Coronavirus, così la Repubblica Ceca ha sequestrato migliaia di mascherine inviate dalla Cina all'Italia

Pubblicato sabato, 21 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

Gravissimo caso di mancanza di solidarietà nell'Unione europea nell´emergenza Coronavirus, da parte della Repubblica ceca ai danni dell´Italia. Lo ha denunciato il GR1: solo grazie alle menzogne ufficiali scoperte e alle informazioni in merito fornite da un onesto e coraggioso ricercatore ceco, Lukas Lev Cervinka, si è venuto a sapere che le autorità locali hanno sequestrato arbitrariamente un enorme carico di 680mila mascherine e migliaia di respiratori, che la Repubblica popolare aveva inviato al nostro paese per aiutarci.


I fatti, racconta al telefono Lukas Lev Cervinka confermando totalmente la notizia data dal Gr1, sono andati cosí. Martedí le autorità ceche avevano vantanto un grande successo nella lotta a chi specula sui costi di mascherine e altro materiale medico indispensabile per fermare la pandemia. “La versione ufficiale con i primi comunicati diceva all´inizio che su trattava di mascherine e respiratori confiscati, parlando di materiale rubato a imprese ceche da criminali senza scrupoli che volevano venderle a costo maggiorato sul mercato internazionale, sfidando i severi limiti all´export medico imposti in Cechia come altrove dall´emergenza”. Ma poi sono apparsi foto e filmati mostrati da Cervinka e dalle ong democratiche ed europeiste, che hanno fatto capire la brutta verità. A bordo di camion della polizia c'erano scatoloni con le bandiere cinese e italiana, e scritte in italiano e mandarino in cui le autorità di Pechino lanciavano saluti, incoraggiamenti e desiderio di aiuto all´Italia.


“Il ministero della Salute ceco è stato contattato”, continua Lukas Lev Cervinka, “e ha insistito nella versione ufficiale, ripetendo la menzogna del sequestro di materiale destinato a vendite illegale. Tutti i media diffusero allora la storia, ma poi la verità è stata scoperta, e si vedevano chiaramente le etichettature sugli scatoloni inviati da Pechino: aiuto umanitario cinese per l´Italia. Eppure il governo ceco ci ha messo tre giorni prima di dire, non ufficialmente ma solo con tweets del ministero dell´interno, che ammetteva che almeno parte, cito i tweets, del carico, in realtà veniva dalla Repubblica popolare ed era destinato al vostro paese come aiuto umanitario. Aggiungendo in termini generici che l´Italia non avrebbe perso nulla”.


“Poi l´ambasciata italiana a Praga ha reagito, e la sua versione, veritiera, della vicenda, è stata narrata dall´illustre testata econonica Hospodarské Noviny”, prosegue il racconto del ricercatore. “Al momento manca ancora un´ammissione ufficiale e chiara di colpa del governo (guidato dal premier-tycoon antimigranti autocratico e populista Andrej Babis, ndr), manca anche a quanto mi risulta ogni scusa ufficiale all´Italia. Il governo appunto si è limitato alle parziali ammissioni dei tweets del ministero dell´Interno, i suoi vertici tacciono con Italia e resto dell´Unione europea”.


“Nei tweet si dice che il governo si sarebbe accorto solo dopo del presunto errore, e adesso sarebbe in contatto con Italia e Cina per tentare di risolvere il problema”. Secondo Hospodarské Noviny invece, “Pechino e Roma hanno deciso che la soluzione piú sicura a questo punto è che un nuovo carico parta dalla Repubblica popolare per raggiungere il vostro paese”. Il materiale confiscato dalle autorità ceche del resto “resterà di fatto nella Repubblica ceca perché è stato già distribuito agli ospedali nazionali mobilitati per affrontare il Coronavirus e registrato nei loro inventari”. Tutto fatto a quanto pare senza informare cinesi e italiani né chiedere il loro permesso.


