Manovra: verso il rinvio del taglio Irpef, il focus sarà sulle imprese

Pubblicato venerdì, 14 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Concentrare le risorse in pochi, incisivi interventi. Con questa 'filosofia' il governo lavora alla prossima manovra di bilancio.
In questa logica starebbe maturando, secondo quanto si apprende da fonti al lavoro sul dossier, l'ipotesi di rinviare al prossimo
anno il taglio dell'Irpef. Nel 2019 il focus sarebbero quindi le imprese, per poi dare un segnale forte nel 2020 alle famiglie.
I due interventi chiave del pacchetto fisco sarebbero la flat tax per i piccoli e la 'super-Ires', cioè l'imposta ridotta
al 15% per gli utili reinvestiti in azienda.
GUARDA IL VIDEO - Accise benzina, primo taglio in manovra: ecco quanto costa ogni cent in meno
Manovra verso 28-30 mld, Lega-M5S puntano a 8 a testa
La prima manovra del governo Lega-M5S potrebbe arrivare a valere circa 28-30 miliardi, dei quali 12,4
necessari per sminare le clausole sull'Iva e altri 16 miliardi (non i 10 circolati nelle scorse settimane) per l'attuazione
delle misure chiave per i due partiti di maggioranza. Secondo quanto riferito da fonti al lavoro sul dossier, con la sua dote
da 8 miliardi la Lega punterebbe a finanziare il pacchetto fisco (senza intervento sull'Irpef) e le pensioni, il M5S l'avvio
del reddito di cittadinanza, compresa la pensione di cittadinanza.
Calcoli e simulazioni in corso
Calcoli e simulazioni sono ancora in corso ma alcuni elementi si vanno delineando, sia sul fronte degli 'impieghi', sia su
quello delle coperture. Ad esempio se si dovesse scegliere di rinviare l'intervento sull'Irpef, che non dispiacerebbe però
al ministro dell'Economia Giovanni Tria, si potrebbe anche fare slittare la tagliola sulle tax expenditures, nodo sempre delicato
e proprio per questo mai affrontato anche dai precedenti governi. La copertura, circa 1,5 miliardi, andrebbe cercata per l'ampliamento
del regime forfettario per i piccoli, puntando anche, almeno dal secondo anno, sull'effetto emersione. La 'super-Ires' sugli
utili reinvestiti in azienda (con l'aliquota ridotta al 15% dal 24%) sarebbe invece finanziata dalle risorse oggi destinate
all'Ace, un contributo alle imprese che sarebbe 'assorbito' dalla nuova misura così come iper e superammortamento.

Nuova tranche di spending
Altre risorse arriverebbero da una nuova tranche di spending review, ancora in via di modulazione, mentre coperture una tantum
arriverebbero dalla pace fiscale (che potrebbe fruttare attorno ai 15 miliardi ma spalmati su più anni). Con queste risorse,
viene spiegato, si potrebbero finanziare misure che hanno bisogno di una copertura iniziale, come la cedolare secca sugli
affitti per negozi e attività commerciali, che poi si autofinanzierebbe grazie al maggiore numero di contratti di locazione
e all'effetto emersione dal nero già registrato anche per la cedolare sugli affitti delle abitazioni.

Tag: #Notizie #PoliticaEconomica

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato lunedì, 19 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Il Governo rivede al rialzo gli sconti per chi vuole chiudere il contenzioso con il Fisco. E in attesa di definire come risolvere i problemi di privacy sollevati venerdì scorso dal garante è pronto a esentare dall’obbligo di e-fattura farmacisti e ...

Pubblicato lunedì, 19 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

È prevista per domenica l’inaugurazione della pista di sci sulla collina di Copenhill. La collina Copenhill, l’altura più ardita di un Paese piatto come una tavola dove l’altezza naturale più pronunciata è di appena 171 metri, è...

