César, si dimettono i vertici dell'oscar francese

Pubblicato giovedì, 13 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

PARIGI -  Il cinema francese è scosso da una fronda inedita che ha portato all'azzeramento dei vertici dei César. A sorpresa, l'accademia che organizza l'equivalente degli Oscar in Francia ha infatti annunciato ieri sera le "dimissioni collettive" dei vertici.


A pochi giorni dalla cerimonia prevista a Parigi è un terremoto. Tutto è nato da un appello pubblicato qualche giorno fa da Le Monde firmato da oltre quattrocento attori, registi, autori ed esponenti del cinema per denunciare una "gestione opaca ed elitista". Tanti i nomi che hanno sottoscritto la protesta, da Léa Seydoux a Gilles Lellouche, da Bertrand Tavernier a Omar Sy a Marion Cotillard.


Il testo pubblicato chiedeva un rinnovo completo dei vertici dopo alcuni incidenti. Uno degli episodi scatenanti, secondo quanto riferito dall'attrice Marina Fois che ha partecipato all'appello, è stato il rifiuto da parte dell'Accademia di prendere come madrina per un giovane attore la scrittrice Virginie Despentes. L'effetto della protesta è stato dirompente. Nell'annunciare l'azzeramento dei vertici, l'accademia dei Césars ha spiegato di voler favorire il "ritorno alla serenità e rendere la festa del cinema una celebrazione".


"Queste dimissioni collettive - si spiega nel comunicato - consentiranno un completo rinnovamento della gestione". Tra i punti sollevati nel testo su Le Monde ci sono le "disfunzioni", "l'opacità dei conti" o gli statuti basati sulla "cooptazione". L'elenco dei membri dell'Accademia, composto da 4.700 professionisti del cinema, è segreto. Per farne parte, servono due sponsor interni e aver partecipato ad almeno tre film in cinque anni.


L'edizione di quest'anno dei César era già stata al centro di polemiche per le 12 nomination assegnate a Roman Polanski con il suo film "J'accuse" (uscito in Italia col titolo "L'ufficiale e la spia") dopo che il regista era stato oggetto di nuove accuse di violenza sessuale. Polanski è anche tra i membri della direzione dell'accademia dei César formata da 47 professionisti, di cui 39 uomini. Un altro motivo che ha alimentato le tensioni in una fase in cui si fa strada l'esigenza della parità anche nella settima arte. Diversi gruppi femministi avevano minacciato di voler boicottare la cerimonia prevista il 28 febbraio alla Salle Pleyel. Nei prossimi giorni il Centre national de Cinéma guiderà il rinnovamento dell'accademia e le modifiche allo statuto, con la promessa di una rivoluzione all'insegna della trasparenza e della parità.

Tag: #Spettacoli #Cinema

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Sale per il terzo giorno di fila la curva epidemica in Italia. I nuovi casi sono 276, contro i 229 di ieri e i 193 di mercoledì. Metà dei casi odierni è in Lombardia, dove il numero cresce da 119 a 135 nuovi positivi. Il totale delle persone colpite...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Il parterre del meeting di Rimini rappresenta in genere lo specchio degli orientamenti politici di Comunione e Liberazione e di quella fetta del mondo cattolico legato a Cl. E quest'anno - per l'edizione in programma dal 18 al 23 agosto, a 40 anni dalla...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Prima ha votato insieme ai 'liberal'per bloccare una legge sull'aborto in Louisiana, poi per proteggere i giovani immigrati che vivono ai margini della legalità negli Stati Uniti (i cosiddetti 'Dreamers'), infine si è unito ai giudici democratici per...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Nel mezzo della pandemia di coronavirus, la Chiesa cattolica americana ha fatto una campagna di pressione sulle autorità federali per modificare i requisiti che consentivano di accedere al piano del governo di sostegno alle imprese e poter avere così i ...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Il Consiglio di Stato turco ha annullato il decreto del 24 novembre 1934 dell'allora presidente Mustafa Kemal Ataturk che trasformava Santa Sofia in un museo. La storica decisione apre la strada alla riconversione in moschea del monumento simbolo di...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Un matrimonio a Cittadella, provincia di Padova, si trasforma in nuovo focolaio coronavirus. A pochi giorni dalla celebrazione e dalla festa organizzata dalla coppia congolese, il padre della sposa ha avvertito i sintomi propri del covid 19 e una volta...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Le quattro formazioni italiane che saranno impegnate nella prossima Eurocup attendevano con ansia il sorteggio odierno e l'urna, almeno per la Reyer Venezia, non è stata dolcissima. Il sorteggio di Barcellona regala all'Umana un...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Il primo bilancio degli operatori turistici della Sardegna segna un -95% del fatturato rispetto allo scorso anno: per le imprese turistiche a peggiorare la situazione di crisi causata dalla pandemia ci sono la difficoltà di accesso alla Sardegna, la...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Nonostante risulti come l'attore più pagato al mondo, con un guadagno di 96 milioni di dollari solo tra giugno 2019 e giugno 2020 (lo dice la lista di People With Money), Robert De Niro dice di essere sull'orlo della...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

LONDRA - Boris Johnson vuole mettere a dieta i britannici. Chi lo avrebbe mai detto? Proprio lui, il premier britannico, che ha sempre difeso la libertà popolare di abbuffarsi e bere bevande gassate e zuccherate, e che anzi, quando era...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA. Si va verso la proroga dello stato d’emergenza al 31 dicembre. E di conseguenza dello smart working, per dipendenti pubblici e privati ancora chiusi a casa. L’ombra del Covid si allunga anche sulla seconda metà del 2020. La...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Chi beve caffè amaro, preferendolo a quello zuccherato o ingentilito dal latte, potrebbe nascondere una psicopatia con tendenze sadiche. È la tesi di uno studio svolto all’università di Innsbruck il cui risultato, pubblicato sulla rivista...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

D'accordo per ora gli ascolti tv calano, e fra qualche giornata probabilmente crolleranno, ma il calcio italiano fa gola in tutto il mondo visto l'interesse dei fondi di investimento, dalla Cina agli Usa, che hanno bussato (e stanno bussando) alla porta...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Dopo la polemica esplosa a giugno con Paul McCartney, che a gamba tesa aveva chiesto il rimborso per i suoi biglietti, e il successivo intervento del Ministro Franceschini ("è evidente che la ratio della norma è che il voucher valga solo per un...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Dalla "fuga" della proprietà cinese al baratro della chiusura, al commissariamento e, ora, addirittura alle prime assunzioni. Quella della Wanbao di Mel, provincia di Belluno, è una storia che fa eccezione nel panorama del...