Un mondo senza insetti

Pubblicato lunedì, 11 febbraio 2019 ‐ Il Post

Un’analisi di 73 ricerche scientifiche pubblicate negli ultimi anni sugli insetti dice che questi animali, essenziali per i nostri ecosistemi, si stanno estinguendo a una velocità otto volte superiore rispetto a quella dei mammiferi, dei rettili e degli uccelli. Secondo i ricercatori, più del 40 per cento delle specie di insetti conosciute sono in costante declino e almeno un terzo sono in pericolo. Stimano inoltre che la massa complessiva di insetti che popola il pianeta si stia riducendo del 2,5 per cento ogni anno: agli attuali ritmi potrebbero sparire entro un secolo con conseguenze catastrofiche per tutti gli altri animali, noi compresi.
Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Biological Conservation, può apparire allarmista e catastrofista, ma si basa sui migliori dati raccolti finora sulle popolazioni di insetti in giro per il mondo e ha richiesto un grande lavoro di analisi e confronto dei dati. I risultati riprendono i timori sollevati in precedenza dagli entomologi (gli studiosi degli insetti), e che erano stati di recente raccontati in un articolo del New York Times.


Francisco Sánchez-Bayo, uno degli autori della nuova analisi, ha spiegato al Guardian di essere rimasto colpito dal tasso del 2,5 per cento di riduzione annua degli insetti nel corso degli ultimi 25-30 anni: “È veramente rapida. In dieci anni ce ne sarà un quarto di meno, in 50 anni la metà e in un secolo non ce ne saranno più”. Gli insetti sono la principale fonte di cibo per migliaia di specie animali, che potrebbero quindi non avere più di che nutrirsi, con conseguenze per l’intera catena alimentare sopra di loro.
I 73 studi utilizzati per l’analisi sono stati realizzati negli ultimi anni  e la maggior parte è stata realizzata nell’Europa occidentale e negli Stati Uniti, ma ci sono anche ricerche sulle condizioni degli insetti in Australia, Brasile, Sudafrica e Cina. Altre aree del mondo non sono invece coperte, quindi alcuni risultati devono essere presi con cautela.
Una ricerca compresa nell’analisi e svolta in Inghilterra, per esempio, ha rilevato come tra il 2000 e il 2009 sia scomparso il 58 per cento delle specie di farfalle dai campi coltivati. Le api, da anni al centro di studi sulle epidemie che ne hanno decimato la popolazione, non se la passano meglio. Si stima che negli Stati Uniti le colonie di questi insetti siano passate dai 6 milioni del 1947 ai 3,5 milioni dei giorni nostri. Quasi tutte le 350mila specie conosciute di coleotteri hanno subìto riduzioni consistenti della loro popolazione.
Gli autori della nuova analisi ricordano che per molte specie di insetti non ci sono dati sufficienti per stimarne la riduzione. Non ci sono però elementi che indichino che le cose stiano andando diversamente con le formiche, le mosche e diversi altri insetti. Alcune specie, che riescono ad adattarsi ai cambiamenti meglio di altre, stanno aumentando in numero approfittando delle difficoltà di altre specie. È un processo noto ai ricercatori e che si verifica quasi sempre, quando l’estinzione di una specie lascia dei vuoti negli ecosistemi.
Secondo l’analisi, la causa principale della riduzione globale della popolazione di insetti è dovuta alla costante estensione delle attività agricole. Per far posto alle coltivazioni si abbattono alberi e vegetazione selvatica, riducendo i luoghi in cui vivono numerose specie di insetti. L’utilizzo sempre più intensivo di pesticidi complica ulteriormente le cose, a cominciare dai neonicotinoidi e gli insetticidi a base di fipronil (fluocianobenpirazolo), che resistono a lungo nell’ambiente e si diffondono anche nelle aree protette, decimando le popolazioni di insetti che non c’entrano nulla con i danni alle piantagioni.
Mentre gli insetticidi sono la prima causa della morte di massa degli insetti alle nostre latitudini, ai tropici sono gli effetti del riscaldamento globale a causare i maggiori danni. L’evoluzione ha fatto sì che le specie di insetti tropicali fossero adatte a un clima sostanzialmente stabile, riducendo la loro capacità di adattarsi ai cambiamenti. Il riscaldamento climatico sta portando a eventi estremi ai tropici e a sbalzi nella temperatura media, con conseguenze per gli insetti abituati a condizioni più stabili.
Sánchez-Bayo ha spiegato che negli ultimi 25-30 anni “è scomparso l’80 per cento di tutta la biomassa di insetti”, un dato allarmante e che mostra quando la riduzione nel numero di questi animali sia un problema globale. Gli insetti non solo fanno parte della catena alimentare, ma con le loro attività sono essenziali per la riproduzione delle piante, per mantenere ricco di sostanze nutritive il suolo per le coltivazioni e per riciclare i nutrienti. Senza di loro probabilmente non potremmo esistere e la Terra sarebbe un posto molto diverso da cosa è diventata.
La scomparsa degli insetti sembra portare nuove conferme alla teoria della sesta estinzione di massa, di cui parlano da tempo numerosi ricercatori. Si stima che nella storia del nostro pianeta ce ne siano già state cinque, ma che questa sia la prima a non avere dirette cause naturali, ma l’attività dell’uomo. Da quando si sono sviluppate le prime civiltà, gli esseri umani sono stati la causa della perdita di circa l’83 per cento delle specie animali selvatiche. Solo negli ultimi 50 anni, le popolazioni di mammiferi, uccelli, rettili e pesci sono diminuite del 60 per cento.

