Cenerentola, 70 anni fa usciva la fiaba animata che salvò Walt Disney

Pubblicato sabato, 15 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

Biancaneve nel '37 balla con i sette nani ma Cenerentola nel 1950 è la prima a ballare nel salone del castello insieme al principe azzurro. A tredici anni dal primo lungometraggio d'animazione con la capostipite delle principesse, Walt Disney scommette su un'altra fiaba europea per superare le difficoltà economiche in cui versa la sua casa di produzione. Nei primi anni 40 realizza Pinocchio, Fantasia, Dumbo e Bambi ma gli incassi al botteghino non bastano a coprire i costi e dopo la guerra la compagnia non riesce a risollevarsi. Disney sceglie la favola di Charles Perrault e, come è ormai nel suo stile, alla giovane orfana vessata dalla matrigna e dalle sorellastre, affianca una schiera di animaletti parlanti che la aiutano a trasformare i suoi sogni in realtà. Cenerentola esce negli Stati Uniti il 15 febbraio 1950 e realizza anche i desideri di papà Walt: costato tre milioni di dollari, è il maggior incasso del 1950, permette allo studio di ristabilirsi economicamente, pagare i debiti e pensare a nuovi progetti.

'Cenerentola' la favola animata di Walt Disney festeggia 70 anni in riproduzione.... Condividi  
Cenerentola diventa un classico dell'animazione insieme al castello disegnato per il film (ispirato a quello di Ludwig, il castello di Neustwanstein in Baviera) che diventa il simbolo della Disney ed è in seguito realizzato a grandezza naturale nel Walt Disney World in Florida. Il film, diretto da Wilfred Jackson, Hamilton Luske e Clyde Geronimi, è presentato al festival di Venezia, dove Walt Disney riceve un premio speciale, nel '51 vince l'Orso d'oro per miglior film musicale al primo Festival di Berlino e ottiene tre nomination agli Oscar per il miglior sonoro, colonna sonora e canzone per Bibbidi-Bobbidi-Boo. Viene ridistribuito nelle sale per cinque volte negli Usa e sette in Italia, incassando complessivamente 85 milioni di dollari.


Condividi  

La trasformazione dell'abito stracciato di Cenerentola in quello da ballo è la scena animata preferita di Walt Disney. Non solo per la bellezza delle animazioni di Marc Davis, ma anche perché la scena rappresenta la filosofia Disney: i miracoli possono accadere se non si perde la speranza. La fiaba ha come tema il riscatto di Cenerentola, aiutata dalla Fata madrina, una creatura in grado di regalarle una serata magica con il tocco della sua bacchetta. Ma è la scarpetta di cristallo a cambiare per sempre la vita della fanciulla. Il successo del film è dovuto anche alla colonna sonora e le canzoni di Cenerentola, tra cui I sogni son desideri e Questo è l'amor, sono le prime a essere curate dalla neonata Walt Disney Music Company.

Condividi  

Come era già accaduto con Biancaneve, anche per questo film vengono usati modelli femminili, utilizzando la tecnica del "live action footage". Negli studi Disney vengono ricreate le scene in veri e propri set, dove gli interpreti recitano davanti agli animatori, che possono così prendere spunto per le pose e le espressioni. Le modelle scelte sono la sua doppiatrice Ilene Woods e Helene Stanley, che qualche anno dopo avrebbe interpretato anche Aurora (La bella addormentata nel bosco) e Anita (La carica dei 101).


La versione di Cenerentola del 1950 che conosciamo in Italia è quella doppiata nel 1967 che ha sostituito le voci originali criticate perché ritenute poco adatte. Inoltre, nelle foto promozionali e nei gadget legati al film, il vestito da ballo di Cenerentola è azzurro, mentre nel film è bianco-argento: il cambiamento è avvenuto negli anni 90, quando gli artisti incaricati di disegnare il nuovo poster della versione restaurata hanno dato una sfumatura azzurra all'abito.

Condividi  

Il film ha avuto due sequel, Cenerentola II - Quando i sogni diventano realtà del 2002 e Cenerentola - Il gioco del destino del 2007, destinati solo alla distribuzione homevideo, che hanno incassato rispettivamente 120 e 90 milioni di dollari in tutto il mondo. Nel 2015 il remake in live action diretto da Kenneth Branagh, con Cate Blanchett nei panni della matrigna, Lily James in quelli della principessa, Helena Bonham Carter è la fata Madrina e Richard Madden è il Principe Azzurro. La fiaba con gli attori in carne e ossa ha avuto un grandissimo successo di pubblico e critica arrivando a guadagnare oltre 500 milioni di dollari in tutto il mondo.






