Champions League, i sorteggi non dicono che i «veri» vincitori sono le 4 squadre inglesi

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Se da un lato prettamente calcistico la corsa alla Champions League si riduce alle ultime 8 contendenti (il sorteggio nella cittadina svizzera di Nyon di venerdì 15 marzo ha disposto che nei quarti di finale la Juventus incontrerà l’Ajax),
dall’altro prettamente “economico” è da registrare il dominio della Premier League (4 le squadre qualificate in questa fase), visti i premi e i ricavi derivanti dal ranking Uefa per i singoli club inglesi.
Ma procediamo con ordine.
Il sorteggio di Nyon
L’andata dei quarti di finale dell’unica squadra italiana si svolgerà in Olanda (9 o 10 aprile), mentre il ritorno sarà disputato
a Torino una settimana più tardi (16 o 17). In caso di qualificazione alla semifinale, la Juventus incrocerà la vincente del
derby inglese tra Tottenham e Manchester City giocando la gara di andata in Inghilterra (30 aprile o 1° maggio) e il ritorno (7/8 maggio) all’Allianz Stadium. Gli altri due quarti vedranno affrontarsi Liverpool-Porto e Barcellona-Manchester United e le vincenti di queste sfide si affronteranno nell'altra semifinale dove si spera ci
sia la squadra italiana.
Il primato della Premier League
A parte i risultati sul “campo”, come anticipato, è da registrare subito che il
dominio della Premier League (4 le squadre inglesi) è anche un dominio economico: i club inglesi partecipanti alla competizione
hanno raccolto poco meno di 183 milioni soltanto per quanto riguarda i premi sportivi, a cui aggiungere altri 94 milioni previsti
dalla nuova ripartizione dei ricavi, derivanti dal ranking Uefa dei singoli club. Il Manchester City guarda tutti dall'alto in basso per quanto fatto sul campo: 50,55 milioni di premi sportivi, primo a pari merito col sorprendente
Porto che ha chiuso il girone con 5 successi (più di chiunque in tutta la Champions) e il suo nome sarà oggi nell'urna del sorteggio
per i quarti di finale.

Sorprendenti fino a un certo punto, i portoghesi, perché pure il ranking Uefa è dalla loro parte. Nella classifica generale
sono ottavi e tra le squadre giunte a questa fase del torneo hanno davanti soltanto Juventus, Manchester United e Barcellona. I catalani sono gli unici, al momento, a essersi assicurati una base di ricavi superiore a quella del Porto:
i lusitani attualmente otterrebbero 50,55 milioni di premi sportivi (15,25 per l'accesso ai gironi, 15,3 per i risultati della
prima fase, 20 per l'accesso ai quarti) a cui aggiungere 28,8 milioni per il
piazzamento nel ranking, per un totale di poco superiore ai 79 milioni di euro.
Il Barcellona, invece, tocca quota 84 milioni con la “spinta” dei 34,4 milioni ottenuti grazie al ranking (nel quale è secondo alle spalle
del Real Madrid).
Il ranking per coefficienti è la novità di questa edizione della Champions League per ciò che riguarda i ricavi e, di fatto,
ha limitato il “potere” del market pool, che nelle scorse stagioni ha influenzato pesantemente la ripartizione tra i club
partecipanti. Adesso la quota di mercato vale in percentuale soltanto il 15% dell'intero montepremi (292 milioni in totale
da suddividere in base alle nazioni), mentre il ranking deecnnale rappresenta la fetta più ampia della torta. In totale la
somma da distribuire è di 585 milioni, in quote da 1,108 milioni ciascuna: la squadra con il coefficiente più basso prende
questa cifra, la prima nel ranking invece prende 32 quote (pari dunque a 35,46 milioni).
Pur con un market pool depotenziato, la Juventus è sulla scia delle principali concorrenti per la ripartizione dei ricavi
della Champions League. Per i risultati sul campo sarebbe fuori dal podio (46,77 milioni di euro), ma il ranking per coefficienti
la farebbe balzare al terzo posto dietro a Barcellona e Porto con una previsione di 76,7 milioni. Il Manchester United, con
un ranking migliore, paga un girone non esaltante e infatti sarebbe subito alle spalle dei bianconeri, con 75,8 milioni di
ricavi. Prime tra le escluse dagli ottavi Bayern Monaco (71,8 milioni) e Real Madrid (71,3 milioni). I loro nomi non sono stati estratti dall'urna di Nyon, però allo stato attuale delle cose avrebbero proventi
superiori ad almeno tre dei club qualificati al turno successivo.

