Da Moody’s nessun giudizio sull’Italia. Il rating resta invariato

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Nessun giudizio sullo stato di salute del debito sovrano dell’Italia, il che, per i mercati, equivale a una conferma del rating
e anche dell’outlook, che resta quindi stabile. Mentre il rating era stato declassato a ottobre 2018 a livello Baa3, appena
prima del livello “junk”. Tecnicamente non si tratterebbe di un rinvio della valutazione da parte di Moody’s ma di una sorta
di “no news, good news” per l’Italia. Del resto, poche settimane fa la stessa agenzia di rating aveva lasciato intendere che
non ci sarebbero state revisioni, almeno nell’immediato, per quanto riguardava le “pagelle” del Paesi europei.
Nel corso della giornata di venerdì Piazza Affari, che è arrivata a guadagnare oltre un punto percentuale sui massimi da ottobre
- quasi +15% da inizio anno - alla fine ha chiuso con un rialzo dello 0,8% trainata dal settore tecnologico, senza mostrare
particolari timori per il verdetto di Moody's sul rating italiano.
Sempre in Europa, Standard & Poor’s ha alzato il rating del Portogallo a BBB (lo stesso livello che l’agenzia assegna anche all’Italia) con outlook stabile.
A metà febbraio, Kathrin Muehlbronner, senior vice president e lead analyst per l’Italia di Moody’s, a margine della Credit
Trends Conference a Milano, aveva parlato di «un significativo rischio di elezioni anticipate in Italia, probabilmente dopo le elezioni europee» in calendario in primavera. Nella stessa occasione l’agenzia prevedeva di rivedere
al ribasso le stime di crescita – «sicuramente sotto l'1%, probabilmente a un valore tra 0 e +0,5% nel 2019» – perché «le
misure di riforma sono state rimandate, anche tutta l’Europa sta rallentando, questo non è positivo». La precedente stima
dell’agenzia, di novembre2018, parlava di una crescita dell’1,3% nel 2019. Questo, almeno per il momento, non dovrebbe incidere
sul rating sovrano dell’Italia: «Abbiamo un outlook stabile, copre 12-18 mesi, ci dovrebbero essere performance molto diverse
da quelle attese per cambiare ancora l'outlook e non vediamo cambiamenti».
Gli altri giudizi nel recente passato
In precedenza, il 22 febbraio scorso, era stata l’agenzia di rating Fitch a esprimere il suo giudizio sull’Italia. Fitch aveva deciso di lasciare invariato il rating a BBB (a un passo, quindi, dal
livello “junk”), ma con un outlook negativo. Secondo l’agenzia era «probabile il voto anticipato» nei mesi a venire. Prima
ancora, il 26 ottobre ottobre 2018, S&P aveva scelto un giudizio praticamente analogo, confermando il rating ma tagliando l’outlook a negativo. Diverso, invece,
e non in meglio, il giudizio di Moody’s pochi giorni prima (il 19 ottobre 2018), con il declassamento dell’Italia a livello Baa3 ma, in compenso, con outlook stabile.








I quattro mesi di fuoco di conti italiani
Lo scorso 22 febbraio, con il giudizio espresso da Fitch, sono di fatto cominciati quattro mesi caldissimi per i conti pubblici italiani. Successivamente, a inizio marzo, è stata la volta del dato Istat sul Pil nel quarto trimestre 2018, ora Moody’s, poi il
26 aprile sarà la volta di Standard & Poor’. Ma prima ci sarà il Def e dopo una nuova stima Istat, ancora sul Pil ma questa
volta sul primo trimestre dell’anno, le previsioni Ue – poi le elezioni europee come intermezzo –, le stime definitive sul
Pil e a giugno le raccomandazioni Paese da parte di Bruxelles: dal giudizio sui conti pubblici italiani si capirà se al governo
verrà chiesta una manovra correttiva, e di quale entità.

