La Turchia non cresce più: crollo della lira e inflazione pesano sul Pil

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Brusca frenata per l’economia turca nel terzo trimestre. La crescita del Pil di Ankara tra luglio e settembre si è fermata
all’1,6% rispetto allo stesso periodo del 2017 (ben al di sotto delle aspettative dei mercati che avevano stimato il 2%) a
causa della crisi valutaria della lira e del forte aumento dei prezzi. I dati, diffusi oggi dall’Istituto nazionale di statistica
TurkStat, evidenziano il peggior risultato degli ultimi due anni, da quando nel 2016 la Turchia venne sconvolta dal tentativo
di colpo di Stato, per poi subire la successiva repressione messa in atto dal presidente Recep Tayyip Erdogan. Rispetto al
trimestre precedente il Pil è sceso dell’1,1 per cento, cosa che potrebbe preludere a una recessione tecnica se anche nel
quarto trimestre l’economia sarà in contrazione.
La Turchia, uno dei principali mercati emergenti, fino a pochi anni fa considerato un riferimento per lo sviluppo di tutta
l’area del vicino oriente, nel 2017 ha fatto registrare un’espansione superiore al 7 per cento. Quest’anno però il crollo
della lira ha fatto aumentare i costi degli alimentari e del carburante costringendo la Banca centrale ad alzare al 24% il
tasso di riferimento. Il settore delle costruzioni, che a lungo aveva tratto benefici dalla facilità di trovare finanziamenti,
ha interrotto la sua corsa con una contrazione del 5,3% anno su anno, che ha quasi annullato la crescita del 4,5% dei servizi.
La crescita dei consumi privati, che rappresenta circa i due terzi dell’economia, è precipitata quasi di sei volte.
Crisi valutaria e consumi in difficoltà
«La crescita ha cominciato a perdere slancio nel terzo trimestre con un rallentamento dei consumi privati e degli investimenti»,
spiega Muammer Komurcuoglu, economista di Is Invest. «Prevediamo - continua Komurcuoglu - una contrazione della crescita nel
quarto trimestre a causa dell’impatto negativo della stretta monetaria sulle condizioni finanziarie, della riduzione degli
investimenti e della propensione al consumo con la perdita del valore della lira e dell’inflazione elevata».
«Gli effetti della crisi valutaria di agosto hanno portato l’economia della Turchia a contrarsi nel terzo trimestre e anche
elementi recenti suggeriscono che la crisi si è approfondita nel quarto trimestre», scrive Jason Tuvey di Capital Economics
in una nota agli investitori.

L’economia turca era cresciuta del 5,3% anno su anno nel secondo trimestre, da un precedente +5,2% nel primo trimestre. La
lira ha ceduto il 28% rispetto al dollaro quest’anno (e anche oggi a metà pomeriggio sta perdendo lo 0,5%), ma ha recuperato
dai minimi di agosto quando aveva perso il 47% del suo valore sulla moneta statunitense. La crisi della lira ha portato l’inflazione
annuale a oltre il 25% in ottobre, il livello più alto degli ultimi 15 anni, prima di rallentare a novembre.
Verso la contrazione dell’economia
Un’economia in difficoltà è una grande complicazione per il presidente Erdogan, che ha costruito il suo successo sulla crescita
sovralimentata con stimoli e risorse pubblici. Gli analisiti si aspettano un allentamento della politica monetaria e fiscale
per sostenere i consumi delle famiglie, anche se questi sforzi potrebbero essere vanificati dall'aumento continuo dei prezzi.
Il governo ha già introdotto alcune misure per sostenere la domanda dei consumatori tagliando le tasse su auto, elettrodomestici
e mobili fino alla fine dell'anno.

E il peggio potrebbe ancora arrivare. Il Fondo monetario internazionale prevede che la crescita scenderà allo 0,4% nel 2019
dal 3,5% di quest’anno a causa di una lira più debole e di maggiori costi di finanziamento. Per Moody's potrebbe esserci una
contrazione del 2% nel 2019, mentre Citigroup prevede addirittura un calo del Pil del 3,3% sempre a causa della crisi della
domanda interna. «Il trend di contrazione trimestrale continuerà nel quarto trimestre e sembra che nel quarto trimestre vedremo
anche un calo del dato annuo», dice Inan Demir, economista di Nomura.
Tutti gli occhi sono ora puntati sulla Banca centrale, che si riunirà giovedì anche per decidere sui tassi di interesse. «È
importante che la Banca centrale ribadisca un forte impegno a mantenere una politica monetaria restrittiva nonostante il forte
rallentamento dell’attività economica fino a quando le prospettive per l’inflazione miglioreranno in modo significativo»,
spiega Piotr Matys di Rabobank.

