Onu boccia voto a dicembre in Libia, strappo con Parigi

Pubblicato venerdì, 14 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Lo “strappo” sulla Libia si consuma attorno al tavolo del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite: la proposta di Parigi di elezioni nel Paese nordafricano il prossimo 10 dicembre - il cosiddetto piano Macron - non passa. Nella risoluzione, proposta dalla Gran Bretagna e varata all’unanimità dai 15, viene esteso il mandato della missione Unsmil di un anno fino al settembre 2019 ma non compare la data fortemente caldeggiata dall’Eliseo e dal Quai d’Orsay, osteggiata invece da Washington e da altre capitali europee. A partire da Roma, che continua a chiedere un quadro costituzionale chiaro e condizioni di sicurezza adeguate per il voto. È proprio questa la linea fissata nella risoluzione varata dal Consiglio di sicurezza riunito al Palazzo di Vetro di New York, in cui ci si limita a chiedere “elezioni il prima possibile purché siano presenti le necessarie condizioni di sicurezza, tecniche, legislative e politiche”.
Lo stesso ministro degli Esteri Enzo Moavero aveva espresso il suo disaccordo sull’insistenza di Parigi per il voto entro fine anno. “Io credo che a decidere la data delle elezioni debbano essere i libici. Né la Francia, né l’Italia, ma i libici”, ha poi sottolineato anche il ministro della Difesa Elisabetta Trenta, spiegando come “il popolo libico deve poter decidere il suo futuro in libertà e in questo senso il nostro governo vuole dare loro il massimo supporto. L’obiettivo è la stabilità dell’area e le pressioni non fanno bene”. Il governo francese, prima dell’incontro del Consiglio di sicurezza, aveva ribadito che “la Francia continuerà con i suoi partner a sostenere gli sforzi delle autorità libiche e delle Nazioni Unite per garantire il proseguimento del processo politico e, in particolare, le condizioni per la tenuta di elezioni entro la fine dell’anno”. “La Francia - si legge nella nota del Quai d’Orsay - è convinta che solo una soluzione politica, sotto l’egida delle Nazioni Unite, permetterà di stabilizzare la Libia in modo duraturo. Questo è l’obiettivo della roadmap del Rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni Unite, Ghassan Salamé, e il senso degli impegni assunti a Parigi il 29 maggio scorso dai principali protagonisti libici. È anche la volontà che hanno manifestato i libici iscrittisi massicciamente nelle liste elettorali”.
Il braccio di ferro sembra dunque destinato a durare ancora a lungo, e probabilmente a caratterizzare anche buona parte dei lavori dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a fine settembre. Intanto il parlamento di Tobruk, secondo quanto riportano diverse fonti, ha approvato la legge per tenere l’atteso referendum costituzionale: un passo molto importante proprio verso lo svolgimento di elezioni in Libia.

Altri articoli pubblicati da L'Opinione della Libertà

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Due ragazzine minorenni che partecipano ad una manifestazione milanese indetta per contestare Matteo Salvini esibiscono un cartello in cui compare una frase del rapper Kento che promette al leader della Lega una fine simile a quella toccata a Benito...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La Commissione europea ha bocciato la manovra finanziaria presentata dall’Italia per il 2019. Per Bruxelles vi sarebbe una violazione particolarmente grave delle regole di bilancio raccomandate dall’Ecofin dello scorso 13 luglio. In particolare, è...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La lunga ed inevitabile trasformazione che sta vivendo l’Europa contemporanea è ormai un processo irreversibile. Le cancellerie diplomatiche europee sono in continuo fermento, i mercati finanziari anche, politologi ed economisti pronti a scrivere...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Quale giudice può tutelare al meglio la libertà individuale? Uno vincolato dalla lettera della legge scritta, oppure uno che possa, volta per volta, individuare la soluzione che egli ritiene essere più “giusta” rispetto alle particolarità del...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Beppe Grillo non “straparla” mai a caso. Quella sparata contro i poteri troppo forti della Presidenza della Repubblica fatta alla festa dei Cinque Stelle al Circo Massimo un mese fa aveva dietro un piano premeditato. Ridurre l’inquilino del Colle a ...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La bocciatura ora è ufficiale. La manovra italiana non è stata accettata dall’Ue. Lo ha stabilito la Commissione europea, rigettando il documento programmatico di Bilancio del governo italiano per il 2019. Il documento prevede “un non rispetto...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Si è notata nei giorni scorsi una sorta di coerenza fra Luigi Di Maio e Matteo Salvini nella battaglia contro Bruxelles, tant’è che il capo leghista ha per dir così profetizzato che l’eventuale sanzione contro l’Italia “sarà un ottimo...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Fs è pronta a partire per l’acquisizione di Alitalia ed ha già configurato il nuovo orario invernale in vigore dal prossimo 9 dicembre in vista dell’operazione, con il collegamento diretto tra Venezia e l’Aeroporto di Fiumicino (Roma) 9 giorni...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Gas lacrimogeni, pallottole di gomma e l’accusa di pirateria: si è conclusa così la “resistenza” dei quasi 80 migranti a bordo della Nivin, che per 12 giorni si sono barricati sulla nave attraccata a Misurata rifiutandosi di sbarcare in Libia....

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Fissare un obiettivo di zero emissioni nette di gas serra entro il 2050 e rivedere anche il target a breve termine dell’Ue, quello secondo cui l’Unione deve ridurre le emissioni di almeno il 40% nel 2030. Lo chiedono i ministri dell’Ambiente di...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Dalla preoccupazione alla rabbia la distanza non è molta e, senza voler essere Cassandra, possiamo dire che girando per le strade questa distanza si va accorciando. Del resto, a guardare bene le mosse di politica economica del Governo non se ne trova...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Kim Jong-yang è presidente dell’Interpol. Il sudcoreano è il frutto di uno scontro diplomatico tra Russia e Stati Uniti. Il nuovo capo dell’organizzazione è riuscito ad avere la meglio sul candidato russo, considerato fino all’ultimo favorito,...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

È stato arrestato a Milano un lupo solitario dell’Isis. Si tratta di un egiziano di 22 anni, Shalabi Issam Elsayed Elsayed Abouelamayem. Il giovane è stato fermato nel corso di un blitz antiterrorismo dei Nocs, il Nucleo operativo centrale di...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Il suo sindacato assiste e difende a spada tratta i professionisti under 43, per i quali rappresenta un punto di riferimento, sia in termini di crescita che di tutela professionale. “Non si fanno prigionieri” sorride Daniele Virgillito (nella foto),...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Si è svolta ieri mattina a Milano la cerimonia di assegnazione del Premio letterario Amerigo delle Quattro Libertà promosso dall’Associazione Amerigo. A vincere uno dei due premi dedicati alla saggistica è stato il libro di Robert A. Nisbet...