Genova e manovra, il precario equilibrio del governo tra Lega e M5s

Pubblicato venerdì, 14 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Che il primo vero ostacolo arrivasse in autunno era scontato fin dall’inizio dell’avventura gialloverde. La sessione di bilancio è sempre stata la cartina di tornasole per testare la solidità delle maggioranza e i rapporti di
forza interni
. Stavolta ancora di più perché interviene in un momento in cui tutti i sondaggi certificano il sorpasso della Lega sul M5s, dopo neppure 4 mesi di governo, con Matteo Salvini protagonista assoluto come sancisce la copertina conquistata su Time.
Il suo omologo pentastellato è cosi obbligato a correre ai ripari. Anche perché nel frattempo Luigi Di Maio ha dovuto fare
i conti con l’onere del governare, come dimostra il caso Ilva che gli ha creato non pochi problemi con il suo elettorato.
Il leader del M5s è così passato al contrattacco, chiedendo anzitutto garanzie per il reddito di cittadinanza nella manovra, ma anche mettendosi di traverso sulla possibilità che il ruolo di primo piano sulla ricostruzione del ponte di Genova sia affidato
a un esponente politico riconducibile alla Lega
, quale sarebbe il governatore della Liguria Giovanni Toti. Non solo perché espressione della maggioranza di centrodestra
che guida regione e città, ma soprattutto perché pur essendo di Fi è da sempre vicino a Salvini e sostenitore del partito
unico del centrodestra.
Lo stesso vale per il sottosegretario leghista Rixi e per qualunque altro esponente politico. Salvini lo sa bene e mostra
anche comprensione verso le difficoltà del suo alleato di governo tant'è che su Genova sta evitando di manifestare apertamente
il proprio pensiero. Ma forse non si tratta solo di magnanima comprensione. Salvini potrebbe aver deciso di replicare lo schema già utilizzato in occasione della formazione del governo quando inaspettatamente
lasciò a Di Maio il ministero dello Sviluppo e quello del Lavoro
. Due dicasteri prestigiosi ma che espongono chi li guida anche al rischio di ritrovarsi ogni giorno a fare i conti con lavoratori
arrabbiati e imprese in crisi mentre dal Viminale Salvini miete consensi lanciandosi quotidianamente nella campagna antisbarchi.

Vale anche per Genova. Di Maio si sta assumendo un grande rischio. La ricostruzione non si fa a parole e tra qualche mese,
magari proprio durante la campagna per le europee che si terranno a maggio, a pagare il prezzo per le inevitabili difficoltà
sulla realizzazione del nuovo ponte potrebbe essere proprio il M5s e i quindi il suo leader. Difficoltà che si sommeranno
a quelle incontrate sulla manovra. Di Maio è convinto che alla fine le risorse per il reddito di cittadinanza si troveranno. «Anche Padoan si opponeva agli 80euro ma alla fine ha dovuto piegare la testa con Renzi», è il ragionamento che filtra dai
5 stelle.
Ma difficilmente potranno arrivare quei 10 miliardi necessari per far arrivare l’aiuto a una vasta platea. A differenza del suo predecessore, l’attuale ministro dell’Economia Giovanni Tria deve accontentare non uno ma due fronti.
E se dà 10 miliardi a Di Maio, altrettanti deve garantirne alla Lega. Salvini ha già detto che non intende rinunciare a quota
100 sulle pensioni e all’avvio della riduzione delle tasse. Per ora i la tensione si sta scaricando su via XX Settembre. Ma
nelle prossime ore i due vicepremier saranno costretti a trattare e a scegliere sulla manovra come su Genova, dove il presidente
del consiglio Giuseppe Conte arriva con un decreto che, alla fine, il consiglio dei ministri è stato costretto ad approvare
con la formula “salvo intese” , certificando che, anche sulla ricostruzione del ponte a un mese dal crollo, l'accordo ancora
non c'è.

