Il presidente dei ricchi e il reddito contro la povertà

Pubblicato venerdì, 14 settembre 2018 ‐ L'Opinione della Libertà

Un “reddito universale” entro il 2020: è la promessa fatta oggi da Emmanuel Macron, nel quadro del nuovo piano anti-povertà presentato a Parigi. Una misura, quella descritta dal presidente francese, che punta a rimettere ordine nella giungla dei sussidi sociali, fondendoli in un unico strumento più chiaro e trasparente. “Con una legge nel 2020 istituiremo un ‘reddito universale di attività’ per permettere a ognuno di vivere in modo decente”, ha annunciato Macron, precisando che chiunque potrà “accedervi non appena i suoi redditi passeranno al di sotto di una certa soglia”.
La misura consiste, in pratica, nella fusione di almeno tre sussidi già esistenti: il Revenu de Solidarité Active (Rsa il reddito minimo garantito destinato a chi non lavora e non ha più diritto ai sussidi di disoccupazione, pari attualmente a 550,93 euro), le Apl (Aide personnalisée au logement) e la Prime d’Activité. L’obiettivo, come dichiarato da Macron durante la presentazione al Musée de l’Homme, è anche interrompere una volta per tutte “l’accumulo degli aiuti” che “finisce per generare errori, confusione” e alimenta “discorsi insopportabili sull’assistenzialismo”.
Ai tre pilastri fondamentali se ne potranno aggiungere altri nel progetto finale. Il reddito universale d’attività, ha assicurato il leader francese, sarà uno strumento “semplice, equo e trasparente. Metteremo insieme il maggior numero di prestazioni sociali affinché si possa finalmente fornire una risposta unica per garantire che la gente viva degnamente”. Ma dovrà anche consentire di riaccedere rapidamente al mondo del lavoro. Ogni beneficiario dovrà infatti iscriversi a un “percorso di inserimento” in cui sarà impossibile rifiutare oltre due “ragionevoli” offerte professionali.
Il “Plan pauvreté” prevede inoltre uno stanziamento totale di 8 miliardi di euro per i prossimi quattro anni. Di questi, 50 milioni di euro contribuiranno agli aiuti all’infanzia e all’inserimento dei giovani in difficoltà, in particolare, per consentire di trovare un tetto, una formazione, un impiego, a chi “non ha una soluzione”. Previsti anche aiuti ai comuni più poveri per la costruzione di asili nido, l’estensione dei pasti a 1 euro già attuato nelle mense pubbliche di alcune municipalità e la prima colazione gratuita nelle scuole delle zone maggiormente depresse.
Con questa nuova strategia (rinviata di due mesi rispetto al previsto), Macron, la cui popolarità è in forte calo nei sondaggi, tenta anche di scrollarsi di dosso l’immagine di ‘presidente dei ricchi’, con cui viene accusato dall’opposizione. Per Marine Le Pen (Rassemblement National), il presidente “si interessa molto tardi al problema della povertà. Finora ha fatto soprattutto molti regali fiscali ai ricchi”.
Mentre Jean-Luc Mélenchon accusa il presidente dare “solo briciole all’oceano di miseria che esiste nel nostro Paese”.
Secondo l’Insee, l’Istituto Nazionale di Statistica, in Francia ci sono 8,8 milioni di poveri. Il 65% di essi vive nelle grandi città.

Altri articoli pubblicati da L'Opinione della Libertà

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ L'Opinione della Libertà

Donald Trump costruirà il muro al confine con il Messico. E, come più volte annunciato, per raggiungere il proprio obiettivo sfiderà apertamente il Congresso, dichiarando lo stato di emergenza nazionale. La mossa del presidente americano serve a...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ L'Opinione della Libertà

Prima la curiosità, poi lo stupore. L’impatto con i “Leoni” è di grande suggestività e il contrasto tra i leoni “veri”, quelli di marmo del XII secolo appena restaurati e quelli realizzati in fibra di mais attraverso l’analisi del DNA...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ L'Opinione della Libertà