Tag: #Scienza #Ambiente #EstinzioneDiMassa #Insetti

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato domenica, 17 febbraio 2019 ‐ Il Post

Per il Servizio Metereologico dell’Aeronautica Militare il bel tempo continuerà anche per tutta la giornata di domani, lunedì 18 febbraio, e in tutta Italia: è previsto cielo in prevalenza sereno con temperature in generale in aumento da Nord a Sud. ...

Pubblicato domenica, 17 febbraio 2019 ‐ Il Post

Il presidente francese Emmanuel Macron ha duramente criticato i cosiddetti “gilet gialli” per avere insultato e maltrattato il filosofo Alain Finkielkraut, utilizzando frasi antisemite durante la loro manifestazione di sabato 16 febbraio a Parigi....

Pubblicato domenica, 17 febbraio 2019 ‐ Il Post

La vicenda della nave Diciotti è in apertura su quasi tutti i giornali di oggi, con le divisioni nel Movimento 5 Stelle sulla decisione di affidare al voto degli iscritti la scelta sull’autorizzazione a procedere per il ministro dell’Interno...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Stasera su Rai 1 riprende lo show musicale condotto da Amadeus Ora o mai più, per non...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Il Post

L’ex tennista John McEnroe compie oggi sessant’anni. Nato nel 1959 a Wiesbaden, in Germania, dove il padre si trovava di stanza con l’esercito statunitense, è considerato uno dei più grandi tennisti di sempre. Fu al primo posto del ranking...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Il Post

Oggi a Tirana, la capitale dell’Albania, migliaia di sostenitori dell’opposizione hanno manifestato contro il governo del primo ministro Edi Rama (Partito Socialista d’Albania), accusandolo di essere corrotto e chiedendo elezioni anticipate. I...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Il Post

Immaginate il suono di tasti premuti sulla tastiera, oppure quello della carta che viene accartocciata, o delle unghie che tamburellano su una bottiglia di vetro; oppure ancora il suono di una voce particolarmente calda che sussurra qualcosa. Se siete...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Il Post

Il Better Buying Lab (BBL) è un laboratorio di ricerca dell’istituto non profit World Resources Institute che studia nuove strategie per convincere le persone a comprare e consumare cibo più salutare e la cui produzione inquini meno il pianeta....

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Il Post

I cani sono tra gli animali più fotografati e fotogenici della settimana, ma c’è un motivo: nei giorni scorsi c’è stato un concorso canino a New York, il Westminster Kennel Club Dog Show, che oltre a essere la più importante mostra e gara di...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Il Post

Mancano solo due settimane alle primarie del Partito Democratico (PD), ma in pochi sembrano essersene accorti: la scelta del partito è assente dalle prime pagine dei giornali e dalle aperture dei telegiornali, il dibattito tra i candidati langue e...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Il Post

Oggi Valentino Rossi, tra i più famosi e longevi sportivi italiani di successo ancora in attività, compie quarant’anni. Li compie a poche settimane dall’inizio della nuova stagione del Motomondiale, il motivo per cui da oltre vent’anni tantissime ...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Il Post

Bruno Ganz, attore svizzero diventato molto conosciuto per i suoi film in lingua tedesca e soprattuto per il film “La Caduta” in cui interpretò Adolf Hitler, è morto oggi: aveva 77 anni. In oltre 50 anni di carriera, Ganz ha lavorato per il cinema...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Il Post

Coco Chanel © Mark Shaw/mptvimages.com La stilista Coco Chanel, l’attrice Audrey Hepburn e Jackie Kennedy, moglie di John Fitzgerald Kennedy, sono tra le donne più famose del secolo scorso e tra le prime a essere nominate di solito quando si parla...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Il Post

Papa Francesco ha ridotto all stato laicale Theodore E. McCarrick, ex cardinale e arcivescovo di Washington, dopo avere ritenuto credibili le accuse nei suoi confronti per diversi casi di pedofilia. È il primo cardinale a essere dimesso dallo stato...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Il Post

Lo slalom speciale femminile dei Mondiali di sci 2019 è in programma oggi da Åre, la località svedese che sta ospitando la manifestazione. Salvo rinvii per maltempo, la prima manche è in programma alle 11 mentre la seconda alle 14.30. È la...