Tav, maxi-bando Telt aperto anche alle medie imprese italiane

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale europea on line (Ted), edizione S53 del 15 marzo 2019, il bando di Telt per la
realizzazione dei lavori principali del tunnel di base della Tav Torino-Lione. L'avviso legale (”avis de marchés” nella versione
originale francese, “bando di gara” nella traduzione italiana) specifica che i lotti sono tre:
1) lotto 1, cantiere operativo n.5 (scavo del tunnel di base a partire dall'attacco della discenderia di Villarodin-Bourget/Modane),
importo a base d'asta 1.000 milioni di euro (Iva esclusa), un miliardo;
2) lotto 2, cantiere operativo n.6/7 (scavo del tunnel di base a partire dagli attacchi delle discenderia di La Praz e di
Saint-Martin-la-Porte), importo 1.130 milioni (Iva esclusa);
3) lotto 3, cantiere operativo n.8 (scavo del tunnel di base a partire dagli attacchi dei portali di Villard-Clement), 180
milioni di euro.
PER SAPERNE DI PIÙ / Tav, ok di Telt a bandi da 2,3 mld. Identikit della spa italo-francese
Il bando precisa che le imprese possono partecipare a tutti i lotti, ma a ciascuna potranno essere aggiudicati al massimo
2 lotti secondo le seguenti combinazioni: lotti 1 e 3 oppure lotti 2 e 3. Se presenta l'offerta migliore sui lotti 1 e 2,
gli sarà aggiudicato uno solo di questi due lotti. Il termine per la presentazione delle domande di partecipazione è fissato
al 28 maggio prossimo (due giorni dopo la conclusione delle elezioni eropee, 23-26 maggio). Poi Telt dovrà verificare la presenza
dei requisiti di partecipazione e - solo dopo il via libera dei governi italiano e francese - inviare alle imprese pre-qualificate
le lettere di invito con i capitolati di appalto, con la scadenza per la presentazione delle offerte.
Nel bando si precisa infatti che «ai sensi dell'articolo R2185-1 del Codice dei Contratti Pubblici (vecchio articolo 98 del
decreto n.2016-630), si ricorda ai candidati che la procedura può essere dichiarata senza seguito, in qualsiasi momento della
procedura e fino alla stipula dell'appalto, e che non dispongono di alcun diritto di firma dell'appalto né al rimborso delle
spese derivanti dalla partecipazione alla procedura». Circa le motivazioni che potrebbero giustificare la retromarcia, il
bando spiega che «Questa facoltà di rinuncia alla conclusione dell'appalto da parte dell'Ente aggiudicatore può avvenire per
motivi economici, giuridici o tecnici o risultare da una scelta dei due Stati». Una “libera scelta”, dunque, ma si precisa
«dei due Stati». Resta aperto il tema di cosa succederebbe se solo uno dei due chiedesse lo stop al bando (nel Cda di Telt
la rappresentanza è divisa a metà tra Francia e Italia). Non a caso il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato
l'avvio di una consultazione con il governo francese per una integrale e consensuale revisione del progetto. A quel punto
la richiesta di fermare i bandi verrebbe insieme da Francia e Italia, allo scopo di rivedere trattato internazionale e progetto
dell'opera (naturalmente con il forte rischio, quasi una certezza, di perdere gli 830 milioni di euro già concessi dalla Ue
per il 2014-2020). Se invece Italia e Francia non arrivassero a un accordo a breve (entro giugno/luglio), l'unica strada in
mano all'Italia per fermare l'opera sarebbe una revisione unilaterale del trattato Italia-Francia, procedura lunga e che comunque
potrebbe essere contestata dalla Francia (in base al diritto internazionale) con richiesta danni e giudizio da parte di un
tribunale arbitrale internazionale.
VAI AL DOSSIER - L'ITALIA BLOCCATA
Tornando al bandi di gara, i requisiti economici per la partecipazione non sono particolarmente selettivi, non si tratta cioè
di gare solo per i “colossi” europei delle costruzioni. Si legge infatti che «il fatturato minimo annuale richiesto al candidato
per ognuno dei tre anni 2015, 2016 e 2017» è di 220 milioni di euro per i lotti 1 e 2 (quelli da 1,0 e 1,13 miliardi di euro),
e 30 milioni per il terzo lotto (quello da 180 milioni), requisiti richiesti alla singola impresa se è l'unica a partecipare,
e invece «si riferisce al fatturato dell'insieme dei membri del raggruppamento» in caso di cordate. Un fatturato di 220 milioni
all'anno in cordata non appare proibitivo, neppure per le medie imprese di costruzione italiane.

