Moscovici ha un pizzico di ragione

Pubblicato venerdì, 14 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

C’è un pizzico di verità nell’affermazione del commissario Ue Pierre Moscovici secondo cui in Italia non c’è un Hitler ma tanti piccoli Mussolini. Questo pizzico non riguarda il rischio inesistente di un ritorno al fascismo che sembra essere diventata l’ossessione paranoica della sinistra italiana ed europea. E neppure la tendenza alla forzatura dei toni antieuropei dei leader nazionali dei partiti di governo. Forse Moscovici ha pensato a questi aspetti quando se n’è uscito con la sua sciocca battuta. Ma l’unica parte di verità delle sue parole riguarda la singolare e ricorrente tendenza dei politici nostrani, questa sicuramente di stampo mussoliniano, a riportare sempre e comunque lo Stato al centro della scena politica ed economica nazionale.
“Tutto nello Stato, niente al di fuori dello Stato, nulla contro lo Stato”. Benito Mussolini aveva fatto proprio questo principio di tradizione giacobina perché voleva nazionalizzare e normalizzare il movimento fascista e perché era convinto che solo il massimo intervento dello Stato avrebbe potuto realizzare la modernizzazione autoritaria del Paese e forgiare una nuova genia di italiani. I neo-statalisti di oggi, in particolare i dirigenti del Movimento Cinque Stelle, da Luigi Di Maio a Roberto Fico, non hanno nessuna di queste esigenze nella testa ma credono che, avendo conquistato lo Stato entrando a far parte del Governo, siano obbligati a utilizzarlo al massimo per consolidare e perpetuare il loro potere.
Di Maio è un perfetto esempio di questo mussolinismo inconsapevole. Ogni suo atto e detto è rivolto a ribadire il predominio dello Stato sulla società italiana. Si deve cambiare il presidente della Consob? Di Maio dice che serve “un servitore dello Stato”. Si deve risolvere il caso Alitalia? Di Maio sostiene che bisogna ridare allo Stato il controllo della compagnia di bandiera. C’è da ricostruire il ponte di Genova? Di Maio stabilisce che solo lo Stato può farlo attraverso una sua società, anche se quella in questione costruisce navi e non viadotti.
La carrellata degli esempi potrebbe andare avanti a lungo. A dimostrazione che una parte dell’eredità mussoliniana è stata fatta propria dal capo politico del Movimento Cinque Stelle impegnato ad applicare la regola del “tutto nello Stato, niente al di fuori dello Stato, nulla contro lo Stato”.
Qualcuno, però, dovrebbe spiegare al Mussolini piccolo piccolo pentastellato che la ricetta dello statalismo autoritario è stata applicata nel secolo passato non solo in Italia, ma in mezzo mondo. E ha prodotto solo e soltanto fallimenti. In particolare di chi se ne faceva promotore!

Altri articoli pubblicati da L'Opinione della Libertà

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Due ragazzine minorenni che partecipano ad una manifestazione milanese indetta per contestare Matteo Salvini esibiscono un cartello in cui compare una frase del rapper Kento che promette al leader della Lega una fine simile a quella toccata a Benito...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La Commissione europea ha bocciato la manovra finanziaria presentata dall’Italia per il 2019. Per Bruxelles vi sarebbe una violazione particolarmente grave delle regole di bilancio raccomandate dall’Ecofin dello scorso 13 luglio. In particolare, è...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La lunga ed inevitabile trasformazione che sta vivendo l’Europa contemporanea è ormai un processo irreversibile. Le cancellerie diplomatiche europee sono in continuo fermento, i mercati finanziari anche, politologi ed economisti pronti a scrivere...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Quale giudice può tutelare al meglio la libertà individuale? Uno vincolato dalla lettera della legge scritta, oppure uno che possa, volta per volta, individuare la soluzione che egli ritiene essere più “giusta” rispetto alle particolarità del...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Con la scontata, almeno fino ad un certo punto, bocciatura della Manovra di bilancio da parte della Commissione europea, la evidente strategia ricattatoria messa scientemente in atto dal Governo giallo-verde si sta rivelando del tutto fallimentare. Il...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Dell’Unione europea e dell’euro c’è sempre piaciuto poco o niente. Troppa Germania, troppo marco e troppa Bundesbank, nella costruzione e nella impostazione. Ci siamo calati le braghe fin dall’inizio, dal cambio euro-lira, dai vincoli ossessivi ...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Qualcuno l’ha già definita “colonizzazione dolce”. Quella cui si è assistito in Italia negli scorsi giorni da parte del Qatar e del suo emiro Tamim bin Hamad al-Thani. Questo qualcuno per la precisione è la ex deputata di Forza Italia Souad...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Silvio Berlusconi ne è convinto ormai da diverse settimane: questo Governo ormai ha i giorni contati. Un ragionamento che l’ex premier ieri ha ripetuto anche ai vertici del partito incontrati a Palazzo Grazioli. La bocciatura della manovra economica...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Si può mettere in formalina il genio precoce? Ovvero: è possibile proteggerlo a ogni costo dalle mille insidie della sua futura vita, affinché quella prodigiosa farfalla della mente, sbocciata anzitempo, non ritorni crisalide e, ridivenuta amorfa, si...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Le conseguenze della bocciatura della manovra sono numerose. La Commissione europea avvierà la procedura per deficit eccessivo per violazione della regola del debito. Una volta aperta la procedura, il primo passo dovrebbe essere la richiesta di...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Beppe Grillo non “straparla” mai a caso. Quella sparata contro i poteri troppo forti della Presidenza della Repubblica fatta alla festa dei Cinque Stelle al Circo Massimo un mese fa aveva dietro un piano premeditato. Ridurre l’inquilino del Colle a ...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La bocciatura ora è ufficiale. La manovra italiana non è stata accettata dall’Ue. Lo ha stabilito la Commissione europea, rigettando il documento programmatico di Bilancio del governo italiano per il 2019. Il documento prevede “un non rispetto...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Si è notata nei giorni scorsi una sorta di coerenza fra Luigi Di Maio e Matteo Salvini nella battaglia contro Bruxelles, tant’è che il capo leghista ha per dir così profetizzato che l’eventuale sanzione contro l’Italia “sarà un ottimo...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Fs è pronta a partire per l’acquisizione di Alitalia ed ha già configurato il nuovo orario invernale in vigore dal prossimo 9 dicembre in vista dell’operazione, con il collegamento diretto tra Venezia e l’Aeroporto di Fiumicino (Roma) 9 giorni...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Gas lacrimogeni, pallottole di gomma e l’accusa di pirateria: si è conclusa così la “resistenza” dei quasi 80 migranti a bordo della Nivin, che per 12 giorni si sono barricati sulla nave attraccata a Misurata rifiutandosi di sbarcare in Libia....