Come funziona l’ascensore sociale? Abilità, affidabilità e furbizia (quest’ultima in dosi molto maggiori delle altre due) sono le funzioni di spinta che muovono verso l’alto chi si trova, nasce o cade in basso nella scala sociale. Dimostrazione...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ L'Opinione della Libertà

Nadia Lazraq è una giovane ragazza marocchina sparita improvvisamente dal suo piccolo paese, Carpaneto Piacentino (Pc). Da tempo ormai non si hanno sue notizie. Il suo compagno è disperato: non riesce a capire cosa sia accaduto alla sua Nadia. “Sono ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ L'Opinione della Libertà

Pubblichiamo la versione integrale della conferenza stampa che si è svolta lo scorso martedì 12 febbraio a torino nella quale Mino Giachino ha presentato  la lista civica “Sì Tav Sì Lavoro per il Piemonte” che parteciperà alle elezioni...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ L'Opinione della Libertà

Recessione tecnica, recessione economica, crisi economica. Troppe definizioni e poche decisioni, quando, invece, in Italia necessiterebbe un programma concreto di rilancio dell’economia, fatto d’investimenti, di lavori pubblici, d’incentivi per la...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ L'Opinione della Libertà

Un congresso problematico, quello dei giornalisti italiani concluso a Levico Terme, con l’elezione dei nuovi vertici sindacali. Un congresso in cui sono mancate le voci di due interlocutori: non è salito sul palco degli oratori alcun esponente del...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ L'Opinione della Libertà

Theresa May è stata nuovamente sconfitta. La Camera dei Comuni ha detto no alla mozione del governo sul nuovo negoziato per la Brexit. Il voto non è vincolante ma evidenzia la politica fallimentare della premier britannica. La May ha perso per 303 voti ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ L'Opinione della Libertà

Non ci sono prove e nemmeno testimoni. Per questo il tribunale distrettuale di Gujrat, nel Nord-Est del Pakistan, ha assolto il padre, il fratello, uno zio e la madre di Sana Cheema, la 25enne nata in Pakistan ma cresciuta a Brescia dove ha vissuto fino...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ L'Opinione della Libertà

“La Domenica andando alla Messa, compagnata dai miei amatori, mi sorpresero i miei genitori. Monachella mi fecero andar”. Così cantava Gigliola Cinquetti nel 1970. Più di cento anni prima, nel marzo 1861, tale Camillo Benso Conte di Cavour, che...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ L'Opinione della Libertà

Nel nostro Paese le infrastrutture sono assolutamente inadeguate. I controlli per la sicurezza sono scarsi. Di più. Si registra il rischio di posti vacanti nelle piante organiche per via della famigerata quota 100. È il quadro desolante delineato dal...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ L'Opinione della Libertà

Sulla Tav il tentativo di distrazione di massa messo in atto dal Movimento Cinque Stelle sembra aver prodotto il risultato voluto. Ora si discute non sulle ragioni dell’opera e sul significato simbolico che il collegamento con l’Alta Velocità tra...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ L'Opinione della Libertà

Il carattere politico delle recenti elezioni abruzzesi esclude, a mio avviso, di considerare lo scarso radicamento sul territorio il principale motivo della débâcle rimediata dal Movimento 5 Stelle. Invece si avverte la netta sensazione che pure le...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ L'Opinione della Libertà

Esiste Dio? Ma se non esistesse lui, allora quale senso avrebbe parlare del Diavolo? Come si fa a dire che cos’è l’Ombra senza parlare dell’esistenza della Luce che la proietta? L’una e l’altra danno consistenza ai volumi, ne costituiscono il...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ L'Opinione della Libertà

Più d’un decennio fa il sistema finanziario globale partoriva la “grande crisi” per asservire alla gleba (nei Paesi occidentali) il ceto medio in ascesa economica. Operazione di pura ingegneria finanziaria per pianificare povertà ed irrobustire...