Pa e smartphone: al via a Milano sperimentazione dell'app IO

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il Team per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio ha dato il via, insieme al Comune di Milano, all'ultima
fase della sperimentazione del progetto IO, ideato e sviluppato per realizzare la app che porterà i servizi pubblici negli
smartphone degli italiani. IO in sostanza rappresenta un nuovo modello per l'erogazione dei servizi pubblici e si propone
come hub per i servizi. Se oggi il cittadino deve scoprire autonomamente dove e come usare i servizi digitali che ciascun
ente eroga, identificando quale sito o app risponde alla propria esigenza, in futuro basterà una sola applicazione.
Come funziona. IO potrà essere usata da tutti gli enti pubblici, locali e nazionali, per contattare i cittadini: sarà l'ente stesso a preoccuparsi
di avvisare attivamente il cittadino quando questi debba compiere qualche azione - ad esempio il pagamento di un tributo,
che sarà possibile effettuare direttamente dall'app grazie a pagoPA - oppure a inviargli il riepilogo di informazioni e documenti
che potrebbero essere di suo interesse, attraverso messaggi personalizzati sulle specifiche esigenze dell'utente.
L’app definitiva arriverà nella seconda metà del 2019. «Dopo il test su un prototipo realizzato nell'estate 2018 e la demo condotta lo scorso novembre con un centinaio di stakeholder
tra parlamentari ed esperti, sta per partire la sperimentazione dell'app IO in contesti reali», spiega Matteo De Santi, Chief
Product & Design Officer del Team per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri. «In linea con
la natura open source del progetto, nelle prossime settimane migliaia di cittadini in tutta Italia saranno invitati a contribuire
all'evoluzione di IO. Vogliamo testarne l'effettiva funzionalità, mettendo a fattor comune le competenze e l'esperienza diretta
degli utenti finali; questo ci permetterà di realizzare un prodotto migliore sin dalla prima release della app, in arrivo
negli store nella seconda metà del 2019».

Chi ha iniziato la sperimentazione. Tra gli enti che aderiscono alla sperimentazione sul territorio nazionale, il Comune di Milano è il primo a lanciare questa
fase, in gergo closed beta, invitando i milanesi a candidarsi come beta-tester. I cittadini selezionati potranno provare la
app nella vita di tutti i giorni e interagire con una prima serie di servizi reali, effettuando operazioni e pagamenti validi
a tutti gli effetti. Quelli che il Comune di Milano testerà includono ad esempio: i messaggi di riepilogo dei dati anagrafici,
dell'occupazione immobiliare e delle rette scolastiche; gli avvisi di scadenza della carta d'identità o del pass mobilità;
gli avvisi di contravvenzione al codice della strada o di accertamento della TARI e la possibilità di pagare gli importi dovuti
ai rispettivi enti direttamente dalla app.
Come diventare beta-tester?

Chi desidera partecipare alla sperimentazione sul territorio milanese, deve essere residente nel capoluogo lombardo, avere
uno smartphone Android o iOS ed essere in possesso di un'identità digitale SPID per accedere all'app. Per candidarsi, è sufficiente
compilare il modulo online disponibile al link io.italia.it/milano inserendo il codice invito 1003. Inserire questo codice
invito consentirà ai cittadini di avere la priorità su altri eventuali partecipanti al test.
Dai primi giorni di aprile, i tester riceveranno le istruzioni per scaricare l'app. Non tutti i cittadini che ne faranno richiesta
potranno partecipare da subito alla sperimentazione. Il bacino di utenti della versione beta di IO sarà ampliato progressivamente,
così da consentire agli sviluppatori del Team Digitale di tenere sotto controllo la risposta dei sistemi e dell'infrastruttura
del progetto, nonché l'integrazione dei vari servizi.
Nei prossimi mesi, la closed beta entrerà nel vivo anche in altre città e regioni, grazie all'adesione di enti locali e centrali
su tutto il territorio.

Tag: #Tecnologie #EconomiaDigitale

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Come immaginabile, almeno fino a quando non sarà più chiaro se ci sarà una via di uscita nell’empasse Google-Huawei, o se invece il colosso cinese dovrà procedere portando il sistema operativo a cui sta lavorando internamente dal 2012 sui suoi...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Altra giornata difficile per il Governo britannico. British Steel, il secondo gruppo siderurgico, è al collasso e ha appena annunciato di essere entrato in amministrazione controllata, mettendo a rischio i posti di lavoro di cinquemila dipendenti e...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

I prossimi giorni saranno decisamente importanti per i contribuenti e per i professionisti alle prese con le scelte sulla pace fiscale. Entro il 31 maggio, infatti, si dovrà decidere se aderire alla chiusura delle liti tributarie pendenti, alla ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Rottamazione con rate in formato extralarge ad alto appeal. La corsa alla presentazione delle domande di adesione alla terza edizione della sanatoria delle cartelle, che per i debiti tributari dà diritto alla cancellazione di sanzioni e interessi ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Generali avrebbe avviato contatti preliminari per acquistare gli asset di MetLife in Europa Centrale. Lo scrive Bloomberg, sottolineando che il business potrebbe valere fino a 2 miliardi di euro ed è concentrato in Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Primo anno di applicazione per gli Isa, gli indici sintetici di affidabilità, in sostituzione degli studi di settore: un esordio che porta molti dubbi sullo strumento delle pagelle fiscali. Un nuovo regime di riporto delle perdite per i soggetti in...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È un lunghissimo applauso quello che ha accolto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, appena giunto all’Auditorium della Musica a Roma per partecipare all’assemblea annuale di Confindustria. Insieme a lui anche il premier Giuseppe...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Con una sforbiciata di un punto rispetto alle stime precedenti dello scorso novembre, l’Istat riduce allo 0,3% le previsioni di crescita del Pil italiano nel 2019, superando comunque le ipotesi di Bruxelles e andando anche oltre di un decimale...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Sulle elezioni europee le fake news non sfondano e l'informazione professionale resta vincente. È quanto emerge da dal più grande studio paneuropeo sull'uso di Twitter e Facebook per la disinformazione politica, pubblicato oggi dai ricercatori del...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

“Un handicap di Polo è un passaporto per il mondo”, diceva Winston Churchill, che ne coltivò l'amore per tutta la vita. Il fascino di questo sport elegante, veloce e glamorous si gioca in Italia su più di 20 campi e l'anno scorso, per i ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È l’unica regione dove si andrà al voto il 26 maggio. E così il Piemonte dovrà, più o meno suo malgrado, fare da test per capire cosa si muove a livello amministrativo. Si capirà se l’attuale assetto del Governo favorirà la corsa di...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il colosso alimentare francese Lactalis punta a rilevare il gruppo Nuova Castelli, principale esportatore italiano di parmigiano reggiano. La nuova mossa della multinazionale della famiglia Besnier, che in Italia detiene già Parmalat, scalata nel...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Un piano da 20 milioni di euro per la mobilità elettrica a Roma con l’obiettivo di installare, da qui, al 2022 quasi 2mila colonnine (le prime 50 già quest’anno). Sono i numeri dello sforzo che Acea, la multiutility capitolina, ha intenzione di ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Segno meno in avvio per le Borse europee, con i mercati che attendono indicazioni da parte del presidente della Bce Mario Draghi e delle minute della Fed di stasera. Intanto, resta la tensione sul fronte commerciale, senza novità di rilievo mentre ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Si tratta di un modello cruciale per il brand Usa visto che Ford lo considera la risposta a Tesla e alla futura Model Y che non a caso sarà in vendita negli Usa alla fine del 2020. La nuova vettura che si ispira sia pure idealmente alla Mustang...