Telefonia, arriva la lista nera di chi non paga la bolletta

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Stanno facendo il conto alla rovescia le compagnie telefoniche prima dell’ora X in cui far scattare l’attacco ai cattivi pagatori.
Si chiama Simoitel (Sistema informativo sulle morosità intenzionali nel settore della telefonia) lo strumento che da lunedì
partirà operativamente e con il quale le telco puntano a colpire e affondare gli abitué del turismo telefonico, in grado di
“surfare” da un’offerta all’altra ma lasciando dietro di sé lunghe scie di conti non pagati.
PER SAPERNE DI PIÙ / Calo del 20% delle tariffe di telefonia mobile, ecco le più economiche
L’ora del redde rationem scoccherà quindi a inizio della prossima settimana, quando dagli uffici degli operatori di telefonia
partiranno le prime raccomandate verso i soggetti morosi per avvisarli che, di lì a 30 giorni, o elimineranno la posizione
debitoria oppure si vedranno inseriti in una banca dati comprensiva dei nomi dei peggiori clienti insolventi. Il che può significare
grattacapi non da poco, a iniziare dal fatto che le compagnie telefoniche potranno sbattere la porta in faccia a richieste
di attivazione di nuove linee fisse o mobili. A quel punto l’unica alternativa è optare per soluzioni prepagate.
PER SAPERNE DI PIÙ / Tariffe telefoniche: ecco le offerte degli operatori per l'estate
Insomma, un meccanismo che richiama alla mente la centrale rischi per mutui e dei prestiti. «Diversamente dalle banche dati
creditizie – tiene però a precisare l’Asstel, che associa le aziende della filiera delle tlc – il Simoitel è uno strumento
di contrasto alle morosità intenzionali gravi e non a qualsiasi insoluto. Il provvedimento risponde a un’esigenza dell’industria
delle tlc di fronteggiare in modo efficace il fenomeno di coloro che si sottraggono intenzionalmente dal pagare quanto dovuto
nel passaggio da un operatore all’altro».
PER SAPERNE DI PIÙ / Cambiare operatore di telefonia o tv costerà meno
Per arrivare a questo risultato il lavoro non è stato da poco, né breve. La realizzazione del Simoitel discende infatti da
un provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 ottobre 2015. Il provvedimento rispondeva a una precisa richiesta dell’industria
delle telecomunicazioni afflitta dal fenomeno dei cattivi pagatori, o meglio di coloro che – sfruttando le possibilità offerte
dalla liberalizzazione del servizio e dalla rapidità con cui si può modificare la scelta sul proprio fornitore – spesso non
pagano affatto.
Ora, dopo anni di limatura e passando attraverso un’approfondita istruttoria sotto la regia degli uffici del Garante per la
privacy, la struttura giuridica e informatica del Simoitel è stata realizzata. Il soggetto gestore del Simoitel è stato scelto
con procedura competitiva e sarà il Crif. E alla fine i requisiti di “cattivo pagatore” risultano essere particolarmente stringenti.
Servono infatti: il distacco dal servizio con recesso dal contratto da non meno di tre mesi; un importo insoluto di almeno
150 euro; la presenza di fatture non pagate nei primi sei mesi successivi alla stipula del contratto (a indicazione dell’atteggiamento
“opportunistico” dell’utente); l’assenza di altri rapporti contrattuali post-pagati, attivi e regolari nei pagamenti con lo
stesso operatore (a garanzia del fatto che si vadano a colpire il turismo telefonico e le morosità intenzionali).
PER SAPERNE DI PIÙ / Tlc, la guerra dei telefonini costa 300 milioni ai tre big
«Asstel – spiega ancora l’associazione – ha posto il tema all’attenzione delle diverse Autorità producendo evidenze e stime
del fenomeno e il Garante per la Protezione dei Dati Personali ha ritenuto necessario l’introduzione di uno strumento ad hoc.
Assicurando la correttezza dei comportamenti debitori, la funzionalità del Simoitel è certamente nell’interesse diretto degli
operatori ma anche una garanzia per i tanti consumatori onesti». La speranza delle telco è di mettere un freno a un fenomeno
che è molto sentito, e da tempo. Basti pensare che la scorsa estate l’Antitrust ha sanzionato Wind Tre, Tim e Vodafone per
3,2 milioni di euro in totale per pratiche commerciali scorrette. Fra queste è stata considerata la minaccia, utilizzata per
spingere i propri utenti a saldare debiti e importi insoluti di entità più o meno cospicua, di iscriverli al Simoitel che
però ancora non era partito. Ora è diverso. Il 27 febbraio si è costituito il Comitato di gestione della banca dati e da lunedì
18 marzo partiranno le lettere di preavviso. Con la guerra dei prezzi in atto e con gli investimenti messi in conto e alle
porte per il 5G, le compagnie sono intenzionate ad agire sul punto con decisione

