Stati Uniti, indice manifatturiero in calo ma aumentano le offerte di lavoro

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

NEW YORK - L’indice che misura la produzione manifatturiera negli Stati Uniti nel mese di febbraio è diminuito dello 0,3 per
cento. Si tratta del secondo mese di fila negativo a riprova del raffreddamento della crescita economica americana nel primo
trimestre. Anche l’indice Empire State, che misura l’andamento dell’attività manifatturiera nell’area di New York è tornato
a perdere quota portandosi sui minimi di quasi due anni fa. Il dato, redatto dalla Fed è sceso a 3,7 punti da 8,8 punti di
febbraio. Gli analisti attendevano un calo a 8,3 punti. «La crescita resta un poco al di sotto di quanto non lo fosse nel
2018», rileva la Fed di New York. In generale a febbraio la produzione industriale americana è cresciuta di appena lo 0,1%,
aiutata dai buoni risultati delle utilities e del settore minerario. Dati economici deboli che confermano l’atteggiamento
attendista della Federal Reserve verso ulteriori aumenti dei tassi di interesse quest’anno: martedì e mercoledì prossimo i
vertici della banca centrale americana dovrebbero incontrarsi per valutare il momento congiunturale e decidere il corso della
politica monetaria. Lo scorso anno la Fed aveva alzato i tassi quattro volte.
Il calo della produzione è guidato dall’industria dell’auto e della componentistica, macchinari e nell’arredo. A gennaio
l’output delle fabbriche Usa era sceso dello 0,5% rispetto alle stime di un incremento dello 0,9 per cento.
Un sondaggio effettuato da Reuters tra gli economisti prevedeva per febbraio un aumento della produzione dello 0,3 per cento.
Più in particolare l’output legato al settore dei veicoli a motore e della componentistica ha registrato un calo dello 0,1%
lo scorso mese, in scia sulla frenata del -7,6% di gennaio.

Anche l’indice Ism che misura l’attività manifatturiera questo mese è sceso ai minimi da due anni, con un forte calo degli
ordinativi. Le attività sono condizionate dall’incertezza conseguente alle trade war tra Stati Uniti e Cina, dal dollaro forte
e dalla frenata dell’economia in Europa e Asia che rallenta le esportazioni.
Diminuisce la produzione ma non la fiducia dei consumatori. Nel mese di marzo la lettura preliminare dell’indice redatto
mensilmente dall'Università del Michigan è salita a 97,8 punti dai 93,8 punti di febbraio e dai 91,2 punti di gennaio. Gli
analisti attendevano un dato a 95,3 punti. Secondo l’ateneo, il dato è stato sostenuto da una maggiore fiducia espressa sullo
stato delle proprie finanze dalle famiglie con redditi medio-bassi. Per quanto riguarda l’inflazione, le aspettative a un
anno sono scese al 2,4% da 2,6% del mese precedente, quelle a cinque anni sono salite al 2,5% dal 2,3%. Il dato finale verrà
diffuso il prossimo 29 marzo.
Negli Stati Uniti in ogni caso a gennaio il numero di annunci di lavoro ha raggiunto il record di 7,6 milioni, superando ancora
il numero di disoccupati, questa volta di oltre un milione di unità. Lo ha annunciato il dipartimento del Lavoro, pubblicando
il Job Openings and Labor Turnover Survey (JOLTS). A fine dicembre, gli annunci per le offerte di lavoro erano stati 7,48
milioni. Prima di un anno fa, il numero di posti di lavoro pronti a essere occupati non aveva mai superato il numero di disoccupati
in oltre 17 anni. (Ri.Ba.)


Tag: #Mondo #Usa

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Da oggi vengono messe in pagamento le domande del Reddito e della pensione di cittadinanza presentate nel mese di aprile che hanno avuto il via libera dall’Inps: sulle 194.391 istanze inoltrate nel mese scorso, l’Istituto di previdenza stima il...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Terrence Malick torna a parlare della Seconda guerra mondiale: ventuno anni dopo il suo capolavoro «La sottile linea rossa», il regista americano riprende l'argomento con «A Hidden Life».In competizione per la Palma d'oro, il film racconta...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Nella settimana che si apre oggi e che condurrà alle urne per l’elezione dei nuovi parlamentari europei, sul tavolo del governo approdano due provvedimenti che fanno riferimento a due temi politicamente “caldi”: sicurezza e famiglia. Il primo...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Premesso che è presto per avere risposte complete, la notizia di Reuters, poi confermata da Google, che gli smartphone Huawei perderanno la licenza Android rischia di avere un impatto rilevante sia per l’azienda sia per i consumatori. Non è un...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

«La sera mi metto nelle mani del buon Dio e della Madonna. Qualche esponente del Vaticano, pochi per fortuna, mi hanno contestato per averlo detto in piazza a Milano». Si è espresso in questi termini, a mezzo Facebook, il vicepremier Matteo Salvini ...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Game of Thrones è finito. Domenica sera è andata in onda su Hbo l’ultima puntata. Il destino di Bran, Jon, Daenerys si è compiuto. Sappiamo finalmente chi ha conquistato il Trono di spade. Chi vi scrive aspetterà a esprimere il proprio...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È morto Nanni Balestrini, 83 anni, scrittore, poeta, curatore di antologie ed esponente della Neoavanguardia. A darne notizia con un post su Facebook è lacasa editrice DeriveApprodi. «È con tristezza e dolore - silegge - che informiamo ...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Ryanair ha chiuso l’anno fiscale 2018-2019 (al 31 marzo 2019) con un utile netto pari a 1,02 miliardi di euro, in calo del 29% rispetto all’anno precedente. Lo ha reso noto la compagnia aerea low cost, che ha spiegato la flessione con il calo...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Nelle ultime settimane si è intensificato il dibattito intorno alla revisione degli obiettivi di inflazione delle banche centrali, sia negli Usa che nell’area Euro. Non si tratta di un caso, dato che per via della fase di rallentamento del ciclo...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Stmicroelectronics in netto ribasso a Piazza Affari, mentre il mercato si interroga se anche la società debba presto fare i conti con l’ordine degli Stati Uniti di azzerare i rapporti con la cinese Huawei. La scorsa settimana...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Fare impresa in Cina è sempre più difficile. Sale dal 48 dell'anno scorso al 53% la quota delle imprese europee che si dichiara pessimista sul fare business in Cina. Tra gennaio e febbraio la Camera di commercio europea in Cina ha...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Borse europee deboli, ancora penalizzate dalla delicata situazione internazionale. Piazza Affari è la peggiore, ma solo in apparenza visto che è penalizzata dallo stacco dividendi che pesa sul FTSE MIBper il 2,08%. Del resto ben 20 società su 40...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Chiamale, se vuoi, emozioni. Come Lucio Battisti, per farci fuggire dalla noia, l’Inter s’inventa qualche emozione forte, qualche colpo di scena che la faccia precipitare in un nuovo sconvolgente abisso Non le bastava un ordinario tran tran di ...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Una sorpresa dalla terza economia mondiale: il Prodotto interno lordo giapponese è cresciuto nel primo trimestre 2019 dello 0,5% sul trimestre precedente, pari a una espansione annualizzata del 2,1%, superiore a quella dell’1,6% del trimestre...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Quali sono le città più adatte per i freelance e businessmen che lavorano da remoto? Quali le destinazioni che offrono alle nuove figure del mondo del lavoro le migliori condizioni per vivere e svolgere la propria professione e che si dimostrano ...