Perché la manovra del popolo sarà pagata dal popolo

Pubblicato giovedì, 11 ottobre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Tentativi di flat tax, reddito di cittadinanza trasformato in una carta acquisti, abolizione della riforma Fornero lasciata
in eredità ai contribuenti del futuro. Senza contare i saliscendi borsistici con effetti, potenziali, sulle ricchezze delle
famiglie. Mano a mano che si delinea, la «manovra del popolo» del governo Lega-Cinque si svela più controproducente che favorevole
alle fasce deboli della popolazione. Due fra i casi già menzionati dal Sole 24 Ore sono i giovani e le donne, sacrificati dallo smantellamento di un sistema previdenziale giudicato «più sostenibile» dalla stessa nota di aggiornamento del Def. Ma la lista di azioni che potrebbero incentivare le disuguaglianze si va infittendo in vista dell'invio del testo alla Commissione
europea.
L’ex flat tax e l’effetto boomerang sul precariato
Uno tra i capisaldi del governo gialloverde, soprattutto in quota leghista, dovrebbe essere la flat tax: un'imposta con aliquota
fissa, proposta inizialmente al 15% e da allora modificata a più riprese. La tassa piatta è di per sé è una misura regressiva,
almeno nel senso costituzionale del termine (la Carta prevede una tassazione progressiva, cioè con aliquote che aumentano
in rapporto al reddito). In prospettiva si dovrebbe arrivare a un format con due o più livelli di imposizione, ma nel frattempo
si è raggiunto un compromesso dagli esiti rischiosi per un tema sensibile al governo: il precariato. Come è possibile? La
bozza della manovra programma già nel 2019 un'aliquota al 15% per professionisti, artigiani e commercianti con ricavi fino ai 65mila euro. Niente a che vedere con la flat tax nel vero senso del termine, ma la questione è un’altra.
Tra i possibili beneficiari ci sono oltre un milione di partite Iva, novità che dà alle imprese la possibilità di favorire
il lavoro autonomo rispetto a quello dipendente: perché assumere un professionista in pianta stabile quando si può impiegare
qualcuno fuori dal perimetro aziendale? Il risultato è un boomerang in favore dell'instabilità lavorativa, in teoria fra i
bersagli della maggioranza gialloverde. Tra agosto 2017 e 2018 si è assistita all'ennesima discesa dei dipendenti a termine,
diminuiti di 49mila unità, a fronte del brusco aumento di quelli a termine (+351mila, il+12,6%) e un sussulto di ripresa degli
indipendenti (11mila, lo 0,2% in più). Questi ultimi potrebbero conoscere un nuovo exploit ora, ma non è detto che sia una
buona notizia: il lavoro indipendente in sostituzione di quello stabile aumenta per ovvie ragioni il precariato, deprimendo
anche le prospettive di crescita delle retribuzioni.
Il reddito di cittadinanza diventa un incentivo alle imprese
Per come è stato formulato nel Def, il reddito di cittadinanza si propone come misura antipovertà, sotto forma di assegno
mensile che innalzi le entrate mensili dei beneficiari a 780 euro mensili. La cifra può essere consumata nell’acquisto di
beni di prima necessità, mentre il recepimento è condizionato all’iscrizione a un centro per l’impiego e all’accettazione
di almeno una delle tre proposte che dovrebbero arrivare nell’arco di 24 mesi. La spesa previsa per la misura aggira sugli
8-10 miliardi di euro, a seconda delle dichiarazioni rilasciate dall’esecutivo dopo la pubblicazione della nota di aggiornamento.

Il primo problema, evidenziato anche dal Sole 24 Ore, è che la formulazione attuale della misura rende l’assegno più simile
a un “buono acquisti” che a una politica di creazione del lavoro. La componente passiva del sussidio (la prestazione monetaria)
non è bilanciata da una componente di politiche attive per la ricerca di impiego: insomma, si versano soldi ma non si favorisce
la ricerca concreta del lavoro, delegata in blocco all’efficienza - molto - relativa dei nostri centri per l’impiego. Non
è tutto. A quanto è emerso di recente, il governo potrebbe modificare la misura per introdurre un incentivo a favore delle
aziende che assumono. In pratica, le imprese che mettono sotto contratto un beneficiario del reddito di cittadinanza potrebbe
incassarne l’assegno per i mesi restanti. Il progetto è stato annunciato in un’intervista a SkyTg24 da Stefano Patuanelli,
capogruppo dei Cinque stelle al Senato. «Nel momento in cui l'azienda va ad assumere una persona che esce dal reddito di cittadinanza
- ha dichiarato Patuanelli - trattiene per sé per un periodo il reddito di cittadinanza che doveva essere dato alla persona».
Se confermato, il risultato complessivo della misura sarebbe una sorta di ibridazione fra un sussidio ai lavoratori (l’assegno
di 780 euro iniziale) e un incentivo alle imprese (i soldi che rimangono dopo l’assunzione), in entrambi i casi privo di una
componente di creazione del lavoro e potenziamento degli stipendi.
Quei 100 miliardi di euro sulle spalle dei giovani
Sono già emerse diverse ipotesi, e stime, sull’impatto dell’addio alla riforma Fonero voluto da Lega e Cinque stelle. L’ultima
è quella diffusa dal presidente Inps Tito Boeri. Secondo Boeri, introdurre nel sistema previdenziale la cosiddetta quota 100
(62 anni di età e 38 di contributi, insieme allo stop all'indicizzazione alla speranza di vita) potrebbe sfociare in «incremento del debito pensionistico destinato a gravare sulle generazioni future nell'ordine dei 100 miliardi». La stima di Boeri deriva dallo scenario di un aumento della spesa pensionistica che non si correla né a una riduzione
degli assegni né a un ricambio generazionale di neolavoratori, comunque insufficente a tenere in piedi l’impianto del sistema
previdenziale («Non bastano due giovani neo assunti per pagare la pensione di uno che esce»). Sempre che ci sia davvero un
ricambio generazionale, fenomeno che andrebbe in direzione contraria al trend attuale. Nella fascia dei 15-34 anni sono “scomparsi”
circa 2,2 milioni di occupati fra 2006 e 2016, mentre l’Italia è tra i pochi paesi a non essersi riassestati su livelli precrisi
nella disoccupazione giovanile. A questo ritmo, diventano ottimistici anche «i due giovani neoassunti per uno che esce» immaginati
da Boeri.
La girandola dello spread e i risparmi dei cittadini
C’è chi ha fatto notare che lo spread, il differenziale fra i titoli di Stato tedeschi e italiani, non ha ripercussioni sui
risparmi delle famiglie italiane. A ragion veduta. Da un lato è vero che le fibrillazioni dei listini non eserciteranno un
impatto particolare sulle rate dei mutuari, sia che si parli del tasso fisso (per sua natura immobile fin dal giorno della
stipula) che ci si concentri su quello variabile (collegato al tasso Euribor e in minima parte alle decisioni della Bce,
non certo alle impennate del differenziale fra i nostri titoli di Stato e quello tedeschi). Dall’altro, però, è legittimo
aspettarsi conseguenze in futuro, sempre che si mantenga il clima di turbolenza innescato dal Def del governo Lega-Cinque
stelle. Uno spread elevato aumenta i costi di raccolta per le banche, ovvero l’insieme delle operazioni disposte dall’istituto
per reperire risorse. E costi più alti potrebbero aumentare, per definizione, il costo dei mutui.

