Tra un mese si torna a scuola: la guida tra caos vaccini e supplenti

Pubblicato venerdì, 10 agosto 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Manca un mese, giorno più giorno meno, al suono della prima campanella per gli otto milioni di studenti italiani. Le date
del rientro a scuola sono diverse da regione a regione: in Abruzzo, Piemonte e Friuli si parte a esempio il 10 settembre,
una settimana dopo nelle Marche, in Emilia e in Calabria. Ma il ritorno a scuola rischia di essere un vero e proprio percorso
a ostacoli. Due le incognite: il caos vaccini con presidi e famiglie alle prese con il rebus certificato o autocertificazione
e i ragazzi che si potrebbero trovare in cattedra - nonostante le infornate di nuove assunzioni - ancora molti supplenti.
Il caos vaccini è tutt’altro che chiarito. Per ora sembra prevalere quanto detto a chiare lettere dai presidi: «Allo stato delle cose, se non verrà presentato all'inizio dell'anno scolastico il certificato di avvenuta vaccinazione della
Asl, non potremo permettere la frequenza dei bimbi a scuola, a nidi e materne». Per i dirigenti scolastici continua infatti
a valere la legge Lorenzin, in attesa che a settembre - ma non in tempo per l'inzio dell’anno scolastico - venga approvato
il decreto milleproroghe che rinvia di un anno l'obbligo dei vaccini per l’iscrizione a materne e nidi. E quindi? Per i dirigenti
scolastici resta l’obbligo su dieci vaccinazioni (polio, difterite, tetano, epatite b, pertosse, Haemophilus influenzae di
tipo b; morbillo, rosolia, parotite, varicella ). Se i genitori non li vaccinano, tra zero e sei anni i bambini non possono accedere a nidi e materne fino ad avvenuta vaccinazione
o presentazione della prenotazione presso l’Asl
; mentre da sei a sedici anni possono accedere a scuola ma rischiano multe da 100 a 500 euro.
Per l’anno scolastico 2017/2018 (in via transitoria), la legge Lorenzin prevedeva la possibilità di presentare l'autocertificazione
o la prenotazione della seduta presso l'azienda sanitaria
. Una via, quella dell’autocertificazione, prorogata da una circolare della ministra della Salute Giulia Grillo - che ha presentato anche un Ddl sull’«obbligo flessibile»
- e dell’Istruzione Marco Bussetti
. Che però appunto i presidi hanno contestato facendo prevalere la norma del decreto sulla circolare. Lo scontro è ancora
in corso, con il ministro Bussetti che alla fine sembra appoggiare i dirigenti scolastici: «È opportuno considerare le preoccupazioni
dei dirigenti scolastici, che costituiscono snodo fondamentale per il sistema di istruzione e formazione.
Certamente la dirigenza scolastica non può essere gravata di incombenze in materia sanitaria». Ma alla fine cosa devono fare
i poveri genitori? Di sicuro chi ha provveduto a vaccinare i figli o ha in mano una prenotazione per la vaccinazione non deve temere nulla. Per chi punta sull’autocertificazione la strada migliore è quella di informarsi presso l’istituto dove sono iscritti i
figli per capire se sarà sufficiente.
Ma le incognite non finiscono qui. Arrivano già molte segnalazioni da diversi uffici scolastici per i posti su cui sono state
autorizzate le assunzioni ma che non potranno essere coperti per mancanza di aspiranti
: «Spesso perché i percorsi Fit (formazione iniziale e tirocinio) da cui si dovrebbe attingere non sono ancora stati conclusi»,
avverte Maddalena Gissi, segretaria generale Cisl Scuola. Che suggerisce di trovare una soluzione «che faccia salva, almeno
giuridicamente, la copertura dei posti dal 1° settembre per chi nel frattempo concluderà la fase concorsuale in atto. Diversamente,
le cifre tanto sbandierate in questi giorni sarebbero da ridimensionare, e non di poco».
Per la Gilda l’Italia viaggia a «velocità diverse» anche per le assunzioni a tempo indeterminato dei docenti. «Negli Uffici scolastici provinciali - accusa Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda - con temperature torride
e personale ridotto allo stremo, si stanno svolgendo le operazioni relative alle immissioni in ruolo dei vincitori del concorso
2016 e anche dei partecipanti ai Fit, cioè i docenti abilitati della scuola secondaria inferiore e superiore che sostengono
il concorso non selettivo». «Ebbene, - spiega Di Meglio - in molte regioni le procedure stanno andando molto a rilento, con
il rischio concreto che le graduatorie non vengano completate entro il 31 agosto e che le cattedre disponibili continuino ad
essere coperte da supplenti annuali anche l'anno prossimo
»

