto ieri mattina ai quali nella notte se ne è aggiunto un quinto, quello di Riccardo Carta, ventenne di Ghilarza.


Il giovane è accusato di concorso nell'omicidio pluriaggravato con occultamento di cadavere del quale devono rispondere anche Cristian Fodde e Matteo Satta, ventenni di Ghilarza, una giovane diciassettenne, residente ad Abbasanta, e un altro diciassettenne residente, invece, a Ghilarza. Un gruppo di amici protagonisti di questa drammatica e sconcertante vicenda che per il contesto e le modalità in cui è avvenuta ha lasciato "esterrefatti" persino gli inquirenti,  come ha dichiarato il procuratore Basso, affiancato stamane dal comandante provinciale dei carabinieri di Oristano Domenico Cristaldi, dal comandante del reparto operativo David Egidi e dal responsabile del reparto investigativo Mariano Lai.


Una vicenda che carabinieri e magistrati quasi hanno potuto seguire come in uno sconvolgente film,  perché l'auto usata dai giovani per portare a compimento il loro progetto omicida era intercettata e, dunque, i loro dialoghi sono stati tutti registrati. A cominciare da quella sera dell'11 settembre, appunto. Manuel Careddu arriva ad Abbasanta, convinto di poter incassare le poche centinaia di euro che i suoi conoscenti di Abbasanta e Ghilarza gli dovevano per forniture di marijuana non pagate. Ma ecco la prima sorpresa, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti. I soldi li avrà: dovrà andare alll'incasso fuori dal paese. Il 18enne viene, quindi, invitato a salire in macchina e comincia il viaggio verso le sponde del lago Omodeo, verso la sua morte.


All'arrivo i giovani scendono a terra. Trovano ad  attenderli un'altra persona. Ciò che accade dopo è ancora da chiarire nel dettaglio. Secondo gli inquirenti, Manuel Careddu potrebbe essere stato ucciso subito e il suo corpo buttato nel lago Omodeo. Non si esclude che il giovane di Macomer possa essere stato anche seviziato. Lo accerterà l'autopsia al momento in cui si troverà il corpo. Ma qualcosa si può dedurre da alcuni dialoghi che danno conto della preparazione dell'omicidio.


I giovani di Ghilarza e Abbasanta, infatti, non avevano lasciato nulla al caso. Avevamo messo in conto di dover uccidere  Careddu e in auto avevano caricato anche "alcuni strumenti", ha  spiegato il procuratore Basso, ribadendo la volontà omicida dei fermati.

Per loro dopo quella sera la vita è proseguita come se nulla fosse. I carabinieri hanno impiegato un po' a ricostruire i dialoghi in auto perché disturbati da vari rumori, ma quando hanno cominciato a seguirli più da vicino si sono accorti che continuavano con le loro abitudini normalmente: c'era chi andava a scuola, anche a Oristano, chi faceva qualche lavoretto. Ci si vedeva e si stava insieme, come sempre. Convinti probabilmente di aver architettato alla perfezione il diabolico piano e di poter sfuggire alla giustizia. La sera dell'omicidio, tra l'altro, avevano consegnato i loro telefoni cellulari a un amico,  per evitare il tracciamento degli spostamenti in auto.

Ma non sapevano di quel microfono che ha consentito di registrare i loro dialoghi. I carabinieri lo avevano piazzato per  intercettare il padre di uno dei fermati, nell'ambito dell'inchiesta sull'omicidio del servo pastore Mario Atzeni, avvenuto a S'Arenarzu, nelle campagne di Abbasanta, lo scorso anno. Da quei dialoghi registrati sembra emergere anche la presenza di una o due persone nelle vicinanze del luogo del delitto con  possibili responsabilità. Particolare che gli inquirenti stanno cercando di chiarire.

"Nessuno degli arrestati ha dato una collaborazione piena alle indagini", ha spiegato il procuratore della repubblica di Oristano Ezio Domenico Basso, "Ci sono solo alcune parziali dichiarazioni di ammissioni di colpe da parte di qualcuno".


Intanto, sono state sospese nel pomeriggio e riprenderanno domani mattina le ricerche del corpo di Manuel buttato dai suoi assassini nelle acque del lago Omodeo.Domani nel lago si immergeranno nuovamente i sub dello speciale reparto dei carabinieri che già erano entrati in azione ieri e che sono dovuti rientrare in tutta fretta a Cagliari, per partecipare alle operazioni di protezione civile legate alla grave ondata di maltempo.

    Oggi sono stati i carabinieri del reparto Cacciatori di Sardegna a effettuare un controllo attento perlustrando le rive del lago.

