Allarme moda: cresce il business dei falsi ed è record di sequestri

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Cappellini in canvas con logo Gucci e l’inconfondibile banda in gros grain rossa e verde. Ma anche zainetti in nylon nero con l’etichetta Prada e portafogli con il monogram Louis Vuitton stampato.
Non è raro vedere questi o altri prodotti in bella mostra per le vie delle città d’arte italiane, esposti su lenzuoli bianchi
stesi sul marciapiede, non lontano dai negozi nei quali sono venduti (a ben altre cifre) i prodotti originali. La contraffazione,
perché di questo si tratta, è un fenomeno che affligge il mondo della moda e del lusso made in Italy in modo sempre più marcato.

PER SAPERNE DI PIÙ / Contraffazione, dal tribunale la tutela alla forma dei Dr. Martens
Lo dicono i dati della Guardia di Finanza, impegnata in prima linea nella lotta ai falsi: se nel 2006 i prodotti di moda sequestrati
dalle Fiamme Gialle erano stati “solo” 14,3 milioni, tra gennaio 2017 e maggio 2018 si è saliti a oltre 68 milioni. Una “medaglia
d’argento” (la moda è seconda per numero di prodotti requisiti dietro il segmento beni di consumo) poco lusinghiera . «I prodotti
contraffatti rappresentano circa un quarto del totale dei beni complessivamente sequestrati riconducibili al settore moda
- spiega il colonnello Paolo Borrelli, capo Ufficio tutela uscite e mercati del III Reparto operazioni del comando generale
della Gdf - gli altri sono relativi a violazioni della sicurezza sui prodotti, diritto d’autore e tutela del made in Italy.
Il mercato della contraffazione si caratterizza per assoluta dinamicità e adattabilità; ha visto sfumare i confini nazionali
e ha beneficiato della delocalizzazione delle produzioni. Dal 2014 al primo semestre 2018 abbiamo eseguito più di 50mila interventi
nel settore». Interventi che partono dai venditori abusivi e segiono le “tracce” dei falsi fino a dogane, magazzini e aziende.








Ad accrescere il fenomeno è stata senza dubbio la diffusione di piattaforme virtuali che vendono beni contraffatti o “copie
fedeli”. L’elenco degli e-store è lungo e alcuni sono perfino dotati di pagamenti Paypal, customer service e procedure di
reso: un “ambiente” sofisticato, del tutto simile a un e-store di lusso, ben diverso da quello dei venditori abusivi che vendono
borse contraffatte (di bassa qualità) sulla spiaggia o per strada.
Il web garantisce ai contraffattori (o a chi commercializza prodotti falsi) anonimità e facilità di aprire e chiudere gli
e-store. E la rete di falsi online è difficile da smantellare, considerato che la transnazionalità degli illeciti porta con
sé una serie di limiti di giurisdizione e di competenza: «I nostri reparti speciali operano uno screening di Internet e del
dark web, ma l’esplorazione è orientata principalmente all’individuazionedi identità collegate al territorio nazionale o aggredibili
tramite la cooperazione internazionale». Ad ogni modo, «tra il 1°gennaio 2017 e il 31 maggio 2018, sono stati chiusi più di
500 siti internet che commercializzavano prodotti falsi», conclude il colonnello.
A confermare la sempre maggiore diffusione della contraffazione nel settore è Pierluigi Roncaglia, managing partner di Spheriens,
studio legale che ha un team di 10 avvocati al lavoro solo sugli aspetti penali: «I casi stanno aumentando: noi ne trattiamo
circa 1.500 l’anno. L’incremento non è legato alla crescente attenzione verso il tema, ma all’aumento del business dei falsi,
soprattutto grazie a Internet». Sul web si trovano non solo le copie, ma anche i falsi registrati, contro cui Spheriens si
è battuto (vincendo in Cassazione) per conto del marchio Louis Vuitton.
La contraffazione non ha solo un impatto sul fatturato dei brand (che, nel 46% dei casi, hanno ammesso l’incidenza nel Global
Business Survey 2018 di MarkMonitor), ma anche sul territorio, complice la perdita di potenziali posti di lavoro e ricavi:
nella sola Lombardia, secondo un’elaborazione di Confcommercio su dati Ocse e Indicam, circa 17mila ogni anno.
Del resto, stima la Camera di commercio di Milano, Lodi e Monza Brianza, la contraffazione mette a rischio il lavoro di 28mila
imprese nella sola Lombardia, dove il settore moda-lusso tocca i 17 miliardi di fatturato. «Il reato di contraffazione è espressione
di vere e proprie attività criminali organizzate che generano un impatto molto negativo sul tessuto economico e sociale,
sia locale che nazionale, in termini di perdita di fatturato, di gettito fiscale, di mancata occupazione e di reimpiego di
risorse di provenienza illecita, a danno del mercato , con gravi ripercussioni sulla sicurezza dei lavoratori e dei consumatori»,
ha detto Luca Bertoni, consigliere della Camera di commercio.

