Lenovo con NetApp, un'alleanza per il cloud ibrido

Pubblicato venerdì, 14 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

NEW YORK - Un accordo strategico e una joint-venture con NetApp, una soluzione completa per la gestione della sicurezza sui
suoi device e soprattutto una ambizione enorme: diventare il numero uno al mondo nel settore dell'informatica aziendale e
consumer. È il futuro di Lenovo, l'azienda multinazionale con l'anima cinese che, di nuovo sotto la guida Yuanquin Yang, ha
un piano molto ambizioso per conquistare il mondo.

Cominciamo dagli accordi. Nel corso della prima giornata dell'evento Transform 2.0 in corso a New York, Lenovo ha annunciato una partnership e accordo
strategico con NetApps, azienda americana che si occupa di storage e cloud, oltre a varie novità nella sua divisione server
soprattutto per quanto riguarda l'area dell'archiviazione dati. L'accordo prevede tra l'altro una joint venture in Cina per la fornitura di soluzioni locali nel mercato in più forte crescita
a livello mondiale per dati e storage
e fa parte della più ampia strategia sulla digital transformation che, per Lenovo, è la chiave con la quale guidare la crescita
della multinazionale.
«La digital trasformation in realtà – dice Yang – è una intelligent tranformation perché vede entrare in gioco l'AI. Servono
però infrastrutture dati e terminali sempre più sofisticati e potenti, flessibili. Serve anche potenza di calcolo e algoritmi
sofisticati per poter gestire la grande massa di dati e di know how aziendale dei vari settori necessari a creare i presupposti
per la trasformazione intelligente, cioè digitale ma aiutata anche dalle AI».
L'accordo prevede che le due aziende sviluppino congiuntamente la gamma di prodotti di storage a marchio Lenovo, che riunirà
le soluzioni NetApp nel data management interamente basato su flash con l'infrastruttura ThinkSystem di Lenovo – il tutto
utilizzando la tecnologia di NetApp e la produzione e la supply chain di Lenovo, che Gartner classifica tra le prime cinque
nell'ambito delle aziende globali di tecnologia.
Assieme all'accordo con NetApp Lenovo ha anche annunciato una serie di soluzioni e prodotti. Tra questi, il più significativo
è Think Shield, soluzione per la sicurezza digitale gestita attraverso tutti i prodotti server e pc dell'azienda
. ThinkShield è studiato sia per la protezione dei dispositivi dalla penetrazione degli hacker che le identità e le credenziali
degli utenti dai furti, nei dispositivi e durante la navigazione online, per tutto il ciclo di vita dei prodotti e delle informazioni.
È solo uno degli snodi di Lenovo, azienda che negli ultimi cinque anni ha accelerato notevolmente le sue attività inanellando
una serie di buoni trimestri. In una intervista a Fortune poco dopo l'acquisto di Motorola il Ceo Yang aveva detto che sperava
di replicare il successo dei ThinkPad, la linea di computer portatili comprata da Ibm (pochi anni dopo anche quella di server
basati su processori x86 di Intel e AMD) con Motorola. A fronte di avversari come Apple, Samsung e Huawei l'obiettivo di Yang,
in quello come negli altri settori è “nel tempo riuscire a sorpassarli”. Ancora oggi è questa la visione di Yang che, ci ha
spiegato, è convinto che la risposta vincente al mercato di oggi sia quella dell'integrazione verticale e dell'estensione
della gamma di prodotti a servizi e soprattutto a soluzioni complete.
«I clienti ci chiedono questo – ci ha detto Yang – cioè fornirgli tutto: server, storage, networking, apparecchi terminali,
software per la gestione. Vogliono soluzioni complete. Abbiamo trasformato il datacenter e siamo fornitori dei più grandi attori del cloud, come Google, Microsoft, Baidou e Alibaba. Abbiamo centri di ricerca e sviluppo in tutto il mondo, 34 siti produttivi, uan valutazione altissima sia nel settore server
che in quello dei personal computer e dei telefoni: produciamo 37 portatili al minuto, siamo presenti in 160 paesi con 60
filiali e 50mila dipendenti per un fatturato di poco meno di 50 miliardi di dollari all'anno.
L'ambizione di Yang è quella di riuscire a cogliere una opportunità di mercato che i suoi principali avversari, Dell e Hp,
non stanno riusciendo secondo lui a intercettare bene. Dalle soluzioni b2c a quelle b2b, dal business degli apparecchi a quello
delle soluzioni, tutto deve andare assieme, tutto deve essere end-to-end, tutto deve essere più smart. «La trasformazione
non è lineare – ci ha detto Yang - e sta accelerando sempre di più. Bisogna trasformare anche noi stessi».
Lenovo l'ha fatto, sostiene il Ceo e presidente: l'azienda è cambiata moltissimo. Anche e soprattutto come persone: «Il nostro
fattore di diversità – dice Yang –, di cultura, di non discriminazione, è fondamentale: nel comitato esecutivo ad esempio
ci sono 14 persone di sette nazionalità diverse tra i quali due italiani, vivono tutti in paesi diversi, ci sono tre donne
e una cultura internazionale e arricchita dalla diversità che è unica tra tutte le industrie del settore. Per questo penso
che abbiamo la migliore possibilità di avere successo rispetto alla nostra concorrenza».

