Allarme moda: cresce il business dei falsi ed è record di sequestri

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Cappellini in canvas con logo Gucci e l’inconfondibile banda in gros grain rossa e verde. Ma anche zainetti in nylon nero con l’etichetta Prada e portafogli con il monogram Louis Vuitton stampato.
Non è raro vedere questi o altri prodotti in bella mostra per le vie delle città d’arte italiane, esposti su lenzuoli bianchi
stesi sul marciapiede, non lontano dai negozi nei quali sono venduti (a ben altre cifre) i prodotti originali. La contraffazione,
perché di questo si tratta, è un fenomeno che affligge il mondo della moda e del lusso made in Italy in modo sempre più marcato.

PER SAPERNE DI PIÙ / Contraffazione, dal tribunale la tutela alla forma dei Dr. Martens
Lo dicono i dati della Guardia di Finanza, impegnata in prima linea nella lotta ai falsi: se nel 2006 i prodotti di moda sequestrati
dalle Fiamme Gialle erano stati “solo” 14,3 milioni, tra gennaio 2017 e maggio 2018 si è saliti a oltre 68 milioni. Una “medaglia
d’argento” (la moda è seconda per numero di prodotti requisiti dietro il segmento beni di consumo) poco lusinghiera . «I prodotti
contraffatti rappresentano circa un quarto del totale dei beni complessivamente sequestrati riconducibili al settore moda
- spiega il colonnello Paolo Borrelli, capo Ufficio tutela uscite e mercati del III Reparto operazioni del comando generale
della Gdf - gli altri sono relativi a violazioni della sicurezza sui prodotti, diritto d’autore e tutela del made in Italy.
Il mercato della contraffazione si caratterizza per assoluta dinamicità e adattabilità; ha visto sfumare i confini nazionali
e ha beneficiato della delocalizzazione delle produzioni. Dal 2014 al primo semestre 2018 abbiamo eseguito più di 50mila interventi
nel settore». Interventi che partono dai venditori abusivi e segiono le “tracce” dei falsi fino a dogane, magazzini e aziende.








Ad accrescere il fenomeno è stata senza dubbio la diffusione di piattaforme virtuali che vendono beni contraffatti o “copie
fedeli”. L’elenco degli e-store è lungo e alcuni sono perfino dotati di pagamenti Paypal, customer service e procedure di
reso: un “ambiente” sofisticato, del tutto simile a un e-store di lusso, ben diverso da quello dei venditori abusivi che vendono
borse contraffatte (di bassa qualità) sulla spiaggia o per strada.
Il web garantisce ai contraffattori (o a chi commercializza prodotti falsi) anonimità e facilità di aprire e chiudere gli
e-store. E la rete di falsi online è difficile da smantellare, considerato che la transnazionalità degli illeciti porta con
sé una serie di limiti di giurisdizione e di competenza: «I nostri reparti speciali operano uno screening di Internet e del
dark web, ma l’esplorazione è orientata principalmente all’individuazionedi identità collegate al territorio nazionale o aggredibili
tramite la cooperazione internazionale». Ad ogni modo, «tra il 1°gennaio 2017 e il 31 maggio 2018, sono stati chiusi più di
500 siti internet che commercializzavano prodotti falsi», conclude il colonnello.
A confermare la sempre maggiore diffusione della contraffazione nel settore è Pierluigi Roncaglia, managing partner di Spheriens,
studio legale che ha un team di 10 avvocati al lavoro solo sugli aspetti penali: «I casi stanno aumentando: noi ne trattiamo
circa 1.500 l’anno. L’incremento non è legato alla crescente attenzione verso il tema, ma all’aumento del business dei falsi,
soprattutto grazie a Internet». Sul web si trovano non solo le copie, ma anche i falsi registrati, contro cui Spheriens si
è battuto (vincendo in Cassazione) per conto del marchio Louis Vuitton.
La contraffazione non ha solo un impatto sul fatturato dei brand (che, nel 46% dei casi, hanno ammesso l’incidenza nel Global
Business Survey 2018 di MarkMonitor), ma anche sul territorio, complice la perdita di potenziali posti di lavoro e ricavi:
nella sola Lombardia, secondo un’elaborazione di Confcommercio su dati Ocse e Indicam, circa 17mila ogni anno.
Del resto, stima la Camera di commercio di Milano, Lodi e Monza Brianza, la contraffazione mette a rischio il lavoro di 28mila
imprese nella sola Lombardia, dove il settore moda-lusso tocca i 17 miliardi di fatturato. «Il reato di contraffazione è espressione
di vere e proprie attività criminali organizzate che generano un impatto molto negativo sul tessuto economico e sociale,
sia locale che nazionale, in termini di perdita di fatturato, di gettito fiscale, di mancata occupazione e di reimpiego di
risorse di provenienza illecita, a danno del mercato , con gravi ripercussioni sulla sicurezza dei lavoratori e dei consumatori»,
ha detto Luca Bertoni, consigliere della Camera di commercio.

