Robot collaborativi, big data e droni: così il 5G rivoluziona l’industria italiana

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Tecnologie più fluide, affidabili, veloci e fruibili. In uno slogan: più 4.0 per tutti. È questa la promessa della rivoluzione
5G, tecnologia che si prepara a diventare un fattore abilitante per numerose applicazioni industriali nelle fabbriche intelligenti
italiane. Ne è convinta in primis Vodafone, che in questi mesi sta curando una sperimentazione su diversi use cases a Milano
(in collaborazione con il Mise). Sedici applicazioni sono visibili in questi giorni, nell’ambito della Milano digital week.
«La tecnologia 5G può favorire un balzo tecnologico per l'industria italiana - spiega Sabrina Baggioni 5G program director
di Vodafone Italia: richiede interventi meno invasivi sugli impianti e quindi abbassa la soglia di accesso, o di scalabilità,
degli investimenti in 4.0». La tecnologia diventa più democratica e anche le Pmi possono scommettere sulla digitalizzazione.
«Non c’è più bisogno di cablare l’intero stabilimento, ma è sufficiente installare i sensori necessari» prosegue Baggioni.
Inoltre il 5G è più «intelligente»: si possono superare «i vincoli di capacità di calcolo dei device e dei robot, gestendo
l’intelligenza della soluzione all’edge della rete o, se necessario, in un edge dedicato all’interno dell’impresa, con potenzialità
di elaborazione pressoché infinite». Un vantaggio che apre prospettive concrete anche per la manutenzione predittiva: il rischio
del fermo macchina, grazie all’accresciuta capacità elaborativa del sistema, può diventare un ricordo.
Vodafone ha presentato al pubblico (sono fruibili da ieri fino a stasera nel Campus del Politecnico) quattro soluzioni 5G
applicate a processi industriali realizzate con i propri partner. Il primo use case (sviluppato da Vodafone, Politecnico e
Huawei) è una soluzione di gestione avanzata dei processi su un impianto produttivo basata su machine learning e artificial
intelligence, che permette di individuare possibili criticità con l’analisi dei segnali raccolti e la riconfigurazione della
linea di produzione in tempo reale. La soluzione prevede l’impiego di un set di sensori intelligenti che abilitano una connected
factory: i segnali provenienti dai sensori vengono inviati via rete 5G ed elaborati su edge cloud utilizzando algoritmi di
machine learning e una rete neurale opportunamente istruita per riconoscere la corretta esecuzione delle lavorazioni dei prodotti
ed intervenire su potenziali guasti sulla linea.
L’obiettivo, in sintesi, è sperimentare algoritmi più sofisticati di manutenzione preventiva e predittiva residenti sull’edge
cloud. Una piccola linea è stata allestita a scopo divulgativo nel Campus in Bovisa. «Elaborare questa massa di dati in locale
è impossibile - spiega Giacomo Tavola, referente tecnico dell'Industry 4.0 Lab del Politecnico-. Inoltre, grazie al 5G, abbiamo
potuto abilitare questa macchina senza toccare una vite o cambiare una riga dei codici. Per chi intende implementare il 4.0
partendo dal brown field questa è una rivoluzione».
Vodafone, Politecnico, Huawei e Italdron hanno invece sviluppato un drone per ispezioni industriali e infrastrutturali che
permette in remoto di acquisire immagini video e decidere in tempo reale eventuali interventi, soluzione oggi non praticabile
a causa della larga banda necessaria. La capacità elaborativa residente su edge computing permette la ricostruzione del modello
3D in tempi molto brevi e di effettuare più ispezioni e voli nella stessa giornata esclusivamente nelle aree di interesse.
In mostra anche soluzioni innovative di robotica collaborativa (grazie a e-Novia e Abb) che sfruttano algoritmi in grado di
riconoscere e prevedere le azioni dell’operatore. Il robot sceglie di conseguenza quali fasi della lavorazione effettuare:
grazie agli algoritmi e alla connessione ultraveloce del 5G il robot collaborativo è in grado di modificare il proprio ciclo
di lavoro e di adattarsi dinamicamente all’operatore. Il 5G in questo caso massimizza flessibilità e produttività dell’impianto,
con benefici anche per l’ergonomia e la sicurezza dell’operatore.
Infine, Vodafone (con Huawei e Altra Italia) ha mostrato una soluzione di realtà aumentata in ambito industriale che permette
videochiamate in remoto e supporto real time nell’ambito della manutenzione a distanza. L’architettura 5G consente di realizzare
un sistema di realtà aumentata industriale spostando la capacità computazionale su server dedicati, rendendo l’applicazione
sicura, affidabile e robusta. «Ci aspettiamo - conclude Baggioni - che queste soluzioni possano essere disponibili in maniera
diffusa già nel 2020. Il 5G rende necessario un cambiamento dell’intero ecosistema che dovrà adottare modelli operativi e
di business collaborativi e di open innovation».

