Un negozio sulla Fifth Avenue conviene sempre meno

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Post

Perfino i negozi che si affacciano sulla Fifth Avenue, la più famosa e prestigiosa via dello shopping di Manhattan, a New York, stanno avendo problemi per via della crescita dell’e-commerce: gli affitti hanno prezzi troppo alti, e negli ultimi anni alcuni grandi marchi di moda hanno deciso di chiudere i propri punti vendita in uno dei posti più visibili del mondo preferendo investire altrove, racconta un articolo del Wall Street Journal.

La zona in cui si concentrano le boutique delle grandi società della moda e i negozi a più piani delle aziende di fast fashion più famose è quella immediatamente a sud dell’intersezione della Fifth Avenue con Central Park, che si estende per una dozzina di isolati tra la 59esima e la 46esima strada. Avere un negozio in quel tratto di strada è stato a lungo, per i marchi più importanti del mondo, un pezzo importante – se non indispensabile – del proprio prestigio e della propria visibilità. Gucci, Rolex, Tiffany, Versace, Apple, Cartier, ma anche Zara e Uniqlo hanno dei punti vendita in questo tratto.
A lungo i grandi marchi hanno accettato di restringere molto i margini di guadagno, o addirittura di andare in perdita, pur di avere un negozio sulla Fifth Avenue, per via del prestigio e dell’impatto in termini di marketing che ne derivavano. Ma l’aumento dell’importanza delle vendite online, e la parallela riduzione di quelle nei negozi fisici, ha portato alcuni marchi a decidere di spostarsi in strade meno rinomate, oppure di rinunciare alla sede in quella zona di Manhattan, risparmiando così sugli affitti esorbitanti.
Attualmente il costo dell’affitto medio di un negozio al piano terra sulla Fifth Avenue, tra la 49esima e la 60esima strada, è di 2.779 dollari per piede quadrato all’anno, secondo la società immobiliare Cushman & Wakefield: cioè quasi 30mila dollari per metro quadrato. Per un negozio con una superficie di 500 metri quadrati, non molto più di un campo da basket, si parla di 15 milioni di euro all’anno.
Nei primi tre mesi del 2019 la percentuale di negozi vuoti – o il cui affitto in scadenza non è ancora stato rimpiazzato – è stata del 25 per cento: un po’ meno di quella della fine del 2018, che è stata la più alta da quando Cushman & Wakefield ne tiene traccia, cioè dal 2006, ma molto di più del 17,4 per cento dell’inizio dello scorso anno. GAP e Tommy Hilfiger hanno chiuso i loro negozi sulla Fifth Avenue negli ultimi mesi, Massimo Dutti lo farà a breve, e l’edificio dove fino al 2017 c’era Ralph Lauren è vuoto da allora. Lord & Taylor, uno storico grande magazzino che esisteva da oltre 100 anni, ha chiuso a gennaio dopo aver venduto il proprio stabile a WeWork, una grande startup di co-working.
Una donna legge il cartello con cui Lord & Taylor ha annunciato la sua chiusura. (AP Photo/Kathy Willens)
Gli esperti del settore immobiliare e degli affitti degli esercizi commerciali con cui ha parlato il Wall Street Journal hanno spiegato che anche aree così esclusive devono avere affitti razionali, e che i proprietari più avveduti lo hanno capito provvedendo a negoziare con gli affittuari dei canoni sostenibili.
Ci sono poi negozi che hanno adottato un approccio differente, intuendo che di per sé avere un negozio sulla Fifth Avenue non basti per sviluppare un legame coi clienti: è il caso di Uniqlo, che per esempio finanzia gli ingressi gratuiti del venerdì sera al MoMA, il museo di arte moderna a poche decine di metri dal suo punto vendita, ed esponendo su un intero piano delle t-shirt ispirate alle opere d’arte della collezione.

Tag: #Economia #FifthAvenue #Moda #NewYork

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Oggi, venerdì 20 settembre, partirà da Tromsø, in Norvegia, la più grande missione di esplorazione scientifica artica della storia, con un obiettivo molto particolare. A bordo del rompighiaccio tedesco Polarstern, un sacco di scienziati di 19 paesi...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Per avere un nuovo smartphone c’è chi aspetta l’ultimo modello di iPhone, chi di aver messo da parte un po’ di soldi e chi di farselo regalare per un’occasione importante. Ma non sempre l’acquisto di uno smartphone può essere programmato: a...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Stasera in tv ci sono: il programma di Carlo Conti in cui...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Nelle ultime tre settimane gli arrivi via mare di migranti in Italia sono decisamente aumentati: sia rispetto al mese di agosto, quando sono sbarcate circa 1.200 persone, sia rispetto a settembre del 2018, quando ne arrivarono poco più di mille. Secondo ...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

A cosa assomiglia la fine del mondo? Per secoli la risposta a questa domanda è stata competenza esclusiva di profeti, visionari e pittori, ma da quando la tecnologia ha dato agli esseri umani il potere necessario a distruggere il pianeta per come lo...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

C’è parecchia “gente della moda”, tra le persone che valeva la pena fotografare questa settimana, come d’altronde accade ogni settembre, quando una dopo l’altra New York, Londra, Milano e Parigi si riempiono di modelle e ospiti famosi per le...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Gli iPhone 11 e iPhone 11 Pro di Apple possono essere acquistati a partire da oggi, a una decina di giorni di distanza dalla loro presentazione. Come praticamente ogni anno, la maggior parte delle recensioni pubblicate dai principali siti di tecnologia e ...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Una foto aerea che mostra la distanza ravvicinata tra le case e la costa a Kivalina, Alaska. (Joe Raedle/Getty Images) Kivalina è una città dell’Alaska, 120 chilometri sopra al Circolo Polare Artico e abitata da meno di 400 persone: si sviluppa in...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Nelle ultime settimane il dibattito politico francese si è concentrato sulla prossima riforma promessa dal presidente Emmanuel Macron, quella del sistema pensionistico. La nuova legge è stata anticipata a luglio ma sarà presentata soltanto in...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

La Coppa del Mondo di rugby 2019 inizia oggi a Tokyo, quando in Italia saranno le 12.45, con la partita tra Giappone e Russia, preceduta dalla cerimonia inaugurale. Il torneo si disputerà nell’arco di un mese e verrà ospitato da dodici stadi in...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Oggi in tutto il mondo sono in corso manifestazioni di protesta e scioperi degli studenti per chiedere ai governi di intervenire per contrastare il cambiamento climatico e il riscaldamento globale, in vista del summit delle Nazioni Unite sul clima...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Il giornalista Giampaolo Visetti ha raccontato oggi su Repubblica la storia di Greta, la bambina che ha accompagnato il leader della Lega Matteo Salvini in due comizi e che è stata presentata – dai media e dalla Lega – come una delle...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Giovedì è stato trovato un accordo all’interno della proprietà del quotidiano francese Le Monde su una questione di cui si discuteva da circa un anno e che aveva provocato parecchie preoccupazioni tra giornalisti e azionisti. Mathieu...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Secondo quanto scrivono il New York Times e il Washington Post, la denuncia presentata da un dipendente dell’intelligence degli Stati Uniti nei confronti di Donald Trump, accusato di aver fatto una promessa pericolosa e...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Le previsioni meteo per sabato dicono che sarà una giornata prevalentemente serena nella prima metà e prevalentemente nuvolosa nella seconda metà. Di mattina sarà nuvoloso solo sulle isole maggiori e nel Nord-Ovest, poi di pomeriggio anche nel Centro ...