Tag: #FinanzaEMercati #InPrimoPiano

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

«Toninelli lo facciamo per te». La frase si legge su un cartello che i senatori di Forza Italia tirano fuori in Aula al Senato subito dopo l'illustrazione delle due mozioni che chiedono le dimissioni immediate del ministro per le infrastrutture...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il 2019 si apre con due campanelli d’allarme sul lavoro: a gennaio le domande di disoccupazione si impennano, e salgono a quota 201.267, in crescita del 13,4 per cento su gennaio 2018. Non solo. Nel cumulato gennaio-febbraio a salire è anche la ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È raro che si celebri il centenario di una poesia. Lo si fa per i grandi libri, per la nascita o la morte di un autore. Ma L’infinito di Leopardi – di cui ricorrono i duecento anni dalla composizione – è forse la più celebre tra le poesie...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Le decisioni di politica monetaria comunicate ieri dalla Fed dopo il suo direttivo sono state più espansive del previsto e il mercato ha reagito comprando titoli di Stato americani innescando un netto calo dei rendimenti che, sulla scadenza a 10...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Istituita dalla XXX sessione della Conferenza Generale Unesco nel 1999 oggi è la Giornata Mondiale della Poesia. Nel mondo e in Italia la giornata è festeggiata da tantissime iniziative, a cominciare dal ricordo di Alda Merini, nata il 21 marzo ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

La Commissione ritiene che la proroga, stabilita nel 2009, dal 2028 al 2046 della concessione di lavori relativa all'autostrada A 12 Civitavecchia-Livorno costituisca la modifica di un termine essenziale di tale concessione. Tale proroga equivarrebbe ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

A gennaio sono arrivate all'Inps 201.267 richieste di sussidio disoccupazione (tra le quali 198.294 domande di Naspi) con una crescita del 13,4% su gennaio 2018. È il dato più alto a gennaio negli ultimi quattro anni. A dicembre le ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Nel 2015, un debitore della Tecnoservice ha ordinato alla propria banca di effettuare un pagamento, tramite bonifico bancario, in favore di tale società, mediante accredito su un conto corrente aperto presso Poste italiane, individuato, ai sensi...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il conto alla rovescia per la missione Eunavfor Med Sophia avviata nel 2015 contro i trafficanti di migranti è iniziato e il governo giallo verde, attraverso due dei suoi principali dicasteri, è in campo per trovare “in zona Cesarini” un...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

«Sarò in Basilicata per le elezioni, ci saranno altri esponenti della Lega». Così il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini spiega in una intervista a Radio24 il perché non sarà al pranzo ufficiale con Xi Jinping. Il presidente...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Ci sono tanti eroi nascosti nella fantasia dei bambini e i Transformers sono tra questi. Il loro slogan è «More than meets the eye» insomma andare oltre al primo sguardo per cogliere l’essenza delle cose perché quello chevediamo, in...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Con il baricentro sempre ben piantato sulla rete elettrica nazionale che, non a caso, assorbirà quasi tutto lo sforzo previsto, Terna è pronta a puntare 6,2 miliardi di euro di investimenti da qui ai prossimi cinque anni per sostenere, in modo...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Indici europei in ordine sparso all'indomani dell'attesa riunione della Fed 'colomba': Milano sale dello 0,13% mentre Francoforte cede lo 0,4%, Londra lo 0,3% e Parigi lo 0,16%. I toni più accomodanti del previsto della Federal Reserve hanno portato...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Sorpresa: le targhe diventeranno personali. Cioè seguiranno l’intestatario e non più il veicolo. Lo sta per proporre il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, ormai deciso a riesumare una norma rimasta inattuata dal 2010. Così ha fatto ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Manette contro una loggia massonica segreta a Castelvetrano, il paese natale del boss latitante Matteo Messina Denaro. Coordinati dalla Procura, i carabinieri hanno eseguito 27 arresti per reati contro la Pa, l'amministrazione della giustizia ...