Tag: #ImpresaETerritori #Industria

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

«Toninelli lo facciamo per te». La frase si legge su un cartello che i senatori di Forza Italia tirano fuori in Aula al Senato subito dopo l'illustrazione delle due mozioni che chiedono le dimissioni immediate del ministro per le infrastrutture...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il 2019 si apre con due campanelli d’allarme sul lavoro: a gennaio le domande di disoccupazione si impennano, e salgono a quota 201.267, in crescita del 13,4 per cento su gennaio 2018. Non solo. Nel cumulato gennaio-febbraio a salire è anche la ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È raro che si celebri il centenario di una poesia. Lo si fa per i grandi libri, per la nascita o la morte di un autore. Ma L’infinito di Leopardi – di cui ricorrono i duecento anni dalla composizione – è forse la più celebre tra le poesie...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Le decisioni di politica monetaria comunicate ieri dalla Fed dopo il suo direttivo sono state più espansive del previsto e il mercato ha reagito comprando titoli di Stato americani innescando un netto calo dei rendimenti che, sulla scadenza a 10...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Istituita dalla XXX sessione della Conferenza Generale Unesco nel 1999 oggi è la Giornata Mondiale della Poesia. Nel mondo e in Italia la giornata è festeggiata da tantissime iniziative, a cominciare dal ricordo di Alda Merini, nata il 21 marzo ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

La Commissione ritiene che la proroga, stabilita nel 2009, dal 2028 al 2046 della concessione di lavori relativa all'autostrada A 12 Civitavecchia-Livorno costituisca la modifica di un termine essenziale di tale concessione. Tale proroga equivarrebbe ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

A gennaio sono arrivate all'Inps 201.267 richieste di sussidio disoccupazione (tra le quali 198.294 domande di Naspi) con una crescita del 13,4% su gennaio 2018. È il dato più alto a gennaio negli ultimi quattro anni. A dicembre le ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Nel 2015, un debitore della Tecnoservice ha ordinato alla propria banca di effettuare un pagamento, tramite bonifico bancario, in favore di tale società, mediante accredito su un conto corrente aperto presso Poste italiane, individuato, ai sensi...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il conto alla rovescia per la missione Eunavfor Med Sophia avviata nel 2015 contro i trafficanti di migranti è iniziato e il governo giallo verde, attraverso due dei suoi principali dicasteri, è in campo per trovare “in zona Cesarini” un...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

«Sarò in Basilicata per le elezioni, ci saranno altri esponenti della Lega». Così il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini spiega in una intervista a Radio24 il perché non sarà al pranzo ufficiale con Xi Jinping. Il presidente...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Ci sono tanti eroi nascosti nella fantasia dei bambini e i Transformers sono tra questi. Il loro slogan è «More than meets the eye» insomma andare oltre al primo sguardo per cogliere l’essenza delle cose perché quello chevediamo, in...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Con il baricentro sempre ben piantato sulla rete elettrica nazionale che, non a caso, assorbirà quasi tutto lo sforzo previsto, Terna è pronta a puntare 6,2 miliardi di euro di investimenti da qui ai prossimi cinque anni per sostenere, in modo...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Indici europei in ordine sparso all'indomani dell'attesa riunione della Fed 'colomba': Milano sale dello 0,13% mentre Francoforte cede lo 0,4%, Londra lo 0,3% e Parigi lo 0,16%. I toni più accomodanti del previsto della Federal Reserve hanno portato...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Sorpresa: le targhe diventeranno personali. Cioè seguiranno l’intestatario e non più il veicolo. Lo sta per proporre il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, ormai deciso a riesumare una norma rimasta inattuata dal 2010. Così ha fatto ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Manette contro una loggia massonica segreta a Castelvetrano, il paese natale del boss latitante Matteo Messina Denaro. Coordinati dalla Procura, i carabinieri hanno eseguito 27 arresti per reati contro la Pa, l'amministrazione della giustizia ...