'Alla mia piccola Sama', una mamma e una figlia sotto le bombe di Aleppo

Pubblicato mercoledì, 12 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

"Nella calma che precede il massacro, quando mi sembra di soffocare, porto Sama fuori dall’ospedale e prendo con me la videocamera. Ho soltanto il bisogno di vedere persone vive. Cercare di vivere qui in modo normale significa resistere al regime". Waad Al-Kateab è una giovane siriana che dal 2012 al 2016 ha filmato gli anni della rivolta e l'assedio ad Aleppo, i ribelli e la resistenza, i feriti e le vittime, le macerie. Filmando, al tempo stesso la propria vita, l’esperienza di studentessa ribelle, l’amore che nasce con il medico attivista e compagno d’infanzia Hamsa, la nascita della loro figlia Sama (il nome significa “cielo”), proprio nell’ultimo anno della guerra che si rivela il più duro. Quando il regime i suoi alleati russi intensificano gli attacchi aerei e gli ospedali vengono bombardati, compreso quello in cui la giornalista ventenne e il marito vivono con la figlioletta.Alla mia piccola Sama è una lettera d’amore a questa bimba nata sotto i missili russi e i barili bomba, simbolo del genocidio dei bambini siriani, arriva in sala oggi.

'Alla mia piccola Sama', il doc nominato agli Oscar arriva in sala in riproduzione.... Condividi  

È il documentario più premiato di sempre e dopo aver vinto l'Efa europeo e il Bafta britannico, è tra i cinque candidati all'Oscar. Ad aiutare Waad Al-Keteab a trasformare in racconto l’enorme mole di documentazione è stato l’inglese Edward Watts, che firma da co-regista. Waad è la voce narrante di Aleppo, nella versione italiana l’ha doppiata Jasmine Trinca. “Questo non è solo un film per me, è la mia vita. Ho iniziato a raccontare la mia storia personale senza un piano preciso. Filmavo le proteste in Siria con il cellulare, come tanti altri. E non avrei mai immaginato che quei giorni di felicità sarebbero diventati un viaggio di perdita e orrore per i crimini inimmaginabili commessi dal regime di Assad”. La giornalista spiega alla figlia, per quando diventerà adulta, quello che è successo e perché hanno deciso finché è stato possibile, di restare ad Aleppo. Continua a filmare tutto quello che vede intorno a sé, dalla gioia di una ribellione che sembrava possibile alla disillusione rispetto al silenzio del mondo che è rimasto a guardare di fronte alla loro disperazione. Conosciamo gli amici e colleghi della coppia, li vediamo nei momenti di umorismo e tenerezza, di alcuni scopriremo la morte, camminiamo al fianco della cineasta, sul pavimento dell’ospedale pieno di sangue piccoli feriti.


Condividi  

Ci sono momenti strazianti, in cui è difficile non girare lo sguardo. Davanti a una madre e un bambino morti, Waad dice “Detesto confessarlo, ma invidio la madre di quel ragazzino. Almeno è morta prima di dover seppellire suo figlio”. Si vedono bimbi feriti, i piccoli corpi di quelli che non ce l’hanno fatta, i piedi tenuti insieme da lembi di stoffa bianca. Ma anche la straordinaria emozione di fronte a una donna ferita che partorisce d’urgenza, il neonato esanime che, per miracolo, torna a vivere. Per la mia piccola Sama consegna anche la prova concreta che il regime mirava strategicamente agli ospedali, come documentato dalle organizzazioni per i diritti umani, a partire da Amnesty international. Waad, Hamsa, Sama e alcune famiglie di amici con cui nel film abbiamo condiviso momenti quotidiani, il cibo che scarseggia, le confidenze, l’umorismo che uomini e donne trovano anche nelle situazioni più tremende, hanno alla fine dovuto abbandonare Aleppo devastata e rifugiarsi all’estero. Waad e Hamsa accompagnano nel mondo il film che è testimonianza della loro storia e manifesto di resistenza, sul tappeto rosso dei festival espongono un cartello: “Non bombardate gli ospedali”.

