Pa e smartphone: al via a Milano sperimentazione dell'app IO

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il Team per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio ha dato il via, insieme al Comune di Milano, all'ultima
fase della sperimentazione del progetto IO, ideato e sviluppato per realizzare la app che porterà i servizi pubblici negli
smartphone degli italiani. IO in sostanza rappresenta un nuovo modello per l'erogazione dei servizi pubblici e si propone
come hub per i servizi. Se oggi il cittadino deve scoprire autonomamente dove e come usare i servizi digitali che ciascun
ente eroga, identificando quale sito o app risponde alla propria esigenza, in futuro basterà una sola applicazione.
Come funziona. IO potrà essere usata da tutti gli enti pubblici, locali e nazionali, per contattare i cittadini: sarà l'ente stesso a preoccuparsi
di avvisare attivamente il cittadino quando questi debba compiere qualche azione - ad esempio il pagamento di un tributo,
che sarà possibile effettuare direttamente dall'app grazie a pagoPA - oppure a inviargli il riepilogo di informazioni e documenti
che potrebbero essere di suo interesse, attraverso messaggi personalizzati sulle specifiche esigenze dell'utente.
L’app definitiva arriverà nella seconda metà del 2019. «Dopo il test su un prototipo realizzato nell'estate 2018 e la demo condotta lo scorso novembre con un centinaio di stakeholder
tra parlamentari ed esperti, sta per partire la sperimentazione dell'app IO in contesti reali», spiega Matteo De Santi, Chief
Product & Design Officer del Team per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri. «In linea con
la natura open source del progetto, nelle prossime settimane migliaia di cittadini in tutta Italia saranno invitati a contribuire
all'evoluzione di IO. Vogliamo testarne l'effettiva funzionalità, mettendo a fattor comune le competenze e l'esperienza diretta
degli utenti finali; questo ci permetterà di realizzare un prodotto migliore sin dalla prima release della app, in arrivo
negli store nella seconda metà del 2019».

Chi ha iniziato la sperimentazione. Tra gli enti che aderiscono alla sperimentazione sul territorio nazionale, il Comune di Milano è il primo a lanciare questa
fase, in gergo closed beta, invitando i milanesi a candidarsi come beta-tester. I cittadini selezionati potranno provare la
app nella vita di tutti i giorni e interagire con una prima serie di servizi reali, effettuando operazioni e pagamenti validi
a tutti gli effetti. Quelli che il Comune di Milano testerà includono ad esempio: i messaggi di riepilogo dei dati anagrafici,
dell'occupazione immobiliare e delle rette scolastiche; gli avvisi di scadenza della carta d'identità o del pass mobilità;
gli avvisi di contravvenzione al codice della strada o di accertamento della TARI e la possibilità di pagare gli importi dovuti
ai rispettivi enti direttamente dalla app.
Come diventare beta-tester?

Chi desidera partecipare alla sperimentazione sul territorio milanese, deve essere residente nel capoluogo lombardo, avere
uno smartphone Android o iOS ed essere in possesso di un'identità digitale SPID per accedere all'app. Per candidarsi, è sufficiente
compilare il modulo online disponibile al link io.italia.it/milano inserendo il codice invito 1003. Inserire questo codice
invito consentirà ai cittadini di avere la priorità su altri eventuali partecipanti al test.
Dai primi giorni di aprile, i tester riceveranno le istruzioni per scaricare l'app. Non tutti i cittadini che ne faranno richiesta
potranno partecipare da subito alla sperimentazione. Il bacino di utenti della versione beta di IO sarà ampliato progressivamente,
così da consentire agli sviluppatori del Team Digitale di tenere sotto controllo la risposta dei sistemi e dell'infrastruttura
del progetto, nonché l'integrazione dei vari servizi.
Nei prossimi mesi, la closed beta entrerà nel vivo anche in altre città e regioni, grazie all'adesione di enti locali e centrali
su tutto il territorio.

