Imprese, chi vince e chi perde con la crisi in Turchia

Pubblicato venerdì, 14 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

«Un piccolo ordine mi è arrivato, la scorsa settimana. Ma il punto è: le banche finanzieranno il leasing che il cliente intende
fare?». Raffaella Carabelli, imprenditricie del meccanotessile, guarda con evidente apprensione agli ultimi sviluppi della
crisi in Turchia, dove il Governo è alle prese con un mix dirompente di inflazione, svalutazione, sfiducia dei mercati
e degli investitori. La banca centrale di Ankara, “disobbedendo” alle indicazioni del presidente Erdogan, ieri ha alzato i tassi di interesse nel tentativo di stabilizzare il cambio, operazione che pare finora funzionare. In parallelo il Governo ha decretato l’obbligo di utilizzo della valuta locale, la lira, per le transazioni interne, misura che esclude i rapporti di import-export e che non pare al momento impensierire troppo le imprese italiane.
Presenti peraltro in massa nel Paese, con una pattuglia di 450 società controllate, che sviluppano oltre otto miliardi di
ricavi con 24mila addetti. Grandi aziende come Fca o Pirelli, ma anche numerosi componentisti di minori dimensioni, Pmi
che si sono mosse al seguito dei gruppi maggiori, per servire ad esempio il mercato dell’auto oppure degli elettrodomestici.

L’effetto della crisi sulle nostre imprese non è affatto omogeneo e per chi è presente in Turchia in modo diretto tutto o
quasi dipende dal mercato di sbocco: chi esporta sperimenta un guadagno netto in termini di competitività (ha costi in lire
turche e incassi in dollari o in euro), mentre chi produce per la domanda nazionale si trova in difficoltà.
«Da agosto - spiega Lodovico Bussolati, amministratore delegato di Sdf, tra i leader mondiali della meccanizzazione agricola,
presente nel paese con un sito da 140 addetti - il mercato turco dei trattori si è praticamente dimezzato. Il tema è la crisi
di fiducia. A settembre noi, come tutti del resto, abbiamo aumentato i listini del 15%. Ma il problema non è nel prezzo:
io credo che tutti stiano alla finestra, per capire quando la situazione si stabilizzerà. E fino ad allora gli scambi saranno
bloccati».
Un quadro opposto c’è invece per chi produce in loco per poi riesportare altrove, come ad esempio Candy, che proprio pochi
mesi fa ha raddoppiato la presenza nel Paese avviando un nuovo stabilimento da 15 milioni di euro. Per la multinazionale brianzola
il crollo della lira è quasi una manna dal cielo. «I nostri prezzi in ed euro sono rimasti fermi - spiega il presidente del
gruppo Aldo Fumagalli - e questo significa che i nostri margini sono migliorati: in termini di euro il prodotto costa meno
e quindi la profittabilità cresce. Non solo per noi, del resto, capita a tutti gli esportatori in questo momento, anche ai
nostri concorrenti. Preoccupato? Vede, mi torna in mente l’Italia degli anni ’70 e 80’ quando eravamo noi a svalutare alla
grande. In fondo non vedo niente di nuovo».
In una situazione intermedia è invece chi ha deciso di coprirsi dal rischio di cambio con operazioni a termine, in modo da
fissare con certezza i valori senza prendersi rischi. È la scelta di Fontana group (carrozzerie per auto) presente in Turchia
con un sito da 250 addetti per produrre stampi. «Gestiamo un’azienda - spiega l’imprenditore Walter Fontana - e non possiamo
certo fare speculazioni finanziarie. Certo, in qualche caso si rinuncia ad avere dei vantaggi, come poteva accadere in questa
situazione. Ma se in qualche situazione ti puoi pentire, in media il meccanismo funziona». In qualche caso i contratti di
fornitura locale di Fontana sono in euro o in dollari (su richiesta dei fornitori) ma la trasformazione di questi rapporti
in lire rischia di essere solo una partita di giro. «Se la svalutazione continua, quando i fornitori acquistano le materie
prime e le pagano in dollari si trovano a sostenere costi più alti - spiega Fontana - che poi riversano sui clienti, aumentando
i listini in lire turche. Del resto qui l’abitudine ai ritocchi dei prezzi è antica. Anche noi, ogni anno, adeguiamo gli stipendi
dei nostri dipendenti per tenere conto della perdita di potere d’acquisto».
A dover affrontare la crisi e le difficoltà dell’economia è però anche un altro nutrito gruppo di aziende italiane, quelle
che vedono Ankara come un mercato di sbocco, il 12esimo nel 2018 per il nostro paese (tra gennaio e giugno l’export è arrivato
a 4,8 miliardi di euro) ma addirittura il secondo nel comparto del meccanotessile.
«Fino a maggio - spiega Raffaella Carabelli, imprenditrice diretta del comparto con Fadis ma anche past president dell’associazione
di categoria Acimit - le cose in realtà andavano benissimo, con una crescita di oltre il 40% rispetto all’anno precedente.
Tra Ramadan e pausa estiva il periodo successivo è stato fiacco, come nelle attese, ma le vere proccupazioni iniziano ora.
Nuovi ordini, a parte quello della scorsa settimana, non ne ho e vedo un clima interno ancora difficile. Molte persone hanno
paura di parlare e li capisco: alcuni dei miei clienti, considerati oppositori del Governo, sono finiti in galera».
L’effetto diretto sul mercato interno del crollo della lira è ancora comunque tutto da valutare, perché gli ultimi dati disponibili
si riferiscono al mese di luglio, prima dell’ultima crisi. E già allora, comunque, gli acquisti turchi dall’intera Europa
si sono ridotti del 9,2%, il peggior risultato tra tutti i mercati di sbocco extra-Ue.