Tag: #Mondo #Europa

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

A poco meno di due mesi dal primo GP che è già programmato per il 10 marzo in Qatar, ma quasi alla vigilia dei primi test ufficiali che si svolgeranno il 6 febbraio in Malesia la Casa di Borgo Panigale anticipa la concorrenza e presenta la nuova ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

REPORTAGE RADIO 24 SABATO 19 GENNAIO alle 7.15 E 14.15Le altre San Lorenzo, palazzi senza Stato. Per non dimenticare Desireedi Raffaella Calandra, Cristina Carpinelli e Teresa TrillòQuante sono le altre san Lorenzo? Le aree ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Tempi strettissimi per l’avvio del reddito di cittadinanza che dal 5 marzo si potrà richiedere alle Poste, presso i Caf accreditati e in via telematica qualche giorno prima (un sito ad hoc sarà predisposto a febbraio). Secondo il...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Erano attesi da tempo e sono arrivati i nuovi dazi per fermare la pedalata delle e-bike cinesi verso l’Europa. Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale Ue L16/108 del 18 gennaio, l’Unione europea ha definitivamente imposto dazi addizionali ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il primo dossier sul decreto legge che rivede le regole su pensioni e reddito di cittadinanza arriva con Il Sole 24 Ore. Sabato 19 gennaio con il quotidiano sarà, infatti, in edicola un inserto di quattro pagine che farà il punto...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

La Brexit rischia di diventare un boccone amaro anche per i proprietari immobiliari della Gran Bretagna. Una battaglia giudiziaria che potrebbe trasformarsi in un precedente con importanti conseguenze legali in diversi ambiti nel Regno Unito si sta...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

«Bene ci siamo. Su http://www.siamoeuropei.it trovate il Manifesto per la costituzione del fronte lanciato insieme a 100 esponenti della politica locale e della società civile. Ora si tratta di aderire e far aderire. Partiamo. L'Italia e l'Europa...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

NEW YORK – «Le scuse non bastano». Il ministro delle Finanze della Malesia Lim Guan Eng ha detto che il suo Paese è pronto ad avviare un procedimento penale contro Goldman Sachs per lo scandalo delle tangenti legate al fondo di investimento...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

«Siamo qui per difendere le regole del gioco, non per scendere in campo come una squadra». Le regole di cui parla l’avvocato Simona Viola, presidente della neonata associazione «Italia Stato di diritto», sono quelle scritte dal padri...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il Tesoro è al lavoro per il rinnovo delle Gacs, le garanzie di Stato sulle cartolarizzazioni di sofferenze che andranno in scadenza il prossimo 6 marzo. La volontà è quella di arrivare alla conclusione dell’iter nei tempi utili per dare...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Tre anni dopo il “caso Moro”, in Campania un altro esponente della Democrazia Cristiana fu sequestrato dalle Brigate Rosse. Si trattò di Ciro Cirillo (1921-2017), ex presidente della Regione e in quel momento Presidente della commissione...

Maturità, le novità del restyling più profondo da 20 anni a questa parte Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Forse si fa prima a ricordare in quali punti la maturità 2019 ricalcherà gli esami che si sono svolti fino all’anno scorso. Chiarendo, ad esempio, che le commissioni saranno formate da 5 membri, di cui due interni. Oppure che il voto minimo e...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

L’analisi è in corso ma l’obiettivo è chiaro: coinvolgere Cassa Depositi e Prestiti per cercare una soluzione di sistema alla crisi del settore costruzioni. La misura del coinvolgimento dipenderà dai risultati di questo primo esame di...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Dopo il via libera del Cdm al “decretone”, reddito di cittadinanza e “quota 100” diventeranno pienamente operativi da aprile. Ma come è cambiato il testo finale rispetto alle misure previste nel contratto di governo? Quest’ultimo conteneva...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Un ammontare uguale per tutti di 5.241,30 euro di contributo annuo da pagare per ogni anno di studio. Costerà di meno riscattare la laurea per aumentare gli anni di anzianità pensionistica contributiva. La norma, prevista dal decretone su pensioni...