Tag: #Tecnologie #EconomiaDigitale

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Grandi fermenti nella maison di Chiara Ferragni. Il divorzio professionale della trentunenne fashion blogger da Riccardo Pozzoli, con il quale aveva mosso i primi passi imprenditoriali, è stato perfezionato. Pozzoli, come risulta a Il Sole 24 Ore...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Divisi su pensione di cittadinanza e pace fiscale, uniti nella crociata per un Fisco più semplice. Che passa per un pacchetto di misure calibrate per ridurre al minimo oneri amministrativi e adempimenti a carico dei contribuenti: dal plafond per...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

I big tech hanno sempre più fame dei dati finanziari degli utenti per allargare il loro campo d’azione. A tornare nella bufera è Facebook: nell’anno in cui è finito nel mirino per il modo in cui gestisce i dati personali, emerge anche che il...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

La Consob scende sul piede di guerra nella lotta all’abusivismo sul web colpendo in modo selettivo gli operatori borderline. I dati che l’ex presidente della Consob Mario Nava avrebbe dovuto presentare in Senato quest’oggi, nel corso di...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Nesta è pronta a lanciare in Italia un fondo per sostenere le imprese artistiche e culturali, su modello dell’Arts Impact Fund inglese, un fondo pilota di oltre 7 milioni di sterline co-investito dall’Arts Council, Bank of America Merrill Lynch, ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Nuova tegola nel caso Intrieri, che scuote i vertici del ministero delle Infrastrutture: ora spunta un curriculum gonfiato. Gaetano Intrieri è uno dei 14 esperti nominato per la Struttura di missione del ministero che avrà il compito di valutare ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

It’s an old boys’ club. Nella City si parla così del mondo finanziario e la definizione si può estendere a livello globale. Non che manchi una presenza massiccia di donne a livello impiegatizio: negli Stati Uniti, ad esempio, rappresentano...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

M5S e Lega contro il ministro dell’Economia, Giovanni Tria. Il copione è noto, e torna ogni autunno all'avvicinarsi della legge di Bilancio: il ministro dell'Economia di turno assediato a via XX settembre in difesa dei conti pubblici e i...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Si chiama Fairness 360 e analizzerà anche i segni di bias, i pegiudizi, gli errori in cui può cadere l’Ai. Lo farà in tempo reale e raccomanderà aggiustamenti.È questo uno degli annunci più interessanti di oggi di Ibm che ha lanciato una ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Dopo aver ridotto drasticamente la loro esposizione in titoli di Stato italiani per un controvalore di 58 miliardi di euro tra maggio e giugno a luglio gli investitori esteri sono tornati timidamente a riposizionarsi sul debito pubblico italiano. Dal ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Le lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento che effettuano un lavoro a turni svolto parzialmente in orario notturno devono ritenersi svolgere un lavoro notturno e godono della tutela specifica contro i rischi ai quali tale lavoro ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

La lista per la nomina del consiglio di amministrazione di Banca Carige che sarà presentata dalla Pop 12 di Raffele Mincione, all’assemblea dei soci di Carige di domani, è stata ammessa alla votazione. Ma gli azionisti (Gabriele Volpi e Aldo...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Estate, tempo di vacanze. E di disagi per chi vola. Non è una novità, del resto, che durante la bella stagione, l'aumento delle persone in viaggio coincide con l'impennarsi di ritardi e cancellazioni dei voli. A tirare fuori i numeri di questa ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Bagarre sulla class action. Perchè adesso il Movimento 5 Stelle scommette forte sulla riforma, mentre da Confindustria emerge un’elevatissima preoccupazione. Il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro (ma gli fa eco anche la...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Ottomila euro l’anno per ogni medico specializzando non ancora risarcito, oltre alla rivalutazione monetaria a partire dal 1991 e il versamento dei contributi figurativi per il periodo del tirocinio non retribuito. È questa l’ultima ricetta -...