Delirio Lazio, è in finale di Coppa

Pubblicato mercoledì, 24 aprile 2019 ‐ Il Tempo

Joaquín Correa stende il Milan a San Siro e regala alla Lazio la finale di Coppa Italia grazie al successo sul Milan per 1-0, due mesi dopo lo 0-0 dell’andata. La squadra di Inzaghi è apparsa più viva, più concreta e anche più desiderosa di arrivare a questa finale dove si affronterà la vincente tra Atalanta e Fiorentina. Entrambe si presentavano al match dopo un ultimo turno di campionato non esaltante: pari a Parma per il Milan, sconfitta in casa col Chievo per la Lazio, ma la squadra biancoceleste ha voluto e cercato di più il successo. Una gara con delle tensioni relative a quanto accaduto in campionato con Bakayoko e Kessié con la maglia di Acerbi. Prima della partita cori ripetuti contro Bakayoko della Curva della Lazio e banane gonfiabili esposte. Dopo i cori a Bakayoko è arrivato puntuale l’annuncio della speaker: «Avviso importante: a causa dei comportamenti razzisti, la partita potrebbe essere interrotta oppure sospesa». L’inizio di gara è molto tattico da entrambe le parti. Al 9’ la Lazio perde un giocatore importante. Gioco fermo per Milinkovic-Savic a terra dolorante alla caviglia dopo essere scivolato in un intervento a centrocampo. Il giocatore della Lazio si rialza e prova a giocare ma dura molto poco e chiede il cambio. Al 15’ Milinkovic-Savic esce in lacrime, al suo posto entra Parolo. La Lazio sembra più intraprendente e al 19’ Luis Alberto, verticalizza in area per Immobile che si allunga il pallone favorendo l’uscita di Reina. Due minuti dopo Castillejo serve Calabria che cade a terra in area, ma l’arbitro Mazzoleni lascia correre. Silent-ceck del Var conferma la decisione del direttore di gara.
La squadra di Inzaghi continua a spingere e al 24’ in contropiede Immobile serve sul secondo palo Correa che manca l’aggancio davanti a Reina. Poco dopo è proprio Correa a provarci senza fortuna e poi Immobile ma Reina blocca a terra. La fiammata del Milan arriva al 28’ con un sinistro di Calabria dal limite che Strakosha devia in angolo. Dieci minuti dopo Gattuso perde Calabria: problema al ginocchio, al suo posto entra Conti. Nel finale di tempo altra occasione per i biancocelesti: retropassaggio errato di Castillejo per Reina con il portiere rossonero bravissimo ad anticipare di un soffio Immobile. In pieno recupero Lazio vicina al vantaggio due volte: prima Correa, servito al limite dell’area piccola, prova il diagonale sul secondo palo, trovando una grandissima parata da parte di Reina. Poi su una punizione dai 25 metri Luis Alberto crossa sul secondo palo dove Bastos, dopo aver vinto un rimpallo, prova il destro da distanza ravvicinata, sfiorando il palo alla destra di Reina. Inizia la ripresa e la Lazio tenta subito l’affondo: al 51’ Immobile appoggia all’indietro per Lucas Leiva che dal limite dell’area di destro calcia a giro trovando la grandissima respinta in angolo di Reina. Sul corner Bastos salta più in alto di tutti e di testa sfiora il palo alla sinistra di Reina. Poco dopo destro di Correa da dentro l’area, ancora Reina con un grandissimo intervento salva il Milan. È il preludio al vantaggio che arriva al 58’: contropiede della Lazio sugli sviluppi di un corner battuto da Suso con Immobile che si invola e serve in area l’accorrente Correa che questa volta, a tu per tu con Reina, non sbaglia, e porta in vantaggio la squadra di Inzaghi. Gattuso cambia assetto e dopo l’ingresso di Calhanoglu per Castillejo, inserisce anche Cutrone per Caldara, dovendo fare due gol per ribaltare la qualificazione. Al 69’ punizione per il Milan con Calhanoglu che crossa in mezzo dove Piatek di testa non trova la porta. Al 77’ Cutrone pareggia di testa ma da posizione di fuorigioco. Offside confermato dal Var. Il Milan pressa ma rischia ancora all’84’, quando Parolo appoggia per Immobile che di prima intenzione da dentro l’area calcia altissimo, sprecando una clamorosa occasione. Nel finale Milan senza idee e Lazio pericolosa in contropiede con Immobile, ma l’attaccante biancoceleste troppo stanco non riesce a raddoppiare. La Lazio comunque può festeggiare il successo a San Siro e la decima finale di Coppa Italia.