Pubblicato lunedì, 19 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Le banche azioniste di Sorgenia hanno finalmente definito l’advisor, che nei prossimi tre-quattro mesi sarà chiamato a esaminare le migliori opportunità per accelerare la crescita del gruppo energetico, aprendo eventualmente il capitale a nuovi...

Pubblicato lunedì, 19 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Parte al ralenti la quattordicesima emissione del BTp Italia. A poche ore dalla chiusura della prima giornata di collocamento dedicata agli investitori retail, la raccolta è di poco superiore ai 400 milioni di euro. Lo scorso maggio la prima...

Pubblicato lunedì, 19 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Il ritratto di Leda, la bellissima regina di Sparta, mentre viene ingravidata da Giove, il re degli dei che pur di averla si è trasformato in cigno. Esplicito e sensualissimo, ricco di colori e sfumature che ne sottolineano l'altissima qualità ...

Pubblicato lunedì, 19 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Chilometri autocertificati, ma non per tutti. Oggi per chi porta un veicolo alla revisione periodica obbligatoria è entrata in vigore la nuova regola secondo cui bisogna firmare un’autodichiarazione che attesti la veridicità del dato riportato sul ...

Pubblicato lunedì, 19 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

È ancora fresco (e aperto davanti ai probiviri) il caso dei senatori M5S contrari al decreto sicurezza e poi al condono edilizio a Ischia contenuto nel decreto Genova che già si apre una nuova falla nella nave del Movimento alla Camera. Come riporta...

Pubblicato lunedì, 19 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Il caro vita, le infrastrutture, il degrado, la ricostruzione, la sicurezza. Dalla Francia all’Italia sono sempre più le donne a guidare le proteste sui temi di attualità, a catalizzare il malcontento tramite i social e a dare il via a movimenti...

Pubblicato lunedì, 19 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Il gruppo Cassa depositi e prestiti scende in campo per la ripresa economica di Genova dopo il crollo, a metà agosto, del ponte Morandi. Così oggi la Cassa ha firmato un protocollo d’intesa che vede coinvolti, oltre alle sue controllate (Fincantieri, ...

Pubblicato lunedì, 19 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

«Pensate che alle grandi multinazionali e ai commissari europei interessi la legge Fornero o il diritto allo studio? Evidentemente no. Hanno fatto il tentativo con la piccola Grecia e ora vogliono provare fare il colpo grosso» ma «se ci sono ...

Pubblicato lunedì, 19 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Prevenire danni alla salute dei cittadini e all’ambiente attraverso il rafforzamento della presenza dell’esercito e dei carabinieri e l’impiego di medici di base per individuare le aree e i motivi per cui ci si ammala di più. Con un’attività ...

Pubblicato lunedì, 19 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Gli investitori esteri continuano a vendere BTp anche se il deflusso dall’Italia si è ridimensionato a settembre. Dall’ultimo rapporto di Bankitalia sulla bilancia dei pagamenti è emerso infatti che gli investitori non residenti hanno venduto...

Pubblicato lunedì, 19 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

«La terra dei fuochi è un disastro legato ai rifiuti industriali (provenienti da tutta Italia) non a quelli domestici. Quindi gli inceneritori non c'entrano una beneamata ceppa e tra l’altro non sono nel contratto di Governo». Con queste su...

Pubblicato lunedì, 19 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Una sconfitta nel 2016, due sconfitte e un pareggio nel 2017, due sconfitte nel 2018. Per il resto solo vittorie: 13 nel 2016, 11 in ognuno dei due anni seguenti. Un bilancio eccezionale. Per tutti (forse), non per gli All Blacks neozelandesi. I...

Pubblicato lunedì, 19 novembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Il Sole 24 Ore e Statista, società tedesca esperta nell’organizzazione ed elaborazione di dati, presentano la prima edizione degli «Studi legali più consigliati». Un sondaggio/ricerca aperto a tutti gli avvocati, ai giuristi d’impresa e ai...