Un mondo senza insetti

Pubblicato lunedì, 11 febbraio 2019 ‐ Il Post

Un’analisi di 73 ricerche scientifiche pubblicate negli ultimi anni sugli insetti dice che questi animali, essenziali per i nostri ecosistemi, si stanno estinguendo a una velocità otto volte superiore rispetto a quella dei mammiferi, dei rettili e degli uccelli. Secondo i ricercatori, più del 40 per cento delle specie di insetti conosciute sono in costante declino e almeno un terzo sono in pericolo. Stimano inoltre che la massa complessiva di insetti che popola il pianeta si stia riducendo del 2,5 per cento ogni anno: agli attuali ritmi potrebbero sparire entro un secolo con conseguenze catastrofiche per tutti gli altri animali, noi compresi.
Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Biological Conservation, può apparire allarmista e catastrofista, ma si basa sui migliori dati raccolti finora sulle popolazioni di insetti in giro per il mondo e ha richiesto un grande lavoro di analisi e confronto dei dati. I risultati riprendono i timori sollevati in precedenza dagli entomologi (gli studiosi degli insetti), e che erano stati di recente raccontati in un articolo del New York Times.


Francisco Sánchez-Bayo, uno degli autori della nuova analisi, ha spiegato al Guardian di essere rimasto colpito dal tasso del 2,5 per cento di riduzione annua degli insetti nel corso degli ultimi 25-30 anni: “È veramente rapida. In dieci anni ce ne sarà un quarto di meno, in 50 anni la metà e in un secolo non ce ne saranno più”. Gli insetti sono la principale fonte di cibo per migliaia di specie animali, che potrebbero quindi non avere più di che nutrirsi, con conseguenze per l’intera catena alimentare sopra di loro.
I 73 studi utilizzati per l’analisi sono stati realizzati negli ultimi anni  e la maggior parte è stata realizzata nell’Europa occidentale e negli Stati Uniti, ma ci sono anche ricerche sulle condizioni degli insetti in Australia, Brasile, Sudafrica e Cina. Altre aree del mondo non sono invece coperte, quindi alcuni risultati devono essere presi con cautela.
Una ricerca compresa nell’analisi e svolta in Inghilterra, per esempio, ha rilevato come tra il 2000 e il 2009 sia scomparso il 58 per cento delle specie di farfalle dai campi coltivati. Le api, da anni al centro di studi sulle epidemie che ne hanno decimato la popolazione, non se la passano meglio. Si stima che negli Stati Uniti le colonie di questi insetti siano passate dai 6 milioni del 1947 ai 3,5 milioni dei giorni nostri. Quasi tutte le 350mila specie conosciute di coleotteri hanno subìto riduzioni consistenti della loro popolazione.
Gli autori della nuova analisi ricordano che per molte specie di insetti non ci sono dati sufficienti per stimarne la riduzione. Non ci sono però elementi che indichino che le cose stiano andando diversamente con le formiche, le mosche e diversi altri insetti. Alcune specie, che riescono ad adattarsi ai cambiamenti meglio di altre, stanno aumentando in numero approfittando delle difficoltà di altre specie. È un processo noto ai ricercatori e che si verifica quasi sempre, quando l’estinzione di una specie lascia dei vuoti negli ecosistemi.
Secondo l’analisi, la causa principale della riduzione globale della popolazione di insetti è dovuta alla costante estensione delle attività agricole. Per far posto alle coltivazioni si abbattono alberi e vegetazione selvatica, riducendo i luoghi in cui vivono numerose specie di insetti. L’utilizzo sempre più intensivo di pesticidi complica ulteriormente le cose, a cominciare dai neonicotinoidi e gli insetticidi a base di fipronil (fluocianobenpirazolo), che resistono a lungo nell’ambiente e si diffondono anche nelle aree protette, decimando le popolazioni di insetti che non c’entrano nulla con i danni alle piantagioni.
Mentre gli insetticidi sono la prima causa della morte di massa degli insetti alle nostre latitudini, ai tropici sono gli effetti del riscaldamento globale a causare i maggiori danni. L’evoluzione ha fatto sì che le specie di insetti tropicali fossero adatte a un clima sostanzialmente stabile, riducendo la loro capacità di adattarsi ai cambiamenti. Il riscaldamento climatico sta portando a eventi estremi ai tropici e a sbalzi nella temperatura media, con conseguenze per gli insetti abituati a condizioni più stabili.
Sánchez-Bayo ha spiegato che negli ultimi 25-30 anni “è scomparso l’80 per cento di tutta la biomassa di insetti”, un dato allarmante e che mostra quando la riduzione nel numero di questi animali sia un problema globale. Gli insetti non solo fanno parte della catena alimentare, ma con le loro attività sono essenziali per la riproduzione delle piante, per mantenere ricco di sostanze nutritive il suolo per le coltivazioni e per riciclare i nutrienti. Senza di loro probabilmente non potremmo esistere e la Terra sarebbe un posto molto diverso da cosa è diventata.
La scomparsa degli insetti sembra portare nuove conferme alla teoria della sesta estinzione di massa, di cui parlano da tempo numerosi ricercatori. Si stima che nella storia del nostro pianeta ce ne siano già state cinque, ma che questa sia la prima a non avere dirette cause naturali, ma l’attività dell’uomo. Da quando si sono sviluppate le prime civiltà, gli esseri umani sono stati la causa della perdita di circa l’83 per cento delle specie animali selvatiche. Solo negli ultimi 50 anni, le popolazioni di mammiferi, uccelli, rettili e pesci sono diminuite del 60 per cento.