Tag: #Notizie #Politica

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Matteo Salvini si appresta a uscire da vincitore anche dalla partita sulla Rai. il vicepremier e leader della Lega alla fine è riuscito a far seppellire l’ascia di guerra a Forza Italia che venerdì (o al più tardi martedi) voterà quel Marcello...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

L’area del Colosseo, diventata l’anno scorso parco archeologico, si rimette in gioco. Lo spazio di 77 ettari - comprensivo dell’Anfiteatro Flavio, del Foro Romano, del Palatino, della Domus Aurea, dell’Arco di Costantino e dei resti della...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

«Siamo una banca nordica con forti radici locali e ponti nel resto del mondo». A posteriori, c’è qualcosa di ironico nella descrizione che Danske Bank Bank fa di sé. L’istituto di Copenaghen è alle prese con le dimissioni del suo Ceo Thomas...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

La sensazione nelle ore che precedono l’apertura del vertice europeo informale sul tema migranti, oggi e domani a Salisburgo, è che alla fine si vada verso un nulla di fatto, e che le regole che oggi vedono i paesi geograficamente prossimi...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Grandi fermenti nella maison di Chiara Ferragni. Il divorzio professionale della trentunenne fashion blogger da Riccardo Pozzoli, con il quale aveva mosso i primi passi imprenditoriali, è stato perfezionato. Pozzoli, come risulta a Il Sole 24 Ore...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Divisi su pensione di cittadinanza e pace fiscale, uniti nella crociata per un Fisco più semplice. Che passa per un pacchetto di misure calibrate per ridurre al minimo oneri amministrativi e adempimenti a carico dei contribuenti: dal plafond per...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

I big tech hanno sempre più fame dei dati finanziari degli utenti per allargare il loro campo d’azione. A tornare nella bufera è Facebook: nell’anno in cui è finito nel mirino per il modo in cui gestisce i dati personali, emerge anche che il...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

La Consob scende sul piede di guerra nella lotta all’abusivismo sul web colpendo in modo selettivo gli operatori borderline. I dati che l’ex presidente della Consob Mario Nava avrebbe dovuto presentare in Senato quest’oggi, nel corso di...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Nesta è pronta a lanciare in Italia un fondo per sostenere le imprese artistiche e culturali, su modello dell’Arts Impact Fund inglese, un fondo pilota di oltre 7 milioni di sterline co-investito dall’Arts Council, Bank of America Merrill Lynch, ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Nuova tegola nel caso Intrieri, che scuote i vertici del ministero delle Infrastrutture: ora spunta un curriculum gonfiato. Gaetano Intrieri è uno dei 14 esperti nominato per la Struttura di missione del ministero che avrà il compito di valutare ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

It’s an old boys’ club. Nella City si parla così del mondo finanziario e la definizione si può estendere a livello globale. Non che manchi una presenza massiccia di donne a livello impiegatizio: negli Stati Uniti, ad esempio, rappresentano...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

M5S e Lega contro il ministro dell’Economia, Giovanni Tria. Il copione è noto, e torna ogni autunno all'avvicinarsi della legge di Bilancio: il ministro dell'Economia di turno assediato a via XX settembre in difesa dei conti pubblici e i...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Si chiama Fairness 360 e analizzerà anche i segni di bias, i pegiudizi, gli errori in cui può cadere l’Ai. Lo farà in tempo reale e raccomanderà aggiustamenti.È questo uno degli annunci più interessanti di oggi di Ibm che ha lanciato una ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Dopo aver ridotto drasticamente la loro esposizione in titoli di Stato italiani per un controvalore di 58 miliardi di euro tra maggio e giugno a luglio gli investitori esteri sono tornati timidamente a riposizionarsi sul debito pubblico italiano. Dal ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Le lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento che effettuano un lavoro a turni svolto parzialmente in orario notturno devono ritenersi svolgere un lavoro notturno e godono della tutela specifica contro i rischi ai quali tale lavoro ...