La Turchia non cresce più: crollo della lira e inflazione pesano sul Pil

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Brusca frenata per l’economia turca nel terzo trimestre. La crescita del Pil di Ankara tra luglio e settembre si è fermata
all’1,6% rispetto allo stesso periodo del 2017 (ben al di sotto delle aspettative dei mercati che avevano stimato il 2%) a
causa della crisi valutaria della lira e del forte aumento dei prezzi. I dati, diffusi oggi dall’Istituto nazionale di statistica
TurkStat, evidenziano il peggior risultato degli ultimi due anni, da quando nel 2016 la Turchia venne sconvolta dal tentativo
di colpo di Stato, per poi subire la successiva repressione messa in atto dal presidente Recep Tayyip Erdogan. Rispetto al
trimestre precedente il Pil è sceso dell’1,1 per cento, cosa che potrebbe preludere a una recessione tecnica se anche nel
quarto trimestre l’economia sarà in contrazione.
La Turchia, uno dei principali mercati emergenti, fino a pochi anni fa considerato un riferimento per lo sviluppo di tutta
l’area del vicino oriente, nel 2017 ha fatto registrare un’espansione superiore al 7 per cento. Quest’anno però il crollo
della lira ha fatto aumentare i costi degli alimentari e del carburante costringendo la Banca centrale ad alzare al 24% il
tasso di riferimento. Il settore delle costruzioni, che a lungo aveva tratto benefici dalla facilità di trovare finanziamenti,
ha interrotto la sua corsa con una contrazione del 5,3% anno su anno, che ha quasi annullato la crescita del 4,5% dei servizi.
La crescita dei consumi privati, che rappresenta circa i due terzi dell’economia, è precipitata quasi di sei volte.
Crisi valutaria e consumi in difficoltà
«La crescita ha cominciato a perdere slancio nel terzo trimestre con un rallentamento dei consumi privati e degli investimenti»,
spiega Muammer Komurcuoglu, economista di Is Invest. «Prevediamo - continua Komurcuoglu - una contrazione della crescita nel
quarto trimestre a causa dell’impatto negativo della stretta monetaria sulle condizioni finanziarie, della riduzione degli
investimenti e della propensione al consumo con la perdita del valore della lira e dell’inflazione elevata».
«Gli effetti della crisi valutaria di agosto hanno portato l’economia della Turchia a contrarsi nel terzo trimestre e anche
elementi recenti suggeriscono che la crisi si è approfondita nel quarto trimestre», scrive Jason Tuvey di Capital Economics
in una nota agli investitori.

L’economia turca era cresciuta del 5,3% anno su anno nel secondo trimestre, da un precedente +5,2% nel primo trimestre. La
lira ha ceduto il 28% rispetto al dollaro quest’anno (e anche oggi a metà pomeriggio sta perdendo lo 0,5%), ma ha recuperato
dai minimi di agosto quando aveva perso il 47% del suo valore sulla moneta statunitense. La crisi della lira ha portato l’inflazione
annuale a oltre il 25% in ottobre, il livello più alto degli ultimi 15 anni, prima di rallentare a novembre.
Verso la contrazione dell’economia
Un’economia in difficoltà è una grande complicazione per il presidente Erdogan, che ha costruito il suo successo sulla crescita
sovralimentata con stimoli e risorse pubblici. Gli analisiti si aspettano un allentamento della politica monetaria e fiscale
per sostenere i consumi delle famiglie, anche se questi sforzi potrebbero essere vanificati dall'aumento continuo dei prezzi.
Il governo ha già introdotto alcune misure per sostenere la domanda dei consumatori tagliando le tasse su auto, elettrodomestici
e mobili fino alla fine dell'anno.

E il peggio potrebbe ancora arrivare. Il Fondo monetario internazionale prevede che la crescita scenderà allo 0,4% nel 2019
dal 3,5% di quest’anno a causa di una lira più debole e di maggiori costi di finanziamento. Per Moody's potrebbe esserci una
contrazione del 2% nel 2019, mentre Citigroup prevede addirittura un calo del Pil del 3,3% sempre a causa della crisi della
domanda interna. «Il trend di contrazione trimestrale continuerà nel quarto trimestre e sembra che nel quarto trimestre vedremo
anche un calo del dato annuo», dice Inan Demir, economista di Nomura.
Tutti gli occhi sono ora puntati sulla Banca centrale, che si riunirà giovedì anche per decidere sui tassi di interesse. «È
importante che la Banca centrale ribadisca un forte impegno a mantenere una politica monetaria restrittiva nonostante il forte
rallentamento dell’attività economica fino a quando le prospettive per l’inflazione miglioreranno in modo significativo»,
spiega Piotr Matys di Rabobank.

