Onu boccia voto a dicembre in Libia, strappo con Parigi

Pubblicato venerdì, 14 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Lo “strappo” sulla Libia si consuma attorno al tavolo del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite: la proposta di Parigi di elezioni nel Paese nordafricano il prossimo 10 dicembre - il cosiddetto piano Macron - non passa. Nella risoluzione, proposta dalla Gran Bretagna e varata all’unanimità dai 15, viene esteso il mandato della missione Unsmil di un anno fino al settembre 2019 ma non compare la data fortemente caldeggiata dall’Eliseo e dal Quai d’Orsay, osteggiata invece da Washington e da altre capitali europee. A partire da Roma, che continua a chiedere un quadro costituzionale chiaro e condizioni di sicurezza adeguate per il voto. È proprio questa la linea fissata nella risoluzione varata dal Consiglio di sicurezza riunito al Palazzo di Vetro di New York, in cui ci si limita a chiedere “elezioni il prima possibile purché siano presenti le necessarie condizioni di sicurezza, tecniche, legislative e politiche”.
Lo stesso ministro degli Esteri Enzo Moavero aveva espresso il suo disaccordo sull’insistenza di Parigi per il voto entro fine anno. “Io credo che a decidere la data delle elezioni debbano essere i libici. Né la Francia, né l’Italia, ma i libici”, ha poi sottolineato anche il ministro della Difesa Elisabetta Trenta, spiegando come “il popolo libico deve poter decidere il suo futuro in libertà e in questo senso il nostro governo vuole dare loro il massimo supporto. L’obiettivo è la stabilità dell’area e le pressioni non fanno bene”. Il governo francese, prima dell’incontro del Consiglio di sicurezza, aveva ribadito che “la Francia continuerà con i suoi partner a sostenere gli sforzi delle autorità libiche e delle Nazioni Unite per garantire il proseguimento del processo politico e, in particolare, le condizioni per la tenuta di elezioni entro la fine dell’anno”. “La Francia - si legge nella nota del Quai d’Orsay - è convinta che solo una soluzione politica, sotto l’egida delle Nazioni Unite, permetterà di stabilizzare la Libia in modo duraturo. Questo è l’obiettivo della roadmap del Rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni Unite, Ghassan Salamé, e il senso degli impegni assunti a Parigi il 29 maggio scorso dai principali protagonisti libici. È anche la volontà che hanno manifestato i libici iscrittisi massicciamente nelle liste elettorali”.
Il braccio di ferro sembra dunque destinato a durare ancora a lungo, e probabilmente a caratterizzare anche buona parte dei lavori dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a fine settembre. Intanto il parlamento di Tobruk, secondo quanto riportano diverse fonti, ha approvato la legge per tenere l’atteso referendum costituzionale: un passo molto importante proprio verso lo svolgimento di elezioni in Libia.

Altri articoli pubblicati da L'Opinione della Libertà

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La manovra infiamma il governo. Matteo Salvini sa bene che dovrà fare i conti con la legge di Bilancio ed è su questo terreno che via xx Settembre si gioca molto del suo futuro. Da un lato i grillini in pressing per il reddito di cittadinanza e per i...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Accordo vicino tra la Lega e la procura di Genova sulla rateizzazione in 76 anni concessa al partito di Matteo Salvini per restituire i 49 milioni di fondi sequestrati. Dopo la sentenza del Tribunale del Riesame che ha dato il via alla caccia al denaro...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Trattativa serrata per le Olimpiadi invernali del 2026. Oggi la candidatura italiana deve essere presentata dal Coni a Losanna. Ieri la proposta a tre sembrava del tutto tramontata, con l’esclusione di Torino. Stamattina c’è chi prova a riaprire i...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Varsavia è disponibile a versare due miliardi di dollari nelle casse statunitensi per ospitare una base militare a stelle e strisce. È quanto ha sostenuto Donald Trump. Il presidente ha detto di valutare “seriamente” la richiesta di una presenza...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Varsavia è disponibile a versare due miliardi di dollari nelle casse statunitensi per ospitare una base militare a stelle e strisce. È quanto ha sostenuto Donald Trump. Il presidente ha detto di valutare “seriamente” la richiesta di una presenza...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

È difficile stabilire chi abbia ragione e chi torto nella vicenda delle Olimpiadi invernali. C’è chi se la prende con le resistenze dei grillini torinesi. Chi con le pretese egemoniche del sindaco di Milano, Beppe Sala. E chi con l’atteggiamento...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Secondo le dichiarazioni del sottosegretario all’Economia, Massimo Bitonci, la cosiddetta pace fiscale servirebbe a saldare una volta per tutte i debiti, ad eccezione di quelli previdenziali e da Iva, accertati almeno da una cartella esattoriale. Se...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

“Colpevoli per forza”. Anche se un documento ufficiale del Comune di Padova ne conferma indirettamente l’alibi. Ragion di stato da una parte e contentino ideologico all’ex Pci di Bologna dall’altra. Così per la strage del 2 agosto 1980 da 38...

Pubblicato martedì, 18 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

L’abbraccio plateale di Kim Jong-un e Moon Jae-in e delle due first lady è l’immagine che sintetizza il terzo vertice, in pochi mesi, tra le due Coree. Il presidente sudcoreano è atterrato alle 9.50 locali, le 2.50 in Italia, all’aeroporto di...

Pubblicato martedì, 18 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La situazione politica italiana ed europea può trovare il favore di un vento corsaro soltanto se ci sarà il coraggio di un guizzo della fantasia. Restare a guardare non serve. Tantomeno può essere d’aiuto restare ancorati ad architetture politiche...

Pubblicato martedì, 18 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La strada è tracciata, sul protezionismo non si torna più indietro e il mondo, sulla corsa ai dazi, finirà per seguire Donald Trump anche dopo Trump. Con il risultato di spaccare la catena globale del valore, la fittissima ragnatela su cui oggi fa...

Russia, la nuova terra dei paradisi fiscali Pubblicato martedì, 18 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La Russia è un nuovo paradiso fiscale. Il primo beneficiario è la Finvision Holdings Limited, azionista della Vostochnyj Bank. In precedenza, registrata a Cipro, si è in seguito trasferita nel distretto amministrativo speciale del Territorio di...

Pubblicato martedì, 18 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Svolta in vista per la Coca-Cola, che guarda sempre più da vicino al mercato fiorente della marijuana e starebbe pensando alla creazione di un nuovo soft drink a base di componenti della cannabis. A darne notizia è lo stesso colosso mondiale delle...

Pubblicato martedì, 18 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

L’attuale clima di violenza che colpisce spesso i medici e gli operatori sanitari, non scoraggia i tanti giovani che sognano di indossare il camice bianco. Appena pochi giorni fa in 67mila si sono presentati nelle varie università italiane per...

Pubblicato martedì, 18 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Padre Pierluigi Maccalli “è stato rapito la notte scorsa da presunti jihadisti” a Niamey, in Niger. La notizia del rapimento del missionario italiano della Società delle missioni africane è stata diffusa dall’agenzia Fides. Originario della...