Tag: #ImpresaETerritori #Industria

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Per un’ironia forse inevitabile, ai sensi dell’anagrafe, da qualche anno l’intelletto febbrile di Paul Virilio aveva rallentato la sua corsa. Lui, che è stato il più grande pensatore di sempre dell’accelerazione (L’horizon negatif, 1984;...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Matteo Salvini si appresta a uscire da vincitore anche dalla partita sulla Rai. il vicepremier e leader della Lega alla fine è riuscito a far seppellire l’ascia di guerra a Forza Italia che venerdì (o al più tardi martedi) voterà quel Marcello...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

L’area del Colosseo, diventata l’anno scorso parco archeologico, si rimette in gioco. Lo spazio di 77 ettari - comprensivo dell’Anfiteatro Flavio, del Foro Romano, del Palatino, della Domus Aurea, dell’Arco di Costantino e dei resti della...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

«Siamo una banca nordica con forti radici locali e ponti nel resto del mondo». A posteriori, c’è qualcosa di ironico nella descrizione che Danske Bank Bank fa di sé. L’istituto di Copenaghen è alle prese con le dimissioni del suo Ceo Thomas...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

La sensazione nelle ore che precedono l’apertura del vertice europeo informale sul tema migranti, oggi e domani a Salisburgo, è che alla fine si vada verso un nulla di fatto, e che le regole che oggi vedono i paesi geograficamente prossimi...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Grandi fermenti nella maison di Chiara Ferragni. Il divorzio professionale della trentunenne fashion blogger da Riccardo Pozzoli, con il quale aveva mosso i primi passi imprenditoriali, è stato perfezionato. Pozzoli, come risulta a Il Sole 24 Ore...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Divisi su pensione di cittadinanza e pace fiscale, uniti nella crociata per un Fisco più semplice. Che passa per un pacchetto di misure calibrate per ridurre al minimo oneri amministrativi e adempimenti a carico dei contribuenti: dal plafond per...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

I big tech hanno sempre più fame dei dati finanziari degli utenti per allargare il loro campo d’azione. A tornare nella bufera è Facebook: nell’anno in cui è finito nel mirino per il modo in cui gestisce i dati personali, emerge anche che il...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

La Consob scende sul piede di guerra nella lotta all’abusivismo sul web colpendo in modo selettivo gli operatori borderline. I dati che l’ex presidente della Consob Mario Nava avrebbe dovuto presentare in Senato quest’oggi, nel corso di...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Nesta è pronta a lanciare in Italia un fondo per sostenere le imprese artistiche e culturali, su modello dell’Arts Impact Fund inglese, un fondo pilota di oltre 7 milioni di sterline co-investito dall’Arts Council, Bank of America Merrill Lynch, ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Nuova tegola nel caso Intrieri, che scuote i vertici del ministero delle Infrastrutture: ora spunta un curriculum gonfiato. Gaetano Intrieri è uno dei 14 esperti nominato per la Struttura di missione del ministero che avrà il compito di valutare ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

It’s an old boys’ club. Nella City si parla così del mondo finanziario e la definizione si può estendere a livello globale. Non che manchi una presenza massiccia di donne a livello impiegatizio: negli Stati Uniti, ad esempio, rappresentano...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

M5S e Lega contro il ministro dell’Economia, Giovanni Tria. Il copione è noto, e torna ogni autunno all'avvicinarsi della legge di Bilancio: il ministro dell'Economia di turno assediato a via XX settembre in difesa dei conti pubblici e i...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Si chiama Fairness 360 e analizzerà anche i segni di bias, i pegiudizi, gli errori in cui può cadere l’Ai. Lo farà in tempo reale e raccomanderà aggiustamenti.È questo uno degli annunci più interessanti di oggi di Ibm che ha lanciato una ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Dopo aver ridotto drasticamente la loro esposizione in titoli di Stato italiani per un controvalore di 58 miliardi di euro tra maggio e giugno a luglio gli investitori esteri sono tornati timidamente a riposizionarsi sul debito pubblico italiano. Dal ...