Multe, Tasi, Imu La pace fiscale

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Potrebbe valere fino a 3 miliardi di euro l’evasione da recuperare sui tributi locali e in particolare su Imu e Tasi. Sulla
base di questo presupposto e sollecitata dalle istanze dell’Anci, Governo e maggioranza hanno deciso martedì in Senato, nel
corso dei primi voti sul decreto fiscale di «accantonare tutti gli emendamenti» sui tributi locali «per proporre una riformulazione
che tenga conto di tutti» i correttivi presentati sul tema, ha detto il relatore del decreto fiscale, Emiliano Fenu (M5S)
durante la ripresa pomeridiana dei lavori della commissione Finanze di Palazzo Madama.
Lavori che nonostante la disponibilità più volte ribadita dal presidente Alberto Bagnai (Lega) di valutare e accogliere
le proposte delle opposizioni migliorative del decreto sono proseguiti a rilento. In circa due ore, prima della pausa per
i lavori dell’Aula sono stati esaminati poco più di una decina di emendamenti all’articolo 2, sulla rottamazione degli accertamenti.
E al termine è stato lo stesso Bagnai a confermare lo slittamento dell’approdo in Aula del decreto a lunedì prossimo e il
voto definitivo per il giorno successivo.
L’ampliamento delle sanatorie ai tributi locali e soprattutto alle ingiunzioni di pagamento, se sarà confermato anche in
commissione Finanze, consentirà ai sindaci di scegliere o meno con propria delibera di applicare e disciplinare le definizioni
agevolate ai crediti vantati nei confronti dei cittadini per mancati pagamenti di tributi ed eventualmente anche multe. In
questo ultimo caso la somma dovuta in via agevolata sarebbe solo quella relativa alla sanzione per violazione al codice della
strada. Nella delibera con cui i sindaci potranno optare per la rottamazione delle ingiunzioni di pagamento gli amministratori
locali dovranno disciplinare ambito di applicazione delle sanatoria e le relative procedure come possibile rateazione, termini
di presentazione delle istanze, nonché regole di comunicazione fra il comune e il cittadino debitore.
PER SAPERNE DI PIÙ / Quanto si risparmia con la pace fiscale
Nella mattinata la Commissione ha comunque approvato un ritocco presentato da Andrea De Bertoldi (Fdi), con cui si precisa
che chi aderisce alla sanatoria dei processi verbali di constatazione dovrà pagare gli interessi legali sulle rate dopo la
prima, se opta per i versamenti dilazionati fino a un massimo di 5 anni delle somme dovute. Sulle rate dovute per la sanatoria
degli accertamenti resta ancora sul tavolo la possibilità che governo e maggioranza riformulino l’emendamento della Bottici
che prevede il pagamento rateizzato sempre in cinque anni ma con importi più piccoli: dopo le prime due del 2019 a fine luglio
e fino ottobre, le restanti rate verrebbero cadenzate in 4 ogni trimestre.
GUARDA IL VIDEO / Condono fiscale, che cosa succede alle cartelle sotto i mille euro
Sul tavolo della commissione, poi, il relatore Fenu ha depositato altri correttivi come quella sulle reti Tim-Open Fiber e
su cui ieri la stessa Lega, alleata di Governo, ha presentato alcuni correttivi. Un altro ritocco riguarda regole tecniche
ad hoc per le e-fatture emesse da chi offre servizi di Tlc e rifiuti nei confronti di utenti finali con contratti prima del
2005 e di cui «non è stato possibile identificare il codice fiscale». Mentre per le imprese che aderiscono alla rottamazione-ter
delle cartelle Fenu propone la possibilità di vedersi rilasciare comunque il Durc.
Sull’affrancamento del valore di vendita delle case popolari è giunta, poi, una nota del Movimento 5 Stelle che punta a chiarire
come l’emendamento del relatore sia finalizzato «semplicemente a disinnescare» una «bomba» sociale e non sia affatto un condono.
Si tratta di un tema affrontato da tutte le forze politiche, che punta a evitare di alimentare un contenzioso senza fine per
chi ha ceduto immobili di edilizia residenziale a prezzo di mercato dopo averli acquistati a prezzo “calmierato”. L’emendamento
consentirebbe a chi ha diritti oggettivi da far valere di affrancare il valore dell’immobile versando una piccola percentuale
al Comune di affrancamento.