Diverse squadre hanno operato per dieci ore ininterrottamente sotto il coordinamento del maggiore Alfonso Musumeci. Nelle zona nelle ultime 48 ore e' stato impiegato anche un elicottero. I cinque giovani di Ghilarza e Abbasanta fermati ieri dai carabinieri e accusati di concorso nell'omicidio di Emanuele Careddu non avrebbero fornito elementi utili ad agevolare le ricerche.

 

Tag: #Cronaca

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

Di questi tempi, basta associare il concetto di spending review al Viminale per dedurre, anche un po’ frettolosamente, che Salvini andrà a sforbiciare là dove può far male ai suoi avversari. E tra questi, di sicuro, c’è lo scrittore Roberto...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

Il Documento Programmatico di Bilancio (DPB) conferma i numeri della Nadef per quello che riguarda i grandi aggregati e fornisce qualche informazione supplementare. Per quello che riguarda i grandi numeri, è confermato che la crescita del Pil sale dal...

Alessandra Mussolini: "Denuncerò chi offende il Duce sui social" Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

Alessandra Mussolini avvisa i "naviganti": chi parla male del Duce sui social sarà denunciato. "Legali al lavoro per verificare il "politically correct" di Fb e altri social nei confronti di immagini e/o frasi offensive nei confronti di Benito...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

LONDRA. Spesso la differenza la fanno i dettagli. Il vertice di oggi a Bruxelles tra la premier britannica Theresa May e i leader dell'Unione Europea non porterà grandi novità. Lo stallo rimane. E, nonostante tutto l'ottimismo di circostanza, le...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

Su tinge di giallo il via libera del governo alla pace fiscale. "Al Quirinale  è arrivato un testo manipolato", è l'accusa lanciata dal vicepremier M5S Luigi Di Maio. "Domani presento denuncia alla procura della Repubblica". Parole pronunciate durante ...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

Il Comune di Lodi fa una mezza marcia indietro sulle modifiche al regolamento che discriminano i bambini stranieri nell'esenzione dalle rette scolastiche. Il regolamento, infatti, non prevede l'autocertificazione e per molti stranieri è difficile...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Si consegna alla polizia dopo essersi finto morto per permettere alla moglie di incassare l'assicurazione e pagare le spese per le cure della figlia epilettica. E scopre che, per disperazione, la donna si è suicidata insieme ai...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

Ufficialmente nell'agenda del vertice europeo non ci sono le leggi di bilancio dei Paesi membri, bensì migranti, sicurezza interna, e Brexit. Ma si sa che la manovra italiana a Bruxelles è l'osservato speciale. E così il premier Giuseppe Conte, appena ...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Andrea Riffeser Monti, presidente degli editori di giornali della Fieg, scrive al sottosegretario Vito Crimi (Editoria) per sottolineare i "ripetuti attacchi che i giornalisti e le imprese editoriali" ricevono fin...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

ROMA. Il condono è sempre più ad alta intensità. L’ultima bozza circolata del decreto, peraltro già approvato dal consiglio dei ministri, allarga le maglie della maxi sanatoria fiscale e contributiva: tetti più alti, possibilità...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

Il post è stato pubblicato sul blog di Beppe Grillo proprio mentre il premier Giuseppe Conte atterrava a Bruxelles per un difficile Consiglio europeo, in cui la manovra italiana finirà sul banco degli imputati. Il cofondatore del Movimento ha...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

"È una questione politica. Bisogna portare in giro il messaggio politico di Riace". Dovrà ricredersi chi pensava che l'esilio da Riace avrebbe fatto sprofondare Mimmo Lucano nello sconforto o gli avrebbe fatto terra bruciata attorno. Il sindaco, oggi...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

Miguel Bosé si separa dallo scultore spagnolo Nacho Palau e già è lite sulla custodia dei figli. Dopo 26 anni di convivenza, la coppia si è divisa e lo scultore si è rivolto a uno studio legale che si occuperà di difendere "i suoi diritti e quelli...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

"Pompei è uno specchio con il quale ritrovi te stesso, io ho visto me stesso nei pompeiani del passato", è emozionato e felice Alberto Angela nel suo discorso, subito dopo essere stato nominato cittadino onorario di Pompei. “E'  bello...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ La Repubblica.it

MILANO - Diversi fondi di investimento appoggiano la proposta di un'azionista di Facebook di rimuovere Mark Zuckerberg dalla presidenza del consiglio di amministrazione del social media. Lo riporta il Wall Street Journal. Il fondo...