Tag: #Tecnologie #EconomiaDigitale

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

«Toninelli lo facciamo per te». La frase si legge su un cartello che i senatori di Forza Italia tirano fuori in Aula al Senato subito dopo l'illustrazione delle due mozioni che chiedono le dimissioni immediate del ministro per le infrastrutture...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il 2019 si apre con due campanelli d’allarme sul lavoro: a gennaio le domande di disoccupazione si impennano, e salgono a quota 201.267, in crescita del 13,4 per cento su gennaio 2018. Non solo. Nel cumulato gennaio-febbraio a salire è anche la ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È raro che si celebri il centenario di una poesia. Lo si fa per i grandi libri, per la nascita o la morte di un autore. Ma L’infinito di Leopardi – di cui ricorrono i duecento anni dalla composizione – è forse la più celebre tra le poesie...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Le decisioni di politica monetaria comunicate ieri dalla Fed dopo il suo direttivo sono state più espansive del previsto e il mercato ha reagito comprando titoli di Stato americani innescando un netto calo dei rendimenti che, sulla scadenza a 10...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Istituita dalla XXX sessione della Conferenza Generale Unesco nel 1999 oggi è la Giornata Mondiale della Poesia. Nel mondo e in Italia la giornata è festeggiata da tantissime iniziative, a cominciare dal ricordo di Alda Merini, nata il 21 marzo ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

La Commissione ritiene che la proroga, stabilita nel 2009, dal 2028 al 2046 della concessione di lavori relativa all'autostrada A 12 Civitavecchia-Livorno costituisca la modifica di un termine essenziale di tale concessione. Tale proroga equivarrebbe ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

A gennaio sono arrivate all'Inps 201.267 richieste di sussidio disoccupazione (tra le quali 198.294 domande di Naspi) con una crescita del 13,4% su gennaio 2018. È il dato più alto a gennaio negli ultimi quattro anni. A dicembre le ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Nel 2015, un debitore della Tecnoservice ha ordinato alla propria banca di effettuare un pagamento, tramite bonifico bancario, in favore di tale società, mediante accredito su un conto corrente aperto presso Poste italiane, individuato, ai sensi...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il conto alla rovescia per la missione Eunavfor Med Sophia avviata nel 2015 contro i trafficanti di migranti è iniziato e il governo giallo verde, attraverso due dei suoi principali dicasteri, è in campo per trovare “in zona Cesarini” un...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

«Sarò in Basilicata per le elezioni, ci saranno altri esponenti della Lega». Così il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini spiega in una intervista a Radio24 il perché non sarà al pranzo ufficiale con Xi Jinping. Il presidente...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Ci sono tanti eroi nascosti nella fantasia dei bambini e i Transformers sono tra questi. Il loro slogan è «More than meets the eye» insomma andare oltre al primo sguardo per cogliere l’essenza delle cose perché quello chevediamo, in...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Con il baricentro sempre ben piantato sulla rete elettrica nazionale che, non a caso, assorbirà quasi tutto lo sforzo previsto, Terna è pronta a puntare 6,2 miliardi di euro di investimenti da qui ai prossimi cinque anni per sostenere, in modo...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Indici europei in ordine sparso all'indomani dell'attesa riunione della Fed 'colomba': Milano sale dello 0,13% mentre Francoforte cede lo 0,4%, Londra lo 0,3% e Parigi lo 0,16%. I toni più accomodanti del previsto della Federal Reserve hanno portato...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Sorpresa: le targhe diventeranno personali. Cioè seguiranno l’intestatario e non più il veicolo. Lo sta per proporre il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, ormai deciso a riesumare una norma rimasta inattuata dal 2010. Così ha fatto ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Manette contro una loggia massonica segreta a Castelvetrano, il paese natale del boss latitante Matteo Messina Denaro. Coordinati dalla Procura, i carabinieri hanno eseguito 27 arresti per reati contro la Pa, l'amministrazione della giustizia ...