Tag: #Notizie #PoliticaEconomica

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Lo scorrere vitale di un’eterna sopravvivenza. È questa l’immagine che dà Cúcuta; a poche centinaia di metri dalle dogane e dai controlli delle milizie colombiane e venezuelane, la città si presenta in tutta la sua potenza espressiva. File di...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Le opere d’arte che contano nella vita di una persona possono essere di molti tipi e prendere, a loro modo, forma di collezione. Nella piccola Cadorago, un borgo di 8mila abitanti, a pochi chilometri da Como e 30 da Milano, la famiglia Verga...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Jerome Powell ha invitato a non sopravvalutarli. I “dots”, le previsioni sui tassi dei singoli governatori che gli analisti aggregano (calcolandone medie e mediane) non rappresentano un consensus e non disegnano una strategia. La revisione di...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

La Federal Reserve sarà più “colomba” quest'anno e il prossimo e rivede la politica sui prossimi aumenti del costo del denaro: nessun giro di vite è atteso ora nel 2019, contro i due ipotizzati durante la riunione precedente, e solo uno nel...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È della piemontese Laica la proposta in pole position per acquisire la produzione di cioccolato e torrone della Pernigotti di Novi Ligure mentre per la divisione gelati sono in short list due aziende ma non la Unigel di Crema che ha smentito ogni ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Possono resistere a temperature estreme, freddo, radiazioni e persino il vuoto dello spazio. Ora l'esercito americano spera che queste minuscole creature chiamate tardigradi possano insegnarci la vera sopravvivenza.Questi animali al microscopio...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Finisce in uno scontro frontale la relazione tra italiani e francesi nel gruppo EssilorLuxottica. Il giorno dopo il consiglio di amministrazione che ha avviato le procedure per la scelta di un nuovo amministratore delegato, il patron di Luxottica...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

NEW YORK - E adesso, Rupert? La famiglia Murdoch ha dato formalmente addio a gran parte del suo vecchio impero. La grande fusione nei media e nello spettacolo, americano e globale, è stata completata: Disney ha chiuso l’acquisizione da 71,3...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

ROMA – Il presidente cinese Xi Jinping non è ancora decollato dall'aeroporto di Pechino con destinazione Roma per la visita di Stato di due giorni in Italia e già si firmano i primi accordi di collaborazione tra i due Paesi. Ed è proprio il...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Viktor Orban sta affrontando in queste ore il giudizio degli alleati conservatori in Europa. I Popolari europei devono infatti decidere questa sera se sospendere, o addirittura espellere, il premier ungherese e il Partito Fidesz dal gruppo comune al ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Fitch torna a tagliare le stime di crescita dell'Italia. Nel 2019, secondo il “Global Economic Outlook”, il pil del nostro Paese crescerà solo dello 0,1%, rispetto alla previsione dell’1,1% dello scorso dicembre, mentre nel 2020 la...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Dieci anni dopo il primo mondiale del 2011, Roma ospiterà ancora una volta l’edizione di beach volleyball del 2021. Lo ha annunciato il presidente della Federazione internazionale di volleyball, Ary Graça Filho, alla...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Da quando gli elettori del Regno Unito hanno votato per uscire dall'Unione europea, l'impatto potenziale sui nostri sistemi sanitari ha iniziato a farsi sentire. Per gran parte dei settori, le questioni legate alla Brexit sono economiche. Ma per i...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

L’Italia potrebbe emettere «panda-bond» sul mercato cinese per finanziare le aziende italiane che operano nel Paese. L'Italia sta cercando di consolidare i propri legami economici e commerciali con la Cina diventando il primo dei Paesi del G7 a...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Prima Roma, poi Londra e San Francisco, adesso Cupertino. Sono queste le coordinate di Stamplay, startup italiana che si occupa di sviluppo in cloud e realizzazione di App senza ricorrere al codice, e che oggi mette a segno una delle exit più...