«Infrastrutture, serve un piano-shock»

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Serve uno «shock infrastrutturale» che faccia recuperare al Paese il crollo degli investimenti in opere pubbliche che, tra
il 2005 ed il 2018, è stato del 59,4%, quasi 26 miliardi di euro in meno negli ultimi 10 anni. Serve un «grande piano shock,
come lo ha definito il presidente nazionale di Confindustria, Vincenzo Boccia, parlando ad Altamura ad un convegno sulle infrastrutture
nel sistema apulo-lucano, che, soprattutto al Sud, dove il gap è ancora maggiore, metta in circolo «risorse già stanziate,
occupazione, cantieri e territori». Uno shock indispensabile per il Sud come per tutto il Paese e magari da affidare anche
ad un Commissario straordinario per l’emergenza infrastrutturale nazionale «che va pure bene- ha detto Boccia riferendosi
alla proposta fatta, allo stesso convegno, dal sottosegretario alle Infrastrutture Armando Siri – purchè si sblocchi ad un
mese, non ad un anno e poi si avvii tutto alla normalità senza rincorrere sempre le emergenze».
Vanno superati infatti, e velocemente, deficit infrastrutturali al Sud non più sopportabili, come documenta l’ufficio studi
di Ance nazionale. Così ogni 1000 km quadrati di superficie al Sud ci sono 18 kilometri di rete autostradale, contro i 30
del nord ed i 20 del centro Italia; la dotazione ferroviaria è di 45 km al sud, 63 al nord e 59 al centro; l’alta velocità
è solo in alcune aree del Paese, sulla Napoli-Bari vi è invece l’alta capacità ed un numero di collegamenti con treni ridotto;
per movimentazione il porto di Gioa Tauro è ottavo tra i porti europei. Servono quindi misure forti da attuare velocemente
perchè «la questione infrastrutturale è la questione nazionale, è un tema centrale che va normalizzato perchè il problema
di questo Paese - ha detto Boccia - è che parliamo sempre del cosa fare, ma mai del quando e per questo rincorriamo l’emergenza.
Servono invece decisori politici che si assumano la responsabilità delle scelte e che costruiscano un’idea di Paese dinamico
e reattivo. Per questo occorre un piano shock che preveda un tempo veloce per far fronte al rallentamento economico aprendo
i cantieri».
Tempi veloci perchè la realtà dice che per completare le opere si va da 4 a 16 anni per quelle più grosse, Sono tante quelle
bloccate come documenta lo studio Ance illustrato ad Altamura: 600 opere ferme, in valore 53 miliardi di euro (30 dei quali
al nord, 12 al centro, 11 al sud), in tutto 49 grandi opere e 550 medio-grandi, 800mila posti di lavoro persi, insomma «un
Paese da codice rosso» dice Flavio Monosilio, direttore del centro studi di Ance. Per questo da Altamura è stata ripetuta
la richiesta di sbloccare i cantieri, semplificare le norme, riformare il codice degli Appalti. Sul punto l’impegno del Governo,
secondo Siri, c’è a partire dal decreto legge che andrà in consiglio dei Ministri la prossima settimana per riformare alcuni
articoli del Codice ed individuare le opere pubbliche da sbloccare. «Occorre ridurre al massimo la burocrazia, i processi,
perché noi abbiamo come una via crucis 78 stazioni prima di riuscire a fare partire un’opera. Per questo sarebbe utile avere
dei commissari straordinari che possono agire in deroga all'ordinamento».

Tag: #ImpresaETerritori #Industria

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

«Toninelli lo facciamo per te». La frase si legge su un cartello che i senatori di Forza Italia tirano fuori in Aula al Senato subito dopo l'illustrazione delle due mozioni che chiedono le dimissioni immediate del ministro per le infrastrutture...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il 2019 si apre con due campanelli d’allarme sul lavoro: a gennaio le domande di disoccupazione si impennano, e salgono a quota 201.267, in crescita del 13,4 per cento su gennaio 2018. Non solo. Nel cumulato gennaio-febbraio a salire è anche la ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È raro che si celebri il centenario di una poesia. Lo si fa per i grandi libri, per la nascita o la morte di un autore. Ma L’infinito di Leopardi – di cui ricorrono i duecento anni dalla composizione – è forse la più celebre tra le poesie...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Le decisioni di politica monetaria comunicate ieri dalla Fed dopo il suo direttivo sono state più espansive del previsto e il mercato ha reagito comprando titoli di Stato americani innescando un netto calo dei rendimenti che, sulla scadenza a 10...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Istituita dalla XXX sessione della Conferenza Generale Unesco nel 1999 oggi è la Giornata Mondiale della Poesia. Nel mondo e in Italia la giornata è festeggiata da tantissime iniziative, a cominciare dal ricordo di Alda Merini, nata il 21 marzo ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

La Commissione ritiene che la proroga, stabilita nel 2009, dal 2028 al 2046 della concessione di lavori relativa all'autostrada A 12 Civitavecchia-Livorno costituisca la modifica di un termine essenziale di tale concessione. Tale proroga equivarrebbe ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

A gennaio sono arrivate all'Inps 201.267 richieste di sussidio disoccupazione (tra le quali 198.294 domande di Naspi) con una crescita del 13,4% su gennaio 2018. È il dato più alto a gennaio negli ultimi quattro anni. A dicembre le ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Nel 2015, un debitore della Tecnoservice ha ordinato alla propria banca di effettuare un pagamento, tramite bonifico bancario, in favore di tale società, mediante accredito su un conto corrente aperto presso Poste italiane, individuato, ai sensi...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il conto alla rovescia per la missione Eunavfor Med Sophia avviata nel 2015 contro i trafficanti di migranti è iniziato e il governo giallo verde, attraverso due dei suoi principali dicasteri, è in campo per trovare “in zona Cesarini” un...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

«Sarò in Basilicata per le elezioni, ci saranno altri esponenti della Lega». Così il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini spiega in una intervista a Radio24 il perché non sarà al pranzo ufficiale con Xi Jinping. Il presidente...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Ci sono tanti eroi nascosti nella fantasia dei bambini e i Transformers sono tra questi. Il loro slogan è «More than meets the eye» insomma andare oltre al primo sguardo per cogliere l’essenza delle cose perché quello chevediamo, in...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Con il baricentro sempre ben piantato sulla rete elettrica nazionale che, non a caso, assorbirà quasi tutto lo sforzo previsto, Terna è pronta a puntare 6,2 miliardi di euro di investimenti da qui ai prossimi cinque anni per sostenere, in modo...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Indici europei in ordine sparso all'indomani dell'attesa riunione della Fed 'colomba': Milano sale dello 0,13% mentre Francoforte cede lo 0,4%, Londra lo 0,3% e Parigi lo 0,16%. I toni più accomodanti del previsto della Federal Reserve hanno portato...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Sorpresa: le targhe diventeranno personali. Cioè seguiranno l’intestatario e non più il veicolo. Lo sta per proporre il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, ormai deciso a riesumare una norma rimasta inattuata dal 2010. Così ha fatto ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Manette contro una loggia massonica segreta a Castelvetrano, il paese natale del boss latitante Matteo Messina Denaro. Coordinati dalla Procura, i carabinieri hanno eseguito 27 arresti per reati contro la Pa, l'amministrazione della giustizia ...