Tag: #Mondo #Europa

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

La Mare Jonio, imbarcazione della ong Mediterranea Saving Humans, battente bandiera italiana, ha soccorso oggi a 42 miglia dalle coste libiche 49 persone che si trovavano a bordo di un gommone in avaria che imbarcava acqua. L'intervento...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Nuova bocciatura per il ministero dei Beni culturali: il Tar della Campania ha accolto il ricorso del Comune di Napoli contro il provvedimento del ministero sulla vicenda delle griglie di ventilazione in piazza Plebiscito a Napoli, previste dal...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

I bonus fiscali sui lavori edilizi l’anno scorso hanno attivato investimenti per 28,6 miliardi. Quasi un record: la spesa era stata più alta solo nel 2013, quando il timore per la mancata proroga delle detrazioni extra-large aveva innescato la...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

ROMA – La data è ancora riservata ma già fissata a cavallo tra la fine di aprile e i primi di maggio. In quei giorni Roma ospiterà i capi delle intelligence europee e dei Paesi alleati per una conferenza internazionale sui fenomeni della...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È vicina una nuova grande acquisizione per il colosso di Alba Ferrero. Secondo indiscrezioni Ferrero, affiancato dagli advisor Lazard e Credit Suisse, sarebbe infatti favorito per l’acquisto negli Usa della linea di biscotti e degli snack della...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Per lo Champagne un 2018 positivo anche se non manca qualche scricchiolìo che non andrebbe sottovalutato. È quanto emerge dai dati resi noti dal Comitè Champagne, l’organismo interprofessionale del quale fanno parte singoli viticoltori e maison ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

In Italia ci sono 11mila data center che servono oltre 22mila pubbliche amministrazioni. Dal piccolo comune al grande ministero, praticamente ognuno ha il proprio centro elaborazione dati. Con conseguente moltiplicazione di costi e di problemi di...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Anche l’Italia del calcio avrà la divisa ufficiale firmata Giorgio Armani. Dopo aver vestito la Nazionale di calcio inglese e alcuni dei club più importanti a livello internazionale (Newcastle United Fc, Chelsea Fc e Fc Bayern Munich), la maison...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Di 36 centesimi dietro alla Germania, che salirebbero a 98 se il confronto venisse fatto con la Francia. La Spagna, invece, inseguirebbe di oltre tre euro. È questo il quadro che si delineerebbe nel caso in cui anche l’Italia decidesse di adottare ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Resta solo Delta come potenziale partner industriale delle Fs nella nuova Alitalia. Il ritiro di easyJet, che era stata tirata dentro l'operazione quasi con una manovra d'emergenza all'inizio di febbraio, come “piano B” dopo la ritirata di Air...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

I compagni d’armi lo conoscevano con il suo nome di battaglia: ”Tekoser”. Il suo nome vero, come lo ha diffuso su Telegram l’Isis mostrando la sua Tessera sanitaria e la carta di credito, era Lorenzo Orsetti. Originario di Firenze, aveva solo...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Nel mese di febbraio, secondo quanto rileva Terna (la società che gestisce la rete di alta tensione), la domanda di elettricità in Italia è stata di 25,5 miliardi di chilowattora, in flessione del -2,2% rispetto al febbraio del 2018. È un...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il governo di Theresa May non può riproporre per la terza volta il medesimo accordo già bocciato due volte, pur con alcune variazioni semantiche che non cambiano la realtà dei fatti. Lo ha annunciato lo speaker della Camera dei Comuni John Bercow ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il battesimo dell’ultima nave destinata alla Cina è avvenuto giusto qualche settimana fa con la presentazione, a Monfalcone, di Costa Venezia, la più grande unità introdotta da Costa Crociere in quell’area: una stazza lorda da 135.500...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Al Bano non ci sta. Dopo essere stato inserito nella lista nera degli individui considerati minaccia alla sicurezza nazionale, il cantante, con il suo avvocato Cristiano Magaletti, passa all'azione e minaccia di ricorrere alla Corte Europea dei...