Un po’ di chiarezza sui titoli di stato italiani e la BCE

Pubblicato giovedì, 11 ottobre 2018 ‐ Il Post

Mentre le discussioni sulla manovra economica proseguono tra varie difficoltà, la preoccupazione per la tenuta dei conti pubblici italiani ha iniziato a contagiare anche alcuni non addetti ai lavori: preoccupano in particolare l’aumento dello spread tra titoli di stato italiani e quelli tedeschi, quello dei rendimenti dei titoli di stato italiani e gli oramai continui avvertimenti delle istituzioni economiche italiane e internazionali.
Nelle ultime settimane sono circolati molto su Facebook e Twitter una serie di grafici che aggiungono ulteriore preoccupazione. Nel grafico viene mostrato che la BCE è l’unico “acquirente” (vedremo tra poco perché le virgolette) di titoli di stato, che avviene tramite il famoso programma Quantitive Easing (QE). Visto però che a dicembre il QE avrà fine, il rischio sembra essere che tra poche settimane il nostro paese non trovi nessuno o quasi disposto a comprare i suoi titoli di stato.


Dall’inizio del QE (marzo 2015) a giugno 2018, il debito pubblico è aumentato di 137 miliardi. La BCE, tramite Banca d’Italia, ha acquistato 273 miliardi di titoli. I residenti ne hanno invece venduti 78 e i non residenti 59. Il QE sta per finire: chi comprerà i nostri titoli? pic.twitter.com/WQb9m5toWS
— Carlo Cottarelli (@CottarelliCPI) October 10, 2018

In realtà esiste un ricco mercato dei titoli di stato italiani di cui gli acquisti della BCE rappresentano soltanto una piccola frazione. I timori eccessivi sono frutto di messaggi, come il tweet di Carlo Cottarelli, facili da fraintendere per i non addetti ai lavori.

The only investor that has been buying Italian government debt is the European Central Bank. pic.twitter.com/ZZMGHjHhx0
— Juhani Huopainen (@Huopainen) October 7, 2018

La prima cosa da chiarire è che tutti i numeri che diffondono Cottarelli e gli altri sono corretti: ma quando parlano delle vendite fatte dagli investitori italiani ed esteri, non stanno parlando del “totale” delle vendite bensì delle vendite nette, cioè il totale delle vendite meno il totale degli acquisti. È una differenza importante poiché ogni mese decine e decine di miliardi di titoli di stato vengono scambiati tra gli investitori, mentre oltre 30 miliardi di nuovi titoli vengono messi all’asta dal governo italiano.
Quello che è accaduto, quindi, non è che gli investitori italiani ed esteri abbiano smesso di acquistare titoli di stato italiani, lasciando la BCE come unico compratore. Hanno invece ridotto, come si dice in gergo, la loro esposizione sul debito pubblico italiano: ne comprano e ne vendono, ma ultimamente fanno la seconda più della prima. È un fatto preoccupante e che non promette nulla di buono per il futuro del bilancio italiano, ma è comunque un fenomeno che va inserito nelle sue giuste proporzioni. Gli investitori italiani, per esempio, possiedono titoli per più della metà del debito pubblico italiano, circa 1.200 miliardi di euro: dal 2015 a oggi hanno ridotto la loro esposizione di “appena” 78 miliardi di euro.
Il ruolo degli acquisti compiuti dalla BCE è importante, ma soprattutto a livello politico e simbolico: è una manifestazione concreta dell’intenzione della banca centrale, e in particolare del suo governatore Mario Draghi, di proteggere l’euro se necessario “stampando denaro” per farlo. In concreto però l’impatto degli acquisti della banca centrale è molto più ridotto di come i grafici che girano su Twitter potrebbero far pensare.
Ogni mese, infatti, il governo italiano mette all’asta circa 30 miliardi di euro in nuovi titoli di stato. Questi titoli vanno quasi sempre tutti esauriti nel corso di aste alle quale la BCE non partecipa nemmeno. Gli acquirenti sono tutti banche e altri investitori specializzati. Proprio oggi un importante manager di JP Morgan, la più grande banca d’affari di Wall Street, ha detto al Sole 24 Ore di considerare una buona idea continuare a fare questi acquisti.
La BCE interviene invece soltanto in un secondo momento, acquistando titoli di stato sul cosiddetto “mercato secondario”, dove i privati si scambiano tra loro i titoli di stato già emessi. Su questo mercato vengono comprati e venduti ogni giorno circa 3 miliardi di euro in titoli italiani; la BCE ne acquista all’incirca 3,5 al mese. Il risultato quindi, non è che la “BCE è l’unico acquirente”, ma bensì che è l’unico “acquirente netto”, cioè l’unico che sta aumentando la sua esposizione sul debito pubblico italiano.
È un fenomeno molto preoccupante sul medio e lungo termine, e che prelude a un’ulteriore rialzo del rendimento dei titoli di stato rispetto a quello a cui abbiamo già assistito. Quando la BCE cesserà il suo programma di acquisti, infatti, dovranno essere nuovamente gli investitori privati nazionali e internazionali ad aumentare la loro esposizione sul debito pubblico italiano. Il problema quindi non è una bancarotta imminente al termine del QE: è probabile infatti che, salvo sorprese, gli investitori continuino ad acquistare debito italiano, come ha detto di voler fare il manager di JP Morgan. Con ogni probabilità, però, chiederanno in cambio interessi più alti. Se non sarà messo sotto controllo, il pagamento di questi interessi – che già oggi costano circa 60 miliardi di euro l’anno – finirà con il restringere sempre di più  i margini di manovra di questo governo e di quelli che gli seguiranno.

