Fondo innovazione, 500 milioni dalla Cdp e 500 di risorse statali

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Si delinea la dote e la governance del Fondo nazionale innovazione per il supporto al venture capital. I particolari emergono
dalla direttiva del ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio. Dal testo, non ancora pubblicato ma visionato dal Sole
24 Ore nelle sue bozze, emerge come si arriva alla somma di un miliardo di euro preannunciata dal governo. La Cassa depositi
e prestiti ha il diritto di opzione per acquisire da Invitalia il 70% della società di gestione del risparmio Invitalia Sgr.
A Invitalia resterà il 30%. Il consiglio di amministrazione sarà composto da 9 membri, 6 nominati da Cdp, di cui due membri
indipendenti; tre nominati da Invitalia. Il cda nominerà il presidente scegliendolo tra uno dei consiglieri in quota Invitalia,
mentre l’amministratore delegato dovrà essere espressione di Cdp. Ma dovrebbe essere prevista una forma di gradimento incrociato.
Per quanto riguarda la dote, circa 400 milioni sono risorse pubbliche pre-esistenti, già oggi in capo a Invitalia Sgr; 110
milioni (in 7 anni) sono fondi statali stanziati con l’ultima legge di bilancio. E risorse almeno pari al contributo statale,
quindi 510 milioni totali, dovranno essere apportate progressivamente dalla Cdp, che metterà in campo più investimenti diretti
che investimenti in altri fondi.
In particolare, dall’attuale gestione di Invitalia Sgr arrivano 87 milioni del Fondo Invitalia Venture I dei quali 50 milioni
a valere sul Fondo statale crescita sostenibile, mentre il resto deriva dagli apporti di Bei, Cisco, Fondazione di Sardegna,
Metec. Ci sono poi i 150 milioni di Invitalia Venture II cioè il Fondo per la crescita delle imprese del Sud. E si sommano
anche le risorse, pari a 200 milioni, del Fondo antidelocalizzazione che il precedente governo aveva assegnato a Invitalia
per il rilancio di complessi manifatturieri di aziende con più di 250 dipendenti.
Rispetto al miliardo preannunciato, sembrerebbe dunque una voce aggiuntiva il 15% di utili o dividendi delle partecipate del
Tesoro che la legge di bilancio prevede debbano essere utilizzati per gli investimenti che potrà effettuare direttamente il
ministero dello Sviluppo in fondi per il venture capital o in fondi di fondi, come appunto il Fondo nazionale innovazione.
La norma stabilisce comunque che l’apporto delle partecipate dovrà avvenire tramite un decreto del ministero dell’Economia,
«nel rispetto degli obiettivi di finanza pubblica».








L’atto dello Sviluppo regola anche le tappe dell’operazione. Subito dopo l’entrata in vigore della direttiva (il giorno successivo
alla sua pubblicazione sul sito del ministero) Cdp e Invitalia devono inviare comunicazione preventiva dell’operazione a Banca
d’Italia. Entro 60 giorni, devono sottoscrivere il contratto di cessione condizionato al via libera da parte di Bankitalia.
In ogni caso, il diritto di opzione dovrà essere esercitato entro 15 giorni dalla stipula del contratto. Il corrispettivo
dell’operazione è fissato provvisoriamente nel valore del patrimonio netto contabile di Invitalia, ma dovrà poi essere un
advisor a stabilire l’importo definitivo.
L’assetto della Sgr potrà variare con successivi aumenti di capitale e nuovi soci, ma solo nei primi cinque anni e con il
consenso di Invitalia. Quest’ultima non potrà comunque scendere sotto il 20% e, nel caso intenderà cedere il restante 10% o
una quota inferiore ad un soggetto privato, la Cdp avrà diritto di prelazione.
Infine la direttiva prevede che, fino al perfezionamento dell’operazione, Invitalia Sgr si limiti ai soli atti di ordinaria
amministrazione sulla gestione dei fondi Venture I e Venture II-Fondo Sud.