Tag: #Notizie #Attualita

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

La Mare Jonio, imbarcazione della ong Mediterranea Saving Humans, battente bandiera italiana, ha soccorso oggi a 42 miglia dalle coste libiche 49 persone che si trovavano a bordo di un gommone in avaria che imbarcava acqua. L'intervento...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Nuova bocciatura per il ministero dei Beni culturali: il Tar della Campania ha accolto il ricorso del Comune di Napoli contro il provvedimento del ministero sulla vicenda delle griglie di ventilazione in piazza Plebiscito a Napoli, previste dal...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

I bonus fiscali sui lavori edilizi l’anno scorso hanno attivato investimenti per 28,6 miliardi. Quasi un record: la spesa era stata più alta solo nel 2013, quando il timore per la mancata proroga delle detrazioni extra-large aveva innescato la...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

ROMA – La data è ancora riservata ma già fissata a cavallo tra la fine di aprile e i primi di maggio. In quei giorni Roma ospiterà i capi delle intelligence europee e dei Paesi alleati per una conferenza internazionale sui fenomeni della...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È vicina una nuova grande acquisizione per il colosso di Alba Ferrero. Secondo indiscrezioni Ferrero, affiancato dagli advisor Lazard e Credit Suisse, sarebbe infatti favorito per l’acquisto negli Usa della linea di biscotti e degli snack della...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Per lo Champagne un 2018 positivo anche se non manca qualche scricchiolìo che non andrebbe sottovalutato. È quanto emerge dai dati resi noti dal Comitè Champagne, l’organismo interprofessionale del quale fanno parte singoli viticoltori e maison ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

In Italia ci sono 11mila data center che servono oltre 22mila pubbliche amministrazioni. Dal piccolo comune al grande ministero, praticamente ognuno ha il proprio centro elaborazione dati. Con conseguente moltiplicazione di costi e di problemi di...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Anche l’Italia del calcio avrà la divisa ufficiale firmata Giorgio Armani. Dopo aver vestito la Nazionale di calcio inglese e alcuni dei club più importanti a livello internazionale (Newcastle United Fc, Chelsea Fc e Fc Bayern Munich), la maison...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Di 36 centesimi dietro alla Germania, che salirebbero a 98 se il confronto venisse fatto con la Francia. La Spagna, invece, inseguirebbe di oltre tre euro. È questo il quadro che si delineerebbe nel caso in cui anche l’Italia decidesse di adottare ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Resta solo Delta come potenziale partner industriale delle Fs nella nuova Alitalia. Il ritiro di easyJet, che era stata tirata dentro l'operazione quasi con una manovra d'emergenza all'inizio di febbraio, come “piano B” dopo la ritirata di Air...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

I compagni d’armi lo conoscevano con il suo nome di battaglia: ”Tekoser”. Il suo nome vero, come lo ha diffuso su Telegram l’Isis mostrando la sua Tessera sanitaria e la carta di credito, era Lorenzo Orsetti. Originario di Firenze, aveva solo...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Nel mese di febbraio, secondo quanto rileva Terna (la società che gestisce la rete di alta tensione), la domanda di elettricità in Italia è stata di 25,5 miliardi di chilowattora, in flessione del -2,2% rispetto al febbraio del 2018. È un...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il governo di Theresa May non può riproporre per la terza volta il medesimo accordo già bocciato due volte, pur con alcune variazioni semantiche che non cambiano la realtà dei fatti. Lo ha annunciato lo speaker della Camera dei Comuni John Bercow ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il battesimo dell’ultima nave destinata alla Cina è avvenuto giusto qualche settimana fa con la presentazione, a Monfalcone, di Costa Venezia, la più grande unità introdotta da Costa Crociere in quell’area: una stazza lorda da 135.500...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Al Bano non ci sta. Dopo essere stato inserito nella lista nera degli individui considerati minaccia alla sicurezza nazionale, il cantante, con il suo avvocato Cristiano Magaletti, passa all'azione e minaccia di ricorrere alla Corte Europea dei...