Tag: #Moda #Industria-finanza

Altri articoli pubblicati da Il Sole 24 ORE

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

L’attenzione è tutta concentrata sul verdetto di domenica. Ma la data da cerchiare in rosso, per capire come andrà a finire l’alleanza tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio, è quella di martedì 28, quando nell’Aula del Senato arriverà il...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Come immaginabile, almeno fino a quando non sarà più chiaro se ci sarà una via di uscita nell’empasse Google-Huawei, o se invece il colosso cinese dovrà procedere portando il sistema operativo a cui sta lavorando internamente dal 2012 sui suoi...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Altra giornata difficile per il Governo britannico. British Steel, il secondo gruppo siderurgico, è al collasso e ha appena annunciato di essere entrato in amministrazione controllata, mettendo a rischio i posti di lavoro di cinquemila dipendenti e...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

I prossimi giorni saranno decisamente importanti per i contribuenti e per i professionisti alle prese con le scelte sulla pace fiscale. Entro il 31 maggio, infatti, si dovrà decidere se aderire alla chiusura delle liti tributarie pendenti, alla ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Rottamazione con rate in formato extralarge ad alto appeal. La corsa alla presentazione delle domande di adesione alla terza edizione della sanatoria delle cartelle, che per i debiti tributari dà diritto alla cancellazione di sanzioni e interessi ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Generali avrebbe avviato contatti preliminari per acquistare gli asset di MetLife in Europa Centrale. Lo scrive Bloomberg, sottolineando che il business potrebbe valere fino a 2 miliardi di euro ed è concentrato in Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Primo anno di applicazione per gli Isa, gli indici sintetici di affidabilità, in sostituzione degli studi di settore: un esordio che porta molti dubbi sullo strumento delle pagelle fiscali. Un nuovo regime di riporto delle perdite per i soggetti in...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È un lunghissimo applauso quello che ha accolto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, appena giunto all’Auditorium della Musica a Roma per partecipare all’assemblea annuale di Confindustria. Insieme a lui anche il premier Giuseppe...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Con una sforbiciata di un punto rispetto alle stime precedenti dello scorso novembre, l’Istat riduce allo 0,3% le previsioni di crescita del Pil italiano nel 2019, superando comunque le ipotesi di Bruxelles e andando anche oltre di un decimale...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Sulle elezioni europee le fake news non sfondano e l'informazione professionale resta vincente. È quanto emerge da dal più grande studio paneuropeo sull'uso di Twitter e Facebook per la disinformazione politica, pubblicato oggi dai ricercatori del...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

“Un handicap di Polo è un passaporto per il mondo”, diceva Winston Churchill, che ne coltivò l'amore per tutta la vita. Il fascino di questo sport elegante, veloce e glamorous si gioca in Italia su più di 20 campi e l'anno scorso, per i ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

È l’unica regione dove si andrà al voto il 26 maggio. E così il Piemonte dovrà, più o meno suo malgrado, fare da test per capire cosa si muove a livello amministrativo. Si capirà se l’attuale assetto del Governo favorirà la corsa di...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Il colosso alimentare francese Lactalis punta a rilevare il gruppo Nuova Castelli, principale esportatore italiano di parmigiano reggiano. La nuova mossa della multinazionale della famiglia Besnier, che in Italia detiene già Parmalat, scalata nel...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Un piano da 20 milioni di euro per la mobilità elettrica a Roma con l’obiettivo di installare, da qui, al 2022 quasi 2mila colonnine (le prime 50 già quest’anno). Sono i numeri dello sforzo che Acea, la multiutility capitolina, ha intenzione di ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Sole 24 ORE

Segno meno in avvio per le Borse europee, con i mercati che attendono indicazioni da parte del presidente della Bce Mario Draghi e delle minute della Fed di stasera. Intanto, resta la tensione sul fronte commerciale, senza novità di rilievo mentre ...