Tag: #Notizie #PoliticaEconomica

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Il ceo di Google, Sundar Pichai, farà il suo debutto martedì al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Quando lo scorso settembre, giusto tre messi fa, all’indomani della presentazione dei nuovi iPhone, i principali quotidiani internazionali scrivevano dell'inizio di una guerra fra Apple e Huawei sui processori con tecnologia di processo a 7...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Una condanna forte delle violenze. Poi l’apertura di uno «stato di emergenza economico e sociale», che si concretizza con una serie di misure a favore dei più deboli - i pensionati, i lavoratori con salario minimo - e l’apertura di un grande...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Il cloud computing manderà in cantina Xbox e Playstation? Se lo chiede il Financial Times citando Candice Mudrick analista dell'istituto di ricerca NewZoo: «L'industria del videogioco sta per subire una trasformazione che non si vedeva dall'avvento...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

La cordata composta da Credito Fondiario (Fonspa) ed Elliott si aggiudica la gara, lanciata dal Banco Bpm, per il portafoglio di non performig loan (o crediti deteriorati) da quasi 8 miliardi di euro e la maggioranza della piattaforma di gestione dello...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

«Candìdati al congresso, mi hanno scritto in tanti. Grazie del pensiero, ma non lo farò. Ho vinto due volte le primarie con il 70% e dal giorno dopo mi hanno fatto la guerra dall'interno. Mi sentirei come Charlie Brown con Lucy che gli rimette il ...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

«Bisogna lavorare per trovare il modo di consentire al governo italiano di perseguire le sue priorità politiche ma nel quadro della zona euro, tenendo conto dei margini di manovra che esistono e delle deviazioni che possono essere autorizzate, ma...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Il nuovo sistema delle giornate gratuite nei musei disegnato dal ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, ottiene il lasciapassare del Consiglio di Stato. Si tratta, tuttavia, di un “via libera” non privi di rilievi critici, dopo che i...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Il lunedì in cui a Londra la premier Theresa May è costretta ad ammettere che dopo mesi di negoziati Brexit non è ancora una soluzione ma il dirupo verso una crisi di governo (il suo), e a Parigi il presidente Emmanuel Macron decide di parlare ai ...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Un'indagine interna durata quasi quattro mesi. Adesso la decisione di allontanare alcuni dipendenti. È quanto successo in Amazon, alle prese con un problema che dal finire della scorsa estate ha tenuto banco: la fuga di dati sensibili e il lavoro ...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

«Vorrei sensibilizzare il corpo docente e le scuole a un momento di riposo degli studenti e delle famiglie affinché vengano diminuiti i compiti durante le vacanze natalizie». Lo ha detto il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti in un incontro...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Il governatore della Banca centrale indiana ha annunciato le proprie dimissioni. Il banchiere, Urjit Patel, ha motivato la mossa con «ragioni personali», ma in base alla stampa indiana la decisione è stata presa a seguito delle tensioni con il...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Adominare la classifica, come a Monza, è ancora una volta l’industria. Anche l’analisi delle maggiori aziende di Lodi, realizzata da Assolombarda in collaborazione con PwC e Banco BPM, evidenzia il ruolo preminente della manifattura locale:...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

All’Erbolario garantiscono di usare i gestionali Zucchetti, e il fondatore di Zucchetti giura che da anni regala prodotti L’Erbolario. Ma al di là di queste cortesie tra galantuomini, le due famiglie di imprenditori di Lodi hanno apparentemente ...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Brusca frenata per l’economia turca nel terzo trimestre. La crescita del Pil di Ankara tra luglio e settembre si è fermata all’1,6% rispetto allo stesso periodo del 2017 (ben al di sotto delle aspettative dei mercati che avevano stimato il 2%) a ...