Tag: #Scienza #Ambiente #EstinzioneDiMassa #Insetti

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Questa sera la programmazione televisiva tra le varie cose propone un famoso film con Bud Spencer senza...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Negli ultimi giorni i giornali statunitensi sono tornati a parlare delle milizie civili che pattugliano il confine meridionale degli Stati Uniti, quello con il Messico. Le milizie civili – spesso armate e con un’organizzazione militare – non sono...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Pochi giorni fa, tentando di scherzare sulle numerose difficoltà incontrate nei primi mesi trascorsi al governo, il nuovo presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha detto in un discorso dalla sua residenza ufficiale a Brasilia: «Sono nato per fare il...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Jessica Lange compie oggi 70 anni e ci sono almeno tre evidenti motivi per cui è giusto ritenerla una delle migliori attrici della sua generazione: è una delle poche (meno di dieci, nella storia) ad aver vinto un Oscar sia come protagonista che come...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

In tutto il mondo si sta festeggiando l’ultimo giorno della Settimana Santa, la serie di commemorazioni della tradizione cattolica che vanno dalla domenica precedente quella di Pasqua, la Domenica delle Palme, al Sabato Santo. Gli uomini con i...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

La foto più interessante di questa settimana mostra il parto di una giraffa ad Adelaide, la prima nata nel 2019 nello zoo Monarto. Ma anche quella di un cane salvato mentre nuotava a più di duecento chilometri dallo costa nel Golfo della Thailandia. Da ...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Inter-Roma è il posticipo della 33ª giornata di Serie A. Si gioca questa sera alle 20.30 allo stadio Giuseppe Meazza di Milano. Dopo le deludenti eliminazioni da Coppa Italia ed Europa League, l’unico obiettivo stagionale per l’Inter di Luciano...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Juventus-Fiorentina è il posticipo serale della 33ª giornata di Serie A. Si gioca questa sera alle 18 all’Allianz Stadium di Torino. Dopo aver mancato i primi due match point per vincere lo Scudetto in anticipo, oggi la Juventus ne ha un...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

L’abbazia di Notre-Dame a Parigi, uno dei monumenti più importanti e famosi del mondo, è stato gravemente danneggiato lunedì scorso da un enorme incendio che ha distrutto la famosa guglia della chiesa e due terzi del tetto. Le dimensioni...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

In Yemen dal 2015 è in corso una guerra civile e attualmente c’è anche una grave epidemia di colera, la terza dall’inizio del conflitto, per cui più di 110mila persone si sono ammalate e quasi 200 sono morte. C’è inoltre una diffusa carenza di...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Il 20 aprile 1999, esattamente 20 anni fa, i 17enni Eric Harris e Dylan Klebold entrarono nella scuola superiore Columbine di Littleton, una città nei sobborghi di Denver, in Colorado – e cominciarono a sparare contro i loro compagni e professori....

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Come capita spesso per Pasquetta, le previsioni meteo per lunedì infrangono le speranze di chi pregustava una grigliata al sole. Alla mattina il cielo sarà nuvoloso quasi dappertutto: soltanto Veneto, Trentino, Friuli Venezia Giulia e qualche angolo...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

La trentatreesima giornata del campionato di Serie A si gioca tra oggi e lunedì per via delle festività pasquali. Nove delle dieci partite in programma si giocano oggi, da Parma-Milan delle 12.30 al posticipo serale Inter-Roma. Il Napoli invece...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Ricominciamo da Enzo e i suoi camorristi hipster: loro sono preoccupati della droga che non arriva, dopo che la polizia ha sequestrato il carico di Patrizia, Valerio diffida della capacità di giudizio di Enzo che non ha dato retta a Nicola (il capobanda ...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Il meteo di Pasqua è noto per distruggere le speranze di chi sogna di andare al mare o fare una gita da qualche parte contando su una tiepida giornata di sole. Anche quest’anno la tradizione si conferma. Ad eccezione del Veneto, del Trentino Alto...