Amazon, tangenti e bustarelle dai venditori: dipendenti licenziati

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Sole 24 ORE

Un'indagine interna durata quasi quattro mesi. Adesso la decisione di allontanare alcuni dipendenti. È quanto successo in
Amazon, alle prese con un problema che dal finire della scorsa estate ha tenuto banco: la fuga di dati sensibili e il lavoro
sporco per agevolare alcuni venditori terzi. Secondo quanto riferisce il Wall Street Journal, in questi giorni il colosso
di Jeff Bezos ha mandato a casa alcuni impiegati che lavoravano negli Stati Uniti, ma anche in India e in Cina. Il tutto al culmine dell'indagine avviata a inizio settembre, nata da alcune denunce e da un funzionamento dell'algoritmo che è stato palesemente forzato.
L'inferno del Marketplace
Tutto è nato all'interno di Amazon Marketplace, la piattaforma di eCommerce proposta da Amazon ai venditori terzi. Da qualche
tempo, infatti, Amazon offre la possibilità un po' a chiunque di vendere attraverso il suo sito. Il costo per diventare un
venditore è (in Italia) di 39 euro al mese più le revenue per ogni vendita (qui la percentuale è variabile). I numeri di questa
storia sono enormi: su Amazon ci sono oggi oltre 2 milioni di venditori terzi in tutto il mondo, e danno vita ad un giro d'affari
milionario. Solo nel 2017, Marketplace ha prodotto per Amazon ricavi per 200 milioni di dollari, costituendo più della metà
delle vendite effettuate sul sito. Inutile dire che si tratta di una vetrina importantissima, per chi vende online. Oggi Amazon
è il regno dell'eCommerce, e il suo motore di ricerca verticale ha di gran lunga staccato tutti gli altri relativemente alla
ricerca di prodotti da acquistare sul web. Ma il Marketplace è anche un luogo dove la competizione è estrema. Ed è proprio
da questa competizione che sono emerse le pratiche scorrette che hanno portato alla decisione di allontanare alcuni impiegati.

I fatti
Secondo quanto appurato, alcuni dipendenti di Amazon avrebbero agevolato alcuni venditori dietro il pagamento di tangenti.
Le classiche bustarelle (fino a due mila dollari per intervento) che sarebbero servite per controllare l'algoritmo e falsarne
i risultati di ricerca. Come? In più modi. In primis, alcuni impiegati avrebbero consegnato nelle mani di alcuni venditori
i dati sensibili di determinati prodotti (chiavi di ricerca, descrizioni e quant'altro), informazioni strettamente riservate
che oggi si troverebbero sul deep web a poche migliaia di dollari. Giova ricorda che Amazon utilizza diversi criteri per stabilire
l'ordine di comparsa dei prodotti dopo una ricerca. Fra questi: qualità e quantità delle recensioni, reputazione del venditore,
click degli utenti, popolarità del prodotto e prezzo. Con queste informazioni (che sono alla base dell'algoritmo) in suo possesso,
qualsiasi venditore può trovare la strada giusta per scalare la ricerca. Ma non è finita qui: alcuni dipendenti corrotti sarebbero
intervenuti direttamente sulle recensioni verificate: cancellando quelle negative sui prodotti dei venditori amici, e inserendone
di pessime su quelli della concorrenza.

Secondo fonti vicine all'azienda, nelle ultime settimane Amazon ha anche cancellato migliaia di recensioni sospette, limitato
l'accesso dei venditori ai dati dei clienti sul proprio sito web e ha bloccato alcune tecniche che permettevano di ingannare
l'algoritmo per far emergere prodotti più in alto nei risultati di ricerca.

Tag: #ImpresaETerritori #Servizi

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

La Mare Jonio, imbarcazione della ong Mediterranea Saving Humans, battente bandiera italiana, ha soccorso oggi a 42 miglia dalle coste libiche 49 persone che si trovavano a bordo di un gommone in avaria che imbarcava acqua. L'intervento...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Nuova bocciatura per il ministero dei Beni culturali: il Tar della Campania ha accolto il ricorso del Comune di Napoli contro il provvedimento del ministero sulla vicenda delle griglie di ventilazione in piazza Plebiscito a Napoli, previste dal...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

I bonus fiscali sui lavori edilizi l’anno scorso hanno attivato investimenti per 28,6 miliardi. Quasi un record: la spesa era stata più alta solo nel 2013, quando il timore per la mancata proroga delle detrazioni extra-large aveva innescato la...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

ROMA – La data è ancora riservata ma già fissata a cavallo tra la fine di aprile e i primi di maggio. In quei giorni Roma ospiterà i capi delle intelligence europee e dei Paesi alleati per una conferenza internazionale sui fenomeni della...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È vicina una nuova grande acquisizione per il colosso di Alba Ferrero. Secondo indiscrezioni Ferrero, affiancato dagli advisor Lazard e Credit Suisse, sarebbe infatti favorito per l’acquisto negli Usa della linea di biscotti e degli snack della...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Per lo Champagne un 2018 positivo anche se non manca qualche scricchiolìo che non andrebbe sottovalutato. È quanto emerge dai dati resi noti dal Comitè Champagne, l’organismo interprofessionale del quale fanno parte singoli viticoltori e maison ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

In Italia ci sono 11mila data center che servono oltre 22mila pubbliche amministrazioni. Dal piccolo comune al grande ministero, praticamente ognuno ha il proprio centro elaborazione dati. Con conseguente moltiplicazione di costi e di problemi di...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Anche l’Italia del calcio avrà la divisa ufficiale firmata Giorgio Armani. Dopo aver vestito la Nazionale di calcio inglese e alcuni dei club più importanti a livello internazionale (Newcastle United Fc, Chelsea Fc e Fc Bayern Munich), la maison...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Di 36 centesimi dietro alla Germania, che salirebbero a 98 se il confronto venisse fatto con la Francia. La Spagna, invece, inseguirebbe di oltre tre euro. È questo il quadro che si delineerebbe nel caso in cui anche l’Italia decidesse di adottare ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Resta solo Delta come potenziale partner industriale delle Fs nella nuova Alitalia. Il ritiro di easyJet, che era stata tirata dentro l'operazione quasi con una manovra d'emergenza all'inizio di febbraio, come “piano B” dopo la ritirata di Air...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

I compagni d’armi lo conoscevano con il suo nome di battaglia: ”Tekoser”. Il suo nome vero, come lo ha diffuso su Telegram l’Isis mostrando la sua Tessera sanitaria e la carta di credito, era Lorenzo Orsetti. Originario di Firenze, aveva solo...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Nel mese di febbraio, secondo quanto rileva Terna (la società che gestisce la rete di alta tensione), la domanda di elettricità in Italia è stata di 25,5 miliardi di chilowattora, in flessione del -2,2% rispetto al febbraio del 2018. È un...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il governo di Theresa May non può riproporre per la terza volta il medesimo accordo già bocciato due volte, pur con alcune variazioni semantiche che non cambiano la realtà dei fatti. Lo ha annunciato lo speaker della Camera dei Comuni John Bercow ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il battesimo dell’ultima nave destinata alla Cina è avvenuto giusto qualche settimana fa con la presentazione, a Monfalcone, di Costa Venezia, la più grande unità introdotta da Costa Crociere in quell’area: una stazza lorda da 135.500...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Al Bano non ci sta. Dopo essere stato inserito nella lista nera degli individui considerati minaccia alla sicurezza nazionale, il cantante, con il suo avvocato Cristiano Magaletti, passa all'azione e minaccia di ricorrere alla Corte Europea dei...