“Non è affatto un gesto di politica europea, è una storia molto vergognosa”, mi dice Lukas Lev Cervinka. E lascia capire che come dice il movimento giovanile e della società civile ceco, la “Nuova primavera” europeista, ambientalista e per la difesa della democrazia contro Babis, dall´autocrate e dai suoi ci si può sempre aspettare il peggio.

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Virginia Raggi è pienamente in corsa per la ricandidatura a Roma. Nonostante le obiezioni di una parte del Movimento (a partire dalla consigliera regionale del Lazio, Roberta Lombardi) sulla deroga alla regola del...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Cambiare il Csm e le sue regole di vita interne non è semplice, soprattutto se lo si fa con una legge ordinaria, senza modificare la Costituzione. Bisogna partire da qui per valutare il lavoro che il Guardasigilli...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Se davvero Fabrizio Salini lascerà la carica di amministratore delegato della Rai per trasferirsi a Netflix, il governo dovrà individuare un traghettatore che guidi la televisione di Stato per il prossimo anno,...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

MILANO - Quella arrivata con la proposta di Recovery Fund è "una svolta storica per la Commissione Ue", dice Paolo Gentiloni, ospite di Radio Anch'io su RadioRai. Non era mai successo che la Commissione...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

MILANO - Anche la casa automobilistica giapponese Nissan si trova a fare i conti con gli effetti della crisi del Covid: ha annunciato che intende ridurre del 20% le sue capacità di produzione mondiali entro il marzo del 2023 a 5,4...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

«Caro Michele, non ho mai perso una tua Amaca. Si contano le pochissime volte che ho dissentito da te, ma veniamo al sodo. Come nel film di Forman, Jack Nicholson dice al Grande capo: che ci facciamo noi qui, Grande capo? Ecco, che ci fai ancora...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Ultimo giorno in cui l'alta pressione delle Azzorre proverà a mantenere un tempo stabile con clima gradevole su gran parte del Paese. Da domani un vortice freddo di origine russa provocherà una fase di maltempo, caratterizzata non solo da frequenti...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

MILANO - La Corte dei Conti chiede di metter mano alla riforma fiscale quanto prima, per dar seguito alle iniziative del decreto Rilancio. Intanto le categorie più direttamente coinvolte dalla crisi del coronavirus e dai successivi...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

I musei statali devono restituire i quadri alle chiese. "Credo che il momento sia giunto: i musei statali compiano un atto di coraggio e restituiscano dipinti alle chiese per i quali furono originariamente creati". Lo chiede Eike Schmidt, direttore degli ...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Un trapianto record, che sta permettendo piano piano a Francesco, 18 anni, di tornare alla vita. Dopo che ha trascorso due mesi attaccato a un respiratore e ha rischiato di morire a causa del Covid-19. Succede al Policlinico di Milano, dove Francesco...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Da ieri è sotto scorta, la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina. Lo è perché bersagliata da una valanga di insulti, soprattutto a sfondo sessuale, come accade spesso in Italia. Non solo nella politica. Cronaca Scuola:...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Sono passati 46 anni dalla strage di Piazza della Loggia a Brescia. "Riprendere il cammino dopo la sofferenza, il dolore, il lutto è sempre faticoso - scrive oggi il Capo dello Stato, Sergio Mattarella nel suo messaggio in ricordo delle ...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

Con la benedizione del clan Piromalli, un cartello di 57 imprenditori per quasi dieci anni si è spartito tutti i lavori pubblici realizzati a Gioia Tauro e nelle zone limitrofe. E non si tratta solo di imprese calabresi. Che il board sedesse a Roma, in...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

La partita sulle elezioni regionali è ancora aperta. Il governo ha rimandato il voto a settembre, ma cinque Regioni - Veneto, Liguria, Marche, Campania e Puglia - di diverso colore politico non ci stanno. E si sono appellate al Quirinale per chiedere di ...

Pubblicato giovedì, 28 maggio 2020 ‐ La Repubblica.it

"Noi sindaci siamo stufi di finire in mezzo alle guerre politiche della maggioranza e alle manie di protagonismo delle Regioni. I Comuni rischiano il default, rischiano di non dare più l'assistenza domiciliare ad anziani e disabili, di non potere più...