Tag: #Moda #Industria-finanza

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

«Toninelli lo facciamo per te». La frase si legge su un cartello che i senatori di Forza Italia tirano fuori in Aula al Senato subito dopo l'illustrazione delle due mozioni che chiedono le dimissioni immediate del ministro per le infrastrutture...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il 2019 si apre con due campanelli d’allarme sul lavoro: a gennaio le domande di disoccupazione si impennano, e salgono a quota 201.267, in crescita del 13,4 per cento su gennaio 2018. Non solo. Nel cumulato gennaio-febbraio a salire è anche la ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È raro che si celebri il centenario di una poesia. Lo si fa per i grandi libri, per la nascita o la morte di un autore. Ma L’infinito di Leopardi – di cui ricorrono i duecento anni dalla composizione – è forse la più celebre tra le poesie...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Le decisioni di politica monetaria comunicate ieri dalla Fed dopo il suo direttivo sono state più espansive del previsto e il mercato ha reagito comprando titoli di Stato americani innescando un netto calo dei rendimenti che, sulla scadenza a 10...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Istituita dalla XXX sessione della Conferenza Generale Unesco nel 1999 oggi è la Giornata Mondiale della Poesia. Nel mondo e in Italia la giornata è festeggiata da tantissime iniziative, a cominciare dal ricordo di Alda Merini, nata il 21 marzo ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

La Commissione ritiene che la proroga, stabilita nel 2009, dal 2028 al 2046 della concessione di lavori relativa all'autostrada A 12 Civitavecchia-Livorno costituisca la modifica di un termine essenziale di tale concessione. Tale proroga equivarrebbe ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

A gennaio sono arrivate all'Inps 201.267 richieste di sussidio disoccupazione (tra le quali 198.294 domande di Naspi) con una crescita del 13,4% su gennaio 2018. È il dato più alto a gennaio negli ultimi quattro anni. A dicembre le ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Nel 2015, un debitore della Tecnoservice ha ordinato alla propria banca di effettuare un pagamento, tramite bonifico bancario, in favore di tale società, mediante accredito su un conto corrente aperto presso Poste italiane, individuato, ai sensi...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il conto alla rovescia per la missione Eunavfor Med Sophia avviata nel 2015 contro i trafficanti di migranti è iniziato e il governo giallo verde, attraverso due dei suoi principali dicasteri, è in campo per trovare “in zona Cesarini” un...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

«Sarò in Basilicata per le elezioni, ci saranno altri esponenti della Lega». Così il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini spiega in una intervista a Radio24 il perché non sarà al pranzo ufficiale con Xi Jinping. Il presidente...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Ci sono tanti eroi nascosti nella fantasia dei bambini e i Transformers sono tra questi. Il loro slogan è «More than meets the eye» insomma andare oltre al primo sguardo per cogliere l’essenza delle cose perché quello chevediamo, in...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Con il baricentro sempre ben piantato sulla rete elettrica nazionale che, non a caso, assorbirà quasi tutto lo sforzo previsto, Terna è pronta a puntare 6,2 miliardi di euro di investimenti da qui ai prossimi cinque anni per sostenere, in modo...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Indici europei in ordine sparso all'indomani dell'attesa riunione della Fed 'colomba': Milano sale dello 0,13% mentre Francoforte cede lo 0,4%, Londra lo 0,3% e Parigi lo 0,16%. I toni più accomodanti del previsto della Federal Reserve hanno portato...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Sorpresa: le targhe diventeranno personali. Cioè seguiranno l’intestatario e non più il veicolo. Lo sta per proporre il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, ormai deciso a riesumare una norma rimasta inattuata dal 2010. Così ha fatto ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Manette contro una loggia massonica segreta a Castelvetrano, il paese natale del boss latitante Matteo Messina Denaro. Coordinati dalla Procura, i carabinieri hanno eseguito 27 arresti per reati contro la Pa, l'amministrazione della giustizia ...