Tag: #Milan-lazio #Lazio #Milan #Correa #SanSiro #CoppaItalia #Inzaghi #Finale

Altri articoli pubblicati da Il Tempo

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Tempo

ina, cocaina, hashish, nella Capitale il consumo di droghe, anche fra giovanissimi, ha avuto un incremento esponenziale. E se con la crisi la cocaina è diventata troppo cara (50 euro al grammo) l’eroina è tornata in auge con i suoi costi ridotti tra...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Tempo

bus turistico, per cause in corso di accertamento, è uscito di strada ribaltandosi sulla scarpata sul raccordo autostradale Siena-Firenze. Al momento risulta una persona deceduta e diversi feriti. Lo comunica l'Anas, sottolineando che il tratto è...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Tempo

Finte nozze, minacce con l’acido e tanti veleni. Pamela Prati ieri è andata al commissariato di Ponte Milvio per denunciare il ritrovamento di una bottiglia di acido fuori dalla sua abitazione. Era stata la stessa soubrette a rivelarlo nella puntata...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Tempo

“Realizzare percorsi nel pieno rispetto fisico e psicologicodei cavalli”. Questa la filosofia di Uliano Vezzani, course designer apprezzato in tutto il mondo e richiamato nelle arene più prestigiose del salto ostacoli di vertice. E’ lui, il...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Tempo

la definizione delle iscrizioni e l’ingresso di dieci cavalieri in gara nello “small-tour” del Concorso di Piazza di Siena, le amazzoni e i cavalieri che difenderanno i colori italiani saranno complessivamente 34. Bruno Chimirri, Lorenzo De...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Tempo

Molto più di un semplice spettacolo o di una gara ippica. Il Carosello del San Raffaele Viterbo torna per il 15° anno consecutivo a calcare il tappeto verde di Piazza di Siena. L’esibizione precederà, come ormai tradizione, quella del Carosello 4°...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Tempo

’ come quei vini di pregio subito piaciuti appena spillati ma ora, con il passare degli anni, sono diventati superbi. Piazza di Siena e il suo 87° Concorso Internazionale di Salto Ostacoli (CSIO) 2019 – Master Fratelli D’Inzeo è ancora una volta...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Tempo

l ministro dell'Economia Giovanni Tria ha spento la miccia del fuoco di artificio preparato dal leader del M5s Luigi Di Maio alla vigilia del voto europeo, spiegando ieri mattina in tv che il miliardo che si sarebbe risparmiato con il reddito di...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Il Tempo

ul tappeto rosso di Cannes è stato il turno di Quentin Tarantino: il regista americano, 25 anni dopo aver ricevuto la Palma d’Oro per Pulp Fiction, è tornato sulla Croisette per presentare la sua ultima fatica, «C’era una volta a Hollywood», una...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Il Tempo

ia libera al decreto Sicurezza bis prima delle Europee. Quindi, la nuova riunione del Cdm dovrà tenersi entro la settimana, possibilmente già nella giornata di domani. Non si ferma il pressing della Lega per incassare l’approvazione in tempi brevi...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Il Tempo

ia libera al decreto Sicurezza bis prima delle Europee. Quindi, la nuova riunione del Cdm dovrà tenersi entro la settimana, possibilmente già nella giornata di domani. Non si ferma il pressing della Lega per incassare l’approvazione in tempi brevi...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Il Tempo

l miliardo «avanzato» dal reddito di cittadinanza «non sappiamo cosa sia» perché «se si spenderà meno di quanto preventivato per alcune misure prese con la legge di bilancio si saprà a fine anno e non adesso». Così Giovanni Tria, ministro...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Il Tempo

Due morti, una 84enne costretta a letto e la sua badante ucraina di 74 anni, e 20 feriti, tra cui il marito della vittima e altre tre persone rimaste intossicate in maniera grave. E' il drammatico bilancio dell'incendio appiccato nella notte alla sede...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Il Tempo

iki Lauda non e' stato solo il tre volte campione mondiale di Formula 1, uno dei piu' grandi se non proprio il piu' grande pilota di sempre, ma molto, molto di piu'. LA FUGA: Era nato il 22 febbraio 1949 a Vienna, da una famiglia...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Il Tempo

l Grande Fratello sfonda il muro del 20% di share e sale negli ascolti, Eliana Michelazzo, ex manager di Pamela Prati e creatrice di Mark Caltagirone, ringrazia Barbara d’Urso per averle concesso il beneficio del dubbio (“mercoledì a Live sentirete...