Il presidente dei ricchi e il reddito contro la povertà

Pubblicato venerdì, 14 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Un “reddito universale” entro il 2020: è la promessa fatta oggi da Emmanuel Macron, nel quadro del nuovo piano anti-povertà presentato a Parigi. Una misura, quella descritta dal presidente francese, che punta a rimettere ordine nella giungla dei sussidi sociali, fondendoli in un unico strumento più chiaro e trasparente. “Con una legge nel 2020 istituiremo un ‘reddito universale di attività’ per permettere a ognuno di vivere in modo decente”, ha annunciato Macron, precisando che chiunque potrà “accedervi non appena i suoi redditi passeranno al di sotto di una certa soglia”.
La misura consiste, in pratica, nella fusione di almeno tre sussidi già esistenti: il Revenu de Solidarité Active (Rsa il reddito minimo garantito destinato a chi non lavora e non ha più diritto ai sussidi di disoccupazione, pari attualmente a 550,93 euro), le Apl (Aide personnalisée au logement) e la Prime d’Activité. L’obiettivo, come dichiarato da Macron durante la presentazione al Musée de l’Homme, è anche interrompere una volta per tutte “l’accumulo degli aiuti” che “finisce per generare errori, confusione” e alimenta “discorsi insopportabili sull’assistenzialismo”.
Ai tre pilastri fondamentali se ne potranno aggiungere altri nel progetto finale. Il reddito universale d’attività, ha assicurato il leader francese, sarà uno strumento “semplice, equo e trasparente. Metteremo insieme il maggior numero di prestazioni sociali affinché si possa finalmente fornire una risposta unica per garantire che la gente viva degnamente”. Ma dovrà anche consentire di riaccedere rapidamente al mondo del lavoro. Ogni beneficiario dovrà infatti iscriversi a un “percorso di inserimento” in cui sarà impossibile rifiutare oltre due “ragionevoli” offerte professionali.
Il “Plan pauvreté” prevede inoltre uno stanziamento totale di 8 miliardi di euro per i prossimi quattro anni. Di questi, 50 milioni di euro contribuiranno agli aiuti all’infanzia e all’inserimento dei giovani in difficoltà, in particolare, per consentire di trovare un tetto, una formazione, un impiego, a chi “non ha una soluzione”. Previsti anche aiuti ai comuni più poveri per la costruzione di asili nido, l’estensione dei pasti a 1 euro già attuato nelle mense pubbliche di alcune municipalità e la prima colazione gratuita nelle scuole delle zone maggiormente depresse.
Con questa nuova strategia (rinviata di due mesi rispetto al previsto), Macron, la cui popolarità è in forte calo nei sondaggi, tenta anche di scrollarsi di dosso l’immagine di ‘presidente dei ricchi’, con cui viene accusato dall’opposizione. Per Marine Le Pen (Rassemblement National), il presidente “si interessa molto tardi al problema della povertà. Finora ha fatto soprattutto molti regali fiscali ai ricchi”.
Mentre Jean-Luc Mélenchon accusa il presidente dare “solo briciole all’oceano di miseria che esiste nel nostro Paese”.
Secondo l’Insee, l’Istituto Nazionale di Statistica, in Francia ci sono 8,8 milioni di poveri. Il 65% di essi vive nelle grandi città.

Altri articoli pubblicati da L'Opinione della Libertà

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La manovra infiamma il governo. Matteo Salvini sa bene che dovrà fare i conti con la legge di Bilancio ed è su questo terreno che via xx Settembre si gioca molto del suo futuro. Da un lato i grillini in pressing per il reddito di cittadinanza e per i...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Accordo vicino tra la Lega e la procura di Genova sulla rateizzazione in 76 anni concessa al partito di Matteo Salvini per restituire i 49 milioni di fondi sequestrati. Dopo la sentenza del Tribunale del Riesame che ha dato il via alla caccia al denaro...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Trattativa serrata per le Olimpiadi invernali del 2026. Oggi la candidatura italiana deve essere presentata dal Coni a Losanna. Ieri la proposta a tre sembrava del tutto tramontata, con l’esclusione di Torino. Stamattina c’è chi prova a riaprire i...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Varsavia è disponibile a versare due miliardi di dollari nelle casse statunitensi per ospitare una base militare a stelle e strisce. È quanto ha sostenuto Donald Trump. Il presidente ha detto di valutare “seriamente” la richiesta di una presenza...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Molto stimato Direttore, il commissario Ue, Pierre Moscovici nel dire di vedere in Italia tanti piccoli Mussolini, ha applicato una categoria interpretativa vecchia e deformata da un paradigma ideologico. Un’affermazione alla Fiano, per intenderci....

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Kim Jong-un ha detto “sì”. Il leader nordcoreano ha sottoscritto un impegno per la denuclearizzazione. La dichiarazione è stata firmata anche dal presidente sudcoreano Sud Moon Jae-in. L’accordo prevede che la Corea del Nord smantelli, in maniera ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Varsavia è disponibile a versare due miliardi di dollari nelle casse statunitensi per ospitare una base militare a stelle e strisce. È quanto ha sostenuto Donald Trump. Il presidente ha detto di valutare “seriamente” la richiesta di una presenza...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

È difficile stabilire chi abbia ragione e chi torto nella vicenda delle Olimpiadi invernali. C’è chi se la prende con le resistenze dei grillini torinesi. Chi con le pretese egemoniche del sindaco di Milano, Beppe Sala. E chi con l’atteggiamento...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Secondo le dichiarazioni del sottosegretario all’Economia, Massimo Bitonci, la cosiddetta pace fiscale servirebbe a saldare una volta per tutte i debiti, ad eccezione di quelli previdenziali e da Iva, accertati almeno da una cartella esattoriale. Se...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

“Colpevoli per forza”. Anche se un documento ufficiale del Comune di Padova ne conferma indirettamente l’alibi. Ragion di stato da una parte e contentino ideologico all’ex Pci di Bologna dall’altra. Così per la strage del 2 agosto 1980 da 38...

Pubblicato martedì, 18 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

L’abbraccio plateale di Kim Jong-un e Moon Jae-in e delle due first lady è l’immagine che sintetizza il terzo vertice, in pochi mesi, tra le due Coree. Il presidente sudcoreano è atterrato alle 9.50 locali, le 2.50 in Italia, all’aeroporto di...

Pubblicato martedì, 18 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La situazione politica italiana ed europea può trovare il favore di un vento corsaro soltanto se ci sarà il coraggio di un guizzo della fantasia. Restare a guardare non serve. Tantomeno può essere d’aiuto restare ancorati ad architetture politiche...

Pubblicato martedì, 18 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La strada è tracciata, sul protezionismo non si torna più indietro e il mondo, sulla corsa ai dazi, finirà per seguire Donald Trump anche dopo Trump. Con il risultato di spaccare la catena globale del valore, la fittissima ragnatela su cui oggi fa...

Russia, la nuova terra dei paradisi fiscali Pubblicato martedì, 18 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

La Russia è un nuovo paradiso fiscale. Il primo beneficiario è la Finvision Holdings Limited, azionista della Vostochnyj Bank. In precedenza, registrata a Cipro, si è in seguito trasferita nel distretto amministrativo speciale del Territorio di...

Pubblicato martedì, 18 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Svolta in vista per la Coca-Cola, che guarda sempre più da vicino al mercato fiorente della marijuana e starebbe pensando alla creazione di un nuovo soft drink a base di componenti della cannabis. A darne notizia è lo stesso colosso mondiale delle...