Tag: #Notizie #Attualita

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Come immaginabile, almeno fino a quando non sarà più chiaro se ci sarà una via di uscita nell’empasse Google-Huawei, o se invece il colosso cinese dovrà procedere portando il sistema operativo a cui sta lavorando internamente dal 2012 sui suoi...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Altra giornata difficile per il Governo britannico. British Steel, il secondo gruppo siderurgico, è al collasso e ha appena annunciato di essere entrato in amministrazione controllata, mettendo a rischio i posti di lavoro di cinquemila dipendenti e...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

I prossimi giorni saranno decisamente importanti per i contribuenti e per i professionisti alle prese con le scelte sulla pace fiscale. Entro il 31 maggio, infatti, si dovrà decidere se aderire alla chiusura delle liti tributarie pendenti, alla ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Rottamazione con rate in formato extralarge ad alto appeal. La corsa alla presentazione delle domande di adesione alla terza edizione della sanatoria delle cartelle, che per i debiti tributari dà diritto alla cancellazione di sanzioni e interessi ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Generali avrebbe avviato contatti preliminari per acquistare gli asset di MetLife in Europa Centrale. Lo scrive Bloomberg, sottolineando che il business potrebbe valere fino a 2 miliardi di euro ed è concentrato in Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Primo anno di applicazione per gli Isa, gli indici sintetici di affidabilità, in sostituzione degli studi di settore: un esordio che porta molti dubbi sullo strumento delle pagelle fiscali. Un nuovo regime di riporto delle perdite per i soggetti in...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È un lunghissimo applauso quello che ha accolto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, appena giunto all’Auditorium della Musica a Roma per partecipare all’assemblea annuale di Confindustria. Insieme a lui anche il premier Giuseppe...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Con una sforbiciata di un punto rispetto alle stime precedenti dello scorso novembre, l’Istat riduce allo 0,3% le previsioni di crescita del Pil italiano nel 2019, superando comunque le ipotesi di Bruxelles e andando anche oltre di un decimale...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Sulle elezioni europee le fake news non sfondano e l'informazione professionale resta vincente. È quanto emerge da dal più grande studio paneuropeo sull'uso di Twitter e Facebook per la disinformazione politica, pubblicato oggi dai ricercatori del...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

“Un handicap di Polo è un passaporto per il mondo”, diceva Winston Churchill, che ne coltivò l'amore per tutta la vita. Il fascino di questo sport elegante, veloce e glamorous si gioca in Italia su più di 20 campi e l'anno scorso, per i ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È l’unica regione dove si andrà al voto il 26 maggio. E così il Piemonte dovrà, più o meno suo malgrado, fare da test per capire cosa si muove a livello amministrativo. Si capirà se l’attuale assetto del Governo favorirà la corsa di...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il colosso alimentare francese Lactalis punta a rilevare il gruppo Nuova Castelli, principale esportatore italiano di parmigiano reggiano. La nuova mossa della multinazionale della famiglia Besnier, che in Italia detiene già Parmalat, scalata nel...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Un piano da 20 milioni di euro per la mobilità elettrica a Roma con l’obiettivo di installare, da qui, al 2022 quasi 2mila colonnine (le prime 50 già quest’anno). Sono i numeri dello sforzo che Acea, la multiutility capitolina, ha intenzione di ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Segno meno in avvio per le Borse europee, con i mercati che attendono indicazioni da parte del presidente della Bce Mario Draghi e delle minute della Fed di stasera. Intanto, resta la tensione sul fronte commerciale, senza novità di rilievo mentre ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Si tratta di un modello cruciale per il brand Usa visto che Ford lo considera la risposta a Tesla e alla futura Model Y che non a caso sarà in vendita negli Usa alla fine del 2020. La nuova vettura che si ispira sia pure idealmente alla Mustang...