Tra un mese si torna a scuola: la guida tra caos vaccini e supplenti

Pubblicato venerdì, 10 agosto 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Manca un mese, giorno più giorno meno, al suono della prima campanella per gli otto milioni di studenti italiani. Le date
del rientro a scuola sono diverse da regione a regione: in Abruzzo, Piemonte e Friuli si parte a esempio il 10 settembre,
una settimana dopo nelle Marche, in Emilia e in Calabria. Ma il ritorno a scuola rischia di essere un vero e proprio percorso
a ostacoli. Due le incognite: il caos vaccini con presidi e famiglie alle prese con il rebus certificato o autocertificazione
e i ragazzi che si potrebbero trovare in cattedra - nonostante le infornate di nuove assunzioni - ancora molti supplenti.
Il caos vaccini è tutt’altro che chiarito. Per ora sembra prevalere quanto detto a chiare lettere dai presidi: «Allo stato delle cose, se non verrà presentato all'inizio dell'anno scolastico il certificato di avvenuta vaccinazione della
Asl, non potremo permettere la frequenza dei bimbi a scuola, a nidi e materne». Per i dirigenti scolastici continua infatti
a valere la legge Lorenzin, in attesa che a settembre - ma non in tempo per l'inzio dell’anno scolastico - venga approvato
il decreto milleproroghe che rinvia di un anno l'obbligo dei vaccini per l’iscrizione a materne e nidi. E quindi? Per i dirigenti
scolastici resta l’obbligo su dieci vaccinazioni (polio, difterite, tetano, epatite b, pertosse, Haemophilus influenzae di
tipo b; morbillo, rosolia, parotite, varicella ). Se i genitori non li vaccinano, tra zero e sei anni i bambini non possono accedere a nidi e materne fino ad avvenuta vaccinazione
o presentazione della prenotazione presso l’Asl
; mentre da sei a sedici anni possono accedere a scuola ma rischiano multe da 100 a 500 euro.
Per l’anno scolastico 2017/2018 (in via transitoria), la legge Lorenzin prevedeva la possibilità di presentare l'autocertificazione
o la prenotazione della seduta presso l'azienda sanitaria
. Una via, quella dell’autocertificazione, prorogata da una circolare della ministra della Salute Giulia Grillo - che ha presentato anche un Ddl sull’«obbligo flessibile»
- e dell’Istruzione Marco Bussetti
. Che però appunto i presidi hanno contestato facendo prevalere la norma del decreto sulla circolare. Lo scontro è ancora
in corso, con il ministro Bussetti che alla fine sembra appoggiare i dirigenti scolastici: «È opportuno considerare le preoccupazioni
dei dirigenti scolastici, che costituiscono snodo fondamentale per il sistema di istruzione e formazione.
Certamente la dirigenza scolastica non può essere gravata di incombenze in materia sanitaria». Ma alla fine cosa devono fare
i poveri genitori? Di sicuro chi ha provveduto a vaccinare i figli o ha in mano una prenotazione per la vaccinazione non deve temere nulla. Per chi punta sull’autocertificazione la strada migliore è quella di informarsi presso l’istituto dove sono iscritti i
figli per capire se sarà sufficiente.
Ma le incognite non finiscono qui. Arrivano già molte segnalazioni da diversi uffici scolastici per i posti su cui sono state
autorizzate le assunzioni ma che non potranno essere coperti per mancanza di aspiranti
: «Spesso perché i percorsi Fit (formazione iniziale e tirocinio) da cui si dovrebbe attingere non sono ancora stati conclusi»,
avverte Maddalena Gissi, segretaria generale Cisl Scuola. Che suggerisce di trovare una soluzione «che faccia salva, almeno
giuridicamente, la copertura dei posti dal 1° settembre per chi nel frattempo concluderà la fase concorsuale in atto. Diversamente,
le cifre tanto sbandierate in questi giorni sarebbero da ridimensionare, e non di poco».
Per la Gilda l’Italia viaggia a «velocità diverse» anche per le assunzioni a tempo indeterminato dei docenti. «Negli Uffici scolastici provinciali - accusa Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda - con temperature torride
e personale ridotto allo stremo, si stanno svolgendo le operazioni relative alle immissioni in ruolo dei vincitori del concorso
2016 e anche dei partecipanti ai Fit, cioè i docenti abilitati della scuola secondaria inferiore e superiore che sostengono
il concorso non selettivo». «Ebbene, - spiega Di Meglio - in molte regioni le procedure stanno andando molto a rilento, con
il rischio concreto che le graduatorie non vengano completate entro il 31 agosto e che le cattedre disponibili continuino ad
essere coperte da supplenti annuali anche l'anno prossimo
»