Tag: #Economia #Bce #MarioDraghi #Qe #Spread

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

Durante le registrazioni della trasmissione Porta a Porta, Luigi Di Maio, ministro dello Sviluppo economico e leader del Movimento 5 Stelle, ha detto che il testo del decreto fiscale approvato lunedì sera dal governo era stato manipolato: un’accusa...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

Matteo Salvini – vicepresidente del Consiglio, ministro dell’Interno e capo della Lega – è intervenuto oggi all’Assemblea generale di Confindustria Russia, durante una visita a Mosca, dicendo cose molto nette – e molto diverse da quelle di...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

Nel 1978 Frank Stefanko fotografò per la prima volta il cantante Bruce Springsteen, e da quella volta continuò a farlo negli anni successivi: 30 di queste foto sono in mostra dal 18 ottobre alla galleria Ono Arte di Bologna, dove si potranno vedere...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Stasera in tv ci sono una commedia in cui Toni Servillo interpreta uno psicanalista che inizia a andare in...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

Il bilancio della prima edizione del nuovo torneo del calcio europeo, la UEFA Nations League, è ancora sospeso: si sono giocati soltanto quattro turni e la competizione è ancora da scoprire nelle sue fasi finali, in programma la prossima estate. Per le ...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

La parola backstop è una delle più usate negli ultimi giorni quando si parla dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. Possiamo tradurla con “rete di protezione”: nel gergo di chi si occupa di Brexit, indica una soluzione “di ...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

Nel 2015 il gruppo di ricerca moovel Lab – che fa parte di moovel, una società tedesca di mobilità urbana – realizzò un progetto che provava a rispondere alla domanda: “Tutte le strade portano a Roma?”. La risposta è ovviamente no; ma moovel...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

The golden couple, Marsel van Oosten, Paesi Bassi. Vincitore del concorso, categoria “Ritratti di animali”. Rinopitechi dorati nelle foreste dei Monti Qin, dove vivono questi animali la cui specie è a rischio (© Marsel van Oosten –...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

Venerdì 26 ottobre 2018 ci sarà uno sciopero generale e nazionale di tutte le categorie di lavoratori, della durata di 24 ore. Lo sciopero riguarderà sia i mezzi di trasporto nazionali che quelli del trasporto pubblico locale (i comparti che causano...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

Almeno 17 persone sono state uccise in un attentato nella caffetteria di una scuola a Kerch, in Crimea, la regione ucraina che è stata invasa e annessa dalla Russia nel 2014. La dinamica dell’attentato non è ancora chiara e le notizie che arrivano...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

Un gruppo di ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, ha sviluppato un sistema per rendere autolubrificanti e più confortevoli i preservativi in lattice. L’effetto è stato ottenuto applicando un rivestimento idrofilo che reagisce ai...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

Secondo quello che dicono da anni i dirigenti del Movimento 5 Stelle, uno dei pilastri del futuro “reddito di cittadinanza” saranno i centri per l’impiego, gli uffici del ministero del Lavoro che hanno lo scopo di aiutare le persone che cercano...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

Quando noi italiani parliamo di pasta, possiamo litigare sul formato migliore – anche se alla fine compriamo sempre gli stessi – ma non sulla regola aurea: deve essere al dente. Il concetto di “al dente” poi è molto personale, e può variare da ...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

Ogni anno l’Unione Europea realizza un imponente sondaggio per misurare la popolarità delle proprie istituzioni, chiamato “Eurobarometro”. L’edizione del 2018 è stata diffusa qualche mese fa, e oggi ne è uscita una più aggiornata (PDF) in...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

Alcuni giornali statunitensi dicono di aver ottenuto nuove informazioni su 7 dei 15 uomini sauditi che avrebbero partecipato al sequestro – molto più probabilmente omicidio – di Jamal Khashoggi, giornalista dissidente saudita sparito lo scorso 2...