“Kolett”, quando l’autista è donna

Pubblicato venerdì, 14 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Arriva l’Uber per sole donne. Nasce infatti a Parigi “Kolett - Driven by women”, il primo servizio transalpino dedicato ai viaggiatori di sesso femminile. L’app, al 100 per cento femminile è disponibile 24 ore su 24, nella zona ovest della città e anche nel 13esimo arrondissement, a Boulogne-Billancourt, Neuilly-sur-Seine e a Levallois-Perret. Se avrà successo, l’iniziativa verrà estesa in tutta la capitale francese, nella provincia e anche all’estero.
Come spiega Valèrie Furcajg, una delle fondatrice dell’applicazione, ad oggi il 95 per cento degli autisti di Uber sono uomini. “Kolett" vuole invertire questa tendenza, mettendo a disposizione dei clienti, quaranta autiste. Obiettivo del servizio è permettere alle donne di rincasare anche a tarda notte in sicurezza, senza la paura di essere aggredite da persone sconosciute che fungono da autisti improvvisati. Tutte le auto, inoltre, sono forniti di seggiolini per bambini in modo da attrarre anche le clienti mamme. Gli uomini invece sono ammessi sui veicoli unicamente se in compagnia di una donna.
Un’altra delle novità è rappresentata dal prezzo minimo di una corsa che dovrebbe aggirarsi sui 9 euro: 1,20 euro per la chiamata, poi 0,31 euro al minuto e 1,20 euro per chilometro. Ma solo il 15 per cento del guadagno è incassato da Kolett, contro il 25 per cento per Uber. Il resto viene versato direttamente alle conduttrici, permettendo loro di avere una rendita maggiore.
Il primo obiettivo del servizio è quello di arrivare a 3000 corse al mese, in modo tale da potersi poi espandere geograficamente anche ad altre zone di Parigi e non solo. La Francia però non è stata innovatrice in questo senso perché sono tanti gli esempi di servizi analoghi attivi nel mondo: Pink Ladies nel Regno Unito, Sophies Angels in India, Sud Africa, Pakistan e Nuova Zelanda. In Giappone, dal 2005 sono in funzione le carrozze per sole donne per permettere alle signore di viaggiare tranquille anche nelle ore di punta, senza cadere vittime dei palpeggiatori o molestatori vari.
La situazione in Italia invece è ancora a un punto morto. Nel 2007 era stato istituito il taxi rosa, ovvero una tariffa agevolata per tutte le donne che prendevano il taxi dall’una alle 5 di notte. Ma l’iniziativa, partita bene, con il tempo si è dimostrata un vero flop. Un po’ per la scarsa pubblicità a lungo termine, un po’ per gli autisti furbetti che non applicavano lo sconto immediato. Nel frattempo, però, nessuna iniziativa per la sicurezza delle donne sui mezzi di trasporto è stata presa. Se “Kolett” dovesse funzionare ed espandersi in Francia, non sarebbe un’idea malvagia seguirne le orme anche nel nostro Paese. Incrociamo le dita.

Altri articoli pubblicati da L'Opinione della Libertà

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Due ragazzine minorenni che partecipano ad una manifestazione milanese indetta per contestare Matteo Salvini esibiscono un cartello in cui compare una frase del rapper Kento che promette al leader della Lega una fine simile a quella toccata a Benito...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La Commissione europea ha bocciato la manovra finanziaria presentata dall’Italia per il 2019. Per Bruxelles vi sarebbe una violazione particolarmente grave delle regole di bilancio raccomandate dall’Ecofin dello scorso 13 luglio. In particolare, è...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La lunga ed inevitabile trasformazione che sta vivendo l’Europa contemporanea è ormai un processo irreversibile. Le cancellerie diplomatiche europee sono in continuo fermento, i mercati finanziari anche, politologi ed economisti pronti a scrivere...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Quale giudice può tutelare al meglio la libertà individuale? Uno vincolato dalla lettera della legge scritta, oppure uno che possa, volta per volta, individuare la soluzione che egli ritiene essere più “giusta” rispetto alle particolarità del...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Beppe Grillo non “straparla” mai a caso. Quella sparata contro i poteri troppo forti della Presidenza della Repubblica fatta alla festa dei Cinque Stelle al Circo Massimo un mese fa aveva dietro un piano premeditato. Ridurre l’inquilino del Colle a ...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La bocciatura ora è ufficiale. La manovra italiana non è stata accettata dall’Ue. Lo ha stabilito la Commissione europea, rigettando il documento programmatico di Bilancio del governo italiano per il 2019. Il documento prevede “un non rispetto...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Si è notata nei giorni scorsi una sorta di coerenza fra Luigi Di Maio e Matteo Salvini nella battaglia contro Bruxelles, tant’è che il capo leghista ha per dir così profetizzato che l’eventuale sanzione contro l’Italia “sarà un ottimo...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Fs è pronta a partire per l’acquisizione di Alitalia ed ha già configurato il nuovo orario invernale in vigore dal prossimo 9 dicembre in vista dell’operazione, con il collegamento diretto tra Venezia e l’Aeroporto di Fiumicino (Roma) 9 giorni...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Gas lacrimogeni, pallottole di gomma e l’accusa di pirateria: si è conclusa così la “resistenza” dei quasi 80 migranti a bordo della Nivin, che per 12 giorni si sono barricati sulla nave attraccata a Misurata rifiutandosi di sbarcare in Libia....

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Fissare un obiettivo di zero emissioni nette di gas serra entro il 2050 e rivedere anche il target a breve termine dell’Ue, quello secondo cui l’Unione deve ridurre le emissioni di almeno il 40% nel 2030. Lo chiedono i ministri dell’Ambiente di...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Dalla preoccupazione alla rabbia la distanza non è molta e, senza voler essere Cassandra, possiamo dire che girando per le strade questa distanza si va accorciando. Del resto, a guardare bene le mosse di politica economica del Governo non se ne trova...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Kim Jong-yang è presidente dell’Interpol. Il sudcoreano è il frutto di uno scontro diplomatico tra Russia e Stati Uniti. Il nuovo capo dell’organizzazione è riuscito ad avere la meglio sul candidato russo, considerato fino all’ultimo favorito,...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

È stato arrestato a Milano un lupo solitario dell’Isis. Si tratta di un egiziano di 22 anni, Shalabi Issam Elsayed Elsayed Abouelamayem. Il giovane è stato fermato nel corso di un blitz antiterrorismo dei Nocs, il Nucleo operativo centrale di...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Il suo sindacato assiste e difende a spada tratta i professionisti under 43, per i quali rappresenta un punto di riferimento, sia in termini di crescita che di tutela professionale. “Non si fanno prigionieri” sorride Daniele Virgillito (nella foto),...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Si è svolta ieri mattina a Milano la cerimonia di assegnazione del Premio letterario Amerigo delle Quattro Libertà promosso dall’Associazione Amerigo. A vincere uno dei due premi dedicati alla saggistica è stato il libro di Robert A. Nisbet...