Tag: #FinanzaEMercati #InPrimoPiano

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Se la Banca centrale europea non vuol ripetere l’errore compiuto dalla Federal reserve che ha causato la Grande crisi, accenda subito i fari sulla finanza digitale. È una condizione necessaria, anche se non sufficiente, per evitare di trovarsi...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il nostro governo sembra guardare al Giappone come modello ideale di finanza pubblica: un debito e un deficit pubblici più elevati dei nostri, ma senza inflazione e preoccupazioni per lo spread. Quindi, la colpa dei nostri problemi sarebbe da...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Cinquecento giovani da tutto il mondo, metà imprenditori, l’altra metà economisti, tutti rigorosamente under trentacinque, si ritroveranno ad Assisi dal 26 al 28 marzo del prossimo anno per partecipare a “The Economy of Francesco”. A...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Entrare nella testa dei gladiatori, nei loro pensieri, visitare i loro sogni la notte prima di entrare nell’arena del Colosseo, dove si giocavano la vita. La tecnologia viene in soccorso della storia, come sempre più spesso accade nel raccontare ...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Partiamo dalle notizie, anzi dalle denunce. Amazon è stata accusata di registrare dati dei bambini senza il consenso dei genitori con il dispositivo Echo Dot Kids Edition, la versione per ragazzi del suo speaker. Siamo negli Stati Uniti, il...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Giovane, perché l’esigenza è di ringiovanire un elettorato troppo âgé. Figlio di immigrati (europei, e integrati) per dar l’idea di sostenere un nazionalismo “aperto”. Cittadino delle banlieues, che in passato erano una roccaforte del ...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È passato a miglior vita, si dice spesso quando muore qualcuno. Ma alla 72esima edizione del Festival di Cannes il trapasso si è trasformato in una condizione transitoria. Così almeno sembrano raccontare i film in gara alla kermesse più sfarzosa ...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Lo hanno chiamato «salva motociclisti» ed era atteso da almeno dieci anni, quando il ministero delle Infrastrutture costituì il primo gruppo di lavoro sul tema delle protezioni da mettere vicino all’asfalto per evitare che la testa di chi cade...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

NEW YORK - La Casa Bianca prepara una marcia indietro parziale e temporanea nella sua crociata contro Huawei per impedire lo stop delle reti di tlc nelle aree rurali degli Stati Uniti. Ma è pronta a vietare tutti i nuovi acquisti di chip e...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

La buona notizia è che dopo aver toccato i 292 punti base mercoledì, lo spread tra BTp e Bund si è un po’ calmato. Ieri ha chiuso a 278. La cattiva notizia è che nelle prossime settimane e mesi almeno tre forze convergenti rischiano di...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Della manifestazione sovranista di Piazza Duomo a Milano si continuerà a discutere nei prossimi giorni: dei numeri, come sempre controversi, delle contestazioni dell’«altra» Milano, tra striscioni ai balconi e contro-cortei, del bilancio...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È Rafa Nadal il primo finalista degli Internazionali d’Italia di Roma, quinto Masters 1000 della stagione. Lo spagnolo numero 2 del mondo ha battuto il greco Stefanos Tsitsipas, ottava testa di serie del torneo, con i parziali di 6-3, 6-4 in...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Passa dalle Terme di Castrocaro l’ultima scommessa del re della sanità privata, il self-made-man romagnolo Ettore Sansavini, partito da Lugo una cinquantina d’anni fa con in tasca solo un sogno (creare cliniche private di alta complessità in...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Hanno fatto come gli hedge funds. Quattro ricercatori universitari americani hanno provato a usare “fonti alternative di dati” per investire in Borsa: le foto scattate dai satelliti spaziali ai parcheggi dei centri commerciali. Sì...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È in corso e durerà fino a domenica 19 maggio a Urbino il festival Urbino e le Città del Libro. Il tema del il festival letterario nato nel 2014 è “Pianeti irritabili”: un tributo a Paolo Volponi, «alle sue opere, al suo sguardo sulla...