Tag: #Spettacoli #Cinema

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Maurizio Sarri, quello con l'Atalanta è un test complicato: è una di quelle gare che possono decidere le sorti dello scudetto? "Questa è una fase importante della stagione, l'Atalanta deve essere considerata una realtà: sta facendo benissimo e ha...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Coppi, Bartali, la borraccia e il Galibier. Era il 6 luglio 1952, il Tour, la tappa Bourg d’Oisans-Sestriere. L’immagine apparve per la prima volta sul numero 28 della rivista "Calcio e Ciclismo illustrato". Coppi passa la borraccia a Bartali o...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Max Verstappen firma il giro più veloce nelle prove libere 2 del Gran Premio di Stiria. Nella sessione pomeridiana del Red Bull Ring di Spielberg l'olandese della Red Bull ferma il cronometro sull'1'03"660 con soli 43 millesimi di vantaggio sulla...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Sale per il terzo giorno di fila la curva epidemica in Italia. I nuovi casi sono 276, contro i 229 di ieri e i 193 di mercoledì. Metà dei casi odierni è in Lombardia, dove il numero cresce da 119 a 135 nuovi positivi. Il totale delle persone colpite...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

LONDRA – La generosità di Wimbledon. Malgrado quest’anno la manifestazione tennistica più famosa al mondo non si disputerà a causa del coronavirus, l’All England Lawn Tennis Club ha deciso che un terzo del montepremi (12,6...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Il parterre del meeting di Rimini rappresenta in genere lo specchio degli orientamenti politici di Comunione e Liberazione e di quella fetta del mondo cattolico legato a Cl. E quest'anno - per l'edizione in programma dal 18 al 23 agosto, a 40 anni dalla...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Una ragazzina di 15 anni che chiede alla mamma: "Chi è mio padre?". E la rivelazione: "Il principe Alberto Di Monaco". Comincia così la nuova saga dei presunti figli illegittimi di famiglie reali. Questa volta a scriverla è una donna brasiliana...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Prima ha votato insieme ai 'liberal'per bloccare una legge sull'aborto in Louisiana, poi per proteggere i giovani immigrati che vivono ai margini della legalità negli Stati Uniti (i cosiddetti 'Dreamers'), infine si è unito ai giudici democratici per...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Nel mezzo della pandemia di coronavirus, la Chiesa cattolica americana ha fatto una campagna di pressione sulle autorità federali per modificare i requisiti che consentivano di accedere al piano del governo di sostegno alle imprese e poter avere così i ...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Il Consiglio di Stato turco ha annullato il decreto del 24 novembre 1934 dell'allora presidente Mustafa Kemal Ataturk che trasformava Santa Sofia in un museo. La storica decisione apre la strada alla riconversione in moschea del monumento simbolo di...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Un matrimonio a Cittadella, provincia di Padova, si trasforma in nuovo focolaio coronavirus. A pochi giorni dalla celebrazione e dalla festa organizzata dalla coppia congolese, il padre della sposa ha avvertito i sintomi propri del covid 19 e una volta...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Le quattro formazioni italiane che saranno impegnate nella prossima Eurocup attendevano con ansia il sorteggio odierno e l'urna, almeno per la Reyer Venezia, non è stata dolcissima. Il sorteggio di Barcellona regala all'Umana un...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Il primo bilancio degli operatori turistici della Sardegna segna un -95% del fatturato rispetto allo scorso anno: per le imprese turistiche a peggiorare la situazione di crisi causata dalla pandemia ci sono la difficoltà di accesso alla Sardegna, la...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

Nonostante risulti come l'attore più pagato al mondo, con un guadagno di 96 milioni di dollari solo tra giugno 2019 e giugno 2020 (lo dice la lista di People With Money), Robert De Niro dice di essere sull'orlo della...

Pubblicato venerdì, 10 luglio 2020 ‐ La Repubblica.it

LONDRA - Boris Johnson vuole mettere a dieta i britannici. Chi lo avrebbe mai detto? Proprio lui, il premier britannico, che ha sempre difeso la libertà popolare di abbuffarsi e bere bevande gassate e zuccherate, e che anzi, quando era...