 

Tag: #Spettacoli #Cinema

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Il parterre del meeting di Rimini rappresenta in genere lo specchio degli orientamenti politici di Comunione e Liberazione e di quella fetta del mondo cattolico legato a Cl. E quest'anno - per l'edizione in programma dal 18 al 23 agosto, a 40 anni dalla...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Prima ha votato insieme ai 'liberal'per bloccare una legge sull'aborto in Louisiana, poi per proteggere i giovani immigrati che vivono ai margini della legalità negli Stati Uniti (i cosiddetti 'Dreamers'), infine si è unito ai giudici democratici per...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Nel mezzo della pandemia di coronavirus, la Chiesa cattolica americana ha fatto una campagna di pressione sulle autorità federali per modificare i requisiti che consentivano di accedere al piano del governo di sostegno alle imprese e poter avere così i ...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Il Consiglio di Stato turco ha annullato il decreto del 24 novembre 1934 dell'allora presidente Mustafa Kemal Ataturk che trasformava Santa Sofia in un museo. La storica decisione apre la strada alla riconversione in moschea del monumento simbolo di...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Un matrimonio a Cittadella, provincia di Padova, si trasforma in nuovo focolaio coronavirus. A pochi giorni dalla celebrazione e dalla festa organizzata dalla coppia congolese, il padre della sposa ha avvertito i sintomi propri del covid 19 e una volta...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Le quattro formazioni italiane che saranno impegnate nella prossima Eurocup attendevano con ansia il sorteggio odierno e l'urna, almeno per la Reyer Venezia, non è stata dolcissima. Il sorteggio di Barcellona regala all'Umana un...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Il primo bilancio degli operatori turistici della Sardegna segna un -95% del fatturato rispetto allo scorso anno: per le imprese turistiche a peggiorare la situazione di crisi causata dalla pandemia ci sono la difficoltà di accesso alla Sardegna, la...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Nonostante risulti come l'attore più pagato al mondo, con un guadagno di 96 milioni di dollari solo tra giugno 2019 e giugno 2020 (lo dice la lista di People With Money), Robert De Niro dice di essere sull'orlo della...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

LONDRA - Boris Johnson vuole mettere a dieta i britannici. Chi lo avrebbe mai detto? Proprio lui, il premier britannico, che ha sempre difeso la libertà popolare di abbuffarsi e bere bevande gassate e zuccherate, e che anzi, quando era...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA. Si va verso la proroga dello stato d’emergenza al 31 dicembre. E di conseguenza dello smart working, per dipendenti pubblici e privati ancora chiusi a casa. L’ombra del Covid si allunga anche sulla seconda metà del 2020. La...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Chi beve caffè amaro, preferendolo a quello zuccherato o ingentilito dal latte, potrebbe nascondere una psicopatia con tendenze sadiche. È la tesi di uno studio svolto all’università di Innsbruck il cui risultato, pubblicato sulla rivista...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

D'accordo per ora gli ascolti tv calano, e fra qualche giornata probabilmente crolleranno, ma il calcio italiano fa gola in tutto il mondo visto l'interesse dei fondi di investimento, dalla Cina agli Usa, che hanno bussato (e stanno bussando) alla porta...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Dopo la polemica esplosa a giugno con Paul McCartney, che a gamba tesa aveva chiesto il rimborso per i suoi biglietti, e il successivo intervento del Ministro Franceschini ("è evidente che la ratio della norma è che il voucher valga solo per un...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Dalla "fuga" della proprietà cinese al baratro della chiusura, al commissariamento e, ora, addirittura alle prime assunzioni. Quella della Wanbao di Mel, provincia di Belluno, è una storia che fa eccezione nel panorama del...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA. “La vicenda delle barriere antirumore? Al di là dell’avviso di garanzia all’ad di Aspi, dimostra una cosa sola: Autostrade non ne ha azzeccata una. Ecco perché per il Movimento è necessario non indugiare più sulla revoca...