Redditività migliore per le aziende del lusso in mano ai gruppi esteri

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il lusso conquista i private equity, ma dà loro poche soddisfazioni. Si sono spenti in febbraio i riflettori sul riassetto
azionario di Trussardi (il 60% è andato a QuattroR Sgr partecipata fra gli altri da Cdp), che subito dopo si sono accesi sul
riassetto di Roberto Cavalli, dal 2015 nelle mani di Clessidra. Per non parlare, poi, di Morellato: il presidente Massimo
Carraro ha dichiarato che la società, partecipata dalla sua famiglia, da Marina Salamon e Matteo Marzotto, è pronta «a un
altro socio, di minoranza e unicamente finanziario». Tutte notizie che danno il polso di un settore in effervescenza anche
per gli appetiti dei fondi.
Eppure a guardare i numeri i risultati non sembrano così incoraggianti per i private equity. Se si prende un panel di 100
società italiane del comparto moda e lusso, le 26 controllate da fondi chiusi risultano avere un Ebitda margin più basso rispetto alla media: un 12,2% contro il 19,6%, secondo l’analisi di Pwc. A svettare su tutti sono i brand controllati dai grandi gruppi esteri
del lusso, come Kering e Lvmh con un Ebitda margin al 30,7%. Seguono a distanza con il 18,1% le aziende quotate e poi con
il 14,5% quelle controllate dal fondatore, da una famiglia o da un investitore privato. «L’Ebita margin dei brand controllati
da gruppi esteri è più alto anche perché si tratta di marchi del segmento alto del lusso. C'è da dire, comunque, che i gruppi
internazionali del lusso mettono a sistema sinergie corporate, creando quindi risparmi sui costi, ma lasciando allo stesso
tempo indipendenza a livello di funzioni strategiche ai singoli brand. E questa è una strategia che sta dando frutti positivi»
commenta Emanuela Pettenò, partner PwC Consumer deals, che prosegue: «Nel gruppo delle quotate c’è molta diversificazione
perché si va da brand del lusso a società di moda. Questo fa in modo che l’Ebitda margin risulti in media più basso».
Il comparto, comunque, presenta delle peculiarità che richiedono da parte degli azionisti competenze specifiche: «Il settore
del lusso e della moda è diventato sempre più interessante per i fondi di private equity, ma resta un comparto di non facile
approccio per le specificità che ha. Negli anni in Italia sono stati diversi gli investimenti come in Versace, Cavalli, Missoni,
Golden Goose, Trussardi, Valentino, Buccellati e Moncler. Non sempre, però, questi investimenti si sono rivelati positivi
per i fondi. Questi ultimi se non specializzati, infatti, rischiano di non comprendere il business e le sue dinamiche».
Resta il fatto che i riassetti non sembrano finiti. «Nel prossimo futuro diverse aziende, attualmente in mano al fondatore,
faranno riflessioni in merito all’evoluzione del loro azionariato. Questo aprirà a diverse opportunità in un comparto che,
in Italia, resta ancora molto polverizzato» osserva Pettenò, che sottolinea: «Basti pensare che le aziende prese in considerazione
da Sistema Moda Italia sono 46mila per un fatturato complessivo di circa 54 miliardi di euro nel 2017. PwC Deals ha mappato
un panel di 64 aziende del settore che totalizzano un fatturato aggregato di 35 miliardi di euro nel 2017, il che implica
una estrema polverizzazione in termini dimensionali delle altre aziende del comparto».

Tag: #FinanzaEMercati #Fondi24

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Se la Banca centrale europea non vuol ripetere l’errore compiuto dalla Federal reserve che ha causato la Grande crisi, accenda subito i fari sulla finanza digitale. È una condizione necessaria, anche se non sufficiente, per evitare di trovarsi...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il nostro governo sembra guardare al Giappone come modello ideale di finanza pubblica: un debito e un deficit pubblici più elevati dei nostri, ma senza inflazione e preoccupazioni per lo spread. Quindi, la colpa dei nostri problemi sarebbe da...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Cinquecento giovani da tutto il mondo, metà imprenditori, l’altra metà economisti, tutti rigorosamente under trentacinque, si ritroveranno ad Assisi dal 26 al 28 marzo del prossimo anno per partecipare a “The Economy of Francesco”. A...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Entrare nella testa dei gladiatori, nei loro pensieri, visitare i loro sogni la notte prima di entrare nell’arena del Colosseo, dove si giocavano la vita. La tecnologia viene in soccorso della storia, come sempre più spesso accade nel raccontare ...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Partiamo dalle notizie, anzi dalle denunce. Amazon è stata accusata di registrare dati dei bambini senza il consenso dei genitori con il dispositivo Echo Dot Kids Edition, la versione per ragazzi del suo speaker. Siamo negli Stati Uniti, il...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Giovane, perché l’esigenza è di ringiovanire un elettorato troppo âgé. Figlio di immigrati (europei, e integrati) per dar l’idea di sostenere un nazionalismo “aperto”. Cittadino delle banlieues, che in passato erano una roccaforte del ...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È passato a miglior vita, si dice spesso quando muore qualcuno. Ma alla 72esima edizione del Festival di Cannes il trapasso si è trasformato in una condizione transitoria. Così almeno sembrano raccontare i film in gara alla kermesse più sfarzosa ...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Lo hanno chiamato «salva motociclisti» ed era atteso da almeno dieci anni, quando il ministero delle Infrastrutture costituì il primo gruppo di lavoro sul tema delle protezioni da mettere vicino all’asfalto per evitare che la testa di chi cade...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

NEW YORK - La Casa Bianca prepara una marcia indietro parziale e temporanea nella sua crociata contro Huawei per impedire lo stop delle reti di tlc nelle aree rurali degli Stati Uniti. Ma è pronta a vietare tutti i nuovi acquisti di chip e...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

La buona notizia è che dopo aver toccato i 292 punti base mercoledì, lo spread tra BTp e Bund si è un po’ calmato. Ieri ha chiuso a 278. La cattiva notizia è che nelle prossime settimane e mesi almeno tre forze convergenti rischiano di...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Della manifestazione sovranista di Piazza Duomo a Milano si continuerà a discutere nei prossimi giorni: dei numeri, come sempre controversi, delle contestazioni dell’«altra» Milano, tra striscioni ai balconi e contro-cortei, del bilancio...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È Rafa Nadal il primo finalista degli Internazionali d’Italia di Roma, quinto Masters 1000 della stagione. Lo spagnolo numero 2 del mondo ha battuto il greco Stefanos Tsitsipas, ottava testa di serie del torneo, con i parziali di 6-3, 6-4 in...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Passa dalle Terme di Castrocaro l’ultima scommessa del re della sanità privata, il self-made-man romagnolo Ettore Sansavini, partito da Lugo una cinquantina d’anni fa con in tasca solo un sogno (creare cliniche private di alta complessità in...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Hanno fatto come gli hedge funds. Quattro ricercatori universitari americani hanno provato a usare “fonti alternative di dati” per investire in Borsa: le foto scattate dai satelliti spaziali ai parcheggi dei centri commerciali. Sì...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È in corso e durerà fino a domenica 19 maggio a Urbino il festival Urbino e le Città del Libro. Il tema del il festival letterario nato nel 2014 è “Pianeti irritabili”: un tributo a Paolo Volponi, «alle sue opere, al suo sguardo sulla...