Tag: #Notizie #Attualita

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

È stato identificato ma non ancora denunciato (cosa che dovrebbe avvenire nelle prossime ore) l'uomo che ieri sera - ma la notizia si è appresa solo oggi - ha aggredito e brutalmente picchiato la parlamentare del M5S Mara Lapia, nel parcheggio di ...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Chi sbaglia paga, anche se l’errore è involontario. Nella Babele regionale dei ticket sanitari - per ricetta, per prestazione e pronto soccorso - il pianeta esenzioni non fa eccezione. Nemmeno, ovviamente, sulle modalità di recupero delle somme...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

NEW YORK - Fuga da Silicon Valley. La patria dell’hi-tech americano si sta rivelando sempre più stretta ai suoi protagonisti: nella sfida per tenere testa alla concorrenza globale per l'innovazione e il talento, i colossi nati o che hanno messo...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

I numeri della manovra cambiano. Sarà l’effetto della trattativa con Bruxelles o le nuove stime dei tecnici, fatto sta che dopo «quota 100» che ha perso per strada 2 miliardi rispetto alle previsioni iniziali anche il reddito di cittadinanza...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

«È un insulto al ruolo che hai ricoperto, ed è profondamente anti-democratico». Sembra che ci sia solo un laburista che faccia infuriare la premier Theresa May, e non sta neanche in Parlamento quindi non voterà il suo accordo sull’uscita del ...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Da quando è salito al potere, nel 2010, il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha spinto Budapest su una china che combacia poco con le ambizioni dell’integrazione europea (e lo stato di diritto). Il governo trainato dal...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Le tensioni sullo spread e il rischio politico hanno pesato sulla performance di Piazza Affari senza tuttavia compromettere la capacità delle maggiori società quotate italiane di fare profitti. Anche quest’anno, come già accaduto nel 2017, le...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Mentre l'Aula del Senato era impegnata nel concerto di Natale, in commissione Bilancio si contano le prime vittime eccellenti dell’atteso restyling della manovra: dall'ulteriore aumento al 50% dell'Imu sui capannoni alle graduatorie dei concorsi...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

NEW YORK - Ogni secondo che passa Amazon spedisce 400 pacchi nel periodo di picco degli acquisti natalizi o dei saldi. Nei cinque secondi che avete impiegato per leggere questa frase ha già inviato 2mila articoli in tutto il mondo. Jeff Bezos nel 1995...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Dalla calibratura del taglio sulle pensioni elevate, cosiddette d'oro, al destino dell'ecotassa sulle auto inquinanti e degli incentivi per gli autoveicoli “green” passando per il bonus-Sud per i pensionati stranieri, spiagge, risparmiatori...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Appuntamento alla cassa entro lunedì 17 dicembre (il termine sarebbe scaduto oggi ma slitta avanti di un giorno in quanto è domenica) con il saldo di Imu e Tasi per circa 18 milioni di proprietari di immobili. Il gettito atteso da Erario e Comuni ...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

È allerta gelo in tutta Italia, dove già oggi si fanno i conti con crollo delle temperature al Centro-Sud mentre al Nord è attesa neve a partire da domani, dal Piemonte fino alle aree di pianura di Veneto e Emilia Romagna. Sono gli effetti...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Oggi più che mai i consumi sono identitari: raccontano chi siamo e quali sono le nostre priorità, tanto più quelli natalizi. Numeri, curiosità e tendenze ci aiutano a capire che tipo di consumatori - e di cittadini - siamo diventati in questi...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Durata massima dei contratti a tempo determinato, ma anche il numero delle proroghe possibili, i costi per il datore di lavoro e il nuovo tetto sull'utilizzo. Sono alcune delle novità introdotte dal decreto “dignità” (Dl 87/2018) e descritte...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

«La nostra casa a Palermo era aperta. Mio padre Gerlando e mia madre Maria Teresa avevano l’abitudine di ospitare sempre tantissimi amici. Spesso si giocava a bridge. Le signore a canasta. Si ascoltava musica classica e lirica. Si parlava di tutto...