Un negozio sulla Fifth Avenue conviene sempre meno

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Post

Perfino i negozi che si affacciano sulla Fifth Avenue, la più famosa e prestigiosa via dello shopping di Manhattan, a New York, stanno avendo problemi per via della crescita dell’e-commerce: gli affitti hanno prezzi troppo alti, e negli ultimi anni alcuni grandi marchi di moda hanno deciso di chiudere i propri punti vendita in uno dei posti più visibili del mondo preferendo investire altrove, racconta un articolo del Wall Street Journal.

La zona in cui si concentrano le boutique delle grandi società della moda e i negozi a più piani delle aziende di fast fashion più famose è quella immediatamente a sud dell’intersezione della Fifth Avenue con Central Park, che si estende per una dozzina di isolati tra la 59esima e la 46esima strada. Avere un negozio in quel tratto di strada è stato a lungo, per i marchi più importanti del mondo, un pezzo importante – se non indispensabile – del proprio prestigio e della propria visibilità. Gucci, Rolex, Tiffany, Versace, Apple, Cartier, ma anche Zara e Uniqlo hanno dei punti vendita in questo tratto.
A lungo i grandi marchi hanno accettato di restringere molto i margini di guadagno, o addirittura di andare in perdita, pur di avere un negozio sulla Fifth Avenue, per via del prestigio e dell’impatto in termini di marketing che ne derivavano. Ma l’aumento dell’importanza delle vendite online, e la parallela riduzione di quelle nei negozi fisici, ha portato alcuni marchi a decidere di spostarsi in strade meno rinomate, oppure di rinunciare alla sede in quella zona di Manhattan, risparmiando così sugli affitti esorbitanti.
Attualmente il costo dell’affitto medio di un negozio al piano terra sulla Fifth Avenue, tra la 49esima e la 60esima strada, è di 2.779 dollari per piede quadrato all’anno, secondo la società immobiliare Cushman & Wakefield: cioè quasi 30mila dollari per metro quadrato. Per un negozio con una superficie di 500 metri quadrati, non molto più di un campo da basket, si parla di 15 milioni di euro all’anno.
Nei primi tre mesi del 2019 la percentuale di negozi vuoti – o il cui affitto in scadenza non è ancora stato rimpiazzato – è stata del 25 per cento: un po’ meno di quella della fine del 2018, che è stata la più alta da quando Cushman & Wakefield ne tiene traccia, cioè dal 2006, ma molto di più del 17,4 per cento dell’inizio dello scorso anno. GAP e Tommy Hilfiger hanno chiuso i loro negozi sulla Fifth Avenue negli ultimi mesi, Massimo Dutti lo farà a breve, e l’edificio dove fino al 2017 c’era Ralph Lauren è vuoto da allora. Lord & Taylor, uno storico grande magazzino che esisteva da oltre 100 anni, ha chiuso a gennaio dopo aver venduto il proprio stabile a WeWork, una grande startup di co-working.
Una donna legge il cartello con cui Lord & Taylor ha annunciato la sua chiusura. (AP Photo/Kathy Willens)
Gli esperti del settore immobiliare e degli affitti degli esercizi commerciali con cui ha parlato il Wall Street Journal hanno spiegato che anche aree così esclusive devono avere affitti razionali, e che i proprietari più avveduti lo hanno capito provvedendo a negoziare con gli affittuari dei canoni sostenibili.
Ci sono poi negozi che hanno adottato un approccio differente, intuendo che di per sé avere un negozio sulla Fifth Avenue non basti per sviluppare un legame coi clienti: è il caso di Uniqlo, che per esempio finanzia gli ingressi gratuiti del venerdì sera al MoMA, il museo di arte moderna a poche decine di metri dal suo punto vendita, ed esponendo su un intero piano delle t-shirt ispirate alle opere d’arte della collezione.

Tag: #Economia #FifthAvenue #Moda #NewYork

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Post

Lunedì Gonzalo Boye, avvocato dell’ex presidente catalano Carles Puigdemont, è arrivato alla Camera dei deputati a Madrid con l’intenzione di ottenere l’autorizzazione per l’insediamento al Parlamento europeo di Puigdemont, eletto alle europee...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Post

Patrick Shanahan, segretario della Difesa statunitense ad interim, ha detto lunedì che gli Stati Uniti manderanno altri mille soldati in Medio Oriente come risposta «all’atteggiamento ostile delle forze iraniane e dei gruppi loro alleati». La...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Post

Molti giornali dedicano l’apertura al viaggio negli Stati Uniti del leader della Lega Matteo Salvini, che insiste sulla sua proposta per tagliare le tasse mentre il governo si prepara a inviare la sua risposta alle richieste di riduzione del debito per ...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Lunedì l’Iran ha minacciato di violare uno dei punti centrali dell’accordo sul nucleare iraniano firmato nel 2015 da un gruppo ampio di paesi, tra cui diversi stati europei e gli Stati Uniti. Behrouz Kamalvandi, portavoce dell’Organizzazione...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Stasera sui canali Rai trovate un film (Appuntamento al parco),...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

In un documento preparatorio della prossima riunione mondiale dei vescovi, pubblicato oggi, il Vaticano ha citato la possibilità di nominare sacerdoti uomini già sposati, seppure in circostanze rare e molto circoscritte. Il celibato imposto ai...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Questa settimana entreranno nel vivo le trattative per rinnovare le principali cariche istituzionali dell’Unione Europea, iniziate nei giorni successivi alle elezioni europee. Finora sui negoziati sono trapelate pochissime informazioni, e sui...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Da ormai sette anni Lego sta studiando un modo per produrre i suoi mattoncini con la plastica di origine vegetale. È un progetto ambizioso: la società danese lo ha adottato perché la sua storia e il suo immaginario le impongono, in un certo senso, di...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Francesco Totti, ex capitano e dirigente della Roma, ha annunciato lunedì le sue dimissioni da dirigente del club, come anticipato nei giorni scorsi, in una conferenza stampa organizzata nella sede del CONI a Roma e presentata dal giornalista sportivo...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

A 900mila miliardi di chilometri da noi c’è HD 102195b, un pianeta gassoso gigante che per certi versi ricorda Giove, che è invece più vicino, nel nostro sistema solare. Giove ha inoltre il vantaggio di avere un nome meno ostico e più facile da...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Un matrimonio, pattern di tappetini di yoga, record del mondo di palleggiamenti con la testa, facce azzurre di tifosi, Drake che si fa notare alle finali NBA, Alex Marquez dopo aver vinto il Gran Premio di Catalogna di MotoGP e l’esultanza...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Alle elezioni europee del 26 maggio un veneto su due tra quelli che non si sono astenuti ha votato per la Lega. Il partito guidato da Matteo Salvini ha ottenuto il suo record storico, non solo in regione, ma in tutto il paese: in Veneto ha ricevuto il...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Oggi a partire dalle 14 l’ex capitano e attuale dirigente della Roma, Francesco Totti, si presenterà in conferenza stampa presso il Salone d’Onore del CONI. Dovrebbe annunciare la sua intenzione di lasciare lo staff dirigenziale della società, di...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Fra lunedì e giovedì, ai Mondiali femminili in Francia, si giocheranno le partite del terzo e ultimo turno della fase a gironi. Secondo le regole di questa fase del torneo, si qualificano agli ottavi di finale le prime due nazionali di ciascun girone...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Fino a pochi anni fa Genius, un sito americano che permette di aggiungere note e commenti ai contenuti di altri siti, voleva cambiare il modo in cui utilizziamo internet. Da qualche tempo i suoi obiettivi si sono ridimensionati, e oggi aspira...