Tag: #ImpresaETerritori #Consumi

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Se la Banca centrale europea non vuol ripetere l’errore compiuto dalla Federal reserve che ha causato la Grande crisi, accenda subito i fari sulla finanza digitale. È una condizione necessaria, anche se non sufficiente, per evitare di trovarsi...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il nostro governo sembra guardare al Giappone come modello ideale di finanza pubblica: un debito e un deficit pubblici più elevati dei nostri, ma senza inflazione e preoccupazioni per lo spread. Quindi, la colpa dei nostri problemi sarebbe da...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Cinquecento giovani da tutto il mondo, metà imprenditori, l’altra metà economisti, tutti rigorosamente under trentacinque, si ritroveranno ad Assisi dal 26 al 28 marzo del prossimo anno per partecipare a “The Economy of Francesco”. A...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Entrare nella testa dei gladiatori, nei loro pensieri, visitare i loro sogni la notte prima di entrare nell’arena del Colosseo, dove si giocavano la vita. La tecnologia viene in soccorso della storia, come sempre più spesso accade nel raccontare ...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Partiamo dalle notizie, anzi dalle denunce. Amazon è stata accusata di registrare dati dei bambini senza il consenso dei genitori con il dispositivo Echo Dot Kids Edition, la versione per ragazzi del suo speaker. Siamo negli Stati Uniti, il...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Giovane, perché l’esigenza è di ringiovanire un elettorato troppo âgé. Figlio di immigrati (europei, e integrati) per dar l’idea di sostenere un nazionalismo “aperto”. Cittadino delle banlieues, che in passato erano una roccaforte del ...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È passato a miglior vita, si dice spesso quando muore qualcuno. Ma alla 72esima edizione del Festival di Cannes il trapasso si è trasformato in una condizione transitoria. Così almeno sembrano raccontare i film in gara alla kermesse più sfarzosa ...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Lo hanno chiamato «salva motociclisti» ed era atteso da almeno dieci anni, quando il ministero delle Infrastrutture costituì il primo gruppo di lavoro sul tema delle protezioni da mettere vicino all’asfalto per evitare che la testa di chi cade...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

NEW YORK - La Casa Bianca prepara una marcia indietro parziale e temporanea nella sua crociata contro Huawei per impedire lo stop delle reti di tlc nelle aree rurali degli Stati Uniti. Ma è pronta a vietare tutti i nuovi acquisti di chip e...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

La buona notizia è che dopo aver toccato i 292 punti base mercoledì, lo spread tra BTp e Bund si è un po’ calmato. Ieri ha chiuso a 278. La cattiva notizia è che nelle prossime settimane e mesi almeno tre forze convergenti rischiano di...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Della manifestazione sovranista di Piazza Duomo a Milano si continuerà a discutere nei prossimi giorni: dei numeri, come sempre controversi, delle contestazioni dell’«altra» Milano, tra striscioni ai balconi e contro-cortei, del bilancio...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È Rafa Nadal il primo finalista degli Internazionali d’Italia di Roma, quinto Masters 1000 della stagione. Lo spagnolo numero 2 del mondo ha battuto il greco Stefanos Tsitsipas, ottava testa di serie del torneo, con i parziali di 6-3, 6-4 in...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Passa dalle Terme di Castrocaro l’ultima scommessa del re della sanità privata, il self-made-man romagnolo Ettore Sansavini, partito da Lugo una cinquantina d’anni fa con in tasca solo un sogno (creare cliniche private di alta complessità in...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Hanno fatto come gli hedge funds. Quattro ricercatori universitari americani hanno provato a usare “fonti alternative di dati” per investire in Borsa: le foto scattate dai satelliti spaziali ai parcheggi dei centri commerciali. Sì...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È in corso e durerà fino a domenica 19 maggio a Urbino il festival Urbino e le Città del Libro. Il tema del il festival letterario nato nel 2014 è “Pianeti irritabili”: un tributo a Paolo Volponi, «alle sue opere, al suo sguardo sulla...