Tag: #Sport24 #Calcio

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

L’attenzione è tutta concentrata sul verdetto di domenica. Ma la data da cerchiare in rosso, per capire come andrà a finire l’alleanza tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio, è quella di martedì 28, quando nell’Aula del Senato arriverà il...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Come immaginabile, almeno fino a quando non sarà più chiaro se ci sarà una via di uscita nell’empasse Google-Huawei, o se invece il colosso cinese dovrà procedere portando il sistema operativo a cui sta lavorando internamente dal 2012 sui suoi...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Altra giornata difficile per il Governo britannico. British Steel, il secondo gruppo siderurgico, è al collasso e ha appena annunciato di essere entrato in amministrazione controllata, mettendo a rischio i posti di lavoro di cinquemila dipendenti e...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

I prossimi giorni saranno decisamente importanti per i contribuenti e per i professionisti alle prese con le scelte sulla pace fiscale. Entro il 31 maggio, infatti, si dovrà decidere se aderire alla chiusura delle liti tributarie pendenti, alla ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Rottamazione con rate in formato extralarge ad alto appeal. La corsa alla presentazione delle domande di adesione alla terza edizione della sanatoria delle cartelle, che per i debiti tributari dà diritto alla cancellazione di sanzioni e interessi ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Generali avrebbe avviato contatti preliminari per acquistare gli asset di MetLife in Europa Centrale. Lo scrive Bloomberg, sottolineando che il business potrebbe valere fino a 2 miliardi di euro ed è concentrato in Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Primo anno di applicazione per gli Isa, gli indici sintetici di affidabilità, in sostituzione degli studi di settore: un esordio che porta molti dubbi sullo strumento delle pagelle fiscali. Un nuovo regime di riporto delle perdite per i soggetti in...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È un lunghissimo applauso quello che ha accolto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, appena giunto all’Auditorium della Musica a Roma per partecipare all’assemblea annuale di Confindustria. Insieme a lui anche il premier Giuseppe...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Con una sforbiciata di un punto rispetto alle stime precedenti dello scorso novembre, l’Istat riduce allo 0,3% le previsioni di crescita del Pil italiano nel 2019, superando comunque le ipotesi di Bruxelles e andando anche oltre di un decimale...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Sulle elezioni europee le fake news non sfondano e l'informazione professionale resta vincente. È quanto emerge da dal più grande studio paneuropeo sull'uso di Twitter e Facebook per la disinformazione politica, pubblicato oggi dai ricercatori del...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

“Un handicap di Polo è un passaporto per il mondo”, diceva Winston Churchill, che ne coltivò l'amore per tutta la vita. Il fascino di questo sport elegante, veloce e glamorous si gioca in Italia su più di 20 campi e l'anno scorso, per i ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È l’unica regione dove si andrà al voto il 26 maggio. E così il Piemonte dovrà, più o meno suo malgrado, fare da test per capire cosa si muove a livello amministrativo. Si capirà se l’attuale assetto del Governo favorirà la corsa di...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il colosso alimentare francese Lactalis punta a rilevare il gruppo Nuova Castelli, principale esportatore italiano di parmigiano reggiano. La nuova mossa della multinazionale della famiglia Besnier, che in Italia detiene già Parmalat, scalata nel...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Un piano da 20 milioni di euro per la mobilità elettrica a Roma con l’obiettivo di installare, da qui, al 2022 quasi 2mila colonnine (le prime 50 già quest’anno). Sono i numeri dello sforzo che Acea, la multiutility capitolina, ha intenzione di ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Segno meno in avvio per le Borse europee, con i mercati che attendono indicazioni da parte del presidente della Bce Mario Draghi e delle minute della Fed di stasera. Intanto, resta la tensione sul fronte commerciale, senza novità di